X-Files

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – "The X-Files" rimanda qui. Se stai cercando altri significati, vedi X-Files (disambigua).
X-Files
The X-Files logo.svg
Titolo originale The X-Files
Paese Stati Uniti d'America
Anno 1993-2002
Formato serie TV
Genere drammatico, thriller, horror, fantascienza
Stagioni 9
Episodi 202
Durata 44 min ca.(episodio)
Lingua originale inglese
Caratteristiche tecniche
Rapporto 4:3 (st. 1-4)
16:9 (st. 5-9)
Colore colore (eccetto episodio 102 in B/N)
Audio Dolby
Crediti
Ideatore Chris Carter
Interpreti e personaggi
Doppiatori e personaggi
Musiche Mark Snow
Produttore esecutivo Chris Carter, R. W. Goodwin, Howard Gordon, Frank Spotnitz, Vince Gilligan, John Shiban, Kim Manners, Glen Morgan, James Wong, Michelle MacLaren, Michael W. Watkins, David Greenwalt
Casa di produzione Ten Thirteen Productions, 20th Television (1993-95), 20th Century Fox Television (1995-2002)
Prima visione
Prima TV Stati Uniti d'America
Dal 10 settembre 1993
Al 19 maggio 2002
Rete televisiva Fox
Prima TV in italiano (gratuita)
Dal 29 giugno 1994
Al 25 agosto 2002
Rete televisiva Canale 5 (st. 1)
Italia 1 (st. 2-9)
Opere audiovisive correlate
Inserti X-Files - Il film (tra la stagione 5 e 6)
Seguiti X-Files - Voglio crederci
X-Files (miniserie/10ª stagione)
Spin-off The Lone Gunmen

X-Files (The X-Files) è una serie televisiva statunitense ideata da Chris Carter e trasmessa tra il 1993 e il 2002 dalla Fox.

La serie vede protagonisti due agenti dell'FBI, interpretati da David Duchovny e Gillian Anderson, la cui attività si caratterizza per indagare su particolari casi di natura paranormale, che richiamano varie sottotematiche del cinema dell'orrore e della fantascienza, tra i quali creature leggendarie, teorie del complotto, mutazioni genetiche, percezioni extrasensoriali, intelligenza artificiale, UFO e alieni.

Molti degli episodi sono narrativamente autoconclusivi, presentando la formula del "mostro della settimana", ma alcuni presentano in tutto o in parte temi ricorrenti, sviluppi narrativi nel loro insieme noti come la "mitologia" della serie; in particolare la trama orizzontale si incentra nel tentativo dei protagonisti di svelare un complotto riguardante una prossima invasione aliena. Nel corso di anni di indagini Fox Mulder e Dana Scully scopriranno infatti che un gruppo di persone, facente parte di un misterioso consorzio infiltrato nel cuore del governo statunitense, ha instaurato contatti con una civiltà extraterrestre allo scopo di sviluppare assieme una generazione di ibridi umano-alieni e al contempo un virus/vaccino con un duplice obiettivo: quello "ufficiale" di agevolare agli alieni la conquista della Terra, e quello "ufficioso" di salvare, mediante il vaccino, se stessi ed i propri cari dal conseguente sterminio previsto con l'invasione.

X-Files è stata accolta da un grande successo di critica e di pubblico, ottenendo importanti riconoscimenti come il Golden Globe per la miglior serie drammatica, affermandosi presto come un cult e un classico della televisione di fantascienza, punto di riferimento e fonte di ispirazione per molte opere successive. Al raggiungimento della sua nona e ultima stagione, nel 2002, era anche la serie di fantascienza più longeva nella storia della televisione statunitense, primato negli anni seguenti superato da fiction come Smallville e Stargate SG-1.[1]

Tra la quinta e la sesta stagione è stata tratta un'omonima prima pellicola cinematografica, uscita nelle sale statunitensi il 19 giugno 1998, mentre un ulteriore film sequel, X-Files - Voglio crederci, è stato distribuito in patria dal 25 luglio 2008. Dal 24 gennaio 2016 è trasmessa anche una miniserie televisiva "evento", X-Files, nota anche come 10ª stagione, in cui i protagonisti riprendono i loro ruoli.[2]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

(EN)

« The Truth is Out There. »

(IT)

« La verità è là fuori. »

(Tagline della serie.[3])

Fox William Mulder è un singolare agente dell'FBI: lavora in un settore chiamato appunto X-Files, un archivio dove vengono catalogati e raccolti tutti i casi ritenuti inspiegabili e di supposta natura soprannaturale. La passione di Mulder per tale genere di casi deriva dall'ossessione sviluppata dal traumatico rapimento della sorella, avvenuto, a suo dire, da parte degli alieni quando aveva dodici anni. Da quando è entrato nell'FBI si è occupato di cercare di dare spiegazioni e raggiungere la verità prestando fede a prove e testimonianze ritenute "impossibili" o prive di credito da parte dei suoi colleghi e della comunità accademica. All'inizio della serie gli viene affiancato un partner dai suoi superiori, Dana Katherine Scully, medico e scienziata che utilizzando le sue competenze scientifiche avrebbe il compito di screditare le bizzarre tesi di Mulder. In realtà con il passare del tempo anche lei si troverà di fronte a fatti in grado di scuotere le sue certezze e la sua fede nella "scienza ufficiale".[4]

Nel corso di anni di indagini in cui hanno a che fare con svariati casi di creature mostruose, esperimenti segreti, virus letali e rapimenti alieni, raccolgono indizi che sveleranno l'esistenza di un complotto ordito da un'enigmatica organizzazione nota come il Consorzio, che mira a tenere nascosta l'esistenza di vita extraterrestre intelligente e a facilitare una futura occupazione, che prevede lo sterminio degli umani, da parte di una razza di alieni chiamata Colonizzatori.

Prima stagione[modifica | modifica wikitesto]

L'ufficio di Mulder con l'iconico poster, recante il motto "I Want To Believe", divenuto uno dei simboli della serie

L'agente speciale dell'FBI Fox Mulder si è guadagnato la nomea di "Spooky Mulder" occupandosi prevalentemente dei cosiddetti X-Files, casi irrisolti ai quali è attribuita una presunta origine paranormale. Per tali investigazioni gli viene assegnata una partner, Dana Scully, i cui superiori sperano sia in grado di sfatare e screditare il suo lavoro. Il loro primo caso insieme è l'indagine su possibili rapimenti alieni nell'Oregon, che vacilla quando la loro principale prova rimane distrutta in un incendio.[5]

A partire da un caso successivo, riguardante la scomparsa di un pilota dell'United States Air Force, iniziano ad avvalersi dell'informatore anonimo Gola Profonda (Deep Throat), che fornisce loro varie informazioni sensibili.[6][7] In seguito potranno contare anche sull'aiuto dei Pistoleri Solitari (The Lone Gunmen), un trio di hacker cospirazionista.[8][9] Gola Profonda rimane tuttavia presto ucciso mentre tenta di aiutare gli agenti a svelare l'esistenza di un programma governativo di clonazione umana, tentativo che porterà alla chiusura dell'unità X-Files.[10][11]

Seconda stagione[modifica | modifica wikitesto]

Senza poter continuare il suo lavoro con Scully, Mulder ottiene informazioni su un possibile contatto extraterrestre nel Puerto Rico, scoprendo che il programma SETI presso il radiotelescopio di Arecibo è in procinto di chiudere.[12][13] Alla coppia viene in seguito consentito di riprendere il lavoro sugli x-files. Scully viene rapita da un instabile personaggio vittima di molteplici rapimenti alieni, Duane Barry. Barry porta Scully su una collina dove viene rapita, apparentemente da alieni.[14][15][16] Viene ritrovata in un secondo momento in stato comatoso nei pressi di un ospedale, recuperando le forze diversi giorni dopo.[17][18] Mulder riceve una telefonata dal padre, dal quale apprende che la sorella Samantha, rapita da bambina, ha fatto ritorno. Samantha viene inseguita da un cacciatore di taglie mutaforma che ha già assassinato vari cloni umani. Samantha viene uccisa, anche se è poi rivelato che si trattava solo di uno di diversi cloni creati con tessuto alieno dai colonizzatori allo scopo di produrre ibridi umani-alieni.[19][20][21]

I Pistoleri Solitari riferiscono a Mulder e Scully del riuscito tentativo di un loro amico di penetrare il sistema informatico del Dipartimento della Difesa. L'hacker, Kenneth Soona, riesce a consegnare a Mulder le sue scoperte su una cassetta digitale, ma viene presto assassinato. I file consegnati sono inoltre scritti in lingua navajo; Mulder si deve quindi rivolgere ad un uomo Navajo, Albert Hosteen, per capirne i contenuti. Il nipote di Hosteen fa vedere all'agente un vagone abbandonato contenente quelli che sembrano corpi alieni. Mentre è all'interno del vagone, sul posto sopraggiunge l'uomo che fuma, antagonista principale della serie, che dà fuoco al vagone.[19][22]

Terza stagione[modifica | modifica wikitesto]

