István Szabó (regista)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
István Szabó

István Szabó (IPA: [ˈiʃtvaːn ˈsɒboː]) (Budapest, 18 febbraio 1938) è un regista e sceneggiatore ungherese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Di origine ebraica (la famiglia si convertí al cattolicesimo quando lui era ancora bambino)[1][2], Szabó debuttò con i cortometraggi A Hetedik napon (1959) e Plakátragasztó (1960), ma il suo primo film di una certa rilevanza fu Almodozasok kora (L'età delle illusioni, del 1964), cui fecero seguito altri lungometraggi che ebbero una limitata diffusione al di fuori del suo paese di origine (fra cui il pregevole Bizalom, del 1979). Szabó si impose a livello internazionale solo agli inizi degli anni ottanta, con Mephisto (1981). Buona accoglienza da parte della critica e del grande pubblico hanno avuto anche Il colonnello Redl (1985), La notte dei maghi (1988) e Sunshine (1999).

Filmografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Cortometraggi[modifica | modifica wikitesto]

  • A Hetedik napon (1959)
  • Plakátragasztó (1960)
  • Variaciok egy témara (1961)
  • Koncert (1963)
  • Te (1963)
  • Kresz-mese gyerekeknek (1965)
  • Kegyelet (1967)

Lungometraggi[modifica | modifica wikitesto]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Golden Globe

Festival di Cannes

Premio FIPRESCI per Mephisto
Candidatura alla Palma d'oro per Mephisto
Candidatura alla Palma d'oro per Il colonnello Redl

Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia

Festival internazionale del cinema di Berlino

Premio INTERFILM, raccomandazione speciale per La fiducia
Candidatura all'Orso d'oro per La fiducia
Premio della giuria ecumenica, menzione speciale per Dolce Emma, cara Bobe
Candidatura all'Orso d'oro per Dolce Emma, cara Bobe

Locarno Festival

Premio della giuria ecumenica per Via dei pompieri N. 25

British Academy Film Awards

  • 1986 – Miglior film non in lingua inglese per Il colonnello Redl (condiviso con Manfred Durniok)

European Film Awards

Candidatura per il miglior film per Sunshine

David di Donatello

Candidatura per il miglior regista straniero per Mephisto

Festival cinematografico internazionale di Mosca

  • 1967 – Grand Prix per Il padre
  • 2005 – Premio Speciale per l'eccezionale contributo al mondo del cinema
  • 2006 – Candidatura al Giorgio d'Oro per Rokonok
  • 2012 – Candidatura al Giorgio d'Oro per The Door

Chicago International Film Festival

  • 1974 – Candidatura al Gold Hugo per il miglior lungometraggio per Via dei pompieri N. 25

Nastro d'argento

Copenhagen International Film Festival

  • 2004 – Premio alla carriera

Festival internazionale del cinema di Mar del Plata

Premio SIGNIS per A torto o a ragione
Candidatura all'Astor d'oro al miglior film per A torto o a ragione

Flanders International Film Festival Ghent

  • 2006 – Candidatura al Grand Prix per Rokonok
  • 2013 – Premio onorario Joseph Plateau

Hungarian Film Critics Awards

FEST

  • 2018 – Belgrade Victor per l'eccezionale contributo al mondo del cinema

Film by the Sea

  • 2005 – Premio alla carriera

Flaiano Film Festival

  • 2002 – Miglior regista per A torto o a ragione
  • 2014 – Premio alla carriera

Prize of the Guild of German Art House Cinemas

  • 1983 – Miglior film straniero per Mephisto

Efebo d'oro

  • 1982 – Miglior film per Mephisto

International Istanbul Film Festival

  • 1998 – Premio alla carriera

Jameson CineFest - Miskolc International Film Festival

  • 2013 – Premio alla carriera

Busan International Film Festival

  • 2006 – Handprinting

SESC Film Festival

  • 1984 – Premio della critica per il miglior film straniero per Mephisto

Tallinn Black Nights Film Festival

  • 2013 – Premio alla carriera

Undine Awards

  • 2008 – Premio alla carriera

Festival du film d'aventures de Valenciennes

  • 2002 – Premio della giuria per A torto o a ragione

Writers Guild of Canada

  • 2000 – Premio WGC per Sunshine (condiviso con Israel Horovitz)

Bangkok International Film Festival

  • 2005 – Candidatura per il miglior film per La diva Julia - Being Julia

Independent Spirit Awards

Genie Award

  • 2000 – Candidatura per il miglior regista per Sunshine

Premio Goya

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ "Istvan Szabo Biography," <http://www.filmreference.com/film/58/Istvan-Szabo.html>, Film Reference. Retrieved 6 May 2012.
  2. ^ David Paul, “An Excerpt from ‘István Szabó,’” David W. Paul, 6 May 2012 <http://home.comcast.net/~dwp1944/Szabo.htm>.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN74042594 · ISNI (EN0000 0001 1029 5453 · LCCN (ENn78056193 · GND (DE119160188 · BNF (FRcb139449352 (data) · NLA (EN36271117