Spurio Carvilio Massimo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Spurio Carvilio Massimo
Roman SPQR banner.svg Console della Repubblica romana
Nome originale Spurius Carvilius Maximus
Gens Carvilia
Consolato 293 a.C.
272 a.C.

Spurio Carvilio Massimo[1] (in latino: Spurius Carvilius Maximus) (... – ...) è stato un politico e generale romano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Fu eletto console nel 293 a.C. con Lucio Papirio Cursore[2]. Entrambi i consoli entrarono nel Sannio, dove Carvilio espugnò Amiternum[2]. Mentre Papirio guidava l'esercito romano alla vittoria nella Aquilonia, considerata fondamentale per la definitiva vittoria contro i Sanniti[3], Spurio Carvilio sconfiggeva i Sanniti nella vicina Cominio[4].

« La gioia di ciascuno dei due eserciti romani aumentò per il successo ottenuto dall'altro. Dopo essersi consultati tra loro, i consoli permisero che le due città fossero saccheggiate dai soldati, facendovi appiccare il fuoco una volta svuotate da cima a fondo. Aquilonia e Cominio vennero distrutte dalle fiamme lo stesso giorno, e i consoli unirono i due accampamenti, tra l'entusiasmo e le reciproche felicitazioni delle legioni e dei comandanti stessi. »
(Tito Livio, Ab Urbe condita, X, 44.)

In seguito alla battaglia Carvilio conquistò le città sannite di Velia, Palombino ed Ercolaneo[5]. A Carvilio poi toccò in sorte la campagna contro le città etrusche e falische che si erano ribellate, con l'esercito romano lontano nel Sannio. Tornato in Etruria espugnò Troilo, costringendo i ribelli alla resa. Tornato a Roma, celebrò il trionfo, per le vittorie sui Sanniti e sugli Etruschi.[6].

Fu eletto console nuovamente nel 272 a.C. sempre con Lucio Papirio Cursore.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ William Smith, Dictionary of Greek and Roman Biography and Mythology, 1, Boston: Little, Brown and Company, Vol.2 p. 987 n.1
  2. ^ a b Tito Livio, Ab Urbe condita, X, 39.
  3. ^ Tito Livio, Ab Urbe condita, X, 42.
  4. ^ Tito Livio, Ab Urbe condita, X, 43.
  5. ^ Tito Livio, Ab Urbe condita, X, 45.
  6. ^ Tito Livio, Ab Urbe condita, X, 46.
Predecessore Fasti consulares Successore Consul et lictores.png
Lucio Postumio Megello II
e
Marco Atilio Regolo
293 a.C.
con Lucio Papirio Cursore
Quinto Fabio Massimo Gurgite
e
Decimo Giunio Bruto Sceva
I
Gaio Fabio Dorso Licino
e
Gaio Claudio Canina II
272 a.C.
con Lucio Papirio Cursore II
Gaio Quinzio Claudo
e
Lucio Genucio Clepsina
II