Will Hunting - Genio ribelle

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Will Hunting - Genio ribelle
Will Hunting - Genio ribelle (1997).png
Will Hunting (Matt Damon) nello studio di Sean
Titolo originaleGood Will Hunting
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno1997
Durata126 min
Rapporto1,85:1
Generedrammatico
RegiaGus Van Sant
SceneggiaturaMatt Damon, Ben Affleck
ProduttoreLawrence Bender
FotografiaJean Yves Escoffier
MontaggioPietro Scalia
MusicheDanny Elfman
ScenografiaMelissa Stewart
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Will Hunting - Genio ribelle (Good Will Hunting) è un film del 1997 diretto da Gus Van Sant e interpretato da Matt Damon, Robin Williams, Ben Affleck, Stellan Skarsgård e Minnie Driver.

Girato a Boston, Massachusetts,[1] racconta la storia di un ragazzo prodigio che fa le pulizie al Massachusetts Institute of Technology (MIT).

Il film è dedicato alla memoria del poeta Allen Ginsberg e dello scrittore William S. Burroughs, entrambi morti nel 1997.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

In un quartiere povero di Boston Will Hunting, vent'anni, vive in modo precario e scombinato insieme ad alcuni amici, tra cui spicca il suo migliore amico Chuckie, e guadagna qualcosa pulendo i pavimenti nel dipartimento di matematica del famoso Massachusetts Institute of Technology (MIT). La sera esce e si svaga bevendo litri di birra insieme ai suoi compagni e spesso è protagonista di risse da strada; inoltre ha notevoli problemi a rapportarsi con persone che si trovano fuori della sua ristretta cerchia di conoscenze.

Nel tempo libero, aiutato da una prodigiosa memoria fotografica, legge moltissimi libri di ogni genere e possiede una vasta cultura in campi completamente diversi: storia, matematica, filosofia, letteratura, scienze, ecc. Tuttavia il vero talento di Will si rivela nella matematica, che riesce a padroneggiare fino ai livelli più alti e sofisticati grazie a enormi capacità logiche e di calcolo.

Un giorno, lavando i pavimenti dell'istituto, dal corridoio vede un problema molto difficile su una lavagna: l'esercizio proposto è stato scritto dal professor Gerald Lambeau, docente di matematica, come sfida ai suoi studenti. Molti ragazzi provano a risolverlo, ma nessuno vi riesce. Will osserva quel problema e arrivato a casa dopo una serata con i suoi amici lo studia e lo risolve, scrivendolo sullo specchio del bagno. Il giorno successivo arriva prima dell'orario di inizio di lavoro all'istituto e scrive la soluzione del problema sulla lavagna.

La notizia che qualcuno ha risolto l'esercizio fa il giro della facoltà in un batter d'occhio e alla lezione successiva del professor Lambeau è presente tantissima gente che vuole sapere chi sia il genio misterioso che vi è riuscito. Lambeau dice di non saperlo e lo invita a mostrarsi al pubblico e a riscuotere la meritata gloria, ma nessuno si fa avanti: Lambeau decide di mettere alla prova questa persona con un nuovo esercizio molto più complesso del precedente, ovvero trovare tutti i grafi non omeomorfi composti da dieci nodi.

Mentre è impegnato a scrivere la soluzione, Will viene scoperto dal professor Lambeau e da un suo assistente. Inizialmente i due pensano che stesse solo imbrattando le lavagne e lo sgridano; lui scappa via mandando a quel paese i due che non riescono nemmeno a vederlo in faccia, poi l'assistente scopre che il ragazzo ha in realtà risolto il problema.

Nel frattempo Will conosce Skylar, una ragazza studente a Harvard, e viene arrestato per una rissa di strada. Lambeau lo va a trovare in prigione e gli dice che gli può procurare la libertà a patto che frequenti lezioni di matematica e si veda settimanalmente con uno psicologo.

Dopo aver preso in giro e messo in fuga molti psicologi, Will incontra il dottor Sean Maguire con cui, dopo un inizio titubante, instaura un bel rapporto e che gli starà vicino nei momenti difficili. Maguire viene dal suo stesso ambiente, anche lui ha subito abusi dal padre e il cancro gli ha ucciso la moglie. Per Will i problemi derivanti dal suo genio sono maggiori dei benefici, infatti Lambeau gli procura costantemente colloqui per posti di lavoro che lui sistematicamente rifiuta e in uno di questi manda addirittura Chuckie al suo posto. Questo accende l'ira di Lambeau a cui si aggiunge l'invidia quando si rende conto che Will fa progressi incredibili e che lo ha già ampiamente superato.

L'unico che sembra poter aiutare Will è Sean che cerca di insegnare al ragazzo il significato di un vero rapporto raccontandogli aneddoti della propria vita coniugale e mostrando indirettamente come si trovi in una situazione analoga alla sua: la morte della moglie è un evento che lo psicologo non ha affatto superato e per questo si rifiuta di imbarcarsi nuovamente in una relazione temendo di soffrire nuovamente.

Anche Skylar, pur essendo profondamente innamorata di Will, fa fatica ad accettare di essere costretta a studiare per ore per ottenere scarsi risultati mentre lui in poco tempo è capace di fare meglio. Emblematico è l'esempio in cui lui le propone un appuntamento, lei dice che non può perché da giorni cerca di risolvere un complesso problema di chimica e il termine di consegna si avvicina pericolosamente, allora lui va da solo in un bar e torna da lei pochi minuti più tardi con un tovagliolo con su scritta la soluzione del problema. Inoltre anche lui nutre seri dubbi sulla loro relazione, a causa del suo carattere scontroso e della sua incapacità di aprirsi agli altri.

Quando Skylar gli chiede di andare in California con lui i due litigano e Will, impaurito dalla possibilità che la loro storia vada male, decide di lasciarla dicendole che non l'ama. Skylar, triste, parte da sola. Pochi giorni dopo Sean gli mostra il fascicolo che Lambeau ha riempito con i presunti "problemi mentali" che, secondo il professore e i precendenti psicologi, Will ha; il ragazzo spiega che la rottura con Skylar è accaduta a causa di ciò che il professore sostiene ed è implicito il fatto che l'orfano si colpevolizzi di tutto quello che ha subìto durante l'infanzia e la prima adolescenza. Sean lo consola dicendogli che non è assolutamente colpa sua e Will, alla fine, scoppia a piangere; lo psicologo, con fare paterno, lo abbraccia e gli dice di non dare retta alle parole di Lambeau. Will, parlando con Chuckie, ammette che per lui non sarebbe un problema fare il muratore tutta la vita, ma l'amico, che lo ha sempre appoggiato, gli dice che invece dovrebbe sfruttare il dono che ha per costruirsi una vita migliore: Will ha delle possibilità che tutti, soprattutto Chuckie e gli altri amici, vorrebbero avere e le sta sprecando per codardia e paura di cambiare. Will nega, ma Chuckie lo zittisce dicendogli che la parte migliore della sua giornata sono i pochi secondi che impiega quando va a prenderlo in auto tutti i giorni, perché lungo il tragitto spera che Will se ne sia andato via senza una parola per costruirsi un futuro.

Alla fine però Will capisce che nella vita bisogna avere coraggio quindi accetta una delle proposte lavorative e ringrazia per l'aiuto Sean, che nel frattempo ha deciso di prendersi un anno sabbatico e di viaggiare per il mondo in modo da riorganizzare la propria vita. Qualche tempo dopo Chuckie va a prendere Will come ogni mattina ma la casa è vuota: Will ha deciso di lasciar perdere il lavoro offertogli da Lambeau e di raggiungere Skylar in California, con gran gioia dell'amico e dello psicologo.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Ben Affleck e Matt Damon scrissero originariamente la sceneggiatura come una sorta di thriller incentrato su un giovane uomo, residente nei bassifondi di Boston, la cui intelligenza superiore viene notata dall'FBI che vorrebbe reclutarlo come agente segreto. Successivamente Rob Reiner, il presidente della Castle Rock Entertainment, chiese loro di eliminare gli aspetti thriller della storia per focalizzarsi sul rapporto tra Will Hunting e il suo psicologo. Su richiesta di Reiner, il noto sceneggiatore William Goldman lesse il copione e suggerì che il punto focale del film avrebbe dovuto essere la decisione di Will di seguire la propria ragazza in California. Goldman ha sempre negato categoricamente le persistenti voci circa le quali sarebbe stato il vero autore dello script di Good Will Hunting.[2] Nel suo libro di memorie Which Lie Did I Tell? Goldman scherzò a proposito di queste voci scrivendo: "Non l'ho solo supervisionato. Lo scrissi io dall'inizio alla fine!",[2] prima di liquidare queste affermazioni come dicerie senza fondamento.

La Castle Rock acquistò la sceneggiatura per 675.000 dollari anziché i 775.000 richiesti, adducendo il fatto che Affleck e Damon avrebbero ricevuto un pagamento aggiuntivo di altri 100.000 dollari se il film fosse entrato in produzione e concedendo loro i diritti d'autore. Tuttavia molte case di produzione non volevano Affleck e Damon nei ruoli principali, preferendo star affermate come Brad Pitt e Leonardo DiCaprio. Alla fine fu la Miramax a rilevare i diritti dalla Castle Rock, mettendo in produzione l'opera.

Dopo l'acquisizione dei diritti, la Miramax diede il via libera alla lavorazione del film. Per la regia furono presi in considerazione diversi nomi famosi come Mel Gibson, Michael Mann e Steven Soderbergh. Inizialmente Affleck aveva chiesto che fosse Kevin Smith a dirigere la pellicola. Smith però declinò l'offerta e di conseguenza Affleck e Damon scelsero Gus Van Sant, con l'approvazione finale della Miramax.

Riprese[modifica | modifica wikitesto]

Will Hunting - Genio ribelle venne girato a Boston e Toronto tra aprile e giugno del 1997. Anche se la storia è ambientata a Boston, gran parte del film venne girata in Canada a Toronto, utilizzando gli interni della Università di Toronto come fossero quelli del MIT e dell'Università di Harvard. Le scene nelle aule scolastiche furono girate nel McLennan Physical Laboratories dell'università di Toronto e nella Central Technical School. Inizialmente Harvard non autorizzò riprese all'interno delle sue proprietà, ma in seguito concesse l'utilizzo di alcune location dopo l'intercessione dell'attore John Lithgow, ex studente di Harvard.[3] Similmente solo gli esterni del Bunker Hill Community College furono filmati a Boston; tuttavia l'ufficio di Sean ricostruito a Toronto era una replica esatta di uno di quelli del college.[4]

Il ristorante dove Lambeau incontra Sean è il Locke-Ober, a Winter Place. Il locale ha chiuso nel 2012.[5] Le scene girate nel bar "Southie" provengono dalla Woody's L St. Tavern di Boston.[6] Le case di Will (190 West 6th Street) e Sean (261 E Street), anche se distanti nella finzione filmica, in realtà sono situate vicine sulla medesima strada, la Bowen Street.[7][8] Il "Bow and Arrow Pub", che si trovava all'angolo tra Bow Street e Massachusetts Avenue a Cambridge, funse da bar degli studenti di Harvard dove Will incontra Skylar per la prima volta.[9][10] La scena del primo bacio tra Will e Skylar venne girata al The Tasty, oggi rimpiazzato da una banca, all'angolo tra JFK e Brattle Street.[11]

Il cast contribuì considerevolmente alla riuscita dell'opera con improvvisazioni sul set di vario genere. Robin Williams, Ben Affleck e Minnie Driver diedero ciascuno significativi contributi alla psicologia dei loro personaggi. L'ultima frase pronunciata da Robin Williams nel film, come anche la scena in cui racconta della flatulenza notturna della moglie defunta, furono totalmente improvvisate dall'attore e colsero di sorpresa tutta la troupe. Secondo quanto dichiarato da Damon nel commento audio all'edizione in DVD del film, ciò causò un'esplosione di ilarità da parte di un cameraman e nella scena è visibile un leggero ondeggiamento della telecamera dovuto alle risa dell'uomo.

Colonna sonora[modifica | modifica wikitesto]

La canzone Miss Misery fu nominata per l'Oscar alla migliore canzone nel 1998 e perse contro My Heart Will Go On di Céline Dion, tratta dal film Titanic.

La colonna sonora del film è stata pubblicata il 18 novembre 1997 dall'etichetta discografica Capitol Records.[12]

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. Between the Bars - Elliott Smith
  2. As the Rain - Jeb Loy Nichols
  3. Angeles - Elliott Smith
  4. No Name #3 - Elliott Smith
  5. Fisherman's Blues - The Waterboys
  6. Why Do I Lie? - Luscious Jackson
  7. Will Hunting (Main Titles) - Danny Elfman & Steve Bartek
  8. Between the Bars - Elliott Smith
  9. Say Yes - Elliott Smith
  10. Baker Street - Gerry Rafferty
  11. Somebody's Baby - Andru Donalds
  12. Boys Better - The Dandy Warhols
  13. How Can You Mend a Broken Heart - Al Green
  14. Miss Misery - Elliott Smith
  15. Weepy Donuts - Danny Elfman & Steve Bartek

Afternoon Delight degli Starland Vocal Band compare come sigla di chiusura dopo Miss Misery, ma non nella colonna sonora ufficiale.

Promozione[modifica | modifica wikitesto]

Slogan promozionali[modifica | modifica wikitesto]

(EN)

«Wildly charismatic. Impossibly brilliant. Totally rebellious. For the first 20 years of his life, Will Hunting has called the shots. Now he's about to meet his match.»

(IT)

«Selvaggio. Geniale. Ribelle. Nei primi vent'anni della sua vita Will Hunting ha ignorato ogni regola, ora sta per incontrare chi gli può tenere testa.»

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Incassi[modifica | modifica wikitesto]

La pellicola incassò 138 433 435 $ in Nord America[13] e 87 500 000 $ nel resto del mondo,[13] per una somma totale di 225 933 435 $.[13]

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Il film venne accolto con ottime critiche. Sul sito Rotten Tomatoes registra il 97% delle recensioni professionali positive, definendolo "un dramma divertente e ricco di emozioni".[14] Su IMDb ha una valutazione positiva di 8,3/10.[15] Su Metacritic ha invece un punteggio di 70 su 100 basato su 28 recensioni.[16]

Roger Ebert diede al film un giudizio di tre stelle su quattro, scrivendo che anche se la storia era "prevedibile", sono "i singoli momenti, non lo sviluppo, che la rendono così efficace".[17]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Filming locations for Will Hunting - Genio ribelle (1997), Internet Movie Database. URL consultato il 5 settembre 2011.
  2. ^ a b Goldman, William (2001). Which Lie Did I Tell?: More Adventures in the Screen Trade. Vintage. pag. 333. ISBN 0-375-70319-5
  3. ^ (EN) Then and Now: Revisiting 'Good Will Hunting', boston.com. URL consultato l'8 febbraio 2015 (archiviato dall'url originale il 6 ottobre 2014).
  4. ^ (EN) Then and Now: Revisiting 'Good Will Hunting', boston.com. URL consultato l'8 febbraio 2015 (archiviato dall'url originale il 6 ottobre 2014).
  5. ^ "Locke-Ober restaurant is closed for business" - Boston Globe, October 21, 2012
  6. ^ Gabrielle Dunn, Famous Movie Locations: Woody's L Street Tavern in 'Good Will Hunting' (Boston) - The Moviefone Blog, Blog.moviefone.com, 3 giugno 2010. URL consultato il 23 maggio 2013 (archiviato dall'url originale il 3 dicembre 2012).
  7. ^ (EN) Then and Now: Revisiting 'Good Will Hunting', boston.com. URL consultato l'8 febbraio 2015 (archiviato dall'url originale il 6 ottobre 2014).
  8. ^ 'Behind the Scenery' - The Boston Globe, November 25, 2007
  9. ^ (EN) Then and Now: Revisiting 'Good Will Hunting', boston.com. URL consultato l'8 febbraio 2015 (archiviato dall'url originale il 6 ottobre 2014).
  10. ^ One Bow Street - Crosspoint Associates Archiviato il 2 marzo 2014 in Internet Archive.
  11. ^ (EN) Then and Now: Revisiting 'Good Will Hunting', boston.com. URL consultato l'8 febbraio 2015.
  12. ^ (EN) Good Will Hunting, Allmusic.com. URL consultato il 5 settembre 2011.
  13. ^ a b c (EN) Will Hunting - Genio ribelle, su Box Office Mojo. URL consultato il 5 settembre 2011. Modifica su Wikidata
  14. ^ (EN) Will Hunting - Genio ribelle, in Rotten Tomatoes, Flixster Inc. URL consultato il 4 luglio 2018. Modifica su Wikidata
  15. ^ (EN) Will Hunting - Genio ribelle, su Internet Movie Database, IMDb.com. URL consultato il 4 luglio 2018. Modifica su Wikidata
  16. ^ (EN) Will Hunting - Genio ribelle, su Metacritic, CBS Interactive Inc. URL consultato il 4 luglio 2018. Modifica su Wikidata
  17. ^ (EN) Good Will Hunting Movie Review, su rogerebert.com, 25 dicembre 1997. URL consultato il 4 luglio 2018.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema