Riccardo III - Un uomo, un re

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Riccardo III - Un uomo, un re
Riccardo III - un uomo un re.JPG
Al Pacino in una scena del film
Titolo originaleLooking for Richard
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno1996
Durata109 min
Generedocumentario, drammatico
RegiaAl Pacino
SceneggiaturaAl Pacino, Frederic Kimball
Produttore20th Century Fox - Chal Productions - Jam Productions
FotografiaRobert Leacock
MontaggioWilliam M. Anderson, Ned Bastille, Andre Ross Betz, Pasquale Buba
MusicheHoward Shore
ScenografiaKevin Ritter
CostumiYvonne Blake, Deborah Lynn Scott
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Riccardo III - Un uomo, un re (Looking for Richard) è un film del 1996, scritto, diretto ed interpretato da Al Pacino.

È un diario reportage sul lavoro che sta dietro alla realizzazione di un adattamento del Riccardo III di Shakespeare. Documentario sul mestiere d'attore, ha interventi di personaggi del calibro di Peter Brook, di attori consumati come Sir John Gielgud, Vanessa Redgrave e Kenneth Branagh, ma in cui trovano spazio interviste fatte da Al Pacino per strada come intere scene del Riccardo III girate in costume.

Il film è stato presentato nella sezione Un Certain Regard al 49º Festival di Cannes.[1]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il film è girato in parte in costume e in parte in abiti moderni. Pacino recita sia nel ruolo di se stesso, attore e regista di un film tratto dal Riccardo III di Shakespeare, sia nel ruolo dello stesso protagonista del dramma shakespeariano. Il film conduce lo spettatore attraverso la trama del dramma e ne spiega il contesto storico. Pacino e altri attori, fra cui Penelope Allen and Harris Yulin, recitano varie scene del dramma.

Gli attori commentano i propri ruoli; in alcune scene li vediamo studiare assieme il copione. Nel film appaiono altri attori celebri per le loro interpretazioni shakespeariane: Vanessa Redgrave, Kenneth Branagh, John Gielgud, Derek Jacobi, James Earl Jones, Kevin Kline. Appaiono anche alcune interviste a studiosi di Shakespeare e a gente comune, intervistata per strada.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Official Selection 1996, festival-cannes.fr. URL consultato il 2 luglio 2011 (archiviato dall'url originale il 14 dicembre 2013).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]