Stellan Skarsgård

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Stellan Skarsgård al Festival di Berlino 2017.

Stellan John Skarsgård (AFI: [ˈstɛ̂lːan ˈjouːn ˈskɑ̌ːʂɡoːɖ]; Göteborg, 13 giugno 1951) è un attore svedese.

Padre degli attori Alexander, Gustaf e Bill Skarsgård, è noto soprattutto per aver ricoperto i ruoli del Capitano Tupolev in Caccia a Ottobre Rosso, di Lewis Tappan in Amistad (1996), del professor Gerald Lambeu in Will Hunting - Genio ribelle (1997), di Sputafuoco Bill Turner nella saga di Pirati dei Caraibi, dello scienziato Erik Selvig nel Marvel Cinematic Universe, e del Barone Vladimir Harkonnen in Dune (2021).

Per l'interpretazione di Boris Ščerbina, Vicepresidente del Consiglio dei Ministri e capo dell'Ufficio per il Combustibile e l'Energia, nella miniserie firmata HBO e Sky Chernobyl (2019) si è aggiudicato il Golden Globe per il miglior attore non protagonista in una serie.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Muove i primi passi nel mondo dello spettacolo partecipando nel 1968 alla serie televisiva svedese Bombi Bitt e io (Bombi Bitt och jag). Quindi, nel 1972, accede alla Royal Dramatic Theatre, nella quale rimarrà per 16 anni. Inizia in questo periodo anche la sua carriera cinematografica, che lo vede comparire in parti di secondo piano in piccole produzioni. Il primo ruolo di rilievo arriva nel 1982 con il film Den Enfaldige mördaren di Hans Alfredson, partecipazione che gli vale l'Orso d'argento come miglior interprete maschile al Festival del cinema di Berlino, che gli consente in questo modo di raggiungere la notorietà internazionale.

Nel 1988 ottiene un piccolo ruolo nella produzione americana L'insostenibile leggerezza dell'essere di Philip Kaufman, tratto da un romanzo di Milan Kundera. Raggiunge una maggiore notorietà nel 1996 con Le onde del destino di Lars von Trier, che vinse il Gran Premio della Giuria al festival di Cannes. Lo stesso anno è nel cast di Amistad, di Steven Spielberg. Nel 1997 prende parte al film Will Hunting - Genio ribelle di Gus Van Sant.

Il successo commerciale arriva grazie alla saga della Disney Pirati dei Caraibi: Skarsgard è nel cast di La maledizione del forziere fantasma nel 2006[1][2] e di Ai confini del mondo nel 2007[3] nel ruolo di Sputafuoco Bill Turner. In seguito appare nel film L'ultimo inquisitore di Miloš Forman del 2006, nel 2008 interpreta il ruolo di Bill Anderson in Mamma Mia!, ruolo che riprenderà in Mamma Mia! Ci risiamo, mentre nel 2009 è nel cast di Angeli e demoni, diretto da Ron Howard e basato sull'omonimo romanzo di Dan Brown. Nel 2010 partecipa al film Frankie & Alice con Halle Berry.

Nel 2011 interpreta Martin Vanger nella rivisitazione di David Fincher di Millennium - Uomini che odiano le donne, film tratto dall'omonimo romanzo svedese. Sempre nel 2011 interpreta l'astrofisico Erik Selvig in Thor di Kenneth Branagh, ruolo che riprende nel 2012 nel film The Avengers[4][5], nel 2013 nel film Thor: The Dark World[6] e nel 2015 nel film Avengers: Age of Ultron.[7][8]

Nel 2013 veste i panni di Seligman in Nymphomaniac di Lars von Trier[9] e nel 2015 interpreta il Gran Duca nel film Cenerentola, diretto da Kenneth Branagh[10], con cui ha lavorato precedentemente nel film Thor. Nel 2017 partecipa al film Borg McEnroe, diretto da Janus Metz Pedersen, in cui interpreta Lennart Bergelin, ex tennista e allenatore di Björn Borg.[11][12] Nel 2019 interpreta Boris Shcherbina nella miniserie dell'HBO Chernobyl, che gli frutta una candidatura ai Premi Emmy e la vittoria ai Golden Globe come miglior attore non protagonista in una miniserie.[13]

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Dal 1975 al 2007 è stato sposato con la dottoressa My Guenther. La coppia ha avuto sei figli: Alexander (1976), Gustaf (1980), Sam (1982), Bill (1990), Eija (1992) e Valter (1995). Alexander, Gustaf, Bill e Valter hanno intrapreso la carriera di attori, mentre Eija è un'ex-modella.[14][15]

Nel gennaio 2009 ha sposato la produttrice Megan Everett, da cui ha altri due figli: Ossian (2009), e Kolbjörn (2012).[16][17]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatore[modifica | modifica wikitesto]

  • I Simpson (The Simpsons) – serie animata, ep. 32x06 (2020)

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Golden Globe
Screen Actors Guild Award
Emmy Awards
  • 2019 - Candidatura per il miglior attore non protagonista in una mini-serie o film per la televisione per Chernobyl
Festival internazionale del cinema di Berlino
European Film Awards
Guldbagge Awards
Telluride Film Festival
  • 2000 – Silver Medallion Award
Festival internazionale del cinema di Mar del Plata
Premio Amanda
  • 2010Miglior attore per En ganske snill mann
Hawaii International Film Festival
  • 2010 – Premio EuroCinema per il miglior attore per En ganske snill mann
Dublin International Film Festival
  • 2012 – Premio alla carriera
Premio Bodil
  • 2004 – Candidatura per il miglior attore non protagonista per Dogville
  • 2014 – Candidatura per il miglior attore protagonista per Nymphomaniac (vol. 1 e 2)
Premio Chlotrudis
  • 2003 – Candidatura per il miglior attore per Aberdeen
  • 2012 – Candidatura per il miglior attore per En ganske snill mann
Fangoria Chainsaw Awards
  • 2006 – Candidatura per il miglior attore per Dominion: Prequel to the Exorcist
Festival della televisione di Monte Carlo
  • 2016 – Candidatura per il miglior attore in una serie televisiva drammatica per River
People's Choice Awards
  • 2009 – Candidatura per il miglior cast per Mamma Mia!
Robert Festival
  • 2004 – Candidatura per il miglior attore non protagonista per Dogville
  • 2015 – Candidatura per il miglior attore per Nymphomaniac (vol. 1 e 2)
Satellite Award
  • 2008 – Candidatura per il miglior attore in una mini-serie o film per la televisione per God on Trial
  • 2019 – Candidatura per il miglior attore non protagonista in una serie, miniserie o film per la televisione per Chernobyl

Doppiatori italiani[modifica | modifica wikitesto]

Nelle versioni in italiano dei suoi film, Stellan Skarsgård è stato doppiato da:

Da doppiatore è sostituito da:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Rosa Esposito, Pirati dei Caraibi - La maledizione del forziere fantasma, in Cinematografo, 18 settembre 2006. URL consultato il 1º novembre 2017.
  2. ^ Fabio Vaghi, Pirati dei Caraibi 2: vediamo il trailer e il destino di Sputafuoco, in FantasyMagazine.it, 5 maggio 2006. URL consultato il 1º novembre 2017.
  3. ^ Pirati dei Caraibi: Ai confini del Mondo - Film (2007), su ComingSoon.it. URL consultato il 1º novembre 2017.
  4. ^ (EN) Tom Hiddleston & Stellan Skarsgård Talk Loki In 'The Avengers', in Screen Rant, 2 settembre 2011. URL consultato il 1º novembre 2017.
  5. ^ (EN) Stellan Skarsgard To Reprise His Thor Role In The Avengers, in Bleeding Cool, 4 marzo 2011. URL consultato il 1º novembre 2017.
  6. ^ Andrea Francesco Berni, Stellan Skarsgard in Thor 2, in BadTaste.it, 28 giugno 2012. URL consultato il 1º novembre 2017.
  7. ^ (EN) Adam Chitwood, Stellan Skarsgard Says He Has a Role in AVENGERS: AGE OF ULTRON, in Collider, 18 agosto 2014. URL consultato il 1º novembre 2017.
  8. ^ Andrea Francesco Berni, Stellan Skarsgård sarà ancora Erik Selvig in Avengers: Age of Ultron, in BadTaste.it, 17 agosto 2014. URL consultato il 1º novembre 2017.
  9. ^ Filippo Magnifico, Stellan Skarsgård parla di Nymphomaniac: «Adoro lavorare con Lars Von Trier», in ScreenWEEK.it Blog, 16 gennaio 2014. URL consultato il 1º novembre 2017.
  10. ^ Chiara Ugolini, Cenerentola, Branagh tradisce Disney e le dà i superpoteri, in La Repubblica, 11 marzo 2015. URL consultato il 1º novembre 2017.
  11. ^ (EN) Stellan Skarsgard on Borg McEnroe: 'It transcended from being sport into a drama', in The Independent, 18 settembre 2017. URL consultato il 1º novembre 2017.
  12. ^ Stefania Albani, Stellan Skarsgård, Sverrir Gudnason e Shia Le-Beouf nel film Borg vs McEnroe, su IVidBlog, 14 maggio 2016. URL consultato il 1º novembre 2017.
  13. ^ Filippo Magnifico, Emmy 2019 – Le nomination della 71ma edizione, su ScreenWEEK.it Blog, 16 luglio 2019. URL consultato il 16 luglio 2019.
  14. ^ (EN) Elena Nicolaou, A Handy Guide To The Vast & Talented Skarsgård Family, in Refinery29, 7 settembre 2017. URL consultato il 1º novembre 2017.
  15. ^ (EN) Lizzie Enfield, Stellan Skarsgård: my family values, in The Guardian, 27 novembre 2015. URL consultato il 1º novembre 2017.
  16. ^ (EN) Stellan Skarsgard, 61, Welcomes Baby Number 8, in The Hollywood Reporter, 24 agosto 2012. URL consultato il 1º novembre 2017.
  17. ^ Stellan Skarsgard padre per l'ottava volta a 61 anni, in Gossipblog.it, 26 agosto 2012. URL consultato il 1º novembre 2017.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN80370510 · ISNI (EN0000 0001 1449 5516 · LCCN (ENno97071139 · GND (DE135939836 · BNE (ESXX1295609 (data) · BNF (FRcb14026452x (data) · J9U (ENHE987007447688005171 (topic) · WorldCat Identities (ENlccn-no97071139