Olga Tokarczuk

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Olga Tokarczuk alla Berlinale 2017

Olga Tokarczuk (IPA: [ˈɔlɡa tɔˈkart͡ʂuk]) (Sulechów, 29 gennaio 1962) è una scrittrice polacca. È una degli scrittori polacchi della sua generazione più acclamati e di grande successo commerciale, [1][2] particolarmente nota per il timbro mistico della sua scrittura. Ha studiato psicologia presso l'Università di Varsavia. Ha pubblicato raccolte di poesie, vari romanzi, così come di altri libri con opere più brevi.

Premi[modifica | modifica wikitesto]

Il suo libro Bieguni ("Voli") ha vinto nel 2008 il premio Nike, tra i premi più importanti della letteratura in Polonia, e nel 2018 il Man Booker International Prize (l'edizione in inglese aveva il titolo Flights); il romanzo Księgi jakubowe ("I libri di Jacob") ha ricevuto un premio nell'edizione 2015 del premio Nike. Sempre nel 2015 Tokarczuk ha ricevuto il premio internazionale del ponte tedesco-polacco, riconoscimento a persone particolarmente attive nella promozione della pace, dello sviluppo democratico e della reciproca comprensione tra i popoli e le nazioni dell'Europa [3][4]

Adattamenti cinematografici[modifica | modifica wikitesto]

Il film Pokot (2017) di Agnieszka Holland è stato tratto dal romanzo di Olga Tokarczuk Guida il tuo carro sulle ossa dei morti ed ha vinto Premio Alfred Bauer. Da un suo racconto contenuto nella raccolta Che Guevara e altri racconti (Gra na wielu bębenkach) è invece stato tratto il film Żurek di Ryszard Brylski[5].

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Olga Tokarczuk, Cracovia, 2005

Tokarczuk è nata a Sulechów vicino a Zielona Góra, in Polonia. Prima di iniziare la sua carriera letteraria, dal 1980 ha studiato psicologia presso l'Università di Varsavia. Durante i suoi studi, ha fatto volontariato in una struttura per adolescenti con problemi comportamentali [6]. Dopo la laurea nel 1985, si trasferisce prima a Breslavia (Wrocław) e successivamente a Wałbrzych, dove ha iniziato a praticare come terapeuta. Tokarczuk si considera un discepolo di Carl Jung e cita la sua psicologia come un'ispirazione per il suo lavoro letterario. Dal 1998 Tokarczuk ha vissuto in un piccolo villaggio vicino a Nowa Ruda, da dove gestisce anche la sua casa editrice privata, Ruta. È membro del partito Partia Zieloni, i "Verdi" polacchi ed è una persona di idee di sinistra. [7]

Carriera letteraria[modifica | modifica wikitesto]

  • Nel 1989 vede la pubblicazione il primo libro di Tokarczuk, una raccolta di poesie dal titolo Miasta w lustrach (Città allo specchio). [6]
  • Il suo romanzo di debutto, Podróż ludzi księgi (Il viaggio del libro-popolo), una parabola sulla ricerca di due amanti per il "segreto del libro" (metafora del senso della vita) ambientato nella Francia del XVII secolo è arrivato nel 1993 e le ha fatto guadagnare immediata popolarità per pubblico e recensori; con esso vince il premio del Concorso letterario dell'Associazione degli editori polacchi come migliore opera prima di narrativa.
  • Il romanzo seguente E. E. (1996) ha preso il titolo dalle iniziali della sua protagonista, una giovane donna di nome Erna Eltzner, cresciuta in una famiglia borghese tedesco-polacca a Breslavia (la città tedesca che divenne la polacca Wrocław dopo la Seconda guerra mondiale) negli anni Venti, che sviluppa capacità psichiche.
  • Il terzo romanzo di Tokarczuk Prawiek i inne czasy (nell'edizione italiana di e/o il titolo fu Dio, il tempo, gli uomini e gli angeli, nell'edizione di nottetempo Nella quiete del tempo) fu pubblicato nel 1996 e divenne un grande successo. È ambientato nel villaggio immaginario di Prawiek ("Alfa" nella prima traduzione italiana) nel cuore della Polonia, popolato da alcuni personaggi eccentrici e archetipici. Il villaggio è custodito da quattro arcangeli, dalla cui prospettiva il romanzo racconta la vita degli abitanti per un periodo di otto decenni, a partire dal 1914. Parallelamente ma stranamente distaccato dalla politica polacca del periodo, descrive il continuum di gioie e dolori umani, che Prawiek sembra contenere come in poche parole. Nella quiete del tempo è stato tradotto in molte lingue e ha marcato la reputazione internazionale di Tokarczuk come una dei più importanti rappresentanti della letteratura polacca della sua generazione. Il romanzo ha vinto nel 1997 il prestigioso premio della Fondazione Kościelski[8].
  • Dopo Prawiek i inne czasy il lavoro di Tokarczuk cominciò ad allontanarsi dal genere romanzo per andare verso testi e saggi brevi di prosa. Il suo successivo libro Szafa (L'armadio, 1997) era una raccolta di tre storie di tipo novella.
  • Dom dzienny, dom nocny (1998, pubblicato in Italia da Fahrenheit 451 nel 2007 col titolo Casa di giorno, casa di notte), anche se nominalmente un romanzo, è piuttosto un mosaico di racconti, schizzi e saggi legati alla vita passata e presente nella casa adottiva dell'autrice da quell'anno, un villaggio nei Sudeti vicino al confine polacco-ceco. Anche se forse fu il più "difficile" libro di Tokarczuk, almeno per chi non conosce la storia dell'Europa centrale, è stato il suo primo pubblicato in inglese, nella traduzione di Antonia Lloyd-Jones per la Northwestern University Press del 2003.
  • Casa di giorno, casa di notte è stato seguito da una raccolta di racconti brevi - Gra na wielu bębenkach (Suonando su molti tamburi, 2001), e dal saggio Lalka i perła (La bambola e la perla, 2000), sul soggetto del romanzo classico di Bolesław Prus La bambola. Ha anche pubblicato un volume con tre racconti di Natale moderni, insieme ai suoi colleghi Jerzy Pilch e Andrzej Stasiuk (Opowieści wigilijne, 2000).
  • Ostatnie historie del 2004 è un'esplorazione della morte dalle prospettive di tre generazioni.
  • Il libro di Tokarczuk Bieguni (Voli) torna all'approccio patchwork di saggio e finzione, il cui tema principale è la vita dei nomadi dell'oggi. Ha vinto sia il premio dei lettori che il premio della giuria del Nike Award 2008 ed è stato tradotto da Jennifer Croft per Fitzcarraldo nel 2017.
  • Nel 2009 è stato pubblicato il romanzo Guida il tuo carro sulle ossa dei morti (edito in italiano da nottetempo). È un giallo in cui il personaggio principale racconta la storia dal suo punto di vista: Janina Duszejko, una anziana eccentrica che pratica l'astrologia, spiega una serie di decessi in una zona rurale vicino a Kłodzko, in Polonia, con la vendetta degli animali selvatici contro i cacciatori. Il romanzo pone domande sulla responsabilità degli esseri umani verso la natura.
