Busso

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Busso
comune
Busso – Stemma Busso – Bandiera
Busso – Veduta
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Molise-Stemma.svg Molise
Provincia Provincia di Campobasso-Stemma.png Campobasso
Amministrazione
Sindaco Michele Palmieri (Alternativa Popolare) dall'11-06-2017
Territorio
Coordinate 41°33′N 14°33′E / 41.55°N 14.55°E41.55; 14.55 (Busso)Coordinate: 41°33′N 14°33′E / 41.55°N 14.55°E41.55; 14.55 (Busso)
Altitudine 756 m s.l.m.
Superficie 23,81 km²
Abitanti 1 221[1] (31-3-2017)
Densità 51,28 ab./km²
Comuni confinanti Baranello, Campobasso, Casalciprano, Castropignano, Oratino, Spinete, Vinchiaturo
Altre informazioni
Cod. postale 86010
Prefisso 0874
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 070005
Cod. catastale B295
Targa CB
Cl. sismica zona 2 (sismicità media)
Nome abitanti bussesi
Patrono san Lorenzo Martire
Giorno festivo 10 agosto
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Busso
Busso
Busso – Mappa
Posizione del comune di Busso nella provincia di Campobasso
Sito istituzionale

Busso (U Vussë in molisano[2]) è un comune italiano di 1.221 abitanti della provincia di Campobasso, in Molise.

Ha dato origine alla famiglia Santangelo, di cui è famoso Nicola Santangelo (a cui è dedicata la piazza del paese), il più longevo Ministro dell'Interno del Regno delle Due Sicilie.

Il paese fa parte dell'arcidiocesi di Campobasso-Boiano.

Monumenti[modifica | modifica wikitesto]

Chiesa di San Lorenzo[modifica | modifica wikitesto]

Chiesa parrocchiale, fu costruita probabilmente nel XV secolo e rimodellata in periodo rinascimentale. Fu ricostruita in forme barocche attorno al 1728 e restaurata dopo il terremoto del 1805.

La chiesa ha navata unica, con facciata semplice a capanna e campanile a torre neoclassica, con cuspide e lanterna superiore che fa da cesura tra pinnacolo e tetto della cella campanaria.

Palazzo ducale Venditti[modifica | modifica wikitesto]

Busso originariamente in epoca medievale, possedeva cinta muraria e porte urbiche. Oggi rimane l'ex castello, ora palazzo ducale.

Vi sono tracce di torri del periodo angioino. Il palazzo, della famiglia Venditti (XVIII secolo), è rettangolare con decorazioni tardobarocche.

Chiesetta di Santa Maria in Valle[modifica | modifica wikitesto]

Sì trova presso la fontana di Sant'Onofrio. Fu restaurata nel 1870 dopo il grande terremoto, e oggi è meta di pellegrini, trovandosi nella parte più alta di Busso.

Ha navata unica e è in stile neoclassico.

Festività[modifica | modifica wikitesto]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[3]

Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Secondo i dati ISTAT[4] al 31 dicembre 2010 la popolazione straniera residente era di 41 persone. Le nazionalità maggiormente rappresentate in base alla loro percentuale sul totale della popolazione residente erano:

Romania 24 1,71%

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito è presentata una tabella relativa alle amministrazioni che si sono succedute in questo comune.

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
26 giugno 1989 13 giugno 1994 Nicola Giancola Democrazia Cristiana Sindaco [5]
14 giugno 1994 25 maggio 1998 Nicola Giancola Partito Popolare Italiano Sindaco [5]
25 maggio 1998 3 maggio 2002 Giovanna Picciano lista civica Sindaco [5]
28 maggio 2002 29 maggio 2007 Giovanna Picciano lista civica Sindaco [5]
28 maggio 2007 7 maggio 2012 Raffaele D'onofrio lista civica Sindaco [5]
7 maggio 2012 11 giugno 2017 Angelo Colaneri lista civica Sindaco [5]
11 giugno 2017 in carica Michele Palmieri lista civica Sindaco [5]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 marzo 2017.
  2. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Milano, GARZANTI, 1996, p. 109.
  3. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  4. ^ Statistiche demografiche ISTAT
  5. ^ a b c d e f g http://amministratori.interno.it/

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]