Ljudmila Evgen'evna Ulickaja

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Ljudmila Evgen'evna Ulitskaya (in russo: Людмила Евгеньевна Улицкая?; Davlekanovo, 21 febbraio 1943) è una scrittrice e sceneggiatrice russa.

A livello nazionale, è stata la prima donna a vincere il premio «Русский Букер» (2001) (Russkij buker). Acclamata a livello internazionale, nel 2014 ha ricevuto il prestigioso Premio di Stato austriaco per la letteratura europea per le sue opere, tradotte in oltre 20 lingue in tutto il mondo.[1]

Ulitskaya appartiene a quel ristretto gruppo di scrittori cresciuti nella realtà dell'ex Unione Sovietica identificati con la cultura ebraica, nonostante l'adozione del cristianesimo come religione praticata.[2]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Ljudmila Ulitskaya è nata nel 1943 nella città di Davlekanovo in Baschiria (Repubblica autonoma della Federazione Russa). La sua formazione è avvenuta a Mosca, dove si è laureata alla facoltà di genetica dell'Università statale.[3] Dopo aver lavorato per due anni nei campi della genetica e della biochimica all''Accademia delle Scienze dell'Unione Sovietica, viene licenziata con altri amici e colleghi con l'accusa di aver diffuso libri proibiti, o samizdat[4]; in particolare, da un esame dei nastri della macchina da scrivere utilizzata, le viene contestato di aver copiato il romanzo Exodus dello scrittore statunitense di origine ebraica Leon Uris.[5] Privata del lavoro e con i figli da mantenere, per Ljudmila inizia un periodo di notevole difficoltà, aggravato dalla morte dei genitori e dal divorzio dal marito. Negli anni ottanta inizia la sua carriera letteraria, stimolata dalla nuova occasione di impiego come direttrice e sceneggiatrice presso il Teatro Ebraico di Mosca[6].

La sua prima pubblicazione compare nella rivista russa Ogonyok nel 1990.[7] Sempre nel 1990 esce «Сестрички Либерти» (lett. Le sorelle della libertà), primo lungometraggio da lei sceneggiato e diretto dal regista russo Vladimir Grammatikov.[8] Nel 1992 pubblica il suo primo romanzo breve, Sonechka (Сонечка), nella rivista Novy Mir, riscuotendo un notevole successo. L'opera viene inserita nella lista dei candidati al premio Russian Booker.[9]

Nel 2001 negli Stati Uniti esce "The funeral party" (Веселые похороны), il suo primo romanzo tradotto in lingua inglese, che racconta le migrazioni dalla Russia in epoca sovietica, celebrando l'indelebile ricordo della cultura russa e del suo glorioso passato,[10] e nello stesso anno Ljudmila riceve il riconoscimento anche in Russia, con l'assegnazione del premio letterario Russian Booker Prize al romanzo The Kukotsky Enigma.[11]

Nel 2006 pubblica Daniel' Štein, perevočnik (Даниэль Штайн, переводчик), uscito in Italia nel 2010 con il titolo "Daniel Stein, traduttore",[12] romanzo sull'olocausto e sulla necessità di una riconciliazione tra ebraismo, cristianesimo e islamismo.

Nel 2007 istituisce il «Фонд Людмилы Улицкой» (Fond Ludmili Ulitskoj), un fondo per il sostegno di iniziative umanitarie.[13]

Dal 2007 al 2010 dirige l'organizzazione «Другой, другие, о других» (Drugoj, drugie, o drugich), divulgando una serie di libri per bambini di autori diversi, che trattano di antropologia culturale.[14]

Il 28 aprile 2016 a Mosca, mentre si reca ad un appuntamento dell'associazione Memorial, nata per identificare le vittime delle repressioni staliniane, Ulitskaya viene aggredita per strada da un gruppo di nazionalisti russi.[15]

Lyudmila Ulitskaya vive tra Mosca e Israele.[16]

Stile e tematiche[modifica | modifica wikitesto]

Stile[modifica | modifica wikitesto]

Nelle sue opere, Ulitskaya descrive e osserva i suoi personaggi attraverso un apparente punto di vista neutrale. Non si addentra nel loro sviluppo né approfondisce la loro psiche, distinguendosi dunque da quanto è storicamente ritenuto un tratto distintivo della scrittura russa.[17] Nonostante riconosca che i suoi protagonisti abbiano una psiche turbolenta, Ulitskaya preferisce dedicarsi alle minuziose descrizioni delle loro relazioni e della loro vita, e al costante approfondimento del contesto e delle tematiche delle sue opere.[18]

Nell'ottobre del 2014 il periodico The New Yorker pubblica un articolo nel quale viene elogiata la sua scrittura, evidenziando come la sua prosa riesca a rendere la lettura convincente e coinvolgente.[7]

Tematiche[modifica | modifica wikitesto]

Gli eventi della sua narrativa sono tendenzialmente ambientati nella quotidianità. Vengono sottolineati i valori morali, la sacralità della famiglia, e la necessità, a livello sociale, di una maggiore tolleranza, sia religiosa che etnica. Per contrasto, viene quasi sempre posto il tema dello stalinismo.

