Acquaviva Collecroce

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Acquaviva Collecroce
comune
(IT) Acquaviva Collecroce
(HR) Živavoda Kruč
Acquaviva Collecroce – Stemma Acquaviva Collecroce – Bandiera
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Molise-Stemma.svg Molise
Provincia Provincia di Campobasso-Stemma.png Campobasso
Amministrazione
Sindaco Trolio Francesco (lista civica Za Kruc) dal 25-5-2014
Territorio
Coordinate 41°52′N 14°45′E / 41.866667°N 14.75°E41.866667; 14.75 (Acquaviva Collecroce)Coordinate: 41°52′N 14°45′E / 41.866667°N 14.75°E41.866667; 14.75 (Acquaviva Collecroce)
Altitudine 425 m s.l.m.
Superficie 28,6 km²
Abitanti 671[1] (31-03-2016)
Densità 23,46 ab./km²
Comuni confinanti Castelmauro, Guardialfiera, Palata, San Felice del Molise, Tavenna
Altre informazioni
Cod. postale 86030
Prefisso 0875
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 070001
Cod. catastale A050
Targa CB
Cl. sismica zona 2 (sismicità media)
Cl. climatica zona D, 1 880 GG[2]
Nome abitanti acquavivesi
Patrono san Michele Arcangelo
Giorno festivo 29 settembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Acquaviva Collecroce
Acquaviva Collecroce
Posizione del comune di Acquaviva Collecroce nella provincia di Campobasso
Posizione del comune di Acquaviva Collecroce nella provincia di Campobasso
Sito istituzionale

Acquaviva Collecroce (Živavoda Kruč in croato molisano[3]) è un comune italiano di 671 abitanti della provincia di Campobasso in Molise. Collocato tra i fiumi Biferno e Trigno in una zona collinare, appartiene alla Comunità Montana Monte Mauro.

È uno dei tre comuni molisani di origine croata (il nome in croato è Kruč). La presenza di popolazioni slave è testimoniata dal XVI secolo. Esse sono giunte in Italia contemporaneamente agli Albanesi, tra la fine del XV secolo e gli inizi del XVI secolo, provenienti forse dalla valle della Narenta, nell'attuale Bosnia ed Erzegovina e Croazia. La lingua, il croato molisano, è štokava-ikava, ed è tuttora parlata insieme all'italiano.

Monumenti[modifica | modifica wikitesto]

Chiesa di Santa Maria Ester[modifica | modifica wikitesto]

La chiesa è la sola nel paese, rifondata nel 1715 sulla vecchia struttura. La nuova costruzione barocca ha fatto sorgere molte leggende, soprattutto per quanto riguarda le iscrizioni latine rimaste nel succorpo. La chiesa ha due facciate con il portale riccamente decorato, mentre la parte retrostante in piazza non ha entrate.

Negli anni '60 la chiesa è stata dotata di un campanile. Riguardo alle leggende si fa riferimento a un medievale quadrato del Sator, rinvenuto nella chiesa, forse riportato in borgo nel Medioevo dal vecchio monastero di Sant'Angelo oggi distrutto.

Il simbolo del portale inoltre ha destato dubbi perché riproduce quello dei Cavalieri di Malta, che avrebbero avuto in possesso il paese in età medievale.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[4]

Tradizioni popolari[modifica | modifica wikitesto]

  • Capodanno - Tradizionale veglione presso la palestra comunale
  • 5 gennaio- Tradizionale veglione della befana presso la palestra comunale
  • Domenica dopo l'Epifania - Giornata della Santa Infanzia Missionaria. Processione con l'effigie di Gesù Infante.
  • 17 gennaio - Fuoco di Sant'Antonio Abate in piazza
  • 2 febbraio - Fiera di San Biagio
  • 3 febbraio - Festa di San Biagio V.M. Benedizione e distribuzione di "kolače e pandice": dolci e pagnottelle. Benedizione della gola
  • Carnevale - Sfilata allegorica per le vie cittadine
  • 19 marzo - Festa di San Giuseppe con l'allestimento dell'Altare di San Giuseppe, rappresentazione della Sacra Famiglia, esposizione delle tredici pietanze. Benedizione e distribuzione della Pizza e delle zeppole di San Giuseppe
  • Settimana Santa - Solenni Celebrazioni con processione - fiaccolata notturna al Calvario
  • 1º maggio - Sfilata del "Maja" per le vie cittadine con canti e balli tradizionali
  • 6 maggio - Fiera di San Michele
  • 7 maggio - Festa di Santa Maria Ester titolare della Parrocchia
  • 8 maggio - Festa di San Michele Arcangelo patrono del Paese
  • 17 maggio - Festa di San Pasquale Baylon (vendita di formaggi e ricotte in piazza)
  • Ascensione - Tradizionale cottura dei tagliolini con il latte (rizandze s mblikam)
  • Pentecoste - Processione di "San Michele Piccolo" al Santuario di Santa Giusta
  • Corpus Domini - Processione solenne con allestimento di Altari nei quartieri
  • giugno - Festa del Sacro Cuore di Gesù
  • 13 giugno - Festa di Sant'Antonio da Padova (sfilata di buoi, benedizione autovetture, distribuzione del pane benedetto)
  • luglio-agosto - Estate Acquavivese
  • 7 agosto - Varak (Sagra di legumi lessi a devozione di San Donato)
  • 14 settembre - Festa liturgica del Santissimo Legno della Croce
  • 15 settembre - Festa liturgica di Maria SS. Addolorata (Benedizione e distribuzione dei "Taralli" )
  • 28 settembre - Fiera di San Michele
  • 29 settembre - FESTA PATRONALE (San Michele Arcangelo) - Palo della Cucagna
  • 30 settembre - FESTA PATRONALE (Santa Maria Ester)
  • 4 novembre - Deposizione delle corone ai caduti in guerra
  • 8 dicembre - Festa dell'Immacolata Concezione - Festa del ringraziamento (benedizione dei trattori)
  • 24 dicembre - Accensione della tradizionale "Smrčka" in piazza
  • 25 dicembre 6 gennaio - Solenni celebrazioni del Santo Natale con caratteristico Presepe Vivente.

Feste soppresse[modifica | modifica wikitesto]

  • Venerdì Santo: suggestivo "Incontro" tra il Cristo morto e l'Addolorata
  • 1-2-3 maggio: Festa del Santissimo Legno della Croce
  • 7 maggio: Festa di San Biagio V.M.
  • Ascensione: Processione di Benedizione dei 4 punti cardinali del paese
  • Lunedì di Pentecoste: Processione di S. Maria Ester al Santuario di Santa Giusta
  • 10 giugno: Pellegrinaggio a piedi alla Madonna dei Miracoli in Casalbordino
  • 14 giugno: Festa del Sacro Cuore di Gesù
  • 15 agosto: Festa dell'Assunta (processione con la statua di S. Maria Ester)
  • 8 settembre: Festa della Natività di Maria (processione con la statua di S. Maria Ester)
  • 12 settembre: Pellegrinaggio a piedi al Beato Angelo da Furci
  • Terza domenica di settembre: Festa di Maria SS. Addolorata
  • 29 settembre: Volo dell'Angelo
  • 30 settembre: Festa di Sant'Antonio da Padova
  • 8 dicembre: Festa dell'Immacolata (processione con la statua di S. Maria Ester)

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Artigianato[modifica | modifica wikitesto]

Tra le attività più tradizionali vi sono quelle artigianali, che pur non essendo diffuse come nel passato non sono del tutto scomparse, e si distinguono per l'arte della tessitura a mano finalizzata alla realizzazione di coperte e di panni grezzi.[5]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito è presentata una tabella relativa alle amministrazioni che si sono succedute in questo comune.

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
19 giugno 1985 22 maggio 1990 Vincenzo Vetta Democrazia Cristiana Sindaco [6]
22 maggio 1990 24 aprile 1995 Ivano Zara Democrazia Cristiana Sindaco [6]
24 aprile 1995 14 giugno 1999 Ivano Zara Partito Popolare Italiano Sindaco [6]
14 giugno 1999 14 giugno 2004 Ivano Zara Partito Popolare Italiano Sindaco [6]
14 giugno 2004 8 giugno 2009 Enrico Fagnani lista civica Sindaco [6]
8 giugno 2009 26 maggio 2014 Enrico Fagnani lista civica Sindaco [6]
26 maggio 2014 in carica Francesco Trolio lista civica Sindaco [6]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 marzo 2016
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Milano, GARZANTI, 1996, p. 7.
  4. ^ Statistiche I.Stat ISTAT  URL consultato in data 28-12-2012.
  5. ^ Atlante cartografico dell'artigianato, vol. 2, Roma, A.C.I., 1985, p. 22.
  6. ^ a b c d e f g http://amministratori.interno.it/

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Rešetar Milan, La colonie serbo-croate nell'Italia meridionale, 1911 (trad.italiana 1997)
  • Badurina, T.O.R. Rotas, opera, tenet, arepo, sator. Roma 1950.
  • Barone, Charles. Une situation de Trilinguisme: l'enclave croate d'Acquaviva Collecroce province de Campobasso (Italie). Université Stendhal Grenoble III nov. 1991.

Breu, Walter - Piccoli, Giovanni. Dizionario croato molisano di Acquaviva Collecroce. Dizionario plurilingue. Campobasso 2000.

  • Cirese, Arturo M. Saggi sulla cultura meridionale: Gli studi di tradizioni popolari nel Molise e saggio bibliografico. Roma 1955.
  • Fratamico, Umberto. Brevi notizie storiche di Acquaviva Collecroce. Vasto: Arte della Stampa, 1973.
  • Neri, Pierino. I paesi slavi del Molise. Campobasso: Edizioni Enne, 1983, nuova edizione, 2008.
  • Piccoli, Agostina. Fonološki prikaz govora u Montemitru. Diplomski rad, Zagreb, 1993.
  • Piccoli, Giovanni. Il lessico di Acquaviva Collecroce. Tesi di laurea. Roma 1967.
  • Piccoli, Pasquale. Tradizione e mutamento Culturale di una comunitů bilingue nel Molise. Tesi di laurea. Urbino 1977.
  • Rešetar, Milan. Die Serbokroatichen Kolonien Süditaliens. Wien: Schriften der Balkankomunission Linguistische Abteilung, 1911.
  • Sabella Pasqualino. Fonološki prikaz kručanskog govora. Diplomski rad, Zagreb, 1996.
  • Scotti, Giacomo. Z one bane mora. Rijeka: Otokar Keršovani, 1980.
  • Smodlaka, Josip. Posjet apeninskim Hrvatima. u: Hrvatska misao i Kalendar Svačić, Zadar 1904, 1905.
  • Tria, G.A. Memorie storiche civili ed ecclesiastiche della Città e Diocesi di Larino. Roma 1744.
  • Vidov, Božidar. Grammatica ikavo-štokavskog govora molizanskih Hrvata. Grottaferrata 1968.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN157270368