Lucio Papirio Cursore (console 293 a.C.)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Lucio Papirio Cursore
Nome originaleLucius Papirius Cursor
GensPapiria
PadreLucio Papirio Cursore
Consolato293 a.C.
272 a.C.

Lucio Papirio Cursore[1] (in latino: Lucius Papirius Cursor; ... – ...) è stato un politico e generale romano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Fu eletto console nel 293 a.C. con Spurio Carvilio Massimo[2]. Entrambi i consoli entrarono nel Sannio, dove Papirio espugnò Duronia[3]. Fu Papirio a guidare l'esercito romano alla vittoria nella Aquilonia, considerata fondamentale per la definitiva vittoria contro i Sanniti[4].

«La gioia di ciascuno dei due eserciti romani aumentò per il successo ottenuto dall'altro. Dopo essersi consultati tra loro, i consoli permisero che le due città fossero saccheggiate dai soldati, facendovi appiccare il fuoco una volta svuotate da cima a fondo. Aquilonia e Cominio vennero distrutte dalle fiamme lo stesso giorno, e i consoli unirono i due accampamenti, tra l'entusiasmo e le reciproche felicitazioni delle legioni e dei comandanti stessi.»

(Tito Livio, Ab Urbe condita, X, 44.)

In seguito alla battaglia Papiro, assediò e conquistò la città sannita di Sepino[5]. Tornato a Roma celebrò un fastoso trionfo, per la vittoria sui Sanniti[6]

Fu eletto console nuovamente nel 272 a.C. sempre con Spurio Carvilio Massimo. Assediò Taranto, che si arrese.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ William Smith, Dictionary of Greek and Roman Biography and Mythology, 1, Boston: Little, Brown and Company, Vol.1 pag.905 n.5 Archiviato il 17 ottobre 2012 in Internet Archive.
  2. ^ Tito Livio, Ab Urbe condita, X, 38.
  3. ^ Tito Livio, Ab Urbe condita, X, 39.
  4. ^ Tito Livio, Ab Urbe condita, X, 42.
  5. ^ Tito Livio, Ab Urbe condita, X, 45.
  6. ^ Tito Livio, Ab Urbe condita, X, 46.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]