D'Avalos

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Princely Hat.svg
d'Avalos
Stemma d avalos.jpg
Finiunt Pariter Renovantque Labores
D'azzurro alla torre con tre torrette merlate d'oro, con la bordura composta di sedici pezzi, alternati d'argento e di rosso.
StatoBandera de Nápoles - Trastámara.svg Regno di Napoli
TitoliCroix pattée.svg Principi del Sacro Romano Impero
Croix pattée.svg Principi di Francavilla
Croix pattée.svg Principi di Isernia
Croix pattée.svg Principi di Montesarchio
Croix pattée.svg Duchi di Monte Bello
Croix pattée.svg Duchi di Monte Itilia
Croix pattée.svg Duchi di Monte Negro
Croix pattée.svg Marchesi di Pescara
Croix pattée.svg Marchesi del Vasto
FondatoreInnico I D'Avalos
Ultimo sovranoAlfonso IV D'Avalos
Data di fondazione1453 (investitura ex Alfonso V d'Aragona)
EtniaCastigliana
Rami cadetti
  • d'Avalos d'Aquino
  • d'Avalos d'Aragona
  • d'Avalos di Ceppaloni
  • d'Avalos di Troia

I d'Avalos sono stati una famiglia assai influente e titolare di molti feudi nel regno di Napoli. Diversi membri della famiglia d'Avalos ricoprirono cariche importanti quali Governatore di Milano e Viceré di Sicilia. Ebbero inoltre nella persona di Cesare Michelangelo d'Avalos il trattamento di Principe del Sacro Romano Impero e il diritto di battere moneta.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Le origini[modifica | modifica wikitesto]

I d'Avalos (in Spagna il cognome suona più spesso Dávalos e, talora, anche Abalón) avrebbe secondo la tradizione, origine visigota. Le prime informazioni storicamente attendibili tuttavia menzionano la famiglia in relazione ad una donazione effettuata da un certo Ximeno de Avalos a beneficio del Monastero Reale di San Millán de la Cogolla datata 1162. Tale notizia, riportata dallo storico Esteban de Garibay y Zamalloa nel suo trattato "Los quarenta libros del compendio historial de las crónicas y Universal historia de estos Reinos de España" afferma inoltre come Ximeno fosse una persona di riguardo, cavaliere con possedimenti nel villaggio di Ábalos nella regione de La Rioja. Vari discendenti della famiglia passarono in Aragona e, quindi, in Andalusia, distinguendosi nelle plurisecolari operazioni militari della Reconquista.

Il primo Dávalos ad assurgere ad una rilevanza politica significativa fu Lope Fernández Dávalos, alcaide di Ubeda agli inizi del XIV secolo, durante il regno di Ferdinando IV di Castiglia.

Alla fine del Trecento un bisnipote del sopracitato personaggio, Ruy López Dávalos (detto anche Rodrigo) era divenuto Connestabile di Castiglia nonché Adelantado mayor de Murcia y camarero mayor y gran valido di Enrico III, re di Castiglia e di León. Fu Ruy López il capostipite di tutte le branche della famiglia, diramatesi a Toledo, in Aragona, in Murcia, in Perù.

Ruy López Dávalos si sposò tre volte. Da questi matrimoni ebbe dieci figli che raggiunsero l'età adulta.

Dal matrimonio con la prima moglie, Maria Gutierrez de Fontecha, ebbe due maschi ed una femmina:

  • Pedro López Dávalos: fu signore di Arjona e di Higuera, sposò Maria de Oroczo Figueroa, figlia di Lorenzo Suarez de Figueroa[1].
  • Diego Lopez Dávalos: signore di Arenas e di Colmenar, sposò Leonora de Ajala, figlia di Pietro Lopez de Ajala I signore di Fuensalida[1].
  • Maria Dávalos.

Il secondo matrimonio fu con Elvira de Guevara, dalla quale ebbe due maschi e due femmine:

  • Beltran de Guevara: fu Conte di Potenza nel Regno di Napoli[1].
  • Mencia Dávalos: prima moglie di Gabriele Manrique I Conte di Osorno[1].
  • Costanza Dávalos: moglie di Pietro Mazza[1].
  • Hernando (o Ferdinando) Dávalos: signore di Arcos, sposo Maria Carrillo, figlia di Alfonso[1].

L'ultimo matrimonio fu con Costanza de Tovar, dalla quale ebbe tre figli:

  • Innico Dávalos
  • Alfonso Dávalos
  • Rodrigo Dávalos: sposò Mencia Carrillo[1].

Da uno di questi tre figli, Innico I d'Avalos, si sarebbe originato il ramo italiano principale dei d'Avalos. Da un figlio di Alfonso, Rodrigo d'Avalos invece ebbe origine il ramo dei d'Avalos di Ceppaloni. Una figlia naturale di Ruy López Dávalos, Leonora Dávalos, fu moglie di Mendi Rodriguez de Benavides IV, signore di Santisteban[1].

Stemma d'Avalos

Il ramo italiano[modifica | modifica wikitesto]

I d'Avalos rappresentarono una delle casate più importanti del regno di Napoli a partire dal XV secolo. I fratelli Iñigo, Alfonso e Rodrigo, figli di Ruy López Dávalos, conte di Ribadeo, giunsero nella penisola italiana al seguito del re Alfonso V d'Aragona, asceso al trono di Napoli nel 1442[2].

La casata fu titolare di numerosi feudi (tra i più importanti i marchesati di Pescara e di Vasto) e registrata tra i patrizi di Napoli del Sedile di Nilo, poi nel Libro d'Oro.

Innico I d'Avalos ottenne da Alfonso V d'Aragona la contea di Monteodorisio, inoltre anche il marchesato di Pescara, avendo sposato l'ereditiera Antonella d'Aquino. Il loro figlio Innico II d'Avalos divenne il primo marchese del Vasto.

L'erede di Innico II, Alfonso III d'Avalos acquisì il titolo di cavaliere del Toson d'Oro.

Nel 1704 Cesare Michelangelo d'Avalos fu elevato dal Sacro Romano Imperatore Leopoldo I d'Asburgo al rango di principe con il diritto di battere moneta e nominare conti[3].

La linea cadetta di Ceppaloni derivò da Rodrigo (figlio di Alfonso) che ebbe dall'imperatore Carlo V d'Asburgo il feudo dell'omonimo borgo (attualmente in provincia di Benevento). Questo ramo fu iscritto anche nella nobiltà di Benevento e si estinse nel Seicento, prima dei marchesi di Pescara e del Vasto.[4].

Quasi tutti gli esponenti della prosapia furono sepolti nella cappella d'Avalos, all'interno della chiesa di Sant'Anna dei Lombardi a Napoli: la famosa Vittoria Colonna, invece, fu tumulata con il marito Fernando Francesco I in San Domenico Maggiore. La coppia, quando si trovava a Napoli, preferì dimorare nel cinquecentesco palazzo d'Avalos del Vasto, poi rimaneggiato, secondo il gusto barocco, nel 1751, utilizzato dalla famiglia soprattutto dopo la fine del marchesato.
Il palazzo d'Avalos di Vasto era comunque preferito per la posizione dominante sul mare e il lusso dei suoi appartamenti. Il cardinale d'Avalos ristrutturò il quattrocentesco castello Caldoresco, a Vasto, in seguito rimaneggiato per volere del marchese Cesare.[5]

Il castello aragonese di Ischia, di proprietà dei d'Avalos, fu sede di un cenacolo culturale: Vittoria Colonna vi si era sposata e vi risiedette dal 1501 al 1536, insieme alla nipote Costanza, circondate dai più prestigiosi artisti del tempo.[6]

Ingresso della Villa d'Avalos a Posillipo

Anche dopo l'abolizione della feudalità e la scomparsa del ramo principale della schiatta, la linea collaterale dei d'Avalos d'Aquino d'Aragona continuò a far parte della più considerevole nobiltà napoletana, gratificata, nel 1813, del trattamento di duchi, dal re Gioacchino Murat, nella persona di don Gaetano e discendenti.[7]

I discendenti della famiglia d'Avalos vivono tra Napoli e Milano, e rappresentano tutt'ora una delle famiglie più importanti di Napoli.