Mulder viene ritrovato e salvato da Hosteen. Nel frattempo, Scully indaga sul possibile collegamento tra il programma per l'eradicazione del vaiolo e le sperimentazioni genetiche sugli uomini, scoprendo che uno scienziato nazista, il quale aveva disertato durante l'operazione Paperclip, ha condotto esperimenti volti a creare ibridi umani-alieni. La sorella Melissa viene uccisa da assassini che la scambiano per lei.[23][24][25] Durante le indagini su un'autopsia aliena, Mulder si ritrova su un treno che trasporta un ibrido umano-alieno. Mulder rimane quasi ucciso dagli agenti del Consorzio, ma viene salvato dal suo informatore Mr. X. Scully, nel frattempo, si incontra con un gruppo di donne con esperienze di rapimenti alieni simili alla sua, e conosce un membro del Consorzio noto con il nome di First Elder, che le spiega come durante il suo rapimento sia stata trasferita su un vagone simile a quello trovato da Mulder, nel quale scienziati giapponesi hanno sperimentato su di lei.[26][27][28]

L'equipaggio di una nave francese che stava cercando di recuperare un sottomarino della seconda guerra mondiale dal fondo del mare rimane colpito da ustioni da radiazione, mentre uno di essi contrae il virus "olio nero", anche detto cancro nero. Il virus, che controlla il corpo del marinaio, si trasferisce nella moglie e viaggia fino a Hong Kong alla ricerca di un intermediario che ha messo in vendita segreti governativi, che anche Mulder sta cercando. Dopo che Mulder individua Alex Krycek a Hong Kong, il virus si trasferisce nel corpo dello stesso Krycek.[29] Scully scopre che il sottomarino era venuto in contatto con l'olio nero mentre era alla ricerca di un aereo militare precipitato. L'infettato Krycek raggiunge una base balistica in cui è nascosto un UFO; il virus lascia poi il suo corpo ed entra nella navicella. Nel frattempo, Scully riesce a trovare Luis Cardinal, l'uomo che ha ucciso la sorella.[29][30][31]

Quarta stagione[modifica | modifica wikitesto]

Quando il Consorzio sospetta che uno dei suoi membri sta passando informazioni a Mulder e Scully, organizza una trappola per individuarlo, usando informazioni sulla sicurezza della madre di Mulder come esca. Mr. X viene scoperto e ucciso, ma non prima di essere in grado di fare il nome di un altro informatore a Mulder e Scully, Marita Covarrubias, rappresentante speciale del segretario generale delle Nazioni Unite.[32][33] L'aiuto di Covarrubias è presto richiesto quando Mulder deve raggiungere una località sul fiume Tunguska Pietrosa in Russia per investigare una nuova contrazione del virus olio nero. Mentre è lì, viene imprigionato in un gulag e usato, con successo, come cavia per testare un vaccino contro il virus. Riesce poi a scappare e fare ritorno negli Stati Uniti, dopo aver anche scoperto che Krycek sta lavorando con i russi.[34][35][36] A Scully viene diagnosticato un cancro, che le fa sorgere incertezze sul suo futuro all'FBI. Mulder è convinto che la causa della malattia sia stata il suo rapimento alieno, ed è pronto a stringere un accordo con il Consorzio per trovare una cura. Viene però dissuaso da Walter Skinner, che fa un accordo del genere personalmente di nascosto.[37][38]

Quinta stagione[modifica | modifica wikitesto]

Inseguito da un assassino responsabile del ritrovamento di un falso cadavere alieno, Mulder sfrutta l'occasione per fingere la sua morte. Usa quindi tale distrazione per infiltrarsi al Pentagono per trovare una cura per Scully, mentre questa riesce a svelare un collegamento tra il Consorzio e l'FBI.[39][40][41][42][43]

Mentre una razza aliena ribelle attacca diversi gruppi di abdotti, gli agenti incontrano Cassandra Spender, una donna che afferma di essere stata rapita molteplici volte e vuole rivelare un messaggio positivo sugli alieni.[44][45] Più tardi, Mulder pone Scully sotto ipnosi per apprendere la verità sul suo rapimento, mentre Cassandra scompare e suo figlio, Jeffrey Spender, cerca di fare carriera nell'FBI. Il Consorzio, nel frattempo, accelera i test per il vaccino contro l'olio nero, sacrificando a tal fine anche propri agenti.[46][47] In seguito, l'assassinio di un grande maestro internazionale di scacchi guida Mulder e Scully in un'indagine che colpisce il cuore dell'unità X-Files, scoprendo che il vero bersaglio era un ragazzo telepatico, Gibson Praise.[48][49]

Il primo film[modifica | modifica wikitesto]

Dopo che l'unità X-Files è di nuovo chiusa, Mulder e Scully sono mandati in missione per gestire la minaccia di un attacco terroristico. Tuttavia, quando un edificio governativo viene distrutto, Mulder viene avvicinato da un misterioso dottore, Alvin Kurtzweil, il quale gli rivela che un nuovo ceppo del virus olio nero è stato scoperto nel Texas settentrionale, che causa una gestazione extraterrestre nell'ospite entro 96 ore. Afferma anche che la bomba è stata piazzata da agenti governativi per distruggere le prove. Dopo che Scully è punta da un'ape infetta dall'olio nero e rapita, Mulder riceve la sua localizzazione e un vaccino di prova sviluppato dal Consorzio dall'uomo dalle mani curate, che viene poi assassinato. Ciò lo conduce in Antartide, dove scopre una gigantisca nave spaziale aliena sepolta. All'interno trova Scully, alla quale somministra il vaccino, che riesce a curarla.[50]

Sesta stagione[modifica | modifica wikitesto]

A Washington, Mulder presenta all'FBI le sue esperienze in Antartide, ma gli viene negata la riassegnazione all'unità X-Files: Mulder e Scully sono rimpiazzati da Jeffrey Spender e Diana Fowley. Dopo che uno scienziato del Consorzio accidentalmente entra in contatto con l'olio nero generando la gestazione di un alieno, Mulder e Scully tentano di rintracciare la creatura a Phoenix, prima che riesca a catturarla il Consorzio.[51][52] Più tardi, Skinner è misteriosamente avvelenato da un'infezione di nanorobot. Il colpevole si rivela essere Krycek, che controlla la nanotecnologia potenzialmente debilitante nel corpo di Skinner al fine di raggiungere i suoi obiettivi.[53][54]

Mulder e Scully apprendono che gli alieni ribelli hanno bruciato dottori che avevano lavorato su Cassandra. Dopo averla trovata, lei li informa che gli alieni sono sulla Terra per distruggere tutta la vita e che lei è un ibrido umano-alieno. L'uomo che fuma rivela tutto a Diana Fowley, che accetta di aiutarlo tradendo Mulder.[55][56] Fowley conduce con la forza Mulder, Cassandra e Scully ad uno dei centri per la prevenzione e il controllo delle malattie, a Fort Marlene. Nel frattempo, il Consorzio si raduna ad un check point, pronto per essere portato via dai colonizzatori, che si stanno preparando per l'invasione. Tuttavia, sono raggiunti dagli alieni ribelli, che li inceneriscono tutti, compresa Cassandra, mentre l'uomo che fuma e Fowley riescono a fuggire. Jeffrey Spender è poi ucciso dall'uomo che fuma.[57][58] Molti mesi dopo, un artefatto metallico con iscrizioni è scoperto su una spiaggia della Costa d'Avorio. Dopo che Mulder esamina l'oggetto, cade in un grave coma. Sperando di trovare una cura per il partner, Scully si reca in Africa e scopre uno gigantesco relitto di una nave spaziale, parzialmente sepolta nell'oceano.[59][60]

Settima stagione[modifica | modifica wikitesto]

Skinner e Michael Kritschgau tentano disperatamente di trovare la verità sull'oggetto alieno.[61][62] Scully ritorna dall'Africa per vedere Mulder, ma lui è scomparso. Contatta quindi Kritschgau e Skinner per trovarlo. L'uomo che fuma ha rapito Mulder per trapiantare la parte telepatica del suo cervello nel suo cranio, ma l'intervento non ha successo.[63][64] A seguito dell'intervento non riuscito, Mulder si ritroverà con un tumore cerebrale, ma non lo rivelerà a Scully.[65][66]

Mentre indaga sulla strana scomparsa di una ragazza, Mulder scopre la verità su sua sorella.[67][68] Si scopre quindi che la sorella è stata presa da uno spirito benevolo che salva le anime dei bambini condannati a morire nella sofferenza. Insieme, Mulder e Scully individuano prove che dimostrano come Samantha sia stata rapita dall'uomo che fuma, venendo costretta a vivere in una base abbandonata dell'esercito e a subire esperimenti. Mulder riesce a ricongiungersi con lo spirito di Samantha, occasione che gli offre l'opportunità per una chiusura emotiva e per andare avanti.[69][70] In seguito, Mulder e Scully indagano sul caso di un rapimento alieno che li fa tornare in Oregon, dove avevano lavorato al loro primo caso insieme. Durante l'indagine, Mulder è rapito da un UFO.[71][72]

Ottava stagione[modifica | modifica wikitesto]

Scully incontra l'agente John Doggett, a capo di una task force formata per cercare Mulder.[65] Anche se la ricerca non ha successo, Doggett viene assegnato all'unità X-Files e inizia a lavorare con Scully a diversi casi.[73] Quando Scully apprende che molte donne sono state rapite e ingravidate con bambini alieni, inizia ad avere dubbi sulla propria gravidanza, scoperta alla fine della stagione precedente.[74]

Doggett introduce Scully a Monica Reyes, un'agente dell'FBI specializzata in crimini ritualistici. Poco dopo il corpo di Mulder senza vita viene rinvenuto di notte in una foresta.[75] Dopo il funerale dell'agente, Skinner viene minacciato da Krycek, che vuole costringerlo a uccidere il bambino di Scully prima che nasca. Billy Miles, abdotto diverse volte e scomparso la stessa notte in cui era stato rapito Mulder, viene ritrovato apparentemente senza vita. In realtà mostra ancora debolissimi segni vitali e in seguito viene completamente resuscitato in piena salute.[76] La stessa esperienza si ripete con Mulder. Recuperate le forze, guarito anche dal tumore, Mulder indaga su diversi x-files per i quali gli era stato ordinato di non farlo, disubbidendo quindi agli ordini; viene poi licenziato lasciando a Doggett la guida dell'unità. Mulder continua però a collaborare in modo non ufficiale.[77]

Accettando malvolentieri l'assistenza di Krycek, Mulder, Doggett e Skinner scoprono che un virus alieno creato recentemente da membri del governo ha rimpiazzato diversi umani, compresi Miles e vari altri funzionari di alto livello dell'FBI, con cosiddetti Super Soldati. Krycek afferma che i soldati sono virtualmente invincibili e hanno il compito di assicurarsi che gli umani non sopravvivano alla colonizzazione della Terra. Temono anche che il bambino di Scully sia "speciale".[78] Quando Miles arriva al quartier generale dell'FBI, Mulder, Doggett, Skinner e Krycek aiutano Scully a fuggire con Reyes, il quale la porta in una remota fattoria. Poco dopo Skinner uccide Krycek, Scully partorisce un bambino apparentemente normale mentre i Super Soldati la circondano. Senza spiegazioni, gli alieni si allontanano quando Mulder giunge sul luogo. Mentre Doggett e Reyes fanno rapporto all'FBI, Mulder conduce Scully e il neonato, William, al suo appartamento.[79]

Nona stagione[modifica | modifica wikitesto]

Mentre Mulder si nasconde e Scully viene riassegnata all'accademia dell'FBI, Reyes diventa il nuovo partner di Doggett all'unità X-Files. Doggett, Scully e Reyes scoprono una cospirazione che mira a diffondere cloramina nelle acque, in grado di dar vita a mutazioni e creare Super Soldati. Raggiungono un laboratorio clandestino dove si stanno conducendo esperimenti che coinvolgono anche William. La loro indagine è però ostacolata dal vice direttore Alvin Kersh e da Brad Follmer.[80][81] Scully spera di ricongiungersi con Mulder dopo che uno sconosciuto, l'uomo ombra, si offre di aiutarla. Tuttavia, Mulder e Scully rimangono quasi uccisi quando l'uomo ombra si rivela essere un Super Soldato.[82] Più tardi, Scully, Doggett e Reyes individuano una pericolosa setta UFO che ha trovato la nave spaziale in Africa. La setta rapisce William,[83] ma viene sterminata quando il suo pianto attiva le armi della nave che uccidono tutti senza colpire il bambino.[84]

In seguito, Doggett trova uno strano uomo sfigurato nell'ufficio dell'X-Files. Inizialmente crede sia Mulder, ma si rivela poi essere il suo fratellastro, Jeffrey Spender. Spender ha poi l'occasione di infilare un ago in William; gli altri agenti credono lo abbia infettato con un virus ma in realtà si tratta di una cura per i poteri del bambino.[85] Mulder esce allo scoperto per cercare informazioni in una base militare e, dopo essersi scontrato con l'apparentemente indistruttibile Super Soldato Knowle Rohrer, ne sarà accusato dell'omicidio e sottoposto a processo. Con l'aiuto di Kersh, Scully, Reyes, Doggett, Spender, Covarrubias e Gibson Praise, Mulder fugge. Mulder e Scully vanno poi nel Nuovo Messico per trovare un vecchio "uomo saggio", che si rivela essere l'uomo che fuma, il quale profetizza loro l'arrivo degli alieni per il 22 dicembre 2012. Doggett e Reyes aiutano Mulder e Scully, la quale aveva nel frattempo deciso di affidare il figlio in adozione, a sfuggire all'FBI; i due sono poi visti per l'ultima volta insieme in un motel di Roswell, destinati a fronteggiare un incerto futuro.[86][87]

Decima stagione[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: X-Files (miniserie televisiva).

Nel 2016, più di sette anni dopo l'uscita di un secondo film e quasi quattordici dopo la conclusione della serie, le vicende dei protagonisti sono state riprese in una "miniserie evento" divenuta nota anche come "decima stagione".

Episodi[modifica | modifica wikitesto]

La serie televisiva X-Files si compone di 202 episodi, trasmessi per la prima volta nell'arco di nove stagioni tra il 1993 e il 2002. Tra la quinta e la sesta stagione è stato distribuito anche un film, mentre dopo la fine della serie sono stati prodotti due sequel: un secondo film nel 2008 e un'omonima miniserie nel 2016.

Stagione Episodi Prima TV USA Prima TV Italia
Prima stagione 24 1993-1994 1994-1995
Seconda stagione 25 1994-1995 1995-1996
Terza stagione 24 1995-1996 1996-1997
Quarta stagione 24 1996-1997 1997-1998
Quinta stagione 20 1997-1998 1998-1999
Film inserto X-Files - Il film 1998 (uscita al cinema)
Sesta stagione 22 1998-1999 1999-2000
Settima stagione 22 1999-2000 2000
Ottava stagione 21 2000-2001 2001
Nona stagione 20 2001-2002 2002
Seguiti X-Files - Voglio crederci (film) 2008 (uscita al cinema)
X-Files (miniserie/10ª stagione) 2016 2016

Episodi inerenti alla mitologia[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito sono riportati gli episodi inerenti alla mitologia, ossia quelli più legati allo sviluppo della trama orizzontale, secondo gli episodi inclusi nei cofanetti DVD The X-Files Mythology, raccolte di episodi pubblicate in quattro volumi, e le indicazioni del libro del 2008 The Complete X-Files, con le differenze indicate (se inclusi solo nei DVD o solo nel libro).[88][89][90][91][92]

  • Prima stagione: 1x01 - Al di là del tempo e dello spazio (Pilot); 1x02 - Il prototipo (Deep Throat); 1x04 - Ricomparsa (Conduit); 1x10 - Caccia all'alieno (Fallen Angel); 1x17 - Ospiti interplanetari (E.B.E.); 1x24 - Nuove creature (The Erlenmeyer Flask).
  • Seconda stagione: 2x01 - Uomini verdi (Little Green Men); 2x05 - Ostaggi (Duane Barry); 2x06 - Lo scambio (Ascension); 2x08 - L'ultimo respiro (One Breath), solo DVD; 2x10 - DNA sconosciuto (Red Museum); 2x16 - L'invasione dei cloni (Colony); 2x17 - L'ultimo alieno (End Game); 2x25 - Anasazi.
  • Terza stagione: 3x01 - Il rituale (The Blessing Way) (3x01); 3x02 - Operazione Paper Clip (Paper Clip); 3x09 - Autopsia di un alieno I (Nisei); 3x10 - Autopsia di un alieno II (731); 3x15 - L'ufo degli Abissi I (Piper Maru); 3x16 - L'ufo degli Abissi II (Apocrypha); 3x23 - Messaggi occulti (Wetwired); 3x24 - Il guaritore (Talitha Cumi).
  • Quarta stagione: 4x01 - Masterplan II (Herrenvolk); 4x07 - I segreti del fumatore (Musings of a Cigarette Smoking Man); 4x08 - Tunguska I (Tunguska); 4x09 - Tunguska II (Terma); 4x14 - Il male oscuro (Memento Mori); 4x17 - Tempus Fugit I (Tempus Fugit); 4x18 - Tempus Fugit II (Max); 4x21 - Somma zero (Zero Sum); 4x23 - Demoni (Demons), solo libro; 4x24 - Getsemani (Gethsemane).
  • Quinta stagione: 5x01 - Redux; 5x02 - Redux II; 5x06 - Emily I (Christmas Carol), solo libro; 5x07 - Emily II (Emily), solo libro; 5x13 - La paziente X (Patient X); 5x14 - Il rosso e il nero (The Red and the Black); 5x15 - Cavie (Travelers); 5x20 - La fine (The End).
  • Film: X-Files - Il film (The X-Files o The X-Files: Fight The Future).
  • Sesta stagione: 6x01 - Il principio (The Beginning); 6x04 - Area 51 I (Dreamland); 6x05 - Area 51 II (Dreamland II); 6x09 - S.R. 819; 6x11 - Due padri (Two Fathers); 6x12 - Un figlio (One Son); 6x22 - Biogenesis.
  • Settima stagione: 7x01 - La sesta estinzione I (The Sixth Extinction); 7x02 - La sesta estinzione II (The Sixth Extinction II: Amor Fati); 7x10 - L'esistenza del tempo I (Sein und Zeit); 7x11 - L'esistenza del tempo II (Closure), solo DVD; 7x15 - Un amico (En Ami), 7x22 - Requiem, solo DVD.
  • Ottava stagione: 8x01 - Arrivare (Within); 8x02 - Partire (Without); 8x11 - Il regalo (The Gift), solo libro; 8x13 - Per Manum; 8x14 - Questo non accade (This is Not Happening); 8x15 - Sopravvissuti (DeadAlive); 8x16 - Tre parole (Three Words), 8x18 - Virus (Vienen); 8x20 - Essere (Essence); 8x21 - Esistere (Existence).
  • Nona stagione: 9x01 - Niente da segnalare (prima parte) (Nothing Important Happened Today); 9x02 - Niente da segnalare (seconda parte) (Nothing Important Happened Today II); 9x06 - Trust No 1; 9x09 - Provenance; 9x10 - Providence, solo DVD; 9x15 - Modifica genetica (Jump the Shark), solo libro; 9x16 - William; 9x19-20 - La verità (The Truth).

