Io sono Tempesta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Io sono Tempesta
Lingua originaleitaliano
Paese di produzioneItalia
Anno2018
Durata97 min
Rapporto2,35 : 1
Generecommedia, drammatico
RegiaDaniele Luchetti
SceneggiaturaDaniele Luchetti, Sandro Petraglia, Giulia Calenda
ProduttoreMarco Chimenz, Giovanni Stabilini, Riccardo Tozzi
Produttore esecutivoMassimo Di Rocco
Casa di produzioneCattleya, Rai Cinema
Distribuzione in italiano01 Distribution
FotografiaLuca Bigazzi
MontaggioMirco Garrone
Effetti specialiFabio Traversari, Stefano Marinoni
ScenografiaPaola Comencini
CostumiMaria Rita Barbera
Interpreti e personaggi

Io sono Tempesta è un film del 2018 diretto da Daniele Luchetti, con protagonisti Marco Giallini, Elio Germano e Eleonora Danco.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Numa Tempesta, ricco uomo d'affari romano, sta chiudendo un importante accordo per la costruzione di una nuova metropoli nelle lande deserte del Kazakistan. Nella sua gloriosa e celebrata carriera Numa ha spesso e volentieri eluso le regole, al punto da risultare "senza fissa dimora" perché vive in un albergo di lusso. Il fisco però arriva a presentargli il conto e Numa, condannato per un reato di qualche anno prima, è affidato ai servizi sociali per lavorare in una cooperativa che fornisce assistenza primaria a senzatetto.

L'altezzoso Numa fatica ad abituarsi alla nuova realtà. Le mansioni umili cui è costretto e il rapporto conflittuale con gli utenti, i quali lo disprezzano per il suo status sociale, non favoriscono un inserimento dell'imprenditore nella nuova realtà. L'unico rapporto significativo che stringe è quello con Bruno, un giovane padre che dopo il divorzio dalla moglie vive da senzatetto assieme al figlio. Numa prende in simpatia la causa di Bruno e del figlio, rivedendo in loro quel rapporto conflittuale che lui ha avuto con un padre che non lo ha mai sostenuto. Bruno, che sogna di riscattare la propria condizione, aiuta Numa a entrare in sintonia con gli altri utenti della cooperativa. Numa sconta però pesanti difficoltà sul lavoro, poiché il sequestro del passaporto gli impedisce di seguire i lavori in Kazakistan e i finanziatori lo stanno abbandonando.

Numa entra in sintonia con Angela, la titolare della cooperativa, incaricata dal tribunale di sorvegliare Numa nel suo anno di servizio presso l'ente. I riscontri positivi degli ospiti inducono Angela a dare fiducia a Numa, aprendosi con lui come non le capitava da diverso tempo con un uomo. Tuttavia, Numa ha fretta di tornare sulla piazza e coinvolge i suoi nuovi amici in una delle sue trovate: ripuliti i senzatetto, finge che siano suoi soci nell'affare della metropoli kazaka e utilizza la scusa della morte di un clochard per ottenere un passaporto temporaneo che gli consenta di recarsi in Kazakhistan assieme agli altri. Le cose vanno bene, fino a quando però Angela dall'Italia vede un servizio in televisione di Numa e degli utenti che stanno festeggiando. Angela denuncia Numa che, rientrato in Italia, finisce in carcere.

Bruno apre una sala slot assieme agli amici senzatetto ed è in grado di garantire un'istruzione di alto livello al figlio. In carcere Numa ha l'occasione di riavvicinarsi al padre.

Promozione[modifica | modifica wikitesto]

Il primo trailer del film viene diffuso il 14 marzo 2018.[1]

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

La pellicola è stata distribuita nelle sale cinematografiche italiane a partire dal 12 aprile 2018.[1]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema