Busso

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Busso
comune
Busso – Stemma Busso – Bandiera
Busso – Veduta
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Molise-Stemma.svg Molise
ProvinciaProvincia di Campobasso-Stemma.png Campobasso
Amministrazione
SindacoMichele Palmieri (Alternativa Popolare) dall'11-06-2017
Territorio
Coordinate41°33′N 14°33′E / 41.55°N 14.55°E41.55; 14.55 (Busso)Coordinate: 41°33′N 14°33′E / 41.55°N 14.55°E41.55; 14.55 (Busso)
Altitudine756 m s.l.m.
Superficie23,81 km²
Abitanti1 216[1] (30-11-2017)
Densità51,07 ab./km²
Comuni confinantiBaranello, Campobasso, Casalciprano, Castropignano, Oratino, Spinete, Vinchiaturo
Altre informazioni
Cod. postale86010
Prefisso0874
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT070005
Cod. catastaleB295
TargaCB
Cl. sismicazona 2 (sismicità media)
Nome abitantibussesi
Patronosan Lorenzo Martire
Giorno festivo10 agosto
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Busso
Busso
Busso – Mappa
Posizione del comune di Busso nella provincia di Campobasso
Sito istituzionale

Busso (U Vussë in molisano[2]) è un comune italiano di 1 216 abitanti della provincia di Campobasso, in Molise.

Ha dato origine alla famiglia Santangelo, di cui è famoso Nicola Santangelo (a cui è dedicata la piazza del paese), il più longevo Ministro dell'Interno del Regno delle Due Sicilie.

Il paese fa parte dell'arcidiocesi di Campobasso-Boiano.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Epoca sannita[modifica | modifica wikitesto]

Le origini di Busso risalgono all'epoca della dominazione dei Sanniti in Molise. Nella località di Monte Vairano, sorge l'antica città detta in dialetto osco "Akudunnia", mentre dai Romani "Aquilonia", il che ha fatto dibattere molto gli storici sulle possibili località della battaglia delle guerre sannitiche, descritte da Tito Livio. Il sito è circondato da mura fortificate dette "ciclopiche", in cui si aprono tre porte di accesso, a Occidente, Porta Vittoria (lato orientale), e Porta Meridionale o Monteverde al lato sud. Due porte sono rivolte verso il tratturo Matese-Cortile. Centocelle, diramazione del grande tratturo Celano-Foggia, mentre l'altra si affaccia sul Biferno. Nei pressi di Porta Vittoria e Monteverde sono state trovate strutture quadrangolari, forse antiche torri di guardia, mentre a Porta Vittoria è stata rinvenuta una fornace per la cottura dei vasi. La cinta muraria di Akudunnia racchiude l'area di 50 ettari, all'interno dell'area sono riconoscibili le zone delle case civili, del tempio sacro maggiore e della piazza. Tuttavia la datazione certa del sito è attribuibile soltanto a una casa nei pressi di Porta Meridionale, edificata nel II secolo a.C., a pianta quadrata con mura a blocchi di pietra e ad argilla mista a paglia.

Akudunnia fu conquistata nell'ambito della guerra sociale nel I secolo a.C., quando i Sanniti, insieme gli altri popoli italici del Sannio, della Lucania e dell'antico Lazio si riunirono nella capitale Corfinium in Abruzzo per combattere Roma, a causa della mancata concessione della cittadinanza. Dunque la città di Akudunnia svolgeva il ruolo di fortificazione con guarnigione interna, piuttosto che quello di comune centro abitato da civili, e infatti dopo la conquista romana, il sito di Monte Vairano cadde in abbandono.

Dal Medioevo a oggi[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la caduta di Akudunnia, l'area di Busso venne ripopolata a partire dai Longobardi e dai Normanni, che accorparono le terre del Contado di Bojano. Il toponimo "Bussus" proverrebbe da "bosco", nell'epoca normanna del X-XI secolo, il feudo fu incluso nel Contado del Molise, menzionato nel Catalogus baronum come proprietà dai Conti Borelli, di cui si ricorda un tal Riccardo de Busso (o de Buxo). I Borrelli persero il feudo nel XIV secolo, che venne venuto a diversi altri signori, tra cui i D'Alife, i Cantelmo, i Caetani, i Caracciolo. Nel 1625 Busso andò in mano a Francesco Maria Riccardo, marchese di Ripalimosani, nel 1630 il marchese alienò Busso a Giovanni Antonio Parisi, che nel 1647 lo dette al duca di Rodi di Casa Cavaniglia. Questa famiglia nel 1708 vendette Busso alla famiglia Giordano, che conservò il potere sino al 1806, anno dell'eversione dal feudalesimo.
Busso allora divenne municipio, nella provincia di Campobasso, sotto cui si trova tutt'oggi.

Monumenti[modifica | modifica wikitesto]

Chiesa di San Lorenzo[modifica | modifica wikitesto]

Chiesa parrocchiale, fu costruita probabilmente nel XV secolo e rimodellata in periodo rinascimentale. Fu ricostruita in forme barocche attorno al 1728 e restaurata dopo il terremoto del 1805.

La chiesa ha navata unica, con facciata semplice a capanna e campanile a torre neoclassica, con cuspide e lanterna superiore che fa da cesura tra pinnacolo e tetto della cella campanaria.

Palazzo ducale Venditti[modifica | modifica wikitesto]

Busso originariamente in epoca medievale, possedeva cinta muraria e porte urbiche. Oggi rimane l'ex castello, ora palazzo ducale.

Vi sono tracce di torri del periodo angioino. Il palazzo, della famiglia Venditti (XVIII secolo), è rettangolare con decorazioni tardobarocche.

Chiesa di Santa Maria in Valle[modifica | modifica wikitesto]

Sì trova presso la fontana di Sant'Onofrio. Fu restaurata nel 1870 dopo il grande terremoto, e oggi è meta di pellegrini, trovandosi ai piedi del monte Vairano.

Ha navata unica ed è in stile neoclassico.

Festività[modifica | modifica wikitesto]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[3]

Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Secondo i dati ISTAT[4] al 31 dicembre 2010 la popolazione straniera residente era di 41 persone. Le nazionalità maggiormente rappresentate in base alla loro percentuale sul totale della popolazione residente erano:

Romania 24 1,71%

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito è presentata una tabella relativa alle amministrazioni che si sono succedute in questo comune.

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
26 giugno 1989 13 giugno 1994 Nicola Giancola Democrazia Cristiana Sindaco [5]
14 giugno 1994 25 maggio 1998 Nicola Giancola Partito Popolare Italiano Sindaco [5]
25 maggio 1998 3 maggio 2002 Giovanna Picciano lista civica Sindaco [5]
28 maggio 2002 29 maggio 2007 Giovanna Picciano lista civica Sindaco [5]
28 maggio 2007 7 maggio 2012 Raffaele D'onofrio lista civica Sindaco [5]
7 maggio 2012 12 giugno 2017 Angelo Colaneri lista civica Sindaco [5]
12 giugno 2017 in carica Michele Palmieri lista civica: Busso nel cuore Sindaco [5]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 30 novembre 2017.
  2. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Milano, GARZANTI, 1996, p. 109.
  3. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  4. ^ Statistiche demografiche ISTAT
  5. ^ a b c d e f g http://amministratori.interno.it/

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]