Libero De Rienzo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Libero De Rienzo nel 2009

Pasquale Libero De Rienzo (Napoli, 24 febbraio 1977Roma, 15 luglio 2021) è stato un attore, regista e sceneggiatore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

De Rienzo nacque a Napoli, nel quartiere di Chiaia, figlio di Nunzia Rondinella e Fiore De Rienzo. All'età di due anni, a seguito della prematura scomparsa della madre, si trasferí a Roma, dove crebbe e dove si appassionò alla recitazione seguendo il padre, attore e giornalista del programma tv Chi l'ha visto?, nonché aiuto regista di Citto Maselli[1]. Recitò in due film di Marco Ponti: Santa Maradona (2001), grazie al quale riscosse fama e apprezzamenti e vinse il David di Donatello 2002 come miglior attore non protagonista[2], e A/R Andata + Ritorno (2004), in cui fu protagonista insieme a Vanessa Incontrada. Della pellicola Sangue - La morte non esiste (2006) fu anche sceneggiatore e regista, vincendo alcuni premi cinematografici, tra cui il Ciak d'oro l'anno successivo[3].

Lavorò anche in alcune produzioni televisive, tra cui Più leggero non basta (1998), Nassiriya - Per non dimenticare (2007) e Aldo Moro - Il presidente (2008). Nel 2009 tornò sul grande schermo con Fortapàsc di Marco Risi, film su Giancarlo Siani, il giornalista de Il Mattino ucciso nel 1985 dalla camorra. Dopo aver recitato in La kryptonite nella borsa (2011) di Ivan Cotroneo, tra il 2014 e il 2017 fu tra i protagonisti della trilogia di Smetto quando voglio diretta da Sydney Sibilia, sulle vicende di una banda di giovani ricercatori precari che si improvvisano spacciatori.

La sua ultima interpretazione cinematografica è in Fortuna (2021), di Nicolangelo Gelormini.

Muore improvvisamente il 15 luglio 2021 nella sua casa di Roma,[4] stroncato da un infarto all'età di 44 anni.[5] La Procura di Roma ha aperto un'inchiesta per morte in conseguenza di altro reato, disponendo l'autopsia.[6][7]

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Era sposato con la scenografa Marcella Mosca, con la quale ha avuto due figli, nati nel 2015 e nel 2019.[8]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Attore[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Libero De Rienzo morto, su tg24.sky.it. URL consultato il 16 luglio 2021.
  2. ^ a b Libero De Rienzo, su daviddidonatello.it. URL consultato il 16 luglio 2021.
  3. ^ I vincitori dei "Ciak d'Oro" 2007, su cinemaitaliano.info. URL consultato il 16 luglio 2021.
  4. ^ Morto l'attore Libero De Rienzo, aveva 44 anni, su adnkronos.com, 16 luglio 2021.
  5. ^ Morto Libero De Rienzo: stroncato da un infarto a 44 anni, su napoli.repubblica.it, 16 luglio 2021.
  6. ^ Ilaria Sacchettoni, L’attore De Rienzo trovato senza vita dopo l’allarme di un amico. Aperto fascicolo, ci sarà l’autopsia, su Corriere della Sera, 16 luglio 2021. URL consultato il 16 luglio 2021.
  7. ^ Morto Libero De Rienzo, procura apre fascicolo: disposti autopsia ed esami tossicologici, su www.ilmattino.it. URL consultato il 16 luglio 2021.
  8. ^ Morto a Roma l'attore Libero De Rienzo, su ansa.it, 16 luglio 2021.
  9. ^ Mar del Plata International Film Festival 36° edizione, su filmitalia.org. URL consultato il 16 luglio 2021.
  10. ^ Premi Libero De Rienzo, su comingsoon.it. URL consultato il 16 luglio 2021.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore David di Donatello per il miglior attore non protagonista Successore
Tony Sperandeo
per I cento passi
2002
per Santa Maradona
Ernesto Mahieux
per L'imbalsamatore
Controllo di autoritàVIAF (EN26757333 · ISNI (EN0000 0000 4855 2366 · SBN IT\ICCU\RAVV\341310 · LCCN (ENno2003076661 · BNF (FRcb14169893b (data) · BNE (ESXX4990352 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-no2003076661