Marchesi di Pescara e del Vasto (1403-1862)[modifica | modifica wikitesto]

Lo stemma dei marchesi del Vasto. Esso riunisce l'arma dei D'Avalos (d'azzurro alla torre con tre torrette merlate d'oro, con la bordura composta di sedici pezzi alternati d'argento e di rosso) e dei D'Aquino (inquartato, nel 1° e 4° d'oro a tre bande di rosso nel 2° e 3° troncato d'argento e di rosso al leone dell'uno nell'altro).
Titolo Nome Dal Al Consorte e Note
1 Marchese Cecco del Borgo 1403 1411 Antonella di Miro di Gragnano; insignito del titolo di marchese di Pescara (titolo creato ex novo nel Regno di Napoli) nel 1403
2 Marchese Bernardo Gaspare d'Aquino 1442 1461 Beatrice Caetani dei Signori di Sermoneta; per convenzione in quanto riconosciuto come tale dalla nuova dinastia aragonese è considerato il 1º Marchese di Pescara nonostante il titolo fosse già stato portato dal suo predecessore Cecco del Borgo ; figlio di Francesco d'Aquino (conte di Loreto e di Satriano, Gran Siniscalco (1438) e Camerlengo (1442) del Regno di Napoli) e Giovannella del Borgo (figlia ed erede di Cecco del Borgo marchese di Pescara e conte di Monteodorisio)
3 Marchese Francesco Antonio d'Aquino 1461 post 1472 Francesca Orsini; 2º Marchese di Pescara; figlio del suo predecessore; muore prigioniero degli Angioini a Loreto senza lasciare eredi diretti
4 Marchese[8] Innico I d'Avalos post 1472 1484 Antonella d'Aquino, sorella del suo predecessore ed erede del marchesato di Pescara e delle contee di Loreto e Satriano; diviene per matrimonio, alla morte del cognato 3º marchese di Pescara e conte di Monteodorisio; figlio di Ruy López Dávalos (?-1428)
5 Marchese Alfonso II 1484 1495 Diana de Cardona;
4º marchese di Pescara; figlio del suo predecessore
6 Marchese Fernando Francesco I 1495 1525 Vittoria Colonna;
5º marchese di Pescara; figlio del suo predecessore
7 Marchese Alfonso III 1525 1546 Maria d'Aragona;
6º marchese di Pescara, 2º marchese del Vasto, figlio di Innico II 1º marchese del Vasto e cugino del suo predecessore
8 Marchese Francesco Ferdinando 1546 1571 Isabella Gonzaga;
7º marchese di Pescara, 3º marchese del Vasto; figlio del suo predecessore
9 Marchese Alfonso Felice 1571 1593 Lavinia Feltria Della Rovere; 8º marchese di Pescara, 4º marchese del Vasto; figlio del suo predecessore
10 Marchese Innico III 1593 1632 Isabella d'Avalos (1593-1648),
