Andrea Porporati

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Andrea Porporati (Roma, 1964[1]) è un regista, scrittore e sceneggiatore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Pubblica nel 1990, a 26 anni, il romanzo La felicità impura, segnalato dalla critica italiana come uno dei migliori esordi dell'anno, seguito nel 1994 da Nessun dolore, entrambi per Mondadori. A partire dagli anni '90 inizia una collaborazione con il regista Gianni Amelio, con il quale firma la sceneggiatura di Lamerica, che, tra gli innumerevoli premi conquistati, vince il premio alla regia alla Mostra del cinema di Venezia 1994, il premio Felix della European Film Academy come miglior film 1994, 3 David di Donatello 1995, il Premio Goya 1996 come miglior film europeo. Negli anni successivi firma diversi script di successo per il cinema e la tv. Ricordiamo, tra gli altri, "L'inchiesta"; "Bartali", "I Viceré" e alcune edizioni de "La Piovra", serie che consegue uno dei più grandi risultati di ascolti mai realizzati dalla Rai e il record di vendite all'estero per una produzione italiana. Nel 2000 esordisce nella regia cinematografica con Sole negli occhi, vincitore del Festival di Annecy e di molti premi e festival internazionali. Nel 2006 dirige Il dolce e l'amaro che, per quanto opera seconda di un giovane regista, partecipa nella selezione ufficiale al concorso per il Leone d'oro della 64ª Mostra del cinema di Venezia. Nel 2010 Skycinema gli affida il ruolo di showrunner di Faccia d'angelo, di cui cura regia e sceneggiatura, la cui lavorazione inizia a febbraio 2011 con protagonista Elio Germano, attore appena incoronato con la Palma d'oro a Cannes 2010. Trasmessa da Skycinema nel marzo 2012, Faccia d'angelo realizza il maggior successo di ascolti mai conseguito da una serie originale prodotta da Sky e vede attribuito a Elio Germano il premio per il miglior attore protagonista di miniserie al RomaFictionFest 2012. Dal 2012 è docente di regia alla scuola d'arte cinematografica Gianmaria Volontè. Nel 2013 scrive e dirige Non avere paura - Un'amicizia con Papa Wojtyla, tv movie per Raifiction, incentrato sulla storia del campione d'alpinismo Lino Zani e della sua amicizia con Karol Wojtyla. Il film, andato in onda il 27 aprile 2014 su Raiuno in prima serata, registra un'audience media di 23.5 punti di share, arrivando a fine trasmissione a superare il 30 per cento, miglior risultato della serata e uno dei primi in assoluto della stagione per la rete. Nell'aprile 2015 viene trasmesso da Raiuno il tv movie Una casa nel cuore con Cristiana Capotondi, Simone Montedoro e Giorgio Colangeli da lui diretto che raccoglie il miglior risultato di share della serata[2] ed uno dei migliori della stagione. Nel 2014 viene incaricato di realizzare l'adattamento di Il nome della rosa di Umberto Eco, per una serie televisiva in sei parti. Nel novembre 2016 viene trasmesso da Raiuno il tvmovie La classe degli asini sulla abolizione delle classi speciali nelle scuole italiane e ottiene uno dei migliori risultati di share dell'anno. Nel maggio 2018 va in onda in prima serata su Rai Uno la serie in quattro episodi Il capitano Maria, che realizza l'altissimo share medio del 25,2 %.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Regista[modifica | modifica wikitesto]

Sceneggiatore[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Andrea Porporati, su archivio.raiuno.rai.it. URL consultato il 15 giugno 2011 (archiviato dall'url originale il 16 giugno 2009).
  2. ^ http://www.davidemaggio.it/archives/115144/ascolti-tv-di-lunedi-6-aprile-2015

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàISNI (EN0000 0000 3286 5747