Un'altra grande tematica è rappresentata dalle persecuzioni patite dopo la seconda guerra mondiale da numerosi membri dell'Intelligencija, critici nei confronti del regime sovietico. Questa questione è molto sentita da Ulitskaya, poiché entrambi i nonni, Yakov Camojlivič Ulitskij, economista e statista, e Boris Efimovič Ginzbur, furono incarcerati dal regime; al momento della sua nascita la famiglia si trovava in fuga in Bashkortostan.[19]

Ulitskaya valorizza la figura della donna, contrapponendo spesso delle protagoniste dal carattere forte, logico e razionale, ai tre tratti archetipici della figura femminile (forte emotività, debolezza e scarsa razionalità nelle situazioni complesse).[20][21]

Orientamento politico e altre attività[modifica | modifica wikitesto]

Lyudmila Ulitskaya in una manifestazione "per elezioni pulite" a Bolotnaya Square, Mosca, febbraio 2012

Da sempre molto attiva anche politicamente, da anni si batte per la tutela della libertà d'espressione in Russia.[22]

Critica fortemente l'attuale sistema politico e si è sempre opposta a Vladimir Putin. Il 24-25 aprile 2014 ha partecipato al congresso «Украина — Россия: диалог» (Dialogo Russia-Ucraina), tenutosi a Kiev, con l'intento di riavvicinare i due stati, ma criticando al tempo stesso la politica di Putin nei confronti dell'Ucraina.[23]

Alle elezioni per la Duma di stato nel 2016, ha dichiarato di supportare il partito di opposizione «Jabloko» («Яблоко»).[24]

Fa parte del consiglio di amministrazione di «Вера» (fede), un fondo a scopo benefico per l'assistenza ai centri ospedalieri di Mosca.[25]

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Lyudmila Ulitskaya ospite d'onore al 16 Festival Internazionale del Libro, Millenáris, Budapest, 2009

Opere in italiano[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (RU) Людмила Улицкая написала, возможно, свой последний роман., su NEWSru.com, 8 aprile 2004.
  2. ^ Sasha Senderovich, Translations, book review in Tablet Magazine, 29 June 2011
  3. ^ Дмитрий Бавильский «Интервью с Людмилой Улицкой», su lechaim.ru.
  4. ^ Incroci di civiltà. Festival Internazionale di Letteratura a Venezia, 25-28 marzo 2015, su culturaspettacolovenezia.it.
  5. ^ Daniela Marchiotti, Ljudmila Evgen’evna Ulitskaya, su enciclopediadelledonne.it. URL consultato l'8 maggio 2017.
  6. ^ (EN) Ludmila Ulitskaya, su Russian Online Literature. URL consultato il 9 maggio 2017.
  7. ^ a b Masha Gessen, The Weight of Words. One of Russia’s most famous writers confronts the state, in: The New Yorker, 6 October 2014
  8. ^ (RU) Таша Карлюка, Интервью. Людмила Улицкая, su snob.ru, 14 novembre 2013.
  9. ^ Ljudmila Evgen’evna Ulitskaya, su enciclopediadelledonne.it. URL consultato l'08 maggio 2017.
  10. ^ The sacrifice in becoming American, su nexis.com. URL consultato il 04 maggio 2017.
  11. ^ (EN) [Russian Booker Russian Booker], su Russian Literature Online. URL consultato il 9 maggio 2017.
  12. ^ Formati ed edizioni di "Daniel Stein, traduttore", su worldcat.org.
  13. ^ о том, почему книги Умберто Эко лежат на складах, su vppress.ru. URL consultato il 03 maggio 2017.
  14. ^ Интервью с Людмилой Улицкой. Беседует Ольга Дробот, su magazines.russ.ru. URL consultato il 03 maggio 2017.
  15. ^ Attacco in strada contro Navalny e la scrittrice Ulitskaja; Russia, su nexis.com. URL consultato il 04 maggio 2017.
  16. ^ Andrey Kurkov in: "Das kann ein bisschen mehr Anarchie mitbringen". Ukraine im Gespräch, part 4: Andrej Kurkow im Gespräch mit Katja Petrowskaja, Essay und Diskurs, Deutschlandfunk, 28 December 2014, German
  17. ^ (EN) FRANCINE PROSE, BENJAMIN MOSER, What Makes the Russian Literature of the 19th Century So Distinctive?, su https://www.nytimes.com/, 25 novembre 2014.
  18. ^ Giulia Gigante, "Alla ricerca del senso perduto. Il ritorno alla grande narrazione: il caso di Zelenyj Šater di Ljudmila Ulickaja", 2012.
  19. ^ (RU) Людмила Улицкая: «Человека формирует семья, а социум — в меньшей мере…», su lechaim.ru, 6 agosto 2014.
  20. ^ Joanna Tarkowska, "The artistic work of a woman and social, philosophical, cultural issues in the prose of Lyudmila Ulitskaya (The Funeral Party novel)", 2013, pp. 279-290.
  21. ^ Joanna Tarkowska, "The Image of Childhood and the Problem of Sacrum and Profanum in Narration of Lyudmila Ulitskaya (the Short Story Второго марта того же года…)", 2016, pp. 51-61.
  22. ^ (EN) Elizabeth Day, Lyudmila Ulitskaya: why I'm not afraid of Vladimir Putin, su https://www.theguardian.com/international, 17 aprile 2011.
  23. ^ (RU) Apertura del congresso "Dialogo Russia-Ucraina" a Kiev. Fotoreportaggio., su gordonua.com, 24 aprile 2014.
  24. ^ (RU) Ludmila Ulitskaya confide nel partito "Jabloko", su yabloko.ru, 30 agosto 2016.
  25. ^ Consiglio di amministrazione di «Вера», su hospicefund.ru.
  26. ^ (FR) L’écrivaine russe Ludmila Oulitskaïa décorée de la Légion d’honneur, su rfi.fr, 01 dicembre 2014.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN87220182 · ISNI: (EN0000 0001 2142 5022 · SBN: IT\ICCU\LO1V\160228 · LCCN: (ENn95117502 · GND: (DE11558871X · BNF: (FRcb123084678 (data)