Peter Huchel

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Peter Huchel, pseudonimo di Helmut Huchel (Berlino, 1903Staufen im Breisgau, 1981), è stato uno scrittore tedesco.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Brillante studente con una formazione umanistica, prese parte alla seconda guerra mondiale e rimase prigioniero dell'Armata Rossa, venendo liberato solo nel 1945.

Nel primo dopoguerra trovò impiego come caporedattore della radio di Berlino Est e della rivista Sinn und Form; nel 1962 fu costretto a dimettersi. Lasciò la DDR nel 1971.

Huchel fu grande descrittore di scene di vita del popolo, che coniugò con una spiccata liricità.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Gedichte (1948)
  • Chausseen, Chausseen. Gedichte (1963)
  • Die Sternenreuse. Gedichte 1925-1947 (1968)
  • Gezählte Tage. Gedichte (1972)
  • Die neunte Stunde. Gedichte (1979)
  • Gesammelte Werke 1984
  • Wie will man da Gedichte schreiben. Briefe 1925-1977.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Peter Huchel, in Treccani.it – Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 15 marzo 2011. URL consultato il 25-8-2013.
Controllo di autoritàVIAF: (EN32012078 · ISNI: (EN0000 0001 1615 5363 · LCCN: (ENn82025124 · GND: (DE118554212 · BNF: (FRcb12032626w (data)