Personaggi e interpreti[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Personaggi di X-Files.
Gillian Anderson e David Duchovny al San Diego Comic-Con nel 2013.

Principali[modifica | modifica wikitesto]

Ricorrenti[modifica | modifica wikitesto]

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Concezione[modifica | modifica wikitesto]

(EN)

« Mulder and Scully came right out of my head. A dichotomy. They are the equal parts of my desire to believe in something and my inability to believe in something. My skepticism and my faith. And the writing of the characters came very easily to me. I want, like a lot of people do, to have the experience of witnessing a paranormal phenomenon. At the same time I want not to accept it, but to question it. I think those characters and those voices came out of that duality. »

(IT)

« Mulder e Scully sono usciti dritti dalla mia testa. Una dicotomia. Sono parti eguali del mio desiderio di credere in qualcosa e la mia incapacità di credere in qualcosa. Il mio scetticismo e la mia fede. E la scrittura dei personaggi mi è stata molto facile. Io voglio, come molte persone, vivere l'esperienza di essere testimoni di un fenomeno paranormale. Allo stesso tempo non voglio accettarlo, ma investigarlo. Penso che quei personaggi e quelle voci sono nati da questo dualismo. »

(Chris Carter spiegando la concezione di Mulder e Scully.[93])
Chris Carter è il creatore di X-Files, ha scritto il pilot e molti altri episodi.

Al californiano Chris Carter era stata data l'opportunità di produrre nuove serie per la Fox agli inizi degli anni 1990. Stanco delle commedie a cui aveva lavorato per la Walt Disney Pictures,[94] un sondaggio secondo cui 3,7 milioni di americani potrebbero essere stati rapiti da alieni, lo scandalo Watergate e la serie horror degli anni 1970 Kolchak: The Night Stalker, gli diedero l'idea per X-Files. Scrisse l'episodio pilota nel 1992.[95]

La bozza iniziale fu rifiutata dai dirigenti della Fox; dopo averla riformulata il network gli commissionò formalmente la realizzazione della sceneggitura per il pilot. Per svilupparla al meglio, collaborò con il produttore Daniel Sackheim, traendo ispirazione stilistica dal documentario del 1988 The Thin Blue Line e dalla serie britannica Prime Suspect.[96] Fonte di ispirazione furono anche The Twilight Zone e Il silenzio degli innocenti, che hanno fornito lo stimolo per strutturare la serie attorno agenti dell'FBI, allo scopo di offrire una ragione più plausibile per coinvolgere stessi personaggi in casi diversi.[97] Carter era anche determinato a mantenere la relazione tra i due protagonisti strettamente platonica, basando le loro interazioni su personaggi come Emma Peel e John Steed in The Avengers.[98][99]

La serie cult Twin Peaks ebbe grande influenza sulle tonalità cupe della serie e il frequente surreale miscuglio di dramma e ironia. Lo stesso Duchovny era apparso nei panni di un agente della DEA che praticava crossdressing in Twin Peaks e il personaggio di Mulder fu confrontato dalla critica con l'agente dell'FBI Dale Cooper.[100] Produttori e autori hanno citato Tutti gli uomini del presidente, I tre giorni del Condor, Incontri ravvicinati del terzo tipo, I predatori dell'arca perduta, Rashomon, La cosa, I ragazzi venuti dal Brasile, Il silenzio degli innocenti e JFK come altre influenze.[101] Inoltre, l'episodio Triangolo (Triangle) della sesta stagione usa la tecnica di utilizzare diverse inquadrature in una stessa scena usata da Hitchcock in Nodo alla gola.[102] Anche gli episodi scritti da Darin Morgan hanno spesso citato o fatto riferimento ad altri film.[103]

Casting[modifica | modifica wikitesto]

David Duchovny 2011 Shankbone.JPG GillianAndersonByIdoCarmelWonderCon2008.jpg
Duchovny ha interpretato Fox Mulder a tempo pieno per le prime sette stagioni e ad intermittenza nelle ultime due; Anderson ha interpretato Dana Scully come personaggio principale in tutte le stagioni, avendo anche l'occasione di essere l'unica donna ad aver scritto e diretto un episodio.[104]

Duchovny aveva lavorato a Los Angeles per tre anni prima di X-Files; all'inizio aveva intenzione di focalizzarsi su lungometraggi. Nel 1993, la sua manager, Melanie Green, gli diede la sceneggiatura del primo episodio della serie; entrambi erano convinti si trattasse di un ottimo prodotto, quindi lui decise di partecipare al casting per il protagonista.[105] La sua audizione fu "eccezionale", anche se parlava piuttosto lentamente. Mentre il direttore del casting lo giudicò molto positivamente, Carter inizialmente pensò che non sembrasse molto intelligente.[106]

Anderson partecipò alle audizioni per Scully nel 1993. "Non riuscivo a posare la sceneggiatura", disse dell'esperienza.[104] Il network voleva una figura più istituzionale o un'attrice più attraente per il ruolo rispetto l'allora ventiquattrenne Anderson, ma per Carter si rivelò l'unica adatta, convinto dal senso di integrità che riusciva a trasmettere.[107][108][109] Grazie al ruolo di Scully, Anderson vinse due Screen Actors Guild Award, un Emmy Award e un premio Golden Globe.

Il personaggio di Walter Skinner fu interpretato da Mitch Pileggi, che aveva partecipato alle audizioni anche per altri personaggi. In un'intervista spiegò che determinante per ottenere il ruolo era stato il presentarsi con un'attitudine molto scontrosa, che si rivelò adatta al personaggio.[110]

Prima dell'inizio della settima stagione, Duchovny avviò una causa contro la 20th Century Fox che a suo dire avrebbe svenduto i diritti alle proprie affiliate, riducendo così anche i suoi ricavi. Alla fine all'attore fu riconosciuto un indennizzo di venti milioni di dollari, ma la causa creò frizioni con la produzione. In quel momento sia lui che Carter non avevano un contratto per andare oltre la settima stagione.[111] Duchovny accettò di continuare, ma in misura minore.[112] Ciò contribuì a creare la convinzione sia tra gli spettatori che tra i produttori che la settima potesse essere anche l'ultima stagione, tuttavia fu poi deciso che il suo personaggio sarebbe stato rapito dagli alieni e sarebbe ritornato per dodici episodi la stagione seguente, mentre la sua mancanza sarebbe stata sopperita dal nuovo personaggio di John Doggett.[113][114]

Più di cento attori furono audizionati per il ruolo di Doggett, ma solo dieci furono presi seriamente in considerazione. Tra loro Lou Diamond Phillips, Hart Bochner e Bruce Campbell. I produttori scelsero Robert Patrick.[115] Carter credeva che con nuovi protagonisti la serie potesse continuare per molti anni, pertanto la sigla fu cambiata per enfatizzare i nuovi ingressi nel cast.[116] Tuttavia la presenza di Doggett non generò il successo di ascolti sperato.[117] Nell'ottava stagione anche Walter Skinner, interpretato da Mitch Pileggi, fu indicato tra i personaggi principali, mentre il cast si arricchì della presenza di Annabeth Gish per il ruolo di Monica Reyes, promosso a principale nell'ultima stagione, ideato anche per coprire un'eventuale uscita di Gillian Anderson.[118]

Riprese[modifica | modifica wikitesto]

Il finale della quinta stagione fu l'ultimo episodio girato a Vancouver prima del trasferimento a Los Angeles

Durante le prima fasi della produzione, Carter fondò la Ten Thirteen Productions e iniziò a pianificare le riprese del pilot a Los Angeles. Tuttavia, non riuscendo a trovare luoghi adatti per molte scene, decise di esplorare un'area dotata di foreste più cinematografiche: Vancouver.[119] In Canada furono girate le prime cinque stagioni, a partire dalla sesta stagione la produzione si trasferì a Los Angeles anche per accomodare le richieste di Duchovny.[120] Duchovny era infatti scontento della lontananza dalla moglie Téa Leoni, e secondo alune fonti anche delle condizioni climatiche del luogo.[121] A Vancouver sarebbero poi stati girati il film X-Files - Voglio crederci e la miniserie revival del 2016.

Sigla[modifica | modifica wikitesto]

L'iconica musica della sigla è stata creata dal compositore della serie, Mark Snow, il quale per gli effetti si ispirò al singolo dei The Smiths How Soon Is Now?.[122] Caratteristica della sigla è anche l'uso di split screen; l'intenzione di Carter era di usare immagini che richiamassero il soprannaturale dal forte impatto emotivo.[122] Il risultato valse subito un premio Emmy per il miglior design di una sigla.

La sigla rimane sempre la stessa, ad esclusione di qualche episodio, come ad esempio il pilota che non ha una sigla, dalla prima fino alla settima stagione, quando Duchovny lascia il cast regolare. Nell'ottava stagione e ancor più nella nona, la sigla viene infatti modificata dando risalto all'aggiunta dei nuovi interpreti.

X-Files - Il film[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: X-Files - Il film.