unica figlia del suo predecessore Alfonso Felice e sua nipote; diviene per matrimonio 9º marchese di Pescara e 5º marchese del Vasto; figlio di Cesare d'Avalos
11 Marchese Ferdinando Francesco 1632 1665 Geronima Doria; 10º marchese di Pescara, 6º marchese del Vasto; muore senza lasciare eredi diretti
12 Marchese Diego I 1665 1697 Francesca Carafa di Roccella; 11º marchese di Pescara, 7º marchese del Vasto; fratello del suo predecessore
13 Marchese Francesco 1651 1672 Isabella Gobes de Nicudira; 12º marchese di Pescara; Cavaliere dell'Ordine del Toson d'oro dal 1672; figlio del predecessore
14 Marchese Diego 1672 1690 13º marchese di Pescara; figlio del suo predecessore; muore senza lasciare eredi diretti
15 Marchese Cesare Michelangelo 1697 1729 Ippolita d'Avalos di Troia (sua cugina, figlia di Giovanni II d'Avalos, 2º Principe di Troia);
nominato principe del Sacro Romano Impero (1704) da Leopoldo I; diviene 14º marchese di Pescara, 8º marchese del Vasto, 2º principe di Isernia alla morte del padre Diego; muore senza lasciare eredi diretti
16 Marchese Giovan Battista 1729 1749 Silvia Spinelli; 15º marchese di Pescara, 9º marchese del Vasto, 6º principe di Montesarchio, 4º principe di Troia; Principe del Sacro Romano Impero; nipote del suo predecessore; muore senza lasciare eredi diretti
17 Marchese Diego II 1749 1776 Eleonora d'Acquaviva; 16º marchese di Pescara, 10º marchese del Vasto, 7º principe di Montesarchio, 5º principe di Troia; Principe del Sacro Romano Impero; fratello del suo predecessore
18 Marchese Tommaso I 1776 1806 Francesca Caracciolo;
ultimo marchese sovrano a causa dell'eversione della feudalità; 17º marchese di Pescara, 11º marchese del Vasto, 8º principe di Montesarchio, 6º principe di Troia; Principe del Sacro Romano Impero; figlio del suo predecessore
19 Marchese Ferdinando 1806 1841 Giulia Caetani; 18º marchese di Pescara, 12º marchese del Vasto, 9º principe di Montesarchio, 7º principe di Troia; Principe del Sacro Romano Impero; muore senza lasciare eredi diretti; nipote del suo predecessore
20 Marchese Alfonso V 1841 1862 19º marchese di Pescara, 12º marchese del Vasto, 9º principe di Montesarchio, 7º principe di Troia; Principe del Sacro Romano Impero; Grande di Prima Classe; cavaliere della Gran Croce dell'Ordine di San Gregorio Magno, dell'Ordine di San Gennaro, dell'Ordine di San Giuseppe; commendatore dell'Ordine di Cristo. Fratello del suo predecessore, alla sua morte si estingue il ramo principale del casato.

Il ramo italiano dei d'Avalos (Duchi d'Avalos) sino ai giorni nostri[modifica | modifica wikitesto]

Tutti gli attuali esponenti della famiglia d'Avalos del ramo italiano discendono da Andrea d'Avalos (1700-1746), Duca di Celenza, figlio terzogenito di Giovanni II Battista d'Avalos, Principe di Troia e della sua consorte Giulia d'Avalos.

  1. Don Carlo Cesare d'Avalos d'Aquino d'Aragona, Principe di Torrebruna; Duca di Celenza (1727–1810) ∞ Donna Maria Teresa d'Avalos d'Aquino d'Aragona (1745–1820), figlia di Don Diego d’A. d’A. d’A., Marchese di Pescara; Marchese di Vasto e di Eleonora d'Acquaviva dei Conti di Conversano
    1. Don Gaetano d'Avalos d'Aquino d'Aragona, Creato Duca d'Avalos con Regio decreto di Gioacchino Murat datato 2 agosto 1813; Patrizio napoletano; Primo scudiero del re Gioacchino Murat (1775–1855); ∞ (1810) Jeanne Hortense Andrieu (1792–1855); nipote di Gioacchino Murat, Re di Napoli
      1. Don Carlo d'Avalos d'Aquino d'Aragona, 2º Duca d'Avalos; Patrizio napoletano (1817-1866)
      2. Don Francesco d'Avalos d'Aquino d'Aragona, 3º Duca d'Avalos; Patrizio napoletano (1819–1885); ∞ (1867) Cherubina Caturano
        1. Don Giuseppe d'Avalos d'Aquino d'Aragona, 4º Duca d'Avalos; Patrizio napoletano (1865–1907); ∞ Maria de Varona
        2. Don Ferdinando d'Avalos d'Aquino d'Aragona
          1. Don Carlo d'Avalos d'Aquino d'Aragona, 5º Duca d'Avalos (1891–1970); ∞ Giuseppina Basevi
            1. Donna Maria d'Avalos d'Aquino d'Aragona (* Napoli 1925); ∞ Dr. Domenico Viggiani (1922-1998);
              1. Ing. Giuseppe Viggiani (* Napoli 1949); ∞ Contessa Donatella Dentice di Accadia Capozzi di Santa Maria Ingrisone (* Roma 1956)
            2. Don Francesco d'Avalos d'Aquino d'Aragona, autorizzato ad assumere e portare il titolo di Principe del Sacro Romano Impero in seguito a delibera del Corpo della Nobiltà Italiana; rinnovo dei titoli di Marchese di Pescara e Marchese di Vasto con Regie lettere patenti; 6º Duca d'Avalos (1930–2014), compositore e direttore d'orchestra; ∞ Antonella Nughes-Serra
              1. Principe Don Andrea d'Avalos d'Aquino d'Aragona, Principe del Sacro Romano Impero, Marchese di Pescara; Marchese di Vasto; 7º Duca d'Avalos; Patrizio napoletano (* Londra 1971)

Personalità di spicco della famiglia d'Avalos[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h Jakob Wilhelm Imhoff, Historia Italiae et Hispaniae genealogica. Exhibens instar prodromi stemma Desiderianum ab ima radice cum suis stirpibus ac ramis, unde Italiae & Hispaniae reges proceresque, quorum syllabus altera abhinc pagina oculis subjiciut, pullularunt, deductum exegesi historica perpetua illustratum insigniumque iconibus exornatum. Accessit continentis ergo historiae, praecipue Insubricae ..., Norimberga, 1701, pp. 146-147.
  2. ^ Flavia Luise, I D'Avalos: una grande famiglia aristocratica napoletana nel Settecento, Napoli, 2006, p. 29 - ISBN 88-207-3978-X
  3. ^ Vienna, 12 marzo 1704, vedi: Solone Ambrosoli: Il mezzo zecchino del Vasto, in RIN, Milano, 190, p. 543 e segg.
  4. ^ Filiberto Campanile, L'armi, overo Insegne dei nobili, scritte dal signor Filiberto Campanile ..., Napoli, 1680, p. 163.
  5. ^ Di Risio, p. 30
  6. ^ Carbone, p. 52
  7. ^ Luise, p. 128
  8. ^ Bartolini Salimbeni, pp. 90-91

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • AA. VV., I tesori D'Avalos, Mostra, Napoli 1994-95.
  • Lorenzo Bartolini Salimbeni, Il Palazzo d'Avalos in Vasto e i suoi musei, Carsa, Pescara 2002.
  • Restituta Carbone, Vittoria Colonna D'Avalos, Mario Ianieri, Pescara 2009.
  • Raffaele Colapietra, Il Conte Camerlengo Innigo d'Avalos protagonista dell'umanesimo cortigiano aragonese, in «Napoli Nobilissima», I-II,(1988-1989).
  • Giovanni Battista Di Crollalanza, Dizionario delle famiglie nobili e notabili italiane, vol.1, Pisa 1886.
  • Angelora Brunella Di Risio, Palazzo D'Avalos in Vasto, Carsa, Pescara 1990.
  • Costantino Felice, Vasto. Storia di una città, Donzelli, Roma 2010.
  • Flavia Luise, I D'Avalos, Liguori, Napoli 2006.
  • Luigi Marchesani, Storia di Vasto, Amministrazione Comunale, Pescara 1982.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]