Sławomir Mrożek

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Sławomir Mrożek, nel maggio 2006 a Varsavia.

Sławomir Mrożek (Borzęcin, 29 giugno 1930Nizza, 15 agosto 2013[1]) è stato un drammaturgo e scrittore polacco.

Scrittore abilissimo di feuilleton satirici, comincia a scrivere per il teatro dal 1958. È un tipico rappresentante di quegli intellettuali che assistono al disfacimento culturale. Il suo è un teatro palesemente lontano dalla vita quotidiana: "Qualsiasi cosa si svolga sulla scena ha un inizio e una fine, e soprattutto non ha alcuna conseguenza: l'esatto opposto di quanto accade nella realtà, dove ogni azione ha effetti che più si allontanano, meno sono prevedibili, tanto da risultare imponderabili" (Sławomir Mrożek, Teatro e realtà, in "Dialog", 1989). Spesso visto come un drammaturgo del "teatro dell'assurdo" caratteristica che è vera solo per la sua primissima produzione. Nel tempo si avvicinerà sempre più alla poetica di Witkiewicz e Gombrowicz.

Controversia[modifica | modifica wikitesto]

una illustrazione di Daniel Mróz per il libro di Mrożek Słoń

Nel 1953, durante il regime stalinista in Polonia, Mrożek fu uno dei tanti firmatari di una lettera aperta alle autorità polacche che partecipava alla campagna di diffamazione dei sacerdoti cattolici di Cracovia, su tre dei quali pendeva una condanna a morte (ma mai eseguita) da parte del governo comunista dopo essere accusati senza fondamento di tradimento.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Il tacchino
  • Słoń (L'elefante) 1957 - raccolta di racconti brevi
  • Trilogia: In Alto Mare, Strip-Tease, Karol 1961 - drammaturgia
  • La Polizia 1963
  • Tango (Tango) 1964 - drammaturgia
  • Rzeźnia (Il Macello) 1973 - drammaturgia
  • Emigranci (Emigranti) 1974 - drammaturgia
  • Garbus (Il Gobbo) 1975 - drammaturgia
  • Wyspa róż (L'isola delle rose) 1975 - sceneggiatura
  • Amor (Amore) 1978 - sceneggiatura
  • Pieszo (A piedi) 1980 - drammaturgia
  • Letni dzień (Giorno d'estate) 1983 - drammaturgia

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Commendatore con stella dell'Ordine della Polonia restituta - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore con stella dell'Ordine della Polonia restituta
— 1997
Cavaliere dell'Ordine della Legion d'Onore (Francia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine della Legion d'Onore (Francia)
— 2003
Medaglia d'Oro Gloria Artis - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'Oro Gloria Artis
— 2010
Ordine Ecce Homo - nastrino per uniforme ordinaria Ordine Ecce Homo
— 2012
Gran Croce dell'Ordine della Polonia Restituta - nastrino per uniforme ordinaria Gran Croce dell'Ordine della Polonia Restituta
— 2013 (postumo)
Laurea honoris causa - nastrino per uniforme ordinaria Laurea honoris causa
— Università Jagellonica, 2000
Laurea honoris causa - nastrino per uniforme ordinaria Laurea honoris causa
— Università della Slesia, 23 marzo 2012

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN71395393 · ISNI (EN0000 0001 2096 3769 · SBN IT\ICCU\CFIV\066247 · Europeana agent/base/70506 · LCCN (ENn50012888 · GND (DE118737244 · BNF (FRcb11917153m (data) · BNE (ESXX1050938 (data) · NLA (EN35366650 · NDL (ENJA00471996 · WorldCat Identities (ENlccn-n50012888