Nagroda Literacka Nike

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Cerimonia dei Nike 2005 con l'ex presidente polacco Aleksander Kwaśniewski

Il Nagroda Literacka Nike ("premio letterario Nike") è uno dei premi più prestigiosi per la letteratura polacca.

Istituito nel 1997 e finanziato da Gazeta Wyborcza, diffuso quotidiano della Polonia, e dall'azienda di consulenza NICOM, viene conferito annualmente in ottobre per il miglior libro di un autore singolo vivente che scrive in polacco pubblicato nell'anno precedente. È aperto a candidati di tutti i generi letterari, inclusi i saggi e le autobiografie. Ogni anno, una giuria di nove membri seleziona il premiato in un processo a tre stadi. Ventuno candidati ufficiali sono accettati nel mese di maggio, di cui sette finalisti sono dichiarati in settembre. La decisione finale avrà luogo il giorno della cerimonia di premiazione in ottobre. Il premio è costituito da una statuetta disegnata dal famoso scultore polacco Gustaw Zemła e da un premio in contanti. Oltre al premio principale della giuria, c'è un premio del pubblico basato sul risultato di un voto sui sette finalisti ufficiali condotti da Gazeta Wyborcza. I verdetti del pubblico e della giuria hanno combaciato solo occasionalmente (2000, 2001 e 2004).

Premiati[modifica | modifica wikitesto]

Premiati della giuria[modifica | modifica wikitesto]

Premiati dal pubblico[modifica | modifica wikitesto]

  • 1997 – Olga Tokarczuk, Prawiek i inne czasy (edito in Italia da e/o nel 1999 col titolo Dio, il tempo, gli uomini e gli angeli e da nottetempo nel 2013 col titolo Nella quiete del tempo)
  • 1998 – Zygmunt Kubiak, Mitologia Greków i Rzymian
  • 1999 – Olga Tokarczuk, Dom dzienny, dom nocny (ed. italiana: Casa di giorno, casa di notte, Fahrenheit 451, 2007)
  • 2000 – Tadeusz Różewicz, Matka odchodzi
  • 2001 – ex aequo Jerzy Pilch, Pod Mocnym Aniołem e Jan T. Gross, Sąsiedzi (edizione inglese: Neighbors: The Destruction of the Jewish Community in Jedwabne, Princeton, NJ: Princeton University Press, 2001, ISBN 0-14-200240-2)
  • 2002 – Olga Tokarczuk, Gra na wielu bębenkach (ed. italiana: Che Guevara e altri racconti, Forum, 2006)
  • 2003 – Dorota Masłowska, Wojna polsko-ruska pod flagą biało-czerwoną (ed. italiana: Prendi tutto, Frassinelli, 2004)
  • 2004 – Wojciech Kuczok, Gnój
  • 2005 – Ryszard Kapuściński, Podróże z Herodotem (ed. italiana: In viaggio con Erodoto, Feltrinelli, 2005)
  • 2006 – Wisława Szymborska, Dwukropek (ed. italiana: Due punti, Adelphi, 2005)
  • 2007 – Mariusz Szczygieł, Gottland (ed. italiana: Gottland, nottetempo, 2009)
  • 2008 – Olga Tokarczuk, Bieguni
  • 2009 – Krzysztof Varga, Gulasz z turula
  • 2010 – Magdalena Grochowska, Jerzy Giedroyc. Do Polski ze snu
  • 2011 – Sławomir Mrożek, Dziennik 1962–1969
  • 2012 – Andrzej Franaszek, Miłosz : biografia
  • 2013 - Szczepan Twardoch, Morfina
  • 2014 - Ignacy Karpowicz, Ości[5][6]
  • 2015 – Olga Tokarczuk, Księgi Jakubowe
  • 2016 – Magdalena Grzebałkowska, 1945. Wojna i pokój Magdaleny Grzebałkowskiej
  • 2017 – Stanisław Łubieński, Dwanaście srok za ogon

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (PL) Tadeusz Sobolewski, Michał Wybieralski, Nike 2013 dla Joanny Bator za książkę "Ciemno, prawie noc", su Gazeta Wyborcza, 6 ottobre 2013. URL consultato il 17 ottobre 2013.
  2. ^ (PL) Nagroda Nike 2014, su Gazeta Wyborcza, 14 maggio 2015. URL consultato il 14 maggio 2015.
  3. ^ (PL) Nagroda Nike 2016. Kim jest laureatka Bronka Nowicka?, su Gazeta Wyborcza, 2 ottobre 2016. URL consultato il 3 ottobre 2016.
  4. ^ Literacka Nagroda Nike 2017 dla Cezarego Łazarewicza, tvn24.pl, 1 października 2017. URL consultato il 1º ottobre 2017.
  5. ^ Bialystokonline.pl: Kultura i Rozrywka - Nike 2014. Nagroda Czytelników dla Ignacego Karpowicza
  6. ^ Wyborcza.pl: NIKE 2014: Śmierć, seks, rodzinne kłamstwa, sztuka latania... Fragmenty wszystkich nominowanych książek

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]