Ted Kotcheff

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Ted Kotcheff, all'anagrafe William Theodore Kotcheff, nato Velichko Todorov Tsochev[1][2] (Toronto, 7 aprile 1931), è un regista canadese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Gli inizi[modifica | modifica wikitesto]

Kotcheff nasce a Toronto, nell'Ontario, il 7 aprile del 1931 da padre bulgaro originario di Plovdiv e da madre slavo-macedone, nata a Prespes, nella Macedonia Occidentale (in Grecia), ma cresciuta a Varna (in Bulgaria)[3][4][5][6][7][8][9][10][11]. Inizia giovanissimo la sua carriera alla televisione canadese (alternandola anche con regie per il teatro), per poi spostarsi alla BBC inglese, terra in cui dirige i suoi primi lungometraggi.

Il passaggio al grande schermo[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver diretto attori del calibro di James Mason e Jean Simmons, il primo passo importante arriva, una volta tornato in Canada, nel 1974 con Soldi ad ogni costo (The Apprenticeship of Duddy Kravitz), pluripremiato film (Orso d'Oro al Festival di Berlino), interpretato da un giovane Richard Dreyfuss. Il successo gli permette di girare Non rubare... se non è strettamente necessario (1975) (Fun with Dick and Jane) commedia interpretata da Jane Fonda e George Segal, e il comico sportivo I mastini del Dallas (1979) con Nick Nolte. Nel 1982 la Warner Bros lo ingaggia per dirigere Rambo (First Blood) - che inizialmente doveva essere diretto da Mike Nichols - : il film, tratto da un libro di David Morrell, è un'amara riflessione sul trattamento riservato ai reduci del Vietnam in una nazione in corto circuito sociale. Rambo diventa un cult e un successo planetario che genererà tre seguiti (non diretti da Kotcheff). La fama raggiunta gli permette di girare un anno dopo Fratelli nella notte (Uncommon Valor) (1983), con un ricchissimo cast, ambientato proprio in Vietnam. La sua carriera continua a fasi alterne, passando dalla commedia (suo il famoso Weekend con il morto -Weekend at Bernie's- 1989) al film d'azione, ma perdendo un po' dello smalto dei primi tempi. Nel 1989 dirige uno dei suoi film da lui stesso considerati più personali, Gente del Nord (Winter People): un melodramma romanzato ambientato tra i boschi del North Carolina nel 1934, tratto da un libro di John Ehle. "Una passione così forte che uccide" recitava lo slogan del film (recitato da Kurt Russell, Kelly McGillis, Lloyd Bridges e Mitchelle Ryan), un dramma rustico che trasporta lo spettatore dentro una storia passionale un po' come quelle di una volta.[12] Dalla fine degli anni novanta Kotcheff è ritornato in televisione, dove produce e codirige la serie Law & Order.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Capital.bg, 20 въпроса: Тед Кочев, su capital.bg. URL consultato il 5 agosto 2016.
  2. ^ Ted Kotcheff Biography (1931-), su www.filmreference.com. URL consultato il 5 agosto 2016.
  3. ^ Slaviani, Tom 24, Slavianski komitet v Bŭlgaria, Komitet za bŭlgarite v chuzb̈ina, 1968, str. 87.
  4. ^ Encyclopedia of Canada's peoples - Paul R. Magocsi, Multicultural History, pp. 287 - 292, University of Toronto Press, 1999, ISBN 0-8020-2938-8, Books.google.bg. URL consultato l'11 maggio 2011.
  5. ^ The Macedonian Conflict: Ethnic Nationalism in a Transnational World, pp. 85-89, by Loring M. Danforth: "The largest number of Slavic-speaking immigrants from Macedonia came to the United States during the first decades of the twentieth century, at which time they identified themselves either as Bulgarians or as Macedonian-Bulgarians".
  6. ^ The apprenticeship of Ted Kotcheff | Toronto Star, su thestar.com. URL consultato il 5 agosto 2016.
  7. ^ Duddy and Me | By Alec Scott | Summer 2016 | University of Toronto Magazine, su www.magazine.utoronto.ca. URL consultato il 5 agosto 2016.
  8. ^ (EN) Yale Richmond, From Da to Yes: Understanding the East Europeans, Intercultural Press, 1º gennaio 1995, ISBN 978-1-877864-30-8.
  9. ^ (EN) Jay Leyda, Voices of film experience: 1894 to the present, Macmillan, 1º gennaio 1977.
  10. ^ (EN) Gene Brown, The New York Times encyclopedia of film, Times Books, 1º gennaio 1984, ISBN 978-0-8129-1059-9.
  11. ^ [1] Duddy and Me ()They were both immigrants from Bulgaria, she was of Macedonian descent
  12. ^ Recensione: GENTE DEL NORD di Ted Kotcheff (USA, Winter People, 1989), cinemaout.wordpress.com, 25 dicembre 2011. URL consultato il 21 settembre 2014.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN102598085 · ISNI (EN0000 0001 1031 9398 · LCCN (ENn92063199 · GND (DE13974617X · BNF (FRcb14039664d (data)