Vinchiaturo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Vinchiaturo
comune
Vinchiaturo – Stemma Vinchiaturo – Bandiera
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Molise-Stemma.svg Molise
ProvinciaProvincia di Campobasso-Stemma.png Campobasso
Amministrazione
SindacoLuigi Valente (Azione) dal 27-5-2013
Territorio
Coordinate41°30′N 14°35′E / 41.5°N 14.583333°E41.5; 14.583333 (Vinchiaturo)
Altitudine620 m s.l.m.
Superficie35,48 km²
Abitanti3 317[1] (30-9-2019)
Densità93,49 ab./km²
Comuni confinantiBaranello, Busso, Campobasso, Campochiaro, Colle d'Anchise, Guardiaregia, Mirabello Sannitico, San Giuliano del Sannio
Altre informazioni
Cod. postale86019
Prefisso0874
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT070084
Cod. catastaleM057
TargaCB
Cl. sismicazona 1 (sismicità alta)[2]
Cl. climaticazona E, 2 159 GG[3]
Nome abitantivinchiaturesi
Patronosan Bernardino da Siena
Giorno festivo20 maggio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Vinchiaturo
Vinchiaturo
Vinchiaturo – Mappa
Posizione del comune di Vinchiaturo nella provincia di Campobasso
Sito istituzionale

Vinchiaturo è un comune italiano di 3 317 abitanti[1] della provincia di Campobasso in Molise.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il nome del paese presuppone un forma latina "vinculatorium".[4]

Il centro era già operativo nel Mille, dipendente dal monastero di Santa Maria di Monteverde. Nel 1349 fu sconvolto da un terremoto, il che comportò lo spostamento da Monteverde più a valle. Il nuovo terremoto del 1805 devastò il paese che fu ricostruito in forme umbertine, in particolare la neoclassica chiesa di Santa Croce.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Monastero di Santa Maria di Monteverde[modifica | modifica wikitesto]

Il più antico elemento del centro, che si trova sopra il monte omonimo. Oggi è una chiesa sconsacrata, che però è usata per visite turistiche.

Chiesa di Santa Croce[modifica | modifica wikitesto]

Ha pianta basilicale medioevale con tre navate. La facciata è del XV secolo, ricostruita dopo il terremoto del 1349 quando il paese fu edificato più a valle. Dopo il sisma del 1805 la facciata fu costruita in forme neoclassiche nel 1840.

Imponenti sono i quattro piani della torre campanaria ottagonale, che ricorda lo stile romanico pugliese. L'interno ha un crocifisso del XIII secolo e un organo del 1775.

Chiesa di Santa Maria delle Macchie

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[5]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito è presentata una tabella relativa alle amministrazioni che si sono succedute in questo comune.

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
24 giugno 1988 6 maggio 1993 Antonello Tucci Democrazia Cristiana Sindaco [6]
5 luglio 1993 28 aprile 1997 Antonello Tucci lista civica Sindaco [6]
28 aprile 1997 14 giugno 2000 Antonello Tucci Partito Popolare Italiano Sindaco [6]
14 giugno 2000 14 maggio 2001 Giuseppe Canale Comm. straordinario [6]
14 maggio 2001 30 maggio 2006 Giacomo D'aquila lista civica Sindaco [6]
30 maggio 2006 17 maggio 2011 Giacomo D'aquila lista civica Sindaco [6]
17 maggio 2011 28 giugno 2012 Antonello Tucci lista civica: realtà vinchiaturese Sindaco [6]
28 giugno 2012 27 maggio 2013 Scipione Lombardi Comm. straordinario [6]
27 maggio 2013 in carica Luigi Valente lista civica: libertà è partecipazione
poi Azione
Sindaco [6]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Bilancio demografico anno 2019, su demo.istat.it, ISTAT.
  2. ^ Classificazione sismica (XLS), su rischi.protezionecivile.gov.it.
  3. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2017).
  4. ^ Università degli studi di Napoli "L'Orientale", Dipartimento di studi del mondo classico e del Mediterraneo antico, Microtoponimi del Lazio, a cura di Luigi Chiappinelli, Quaderni di AION, vol. 12, 2006, p. 37, ISBN 9788888980164, ISSN 1825-2796 (WC · ACNP).
  5. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  6. ^ a b c d e f g h i http://amministratori.interno.it/

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN130390570
  Portale Molise: accedi alle voci di Wikipedia che parlano del Molise