  • Tokarczuk ha vinto numerosi premi letterari sia nazionali che esteri. Oltre al Nike Award, il più importante riconoscimento letterario polacco, ha vinto il premio Vilenica nel 2013.
  • Nel 2014 Tokarczuk ha pubblicato un romanzo epico Księgi jakubowe (I libri di Jacob). Il libro gli ha fatto vincere un altro premio Nike. Il contesto storico è la Polonia del XVIII secolo e l'Europa centro-orientale e si occupa di un episodio importante nella storia ebraica. Per quanto riguarda le divisioni storiche e ideologiche della letteratura polacca, il libro è stato descritto come "anti-Sienkiewicz". È stato acclamato da critici e lettori, ma la sua accoglienza è stata ostile in alcuni circoli nazionalisti polacchi e Olga Tokarczuk è diventato un obiettivo di una campagna di odio sul web. [9][10]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • 1989: Miasta w lustrach, Kłodzko: Okolice.
  • 1993: Podróż ludzi księgi. Warszawa: Przedświt.
  • 1999: E. E. Warszawa: PIW.
  • 1996: Prawiek i inne czasy. Warszawa: W.A.B. (edito in Italia da e/o nel 1999 col titolo Dio, il tempo, gli uomini e gli angeli e da nottetempo nel 2013 col titolo Nella quiete del tempo)
  • 1997: Szafa. Lublin: UMCS.
  • 1998: Dom dzienny, dom nocny. Wałbrzych: Ruta. (edito in Italia da Fahrenheit 451 nel 2007 col titolo Casa di giorno, casa di notte)
  • 2000 (con Jerzy Pilch e Andrzej Stasiuk): Opowieści wigilijne. Wałbrzych: Ruta/Czarne
  • 2000: Lalka i perła. Kraków: Wydawnictwo Literackie.
  • 2001: Gra na wielu bębenkach. Wałbrzych: Ruta. (edito in Italia da Forum nel 2006 col titolo Che Guevara e altri racconti)
  • 2004: Ostatnie historie. Kraków: Wydawnictwo Literackie.
  • 2006: Anna w grobowcach świata. Kraków: Znak.
  • 2007: Bieguni. Kraków: Wydawnictwo Literackie. (di prossima edizione, Bompiani)
  • 2009: Prowadź swój pług przez kości umarłych. Kraków: Wydawnictwo Literackie. (edito in Italia da nottetempo nel 2012 col titolo Guida il tuo carro sulle ossa dei morti)
  • 2012: Moment niedźwiedzia.
  • 2014: Księgi Jakubowe. Kraków: Wydawnictwo Literackie.
  • 2018: Opowiadania bizarne. Cracovia, Wydawnictwo Literackie.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Rzeczpospolita, List of Polish bestsellers 2009, su rp.pl. URL consultato il 18 giugno 2011.
  2. ^ Gazeta Wyborcza, Tokarczuk wins NIKE prize for Bieguni (Flights), su wyborcza.pl. URL consultato il 18 giugno 2011.
  3. ^ Nagroda Mostu [The Bridge Prize], Zgorzelec oficjalny serwis miasta. URL consultato il 21 dicembre 2015.
  4. ^ Międzynarodowa Nagroda Mostu dla Olgi Tokarczuk [The International Bridge Prize for Olga Tokarczuk], Wydawnictwo Literackie, 6 dicembre 2015.
  5. ^ eSamizdat - Rivista di cultura dei paesi slavi, su esamizdat.it. URL consultato il 30 agosto 2017.
  6. ^ a b Elzbieta Wiacek, The Works of Olga Tokarczuk: Postmodern aesthetics, myths, archetypes, and the feminist touch (PDF), in Poland Under Feminist Eyes, nº 1, 2009, pp. 134–155. URL consultato il 2 giugno 2013.
  7. ^ Dorota Wodecka, Olga Tokarczuk, laureatka Nike 2015: Ludzie, nie bójcie się! [Olga Tokarczuk, the laureate of Nike 2015: People, don't be afraid!], Gazeta Wyborcza, 10 ottobre 2015.
  8. ^ Note sull'autore di Dio, il tempo, gli uomini e gli angeli, e/o, 1999
  9. ^ Milena Rachid Chehab, Nagroda Nike 2015 dla Olgi Tokarczuk. Księgi Jakubowe książką roku! [Nike Award 2015 for Olga Tokarczuk. The Books of Jacob a Book of the Year!], Gazeta Wyborcza, 4 ottobre 2015.
  10. ^ Mariusz Jałoszewski, Internetowy lincz na Oldze Tokarczuk. Zabić pisarkę [Internet lynch on Olga Tokarczuk. Kill the writer], Gazeta Wyborcza, 15 ottobre 2015.
  11. ^ Man Booker International a polacca Tokarczuk - SWI swissinfo.ch, su swissinfo.ch. URL consultato il 24 maggio 2018.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN49338782 · ISNI (EN0000 0001 1556 806X · LCCN (ENno96009452 · GND (DE122302885 · BNF (FRcb125503303 (data) · NLA (EN43250786