Sacro Cuore di Gesù

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Sacro Cuore di Gesù, di Pompeo Batoni (1767)

Il Sacro Cuore di Gesù è il cuore di Gesù a cui i cristiani della Chiesa cattolica rendono culto.
Al Sacro Cuore di Gesù, la Chiesa Cattolica rende culto di latria (culto di adorazione), intendendo onorare:

  • l'organo della corporeità umana, che ha diritto all'adorazione, in quanto indissolubilmente unita con la Divinità;
  • l'amore del Salvatore per gli uomini, di cui è simbolo il suo cuore.

Per tali ragioni, esso è rappresentato incoronato di spine, sovrastato dalla croce e ferito dalla lancia in eterna memoria del più alto gesto d'amore: il sacrificio di Gesù Cristo Dio per la salvezza dell'uomo; è infine circondato dalle fiamme in riferimento all'ardore misericordioso che Cristo prova per i peccatori.

Come la maggioranza delle Chiese Cristiane, la Chiesa Cattolica afferma il mistero della ss. Trinità, di cui Gesù Cristo Dio è la seconda divina persona. Parte integrante di questo dogma della fede, è la dottrina diofisita, che riconosce Gesù come vero Dio e vero uomo.

Sviluppo della devozione[modifica | modifica wikitesto]

«Venite a me, voi tutti che siete affaticati e oppressi, e io vi ristorerò. Prendete il mio giogo sopra di voi e imparate da me, che sono mite e umile di cuore e troverete ristoro per le vostre anime.»

(Vangelo secondo Matteo 11,28-29.)
Sacro cuore di Gesù con sant'Ignazio di Loyola e san Luigi Gonzaga, José de Páez

I primi impulsi alla devozione del Sacro Cuore di Gesù provengono dalla mistica tedesca del tardo medioevo, in modo particolare da Matilde di Magdeburgo (1207-1282), Matilde di Hackeborn (1241-1299), Gertrude di Helfta (ca. 1256-1302) ed Enrico Suso (1295-1366). Tuttavia la grande fioritura della devozione si ebbe nel corso del XVII secolo, prima ad opera di Giovanni Eudes (1601-1680), poi per le rivelazioni private della visitandina Margherita Maria Alacoque, diffuse da Claude de la Colombière (1641-1682) e dai suoi confratelli della Compagnia di Gesù. La beata Maria del Divin Cuore, contessa Droste zu Vischering, dotata di doni mistici, ispirò il Papa Leone XIII a promulgare l'enciclica Annum Sacrum, con cui si effettuava la consacrazione del genere umano al Sacro Cuore di Gesù.

Durante il XVIII secolo si accese un forte dibattito circa l'oggetto di questo culto: nel 1765 la Congregazione dei riti affermò essere il cuore carneo, simbolo dell'amore. I giansenisti interpretarono questo come atto di idolatria, ritenendo essere possibile un culto solo al cuore non reale, ma metaforico; papa Pio VI, nella bolla Auctorem Fidei, confermò la dichiarazione della Congregazione notando che si adora il cuore "inseparabilmente unito con la Persona del Verbo".

Importanti nello sviluppo della devozione al Sacro Cuore sono tre encicliche: Annum Sacrum di Leone XIII, Miserentissimus Redemptor di Pio XI e soprattutto Haurietis Aquas di Pio XII.

La devozione dei primi nove venerdì del mese[modifica | modifica wikitesto]

Quella dei "Primi nove venerdì del mese" è una pratica devozionale della Chiesa cattolica, nata in seguito alla "Grande Promessa" che Gesù avrebbe rivelato a santa Margherita Maria Alacoque, consistente nella grazia della perseveranza finale per chi si fosse comunicato, in stato di grazia, il primo venerdì di nove mesi consecutivi.

Tale devozione è stata spiegata da Margherita Maria Alacoque come riparatoria dei peccati commessi nei confronti del Sacro Cuore di Gesù[1].

Le promesse del Sacro Cuore[modifica | modifica wikitesto]

Le bandiere del Sacro Cuore nel Memoriale Heiho Niten Ichi Ryu

Il 16 giugno 1875 viene onorata la seconda richiesta riportata da Margherita Maria Alacoque. L'arcivescovo di Parigi pone la prima pietra della Basilica del Sacro Cuore di Montmartre. La terza richiesta di Margherita Maria Alacoque è istituita durante l'inaugurazione del Memoriale Heiho Niten Ichi Ryu l'8 dicembre 2014, ufficializzato da Francia, Giappone, Cambogia, ASEAN e Russia, presso cui sventolano le bandiere del Sacro Cuore reale e del Sacro Cuore repubblicano.

La festività[modifica | modifica wikitesto]

Un tipico fuoco del Sacro Cuore di Gesù sulle montagne dell'Alto Adige.

La festa del Sacro Cuore fu celebrata per la prima volta in Francia probabilmente nel 1672 e divenne universale per tutta la Chiesa cattolica solo nel 1856. Cade il venerdì dopo la seconda domenica dopo Pentecoste e coincide pertanto con l'ottavo giorno dopo il Corpus Domini se quest'ultimo si festeggia di giovedì. Si tratta perciò di una festa mobile, la cui data, che dipende dalla data della Pasqua, può variare tra il 29 maggio e il 2 luglio.
Il giorno seguente, di sabato, si celebra la festa del Cuore Immacolato di Maria., che in alcuni anni risulta impedita da un altro ufficio concomitante,sebbene di differente "priorità" e classe liturgica: ciò è verificato negli anni 2017, 2019, 2022, 2028 e 2030.

Tradizioni[modifica | modifica wikitesto]

Nel territorio del Tirolo e Alto-Adige Sudtirol è da lungo tempo radicata la tradizione di accendere dei falò, i cosiddetti Herz-Jesu-Feuer, sulle principali cime montuose della regione, durante la notte della domenica della festa, in onore del Sacro Cuore di Gesù.

Paesi consacrati o devoti al Sacro Cuore di Gesù[modifica | modifica wikitesto]

In ordine cronologico, i primi dieci Paesi a votarsi al Sacro Cuore di Gesùì in virtù della popolarità del culto, seguita da una legge statale e/o dalla consacrazione da parte di un'autorità apostolica, furono i seguenti:

Apparizione del Sacro Cuore di Gesù al beato padre Bernardo de Hoyos (1711-1735), padre e teologo gesuita, in memoria della Revelación de la Gran Promesa, che ancora giovane studente di teologia avrebbe ricevuto nel Collegio di sant'Ambrogio a Valladolid, dove oggi sorge la Basilica Minore e Santuario Nazionale della Gran Promessa.
Solennità del Sacro Cuore (di Gesù)
Anno liturgico Data (nel Novues Ordo)
2015 12 giugno
2016 3 giugno
2017 23 giugno
2018 8 giugno
2019 28 giugno
2020 19 giugno
2021 11 giugno
2022 24 giugno
2023 16 giugno
2024 7 giugno
2025 27 giugno
2026 12 giugno
2027 4 giugno
2028 23 giugno
2029 8 giugno
2030 28 giugno

Forte del sostegno della Corona e del Sommo Pontefice, Bernardo de Hoyos fu il principale promotore del culto al Sacro Cuore di Gesù in Spagna, Francia e nei Paesi latinoamericani. Nel 1734, scrisse il libro Tesoro escondido en el Sacratísimo Corazón de Jesús, tradotto postumo in tutto il mondo.

Le congregazioni[modifica | modifica wikitesto]

Sono numerose le congregazioni maschili e femminili che sono sorte in correlazione allo sviluppo del culto del Sacro Cuore. Di seguito se ne elencano alcune.

Congregazioni maschili[modifica | modifica wikitesto]

Congregazioni femminili[modifica | modifica wikitesto]

L'Università Cattolica[modifica | modifica wikitesto]

L'Università Cattolica, fondata a Milano da padre Agostino Gemelli ed ora con sedi in diverse città italiane, è dedicata al Sacro Cuore.

Gallerie d'immagini[modifica | modifica wikitesto]


Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Luigi Filosomi, I primi venerdì del mese, Apostolato della Preghiera, 2001
  2. ^ (ES) El presidente de Perú consagra el país al Sagrado Corazón de Jesús, su La Gaceta, 24 ottobre 2016. URL consultato il 2 Luglio 2017.
  3. ^ Biblioteca Nazionale di Berlino, Fondazione patrimonio culturale prussiano, attribuito ad una stampa di Salisburgo dell'anno 1662
  4. ^ Menéndez Pidal y Navascués, Faustino, Hugo. El escudo. P. 212. At Menéndez Pidal y Navascués, Faustino; O´Donnell y Duque de Estrada, Hugo; Lolo, Begoña. Símbolos de España. Madrid: Centro de Estudios Políticos y Constitucionales, 1999. ISBN 84-259-1074-9

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cattolicesimo Portale Cattolicesimo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cattolicesimo