Petacciato

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Petacciato
comune
Petacciato – Stemma Petacciato – Bandiera
Chiesa S.Maria a Petacciato
Chiesa S.Maria a Petacciato
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Molise-Stemma.svg Molise
Provincia Provincia di Campobasso-Stemma.png Campobasso
Amministrazione
Sindaco Gabriele Domenico La Palombara (lista civica) dal 28/05/2007
Territorio
Coordinate 42°01′N 14°52′E / 42.016667°N 14.866667°E42.016667; 14.866667 (Petacciato)Coordinate: 42°01′N 14°52′E / 42.016667°N 14.866667°E42.016667; 14.866667 (Petacciato)
Altitudine 225 m s.l.m.
Superficie 35,4 km²
Abitanti 3 656[1] (31-12-2010)
Densità 103,28 ab./km²
Frazioni Collecalcioni, Marina di Petacciato
Comuni confinanti Guglionesi, Montenero di Bisaccia, Termoli
Altre informazioni
Cod. postale 86038
Prefisso 0875
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 070051
Cod. catastale G506
Targa CB
Cl. sismica zona 3 (sismicità bassa)
Nome abitanti petacciatesi
Patrono san Rocco
Giorno festivo 16 agosto
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Petacciato
Petacciato
Posizione del comune di Petacciato nella provincia di Campobasso
Posizione del comune di Petacciato nella provincia di Campobasso
Sito istituzionale

Petacciato è un comune italiano di 3.648 abitanti della provincia di Campobasso, in Molise.

Centro del litorale adriatico, si erge su di una collina a 225 m s.l.m. Dalla sua posizione dominante offre un vasto e suggestivo panorama che si estende dai monti della Majella al promontorio del Gargano, attraversando l'arcipelago delle Isole Tremiti.

Il suo territorio si sviluppa su di una superficie di 2.968 ettari. Conta una popolazione di 3.648 abitanti.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La storia di Petacciato è molto antica ma al tempo stesso incerta in quanto si dispone di una documentazione parzialmente dubbia circa la sua origine e denominazione. In epoca preromana fu occupata dai Frentani, popolo di origine incerta. Infatti, secondo alcuni storici questi discenderebbero dai Sanniti, per altri, invece, dai Liburni, dai Sabini o dagli Etruschi. Molteplici sono state anche le sue denominazioni: "Petazio", di origine greco-romana, vuol dire cappello a larghe falde, "Potare", che significa bere in abbondanza, probabilmente per la presenza di numerose sorgenti nel suo territorio, nonché "Betavium", "Petacciata", "Pitacciato" ecc.

Il territorio di Petacciato è stato sempre conteso da vari popoli e briganti. Subì gli assalti dei Goti (V secolo), dei Bizantini (VI secolo), dei Longobardi (VII secolo).

Il centro costiero è stato più volte distrutto da terremoti; sono da menzionare quelli occorsi negli anni 1117, 1125, 1456. Quest'ultimo, in particolare, nella notte tra il 4 e il 5 dicembre, provocò una terribile distruzione del centro abitato con la conseguente morte di numerosi abitanti. Seguirono alcuni anni di povertà ed abbandono del paese.

Nel 1463 Petacciato venne nuovamente rasa al suolo dagli Angioini, in battaglia contro gli Aragonesi che Petacciato, insieme a Guglionesi, un paese limitrofo, aveva difeso strenuamente. Solo verso la metà del XVI secolo Petacciato tornò a vivere momenti di prosperità. Ci furono infatti degli insediamenti di popolazione slava che garantirono il ripopolamento del territorio. Venne annesso all'Università di Guglionesi, ma nel 1618 il Feudo di Petacciato fu venduto e rilevato dal duca di Celenza (Abruzzo) Giulio Cesare Caracciolo nel 1619.

Mare di Petacciato

Questi contribuì a rafforzare quella fase di ripopolamento e ripresa economica del paese.

Verso la fine del XVI secolo Petacciato conobbe l'invasione dei Turchi, diventando rifugio di briganti.

Nella sua lunga e travagliata storia, Petacciato ha vissuto anche il dominio dei D'Avalos, una nobile famiglia napoletana la quale contribuì notevolmente a ridare al paese uno sviluppo economico, sociale, culturale e religioso.

Petacciato, nonostante la sua millenaria storia, è divenuto un Comune autonomo soltanto il 30 dicembre del 1923, distaccandosi da Guglionesi.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

  • Castello normanno: si trova nella parte più alta del paese vecchio, e risale all'XI secolo. Nel 1463 il feudo si rifiutò di piegarsi all'autorità vastese di Antonio Caldora e fu dato alle fiamme.

Distrutto varie volte dalle incursioni saracene e turche, nel XVI secolo, in seguito all'ultimo attacco ottomano, il castello fu restaurato come palazzo rinascimentale, dotato di alcuni abbellimenti neogotici nell'800. La struttura a pianta rettangolare ha la forma di un palazzo gentilizio, i cui lineamenti medievali si riscontrano nella sommità ornata da beccatelli e nel portale di accesso, con dei cardini laterali, poiché era in passato collegato a un ponte levatoio.

  • Chiesa di Santa Maria di Petacciato: Costruita in romanico pugliese nel XIII secolo con il restauro di Federico II, la chiesa era dedicata a San Rocco, e a navata unica. Successivamente se ne è aggiunta un'altra, assieme alle tre analisi. Il campanile è una robusta torre che svetta sopra il paese. La facciata molto piccola e raccolta è una rielaborazione rinascimentale del lato destro della chiesa, schiacciata tra il campanile e le abitazioni civili.
  • Torre di Petacciato: torre litoranea del sistema difensivo contro i Turchi, voluta da Carlo V nel XVI secolo. La torre oggi è un rudere, spaccata in due, necessitante di restauro.

Ambiente e turismo[modifica | modifica wikitesto]

Alle spalle della spiaggia si sviluppa un sistema di dune tra i più pregevoli della costa adriatica e una vasta pineta sottoposta a tutela ambientale. Il 15 maggio 2012 Petacciato riceve per la prima volta la "Bandiera Blu", premio che viene dato in concessione alle migliori spiagge europee per qualità dell'acqua, servizi, e tutela dell'ecosistema[2], premio conferito nuovamente l'anno successivo[3]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[4]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito è presentata una tabella relativa alle amministrazioni che si sono succedute in questo comune.

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
5 giugno 1985 20 maggio 1990 Gabriele La Palombara lista civica Sindaco [5]
20 maggio 1990 24 aprile 1995 Gabriele La Palombara lista civica Sindaco [5]
24 aprile 1995 14 giugno 1999 Antonio Bruscino Partito Popolare Italiano Sindaco [5]
14 giugno 1999 14 giugno 2004 Antonio Bruscino lista civica Sindaco [5]
14 giugno 2004 27 febbraio 2007 Angelo Greco lista civica Sindaco [5]
27 febbraio 2007 28 maggio 2007 Nicolino Bonanni Comm. straordinario [5]
28 maggio 2007 7 maggio 2012 Gabriele Domenico La Palombara lista civica Sindaco [5]
7 maggio 2012 in carica Gabriele Domenico La Palombara lista civica: petacciatese Sindaco [5]

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ Bandiera Blu 2012 - tutte le Spiagge italiane premiate - In & Out
  3. ^ [1]
  4. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  5. ^ a b c d e f g h http://amministratori.interno.it/

Bandiera blu 2013

Altri progettiòll[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN242769437