Dopo il successo delle prime stagioni, Carter voleva provare a rivolgere la storia a un pubblico più ampio, idea che si concretizzò nella concezione del primo film tratto dalla serie. La difficoltà maggiore nel realizzarlo secondo l'autore sarebbe stata quella di scrivere una sceneggiatura che consentisse al film di essere visto anche da chi non conoscesse la serie.[123] Il film fu girato durante la pausa tra la quarta e la quinta stagione, con ulteriori scene filmate durante la quinta stagione, cosa che influì sulla produzione di diversi episodi della serie, che presentano una trama meno complessa con meno location coinvolte.[124] Il film, scritto da Carter e diretto da Rob S. Bowman, fu poi distribuito nell'estate del 1998, noto anche con il titolo alternativo The X-Files: Fight the Future. Anche se è pensato come opera autonoma, nelle intenzioni degli autori rappresenta anche una diretta continuazione del finale della quinta stagione, la cui trama è poi ripresa all'inizio della sesta.[125]

Oltre a Duchovny, Anderson, Pileggi e Davis, il cast include la presenza di Martin Landau, Armin Mueller-Stahl e Blythe Danner. Rappresenta anche l'ultima apparizione di John Neville nei panni dell'uomo dalle mani curate. A differenza della serie, per la quale Duchovny riceveva un compenso maggiore, Anderson e Duchovny furono pagati in egual misura.[125]

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Ascolti[modifica | modifica wikitesto]

L'episodio pilota fu seguito in media dalla discreta quantità di 12 milioni di spettatori[126], numero che andò crescendo sia durante la prima stagione che durante quelle immediatamente successive. Il finale della prima stagione raggiunse un'audience media di 14 milioni di spettatori[127], mentre la seconda, la terza e la quarta stagione furono seguite in media rispettivamente da 14,5, 15,4 e 19,2 milioni di spettatori[128][129]. Anche se non si tratta di numeri straordinariamente alti furono considerati abbastanza per testimoniare l'esistenza di un vasto pubblico fedele alla serie; i dati d'ascolto erano particolarmente positivi per la Fox anche in quanto presentavano ottimi indici d'ascolto nella fascia commerciale di riferimento 18-49 anni, nella quale era la serie più seguita trasmessa dall'emittente.[130][131]

La première della quinta stagione fu seguita da 27,34 milioni di spettatori[132], la stagione registrò poi una media di 19,80 milioni di spettatori[129]. A partire dalla sesta stagione iniziò invece un progressivo calo di ascolti, che si accentuò particolarmente dall'inizio della nona stagione, pertanto poi risultata l'ultima prodotta. Mentre i critici attribuirono il netto calo alle storie poco brillanti e ad un più basso livello di scrittura,[133] membri della produzione citarono gli eventi dell'11 settembre come principale causa dei più bassi ascolti dell'ultima stagione.[134]

Stagione Messa in onda Prima di stagione Finale di stagione Audience media
Data Spettatori Data Spettatori
1 Venerdì alle 21:00 10 settembre 1993 12,00 milioni[126] 13 maggio 1994 14,00 milioni[127] nd
2 16 settembre 1994 16,10 milioni[135] 19 maggio 1995 16,60 milioni[136] 14,50 milioni[128]
3 22 settembre 1995 19,94 milioni[137] 17 maggio 1996 17,86 milioni[137] 15,40 milioni[128]
4 Venerdì alle 21:00 (ep. 1-3)
Domenica alle 21:00 (ep. 4-24)
4 ottobre 1996 21,11 milioni[138] 18 maggio 1997 19,85 milioni[138] 19,20 milioni[129]
5 Domenica alle 21:00 2 novembre 1997 27,34 milioni[132] 17 maggio 1998 18,76 milioni[132] 19,80 milioni[129]
6 8 novembre 1998 20,24 milioni[139] 16 maggio 1999 15,86 milioni[139] 17,20 milioni[129]
7 7 novembre 1999 17,82 milioni[140] 21 maggio 2000 15,26 milioni[140] 14,20 milioni[141]
8 5 novembre 2000 15,87 milioni[142] 20 maggio 2001 14,00 milioni[143] 13,93 milioni[141]
9 11 novembre 2001 10,60 milioni[144] 19 maggio 2002 13,25 milioni[145] 9,10 milioni[146]

Critica[modifica | modifica wikitesto]

X-Files ha ricevuto generalmente recensioni positive; molti critici l'hanno definita una delle migliori serie statunitensi degli anni 1990. Ian Burrell del The Independent giudicò la serie «uno dei più grandi cult della televisione moderna».[147] Richard Corliss di TIME la definì come il termine di paragone degli anni 1990.[148] Hal Boedeker dell'Orlando Sentinel già nel 1996 scrisse che la serie era cresciuta da cult a classico della televisione.[149] Per il quotidiano Evening Herald ha avuto una "travolgente influenza" sulla televisione.[150] Nel 2012, Entertainment Weekly classificò la serie al quarto posto tra le venticinque migliori serie cult degli ultimi venticinque anni, descrivendola come «un inno alle stravaganze, agli appassionati di fantascienza, ai teorici della cospirazione e ai pellegrini dell'Area 51 di tutto il mondo. Gli ascolti sono migliorati ogni anno per le prime cinque stagioni, mentre la dinamica di Mulder e Scully del credente-versus-scettico ha creato un modello di televisione pesantemente usato ancora oggi».[151]

Nel 2004 e nel 2007, The X-Files si classificò seconda nella classifica dei migliori cult di sempre di TV Guide.[152] Nel 2002, fu indicata dalla stessa rivista al trentasettesimo posto nella classifica dei migliori 50 spettacoli televisivi di tutti i tempi.[153] Nel 1997, inoltre, gli episodi Previsioni (Clyde Bruckman's Final Repose) e Anomalie genetiche (Small Potatoes) furono classificati rispettivamente al decimo e al settantaduesimo posto della classifica dei cento più grandi episodi di tutti i tempi,[154] e nel 2013 sempre TV Guide la incluse nell'elenco dei sessanta migliori drammi televisivi di sempre.[155] Nel 2007, anche TIME la incluse nella classifica delle cento migliori serie televisive di tutti i tempi.[156] In classifiche del genere fu regolarmente inclusa anche da altre testate, come Entertainment Weekly,[157][158] che nel 2009 la nominò quarta miglior fiction di fantascienza nella lista delle migliori venti di sempre,[159] e Empire, che ha avuto occasione di indicarla come la nona miglior serie televisiva di sempre, citando Dov'è la verità? (Jose Chung's From Outer Space) della terza stagione come il suo miglior episodio.[160] Nel 2003 una ricerca di MediaDNA ha evidenziato come X-Files sia in cima alla lista dei brand televisivi considerati più innovativi.[161]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Premi e candidature per X-Files.
(EN)

« In combining currents in contemporary science with the best elements of science fiction, The X-Files creates its own universe, where normal and paranormal can co-exist, although not always very peacefully. (...) The X-Files has broken new ground in television science fiction, with a comparative de-emphasis on special effects gimmickry in favor of a focus on the larger questions about the spiritual nature of science and humankind. For outstanding levels of production excellence, writing, and performing, and for its ability to stimulate thinking and discussion about numerous inexplicable phenomena (including the motives of government officials), a Peabody Award is presented to The X-Files. »

(IT)

« Combinando aspetti attuali della scienza moderna con i migliori elementi della fantascienza, X-Files crea un proprio universo, dove il normale e il paranormale possono coesistere, anche se non sempre serenamente. (...) X-Files ha aperto nuove strade nella televisione di fantascienza, con una relativa de-enfasi di espedienti come gli effetti speciali a favore di una particolare attenzione sulle più grandi domande riguardo alla natura spirituale della scienza e dell'umanità. Per eccezionali livelli di eccellenza produttiva, scrittura e interpretazione, e per la sua abilità di stimolare riflessioni e discussioni su numerosi fenomeni inspiegabili (compresi i moventi dei funzionari governativi), un Peabody Award è presentato a X-Files. »

(Citazione dalla motivazione con cui nel 1996 è stato assegnato alla serie un Peabody Award.[162])

Nel corso degli anni X-Files ha ottenuto molti riconoscimenti, tra cui sedici statuette su sessantadue candidature ai Primetime Emmy Awards e cinque statuette su dodici candidature ai Golden Globe, compresi tre Golden Globe per la miglior serie drammatica.[163] Gillian Anderson ha vinto il premio Emmy alla miglior attrice protagonista in una serie drammatica nel 1997, anno in cui ha vinto anche il Golden Globe insieme a David Duchovny.[163] Tra gli altri, serie è stata più volta candidata anche a Directors Guild of America Awards, Writers Guild of America Awards, Screen Actors Guild Award, Saturn Awards e Satellite Awards. Nel 1996 ha ottenuto un Peabody Award.[162]

Impatto culturale[modifica | modifica wikitesto]

Durante le prime stagioni la serie vide rapidamente espandere il suo pubblico da un limitato ma fedele gruppo di appassionati a una vasta audience internazionale di culto.[164][165] Nel 1998, la tagline "The Truth Is Out There" era tra le sessanta citazioni e slogan più noti nel Regno Unito.[166] Secondo il New York Times si è trattato di uno dei primi programmi televisivi la cui crescita di popolarità fu legata a quella di internet.[167] L'uso di nuovi sistemi di comunicazione come e-mail e telefonia mobile era incluso nelle trame di diversi episodi già nelle prime stagioni, nelle quali personaggi come i Pistoleri Solitari furono presentati come appassionati di internet, mentre anche la fandom legata alla serie è stata una delle prime ad espandersi online.[168] I fan, noti anche come "X-Philes", termine coniato con l'aggiunta della radice greca "phil", traducibile con amore o ossessione,[167] interagivano tramite newsgroup e software listserv, manifestando shipping sulla coppia di agenti protagonista e diffondendo svariate fanfiction, slash fiction comprese.[169][170] Occasionalmente i fan più accaniti furono omaggiati direttamente dai produttori della serie; nell'ottava stagione il personaggio secondario di Leyla Harrison, che appare anche in un episodio della nona, fu così chiamato in memoria di una prolifica autrice di fanfiction morta di cancro il 10 febbraio 2001.[116]

X-Files è stata diretta fonte di ispirazione per molte serie che l'hanno succeduta, tra le quali Strange World,[164][171] The Burning Zone,[172] Special Unit 2,[173] Mysterious Ways,[174] Lost,[175] Dark Skies,[173][176] The Visitor,[164] Fringe,[173][177] Warehouse 13,[173] Supernatural,[173][178] e Gravity Falls,[179] con elementi chiave utilizzati anche da altre serie crime come Eleventh Hour[173][180] e Bones.[181] Secondo alcuni osservatori, l'originalità del ruolo di Dana Scully ha contribuito a cambiare la percezione delle donne sul teleschermo, influenzando in qualche misura l'ideazione di personaggi femminili "forti" tra gli investigatori delle fiction.[109] Russell T Davies menzionò X-Files come ispirazione per la sua Torchwood.[182][183] Altre serie ne hanno tratto spunto per impostare tonalità e atmosfere. Per esempio Buffy l'ammazzavampiri ne ricalca alcune tonalità, facendo uso della mescolanza di horror e umorismo; il suo creatore Joss Whedon ebbe infatti occasione di descriverla come un incrocio The X-Files e My So-Called Life.[184]

Il forte impatto della serie è testimoniato anche dalla vasta presenza di citazioni e riferimenti in altre opere. Tra le più note vi è la parodia che caratterizza l'episodio de I Simpson Springfield Files, trasmesso per la prima volta il 12 gennaio 1997, in cui Gillian Anderson e David Duchovny danno voci gli animati agenti Scully e Mulder.[185] Tra le molte altre fiction che contengono riferimenti alla serie sono presenti Una famiglia del terzo tipo, Archer, American Horror Story, The Big Bang Theory, Bones, Breaking Bad, Californication, Castle, I Griffin, Hey, Arnold!, King of the Hill, South Park, Star Trek: Deep Space Nine e Two and a Half Men.[186] Nel 1998 i Catatonia hanno pubblicato il singolo Mulder and Scully, divenuto una hit nel Regno Unito.[187] La cantautrice statunitense Bree Sharp ha scritto una canzone intitolata David Duchovny nel 1999 che fa ampio riferimento alla serie e ai suoi personaggi; pur non divenendo una hit ebbe comunque popolarità tra i fan della serie.[188][189] La serie è anche menzionata in altri brani, tra cui The Bad Touch dei Bloodhound Gang, A Change di Sheryl Crow e Year 2000 di Xzibit.[186]

Il 16 luglio 2008, Carter e Spotnitz hanno donato vari oggetti di scena al National Museum of American History; la collezione ospitata dal museo include la sceneggiatura originale del pilot e il poster con lo slogan "I Want to Believe" usato nell'ufficio di Mulder.[190]

Sequel[modifica | modifica wikitesto]

X-Files - Voglio crederci[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: X-Files - Voglio crederci.

Dopo la fine della serie Chris Carter espresse più volte il desiderio di continuare la saga al cinema, con film che non continuassero necessariamente la mitologia della serie ma funzionassero come capitoli autonomi e autoconclusivi.[191] Dopo il primo film distribuito tra la quinta e la sesta stagione, il 25 luglio 2008 negli USA uscì X-Files - Voglio crederci (The X-Files: I Want to Believe), girato a Vancouver tra il dicembre 2007 e il marzo 2008.

Il film mette da parte il tema del complotto e dell'invasione aliene, focalizzandosi su una storia autonoma che vede Mulder e Scully, non più agenti dell'FBI e il primo ancora fuggitivo, indagare sulla strana malattia che ha colpito uno dei pazienti dell'ospedale dove è ora impiegata Scully; l'indagine coinvolge il rapimento di un agente FBI e un ex prete che vive presunte visioni psichiche. In caso di successo ulteriori sequel sarebbero dovuti incentrarsi anche sulla mitologia della serie, come avvenuto per X-Files - Il film,[192] ma la pellicola registrò incassi modesti e recensioni miste.[193]

Miniserie[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: X-Files (miniserie televisiva).

Dal 24 gennaio 2016 è trasmessa dalla Fox una "miniserie evento", nota anche come decima stagione della serie, in cui Anderson e Duchovny riprendono i loro ruoli insieme a Annabeth Gish, Mitch Pileggi, William B. Davis e il trio interprete dei Pistoleri Solitari: Bruce Harwood, Tom Braidwood e Dean Haglund.[194]

Spin off e tie-in[modifica | modifica wikitesto]

The Lone Gunmen[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: The Lone Gunmen.

Nel 2001 fu trasmesso lo spin-off The Lone Gunmen, incentrato sui Pistoleri Solitari, cancellato dopo una sola stagione per lo scarso riscontro ottenuto. L'ultimo episodio si chiude con un cliffhanger poi risolto nell'episodio Modifica genetica (Jump the Shark) dell'ultima stagione della serie madre.[195]

Fumetti e romanzi[modifica | modifica wikitesto]

Tra il 1995 e il 1998 la Topps Comics pubblicò un'omonima serie a fumetti ispirata dalla serie. Altri fumetti tie-in furono pubblicati dalla Topps Comics a partire dal 2004, e in seguito anche dalla WildStorm.[196][197][198]

Più tardi fu realizzato anche The X-Files: Season 10, un fumetto composto da venticinque numeri scritti da Joe Harris e pubblicati dal 19 giugno 2013. Inteso come una continuazione della storia della serie, fa riferimento anche agli eventi narrati nel secondo film tratto dalla fiction. Ha fatto seguito The X-Files Season 11.

Numerosi sono stati anche i romanzi pubblicati durante le messa in onda della serie; tra i quali figurano:

  • Classe in ostaggio (X Marks the Spot) di Les Martin
  • La foresta degli orrori (Darkness Falls) di Les Martin
  • La gabbia vuota (Tiger, Tiger!) di Les Martin
  • L'insaziabile mutante (Squeeze) di Ellen Steiber
  • Fratelli di sangue (Humbug) di Les Martin
  • Il ruggito di Manitu (Shapes) di Ellen Steiber
  • Paura (Fear) di Les Martin
  • Alta tensione (Voltage) di Easton Royce
  • E.B.E di Les Martin
  • Die Bug, Die! di Les Martin
  • Ghost in the Machine di Les Martin
  • Calusari (The Calusari) di Garth Nix
  • Eve di Ellen Steiber
  • Cattivi segni (Bad Sign) di Easton Royce
  • Our Town di Eric Elfman
  • Empathy di Ellen Steiber
  • Fresh Bones di Les Martin
  • Control di Everett Owens
  • The Host di Les Martin
  • Hungry Ghosts di Ellen Steiber
  • Dark Matter di Easton Royce
  • Howlers di Everett Owens
  • Grotesque di Ellen Steiber
  • Quarantine di Les Martin
  • Regeneration di Everett Owens
  • Haunted di Ellen Steiber
  • Miracle Man di Terry Bisson
  • Sequestro alieno (Ascension) di Quentin Thomas
  • Hunter di Charles L. Grant
  • Spiriti del male (Goblins) di Charles L. Grant
  • Vortice (Whirlwind) di Charles L. Grant
  • Punto Zero (Ground Zero) di Kevin J. Anderson
  • Rovine (Ruins) di Kevin J. Anderson
  • Anticorpi (Antibodies) di Kevin J. Anderson
  • Skin di Ben Mezrich

Altro merchandise[modifica | modifica wikitesto]

Durante la messa in onda della serie furono pubblicati anche una rivista ufficiale, The X-Files Magazine,[199] un gioco di carte collezionabili, The X-Files Collectible Card Game,[200] e una serie di videogiochi: nel 1998 The X-Files Game, distribuito per Windows, Macintosh e in seguito PlayStation, ha visto protagonista l'agente Craig Willmore andare a lla ricerca degli scomparsi Mulder e Scully, con un'ambientazione collocabile tra la seconda e la terza stagione;[201] un anno prima The X-Files: Unrestricted Access, pubblicato per Windows e Mac, offriva un database interattivo che dava accesso alle cartelle dei vari casi trattati nella serie;[202] mentre nel 2004 The X-Files: Resist or Serve, distribuito per PlayStation 2, offriva una storia originale di genere survival-horror ambientata nella settima stagione, con protagonisti Mulder e Scully, entrambi giocabili.[203]

Nel 1997 SEGA aveva prodotto anche un flipper a sei giocatori chiamato The X-Files.[204]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Dr Who 'longest-running sci-fi', in BBC News, 28 settembre 2006. URL consultato il 4 settembre 2015.
  2. ^ (EN) Michael Ausiello, Fox Fall Schedule: Scream Queens Takes Tuesday Crown, Sleepy Rises on Thursday, X-Files Held 'Til January, in TVLine, Penske Media Corporation, 11 maggio 2015. URL consultato il 4 settembre 2015.
  3. ^ Hurwitz e Knowles, p. 35
  4. ^ Hurwitz e Knowles, p. 137
  5. ^ X-Files: episodio 1x01, Al di là del tempo e dello spazio, Fox.
  6. ^ X-Files: episodio 1x02, Il prototipo, Fox.
  7. ^ Lowry, pp. 102-103
  8. ^ X-Files: episodio 1x17, Ospiti interplanetari, Fox.
  9. ^ Lowry, pp. 138-139
  10. ^ X-Files: episodio 1x24, Nuove creature, Fox.
  11. ^ Lowry, pp. 155-156
  12. ^ X-Files: episodio 2x01, Uomini verdi, Fox.
  13. ^ Lowry, pp. 161-162
  14. ^ X-Files: episodio 2x05, Ostaggi, Fox.
  15. ^ X-Files: episodio 2x06, Lo scambio, Fox.
  16. ^ Lowry, pp. 171-174
  17. ^ X-Files: episodio 2x08, L'ultimo respiro, Fox.
  18. ^ Lowry, pp. 179-180
  19. ^ a b X-Files: episodio 2x16, L'invasione dei cloni, Fox.
  20. ^ X-Files: episodio 2x17, L'ultimo alieno, Fox.
  21. ^ Lowry, pp. 199-204
  22. ^ X-Files: episodio 2x25, Anasazi, Fox.
  23. ^ X-Files: episodio 3x01, Il rituale, Fox.
  24. ^ X-Files: episodio 3x02, Operazione Paper Clip, Fox.
  25. ^ Lowry, pp. 225-237
  26. ^ X-Files: episodio 3x09, Autopsia di un alieno I, Fox.
  27. ^ X-Files: episodio 3x10, Autopsia di un alieno II, Fox.
  28. ^ Lovece, pp. 204-208
  29. ^ a b X-Files: episodio 3x15, L'ufo degli Abissi I, Fox.
  30. ^ X-Files: episodio 3x16, L'ufo degli Abissi II, Fox.
  31. ^ Lovece, pp. 211-212
  32. ^ X-Files: episodio 4x01, Masterplan II, Fox.
  33. ^ Meisler (1998), pp. 19-25.
  34. ^ X-Files: episodio 4x08, Tunguska I, Fox.
  35. ^ X-Files: episodio 4x09, Tunguska II, Fox.
  36. ^ Meisler (1998), pp. 95-110
  37. ^ X-Files: episodio 4x21, Somma zero, Fox.
  38. ^ Meisler (1998), pp. 221-230
  39. ^ X-Files: episodio 4x24, Getsemani, Fox.
  40. ^ X-Files: episodio 5x01, Redux I, Fox.
  41. ^ X-Files: episodio 5x02, Redux II, Fox.
  42. ^ Meisler (1998), pp. 259-270
  43. ^ Meisler (1999), pp. 27-46
  44. ^ X-Files: episodio 5x13, La paziente X, Fox.
  45. ^ Meisler (1999), pp. 173-184
  46. ^ X-Files: episodio 5x14, Il rosso e il nero, Fox.
  47. ^ Meisler (1999), pp. 187-196
  48. ^ X-Files: episodio 5x20, La fine, Fox.
  49. ^ Meisler (1999), pp. 269-280
  50. ^ X-Files - Il film (The X-Files o The X-Files: Fight the Future), 20th Century Fox, 1998.
  51. ^ X-Files: episodio 6x01, Il principio, Fox.
  52. ^ Meisler (2000), pp. 11-18
  53. ^ X-Files: episodio 6x09, S.R. 819, Fox.
  54. ^ Meisler (2000), pp. 120-132
  55. ^ X-Files: episodio 6x11, Due padri, Fox.
  56. ^ Meisler (2000), pp. 135-144
  57. ^ X-Files: episodio 6x12, Un figlio, Fox.
  58. ^ Meisler (2000), pp. 147-56
  59. ^ X-Files: episodio 6x22, Biogenesis, Fox.
  60. ^ Meisler (2000), pp. 279-290
  61. ^ X-Files: episodio 7x01, La sesta estinzione I, Fox.
  62. ^ Shapiro, pp. 7-16
  63. ^ X-Files: episodio 7x02, La sesta estinzione II, Fox.
  64. ^ Shapiro, pp. 19-28
  65. ^ a b X-Files: episodio 8x01, Arrivare, Fox.
  66. ^ X-Files: episodio 8x11, Il regalo, Fox.
  67. ^ X-Files: episodio 7x10, L'esistenza del tempo I, Fox.
  68. ^ Shapiro, pp. 119-128
  69. ^ X-Files: episodio 7x11, L'esistenza del tempo II, Fox.
  70. ^ Shapiro, pp. 130-139
  71. ^ X-Files: episodio 7x22, Requiem, Fox.
  72. ^ Shapiro, pp. 266-277
  73. ^ X-Files: episodio 8x02, Partire, Fox.
  74. ^ X-Files: episodio 8x13, Per manum, Fox.
  75. ^ X-Files: episodio 8x14, Questo non accade, Fox.
  76. ^ X-Files: episodio 8x15, Sopravvissuti, Fox.
  77. ^ X-Files: episodio 8x18, Virus, Fox.
  78. ^ X-Files: episodio 8x20, Essere, Fox.
  79. ^ X-Files: episodio 8x21, Esistenza, Fox.
  80. ^ X-Files: episodio 9x01, Niente da segnalare (prima parte), Fox.
  81. ^ X-Files: episodio 9x02, Niente da segnalare (seconda parte), Fox.
  82. ^ X-Files: episodio 9x06, Trust No 1, Fox.
  83. ^ X-Files: episodio 9x09, Provenance, Fox.
  84. ^ X-Files: episodio 9x10, Providence, Fox.
  85. ^ X-Files: episodio 9x16, William, Fox.
  86. ^ X-Files: episodio 9x19, La verità (prima parte), Fox.
  87. ^ X-Files: episodio 9x20, La verità (seconda parte), Fox.
  88. ^ The X-Files Mythology, Volume 1 - Abduction (DVD), 20th Century Fox Home Entertainment, 2005.
  89. ^ The X-Files Mythology, Volume 2 - Black Oil (DVD), 20th Century Fox Home Entertainment, 2005.
  90. ^ The X-Files Mythology, Volume 3 - Colonization (DVD), 20th Century Fox Home Entertainment, 2005.
  91. ^ The X-Files Mythology, Volume 4 - Super Soldiers (DVD), 20th Century Fox Home Entertainment, 2005.
  92. ^ Hurwitz e KnowlesThe Complete X-Files: Behind the Series, the Myths and the Movies
  93. ^ (EN) David Bischoff, Opening the X-Files: Behind the Scenes of TV's Hottest Show, in Omni, vol. 17, nº 3, General Media, Inc., dicembre 1994.
  94. ^ Edwards, p. 9
  95. ^ (EN) Tim Apello, X Appeal: 'The X-Files' Builds a Cult Following by Following the Occult, in Entertainment Weekly, Time, Inc., 18 marzo 1993. URL consultato il 13 settembre 2011.
  96. ^ Edwards, p. 13
  97. ^ Lowry, pp. 10-12
  98. ^ Lovece, pp. 3-4
  99. ^ Edwards, p. 12
  100. ^ (EN) Joyce Millman, Television/Radio; 'The X-Files' Finds the Truth: Its Time Is Past, in The New York Times, 19 maggio 2002. URL consultato il 9 luglio 2009.
  101. ^ (EN) Maria Aspan, 'X-Files' Are Closed; a Lawsuit Opens, in The New York Times, 23 gennaio 2006. URL consultato il 31 luglio 2009.
  102. ^ Chris Carter. The Truth About Season Six (DVD), 20th Century Fox Home Entertainment, 2000.
  103. ^ (EN) Jonathan Kirby, Not Just a Fluke: How Darin Morgan Saved The X-Files, in PopMatters, 29 ottobre 2007. URL consultato il 2 gennaio 2013.
  104. ^ a b (EN) Gillian Anderson, Biography, in Official Gillian Anderson Website. URL consultato il 10 aprile 2011.
  105. ^ James Lipton (intervistatore); David Duchovny (intervistato), Inside the Actors Studio: episodio 11x17, David Duchovny, Bravo, 10 aprile 2005.
  106. ^ Casting Mulder, intervista a Chris Carter di BBC News.
  107. ^ (EN) Kevin Maher, More X-rated than X Files, in The Times, News Corporation, 29 marzo 2007. URL consultato il 13 settembre 2011 (archiviato dall'url originale il 29 marzo 2007).
  108. ^ Lowry, pp. 15-16
  109. ^ a b (EN) Maureen Ryan, Gillian Anderson on Lady Dedlock, Dana Scully and the influence of 'The X-Files', in Chicago Tribune, Tribune Company, 19 gennaio 2006. URL consultato il 4 settembre 2015.
  110. ^ (EN) Robin M. Mayhall, Mitch Pileggi interview, in The X-Tapes, giugno 1995. URL consultato il 10 luglio 2009.
  111. ^ Kessenich, p. 80
  112. ^ Duchovny Quits X-Files, in BBC News, 18 maggio 2001. URL consultato il 5 luglio 2009.
  113. ^ (EN) Lynn Elber, Fox Mulder 'Ready to Get Back to Work', 18 maggio 2000. URL consultato il 5 luglio 2009 (archiviato dall'url originale il 24 settembre 2004).
  114. ^ Shapiro, p. 278
  115. ^ (EN) Michael Fleming, Patrick Marks 'X-Files' Spot, in Variety, 20 luglio 2000. URL consultato il 5 luglio 2009.
  116. ^ a b The Truth Behind Season 8 (DVD), 20th Century Fox Entertainment, 2002.
  117. ^ (EN) Anita Gates, Television/Radio; Without Mulder (Most of the Time), 'The X-Files' Thrives, in The New York Times, The New York Times Company, 18 febbraio 2001. URL consultato il 5 luglio 2009.
  118. ^ Hurwitz e Knowles, p. 190
  119. ^ Lowry, p. 17
  120. ^ Meisler (2000), pp. 18-19
  121. ^ (EN) Alex Strachan, The Alienation of David Duchovny, in Vancouver Sun, Postmedia Network Inc., 17 febbraio 1998. URL consultato il 27 luglio 2009.
  122. ^ a b Hurwitz e Knowles, pp. 34-35
  123. ^ Chris Carter . The Making of The X-Files Movie (DVD), 20th Century Fox Home Entertainment, 1998.
  124. ^ The Truth Behind Season 5 (DVD), 20th Century Fox Home Entertainment, 1998.
  125. ^ a b Chris Carter e Rob Bowman. Audio Commentary for The X-Files: Fight the Future (DVD), 20th Century Fox Home Entertainment, 2005.
  126. ^ a b (EN) Smooth Start for 'seaQuest DSV' – Nielsen Ratings (PDF), in USA Today, Gannett Company, Inc., 15 settembre 1993, p. 03D. URL consultato il 28 novembre 2012.
  127. ^ a b (EN) Nielsen Ratings (PDF), in USA Today, Gannett Company, Inc., 18 maggio 1994, p. D3. URL consultato il 28 novembre 2012.
  128. ^ a b c Lowry, p. 249
  129. ^ a b c d e Kessenich, p. 12
  130. ^ (EN) ABC Hits a 'Home' Run, in Entertainment Weekly, Time, Inc., 28 aprile 1995. URL consultato il 3 aprile 2012.
  131. ^ (EN) William Powers, 'X-Files': Signs of Intelligent Life; Cult Favorite Gains a Following Among the Masses, in The Washington Post, 17 settembre 1995. URL consultato il 1 dicembre 2012.
  132. ^ a b c Meisler (1999), p. 284
  133. ^ (EN) Elizabeth Weinbloom, 'The X-Files'; A Botched Romance, in The New York Times, 2 giugno 2002. URL consultato il 27 luglio 2009.
  134. ^ (EN) Annalee Newitz, Chris Carter Says 9/11 Killed X-Files, in i09, Gawker Media, 23 febbraio 2008. URL consultato il 22 luglio 2012.
  135. ^ (EN) 'Girl' Helps ABC Start Fall Season on Top – Nielsen Ratings (PDF), in USA Today, Gannett Company, Inc., 21 settembre 1994, p. 03D. URL consultato il 28 novembre 2012.
  136. ^ (EN) Nielsen Ratings (PDF), in USA Today, Gannett Company, Inc., 24 maggio 1995, p. 03D. URL consultato il 28 novembre 2012.
  137. ^ a b Lowry, p. 251
  138. ^ a b Meisler (1998), p. 298
  139. ^ a b Meisler (2000), p. 294
  140. ^ a b Shapiro, p. 281
  141. ^ a b Kessenich, p. 146
  142. ^ (EN) Staff, Campaign Ad Sales Outstrip Last Election's – Election 2000: Media, in The Atlanta Journal and The Atlanta Constitution, Cox Enterprises, 8 novembre 2000, p. E20. URL consultato l'8 marzo 2012.
  143. ^ (EN) Associated Press, Season Finales Lift NBC to No. 1, in The Cincinnati Post, E. W. Scripps Company, maggio 2001, p. 3C. URL consultato il 15 gennaio 2012.
  144. ^ Kessenich, p. 193
  145. ^ (EN) Rick Kissell, Peacock struts its stuff, in Variety, 21 maggio 2002. URL consultato il 25 marzo 2015.
  146. ^ (EN) How Did Your Favorite Show Rate?, in USA Today, Gannett Company, Inc., 28 maggio 2002. URL consultato il 2 dicembre 2010.
  147. ^ (EN) Ian Burrell, Ex-Files No Longer: Partners Once More, in The Independent, Independent Print Limited, 17 luglio 2007. URL consultato il 17 agosto 2009 (archiviato dall'url originale il 28 febbraio 2009).
  148. ^ (EN) Richard Corliss, A Star Trek into the X-Files, in TIME, Time, Inc., 7 aprile 1997. URL consultato il 17 agosto 2009.
  149. ^ Hal Boedeker. Having Grown From a Cult Favorite to a Classic, 'The X-Files' Wraps Up Its 3rd Season, Orlando Sentinel, Tribune Company., 17 maggio 1996.
  150. ^ (EN) Darragh McManus, X Hits the Spot, in Evening Herald, Independent News & Media, 26 luglio 2008. URL consultato il 17 agosto 2009.
  151. ^ (EN) 25 Best Cult TV Shows from the Past 25 Years, in Entertainment Weekly, Time Inc., 3 agosto 2012, pp. 37–38.
  152. ^ (EN) TV Guide Names the Top Cult Shows Ever, in TV Guide, 29 giugno 2007.
  153. ^ (EN) TV Guide Names Top 50 Shows, in CBS News, CBS Corporation, 26 aprile 2002. URL consultato il 29 luglio 2009.
  154. ^ (EN) Special Collector's Issue: 100 Greatest Episodes of All Time, in TV Guide, 28 giugno 1997.
  155. ^ Matt Roush. Showstoppers: The 60 Greatest Dramas of All Time, TV Guide, 25 febbraio 2013, pp. 16–17.
  156. ^ (EN) Best TV Shows of All-TIME, in TIME, Time, Inc., 6 settembre 2007. URL consultato il 27 luglio 2009.
  157. ^ (EN) Whitney Pastorek, The Sci-Fi 25: The Genre's Best Since 1982, in Entertainment Weekly, Time, Inc., 2003. (archiviato dall'url originale l'11 dicembre 2011).
  158. ^ (EN) The New Classics: TV, in Entertainment Weekly, Time, Inc., 2008. URL consultato il 27 luglio 2009 (archiviato dall'url originale il 1 giugno 2012).
  159. ^ (EN) 20 Greatest Sci-Fi TV Shows, in Entertainment Weekly, Time, Inc., 30 settembre 2009. URL consultato il 4 ottobre 2009.
  160. ^ The X-Files: 1993–2002, in Empire, Bauer Consumer Media. URL consultato il 17 agosto 2009.
  161. ^ (EN) What the MediaDNA Research Found, in The Guardian, Guardian Media Group, 13 marzo 2003. URL consultato il 23 luglio 2009.
  162. ^ a b (EN) The X-Files, su peabodyawards.com, 1996. URL consultato l'11 settembre 2015.
  163. ^ a b Hurwitz & Knowles, p. 241
  164. ^ a b c (EN) Joyce Millman, The X • E • R • O • X Files, in Salon, Salon Media Group, 8 marzo 1999. URL consultato il 27 luglio 2009 (archiviato dall'url originale il 15 marzo 2009).
  165. ^ (EN) Andrew Gumbel, Mystery Over Big-Screen Return of 'The X-Files', in The Independent, Independent Print Limited, 28 marzo 2008. URL consultato il 17 agosto 2009 (archiviato dall'url originale il 31 marzo 2008).
  166. ^ (EN) Forsyth's Winning Words, BBC, 30 ottobre 1998. URL consultato il 5 settembre 2015.
  167. ^ a b (EN) Joyce Millman, The Nearly Ex Files, in The New York Times, 19 maggio 2005.
  168. ^ (EN) Jayson Whitehead, Anybody Can Rule, in Gadfly Online, 6 maggio 2002. URL consultato il 27 luglio 2009.
  169. ^ (EN) Rachel Davis Leibrock, The X-Phile Facts, in Metroactive, Metro Newspapers, 25 luglio 1996. URL consultato il 27 luglio 2009.
  170. ^ Lavery, pp. 36-51
  171. ^ (EN) Ron Wertheimer, Television Review: Caught in the Trap Of Science Run Amok, in The New York Times, The New York Times Company, 8 marzo 1999. URL consultato il 27 luglio 2009.
  172. ^ (EN) James Caryn, A Virus That Speaks Of a Deadly World Plot, in The New York Times, The New York Times Company, 3 settembre 1996. URL consultato il 27 luglio 2009.
  173. ^ a b c d e f (EN) Trent Moore, 13 Supernatural TV Series That (Lovingly) Ripped Off the X-Files, in Blastr, 21 febbraio 2012. URL consultato il 3 dicembre 2012.
  174. ^ (EN) Liane Bonin, NBC's Only New Hit May Go to Another Netpubblicazione, in Entertainment Weekly, Time, Inc., 14 agosto 2000. URL consultato il 27 luglio 2009.
  175. ^ (EN) Throwdown! 22 Pop-Culture Fights, in Entertainment Weekly, Time, Inc., 9 agosto 2008. URL consultato il 3 dicembre 2012.
  176. ^ (EN) Devin Faraci, It's Time To Bring Back Dark Skies, The X-Files Meets Mad Men Show, Badass Digest, 6 gennaio 2011. URL consultato il 3 dicembre 2012.
  177. ^ (EN) Tim Surