Petrella Tifernina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Petrella Tifernina
comune
Petrella Tifernina – Stemma Petrella Tifernina – Bandiera
Petrella Tifernina – Veduta
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Molise-Stemma.svg Molise
ProvinciaProvincia di Campobasso-Stemma.png Campobasso
Amministrazione
SindacoAlessandro Amoroso (lista civica Il Melograno) dal 26/05/2014
Territorio
Coordinate41°41′N 14°42′E / 41.683333°N 14.7°E41.683333; 14.7 (Petrella Tifernina)Coordinate: 41°41′N 14°42′E / 41.683333°N 14.7°E41.683333; 14.7 (Petrella Tifernina)
Altitudine651 m s.l.m.
Superficie26,52 km²
Abitanti1 165[1] (31-12-2015)
Densità43,93 ab./km²
Comuni confinantiCastellino del Biferno, Limosano, Lucito, Matrice, Montagano
Altre informazioni
Cod. postale86024
Prefisso0874
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT070052
Cod. catastaleG512
TargaCB
Cl. sismicazona 2 (sismicità media)
Nome abitantipetrellesi
Patronosan Giorgio Martire
Giorno festivo23 aprile
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Petrella Tifernina
Petrella Tifernina
Petrella Tifernina – Mappa
Posizione del comune di Petrella Tifernina nella provincia di Campobasso
Sito istituzionale

Petrella Tifernina (A Pëtrèllë in molisano[2]) è un comune italiano di 1.165 abitanti della provincia di Campobasso, in Molise.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[3]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito è presentata una tabella relativa alle amministrazioni che si sono succedute in questo comune.

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
29 maggio 1985 22 maggio 1990 Antonio Angelo Di Lallo Partito Comunista Italiano Sindaco [4]
22 maggio 1990 24 aprile 1995 Antonio Angelo Di Lallo Partito Comunista Italiano Sindaco [4]
24 aprile 1995 14 giugno 1999 Antonio Angelo Di Lallo Partito Democratico della Sinistra Sindaco [4]
14 giugno 1999 14 giugno 2004 Domenico Marinelli lista civica Sindaco [4]
14 giugno 2004 8 giugno 2009 Domenico Marinelli lista civica Sindaco [4]
8 giugno 2009 26 maggio 2014 Fulvio Di Lisio lista civica Sindaco [4]
26 maggio 2014 [5] in carica Alessandro Amoroso lista civica: il melograno Sindaco [4]

Monumenti[modifica | modifica wikitesto]

  • Chiesa di San Giorgio Martire

La chiesa dedicata a San Giorgio Martire, patrono di Petrella, risale al XII secolo. La chiesa in stile romanico nel 1901 è stata dichiarata monumento nazionale [6].
Il Portale principale e i due laterali presentano un importante apparato decorativo scultoreo [7].
L'interno della chiesa si presenta suddiviso in tre navate chiuse dalle rispettive absidi. Le navate sono suddivise da due colonnati asimmetrici, i capitelli sono decorati con motivi simili a quelli presenti all'esterno della chiesa. All'interno della chiesa spicca il fonte battesimale monolitico emisferico anch'esso riccamente decorato. Sono inoltre presenti diversi altari e una cripta dedicata a San Giorgio.
Affiancato al complesso monumentale c'è il campanile alto circa 30 m.
Il bene è ottimamente conservato e visitabile con servizio di guide grazie alla locale Associazione Culturale Mysteria Templi.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Il paese viene espressamente citato due volte nel film di Fabio Volo Il giorno in più (2011) ed è inoltre teatro delle riprese di alcune scene del film di Checco Zalone Sole a catinelle (2013).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2015.
  2. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Milano, GARZANTI, 1996, p. 486.
  3. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  4. ^ a b c d e f g http://amministratori.interno.it/
  5. ^ risultati ufficiali sito ministero dell'Interno, su elezionistorico.interno.it. URL consultato il 31 ottobre 2015.
  6. ^ descrizione e storia della chiesa nel sito del comune di Petrella Tifernina, su comune.petrellatifernina.cb.it. URL consultato il 28 maggio 2014.
  7. ^ Apparato decorativo della Chiesa San Giorgio Martire, su sangiorgiomartire.it. URL consultato il 28 maggio 2014.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN141110975