La Pantera Rosa 2

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La Pantera Rosa 2
Titolo originale The Pink Panther 2
Lingua originale Inglese
Paese di produzione USA
Anno 2009
Durata 92 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere commedia
Regia Harald Zwart
Soggetto Scott Neustadter, Michael H. Weber
Sceneggiatura Scott Neustadter, Michael H. Weber, Steve Martin
Produttore Robert Simonds
Produttore esecutivo Shawn Levy, Ira Shuman
Casa di produzione Metro-Goldwyn-Mayer, Columbia Pictures, Robert Simonds Productions
Fotografia Denis Crossan
Montaggio Julia Wong
Effetti speciali Ray Bivins, Jeremy Dominick
Musiche Christophe Beck
Scenografia Rusty Smith
Trucco Barry Berger, Jerry DeCarlo, Sherryn Smith
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani
Episodi
Preceduto da La Pantera Rosa (2006)

La Pantera Rosa 2 (The Pink Panther 2) è un film commedia diretto da Harald Zwart e tra gli altri interpretato da Steve Martin e Jean Reno. La pellicola segue le vicende del film del 2006 La Pantera Rosa.

Il film è stato distribuito nel circuito cinematografico statunitense il 13 febbraio 2009, mentre in Italia è stato distribuito il 6 marzo 2009.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

La Magna Carta, la Sindone di Torino e la Spada Imperiale di Kyoto vengono rubati da un misterioso ladro che si fa chiamare "Tornado" che mai è stato catturato e che si era ritirato dieci anni prima dalle attività illecite dopo essere stato ferito ad una spalla. Per recuperare la preziosissima refurtiva e assicurare il criminale alla giustizia, gli inglesi, gli italiani e i giapponesi organizzano un Super Team internazionale. Temendo che Tornado possa rubare anche la Pantera Rosa, il governo francese fa partecipare al super team anche l'ispettore Jacques Clouseau (Steve Martin), preferendolo anche all'ispettore capo Charles Dreyfus (John Cleese), il quale, dopo aver perso la Legion d'Onore a favore proprio del maldestro ispettore, nei 17 mesi seguenti alla sua premiazione gli ha dato il solo incarico di occuparsi delle multe.

Clouseau si reca all'aeroporto e, appena esce ufficialmente dalla Francia, viene annunciato alla televisione che Tornado ha rubato la Pantera Rosa. Giunto sulla scena del furto, l'ispettore Clouseau incontra gli altri membri del super team: l'ispettore capo inglese Randall Pepperidge (Alfred Molina), l'ispettore italiano Vicenzo Brancaleone (Andy García) e il giapponese Kenji Mazuto (Yuki Matsuzaki), esperto di tecnologia. Con l'aiuto della criminologa indiana Sonia Solandres, (Aishwarya Rai), il super-team parte alla volta di Roma per iniziare le indagini ed arrestare il ladro Tornado.

A Roma, nella splendida Villa Falconieri di Frascati, il super team interroga Alonso Avellaneda (Jeremy Irons), il primo loro sospetto; intanto Tornado ruba anche l'anello del Papa. Le indagini vengono caratterizzate dalle stranezze e gaffes dell'ispettore Clouseau, che alla fine viene addirittura allontanato dal Super Team perché la credibilità degli investigatori è messa in imbarazzo mondiale dalle sue gaffes. Oltre a questo deve sopportare la corte di Vicenzo nei confronti di Nicole cercando malamente di dissimulare la propria gelosia.

Poco dopo l'allontanamento di Clouseau, il Super Team risolve il caso, recuperando i quattro tesori nazionali e trovando il cadavere dell'uomo le cui analisi del DNA dimostrano essere proprio il famigerato Tornado. Egli ha lasciato una lettera in cui spiega i motivi del suo suicidio, affermando che neanche rubare tesori nazionali inestimabili abbia rinvigorito la sua passione per la vita e che ha quindi deciso di suicidarsi restituendo i quattro oggetti rubati, tranne la Pantera Rosa, da lui ritenuta troppo bella perché altri la posseggano e quindi l'ha distrutta prima di uccidersi. Clouseau raggiunge il team sulla scena ma, a differenza di tutti i presenti, è sicuro che il ladro non sia il defunto Tornado dopo aver ottenuto conferma da Sonia che il famigerato ladro fosse un gemmologo esperto. A causa di questo, nonostante gli altri detective, per rispetto alla Francia, avessero deciso di rendere Clouseau partecipe della risoluzione del caso e della conseguente gloria, Clouseau viene escluso definitivamente.

Il Super Team, affranto per la distruzione del diamante ma celebrato per i recuperi degli altri tesori, viene festeggiato dalla stampa, con l'eccezione ovvia di Clouseau che viene messo in ridicolo dai media. Mentre controlla le auto fuori dall'edificio in cui si tiene la grande festa per il Super Team, Clouseau vede qualcosa che lo insospettisce ed entra per dire cos'ha scoperto a Dreyfus, il quale ha deciso di sfruttare la pessima figura di Clouseau per poter subentrare nel Super Team che vorrebbe rendere una squadra permanente con lui al comando. Clouseau comunica la sua scoperta a Dreyfus, ma egli lo caccia in malo modo. Dreyfus spiega al Super Team, Sonia e Nicole che secondo Clouseau la colpevole sarebbe Sonia e che la Pantera Rosa è in suo possesso. Il Super Team al completo ride delle ipotesi di Clouseau e per gioco ipotizza come e per quale ragione Sonia possa aver fatto tutto questo: essere un ex amante di Tornado e da lui respinta; aver rubato gli oggetti preziosi imitando lo stile di Tornado essendo l'esperta più autorevole dei suoi crimini e dandogli la colpa; ucciderlo e falsificare la lettera di suicidio per poi tenersi la Pantera Rosa, unico oggetto tra quelli sottratti ad essere vendibile. Nicole, però, ritiene l'ipotesi di Clouseau fondata e incita Sonia ad aprire la sua borsetta, ma Sonia, con le spalle al muro, prende una pistola e tiene sotto minaccia Nicole, dimostrando di essere la colpevole.

Nicole viene salvata da Clouseau, che insieme al resto del Super Team si lancia all'inseguimento della donna nell'edificio e il tutto viene ripreso dai media, incluse le cadute esilaranti degli altri membri del Super Team causati accidentalmente da Clouseau (che però non viene inquadrato mai nel momento in cui provoca le gaffe). La donna minaccia di distruggere il diamante se non verrà lasciata libera, ma Clouseau la incita a farlo ed ella distrugge la pietra con uno sparo, per poi essere fermata da Ponton. Clouseau viene accusato da Dreyfus di essere un incapace per aver permesso a Sonia di distruggere la pietra, ma egli rivela che la pietra era falsa. Clouseau, la notte prima che la Pantera Rosa venisse rubata, aveva messo al sicuro la Pantera Rosa con l'aiuto del custode del museo che ha disattivato il sistema di sicurezza per permettergli di scambiare il diamante con la replica che gli era stata donata e che teneva in casa sua, luogo in cui è rimasta per tutto il tempo seguente. Il fatto che Tornado, esperto gemmologo, avesse descritto la Pantera Rosa elogiandone la bellezza gli aveva fatto capire che non fosse lui il ladro in quanto si sarebbe reso conto che si trattava di un falso. Il collegamento con Sonia si è rivelato quando ha visto la targa della sua auto, a cui aveva fatto una multa due giorni prima dell'arrivo dichiarato dalla donna a Parigi e che quindi si trovava in città quando il falso è stato rubato. Clouseau viene così celebrato da tutti i presenti e chiede la mano di Nicole, la quale accetta.

Clouseau e Nicole poi si sposano in presenza degli altri tre detective e il matrimonio viene celebrato dal sempre più irritato e invidioso ispettore capo Dreyfus.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Una prima sceneggiatura è stata scritta da Scott Neustadter e Michael M. Weber in novembre 2006.[1] Gli sceneggiatori Lowell Ganz e Babaloo Mandel hanno stilato un nuovo copione nel gennaio 2007 su direzione degli studi di produzione Columbia Pictures e Metro-Goldwyn-Mayer.[2]

La data d'inizio lavorazione è stata programmata nel febbraio 2007 per una distribuzione nel corso del 2008; ma causa di uno sciopero avvenuto a Montreal al contempo si sono avuti problemi con l'inizio delle riprese.[3]

La data di uscita cinematografica è stata programmata durante i mesi di stop per il 13 febbraio 2009.[1] Le riprese sono cominciate il 20 agosto 2007 a Parigi (Francia) e sono continuate il 2 novembre 2007 nei set posti nella metropoli statunitense di Boston.

Il regista de La Pantera Rosa Shawn Levy a causa di impegni lavorativi è stato assunto come produttore esecutivo,[2] e la regia è stata allora affidata a Harald Zwart.[4]

Cast[modifica | modifica wikitesto]

La Miss Mondo Aishwarya Rai Bachchan è stata la prima attrice a entrare nel cast, per lei è stato scelto il ruolo dell'investigatrice Sonia Solandres. Nella parte dell'ispettore capo Dreyfus, è stato assunto John Cleese e non Kevin Kline, già interprete in La Pantera Rosa.

Tra gli ultimi attori a entrare in contrattazione vi sono stati Jean Reno nel ruolo di Ponton ed Emily Mortimer nella parte di Nicole.

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Info disponibili qui; ultimo accesso il 02-03-2008.
  2. ^ a b Info disponibili qui; ultimo accesso il 02-03-2008.
  3. ^ Info disponibili qui; ultimo accesso il 02-03-2008.
  4. ^ Info disponibili qui; ultimo accesso il 02-03-2008.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN223751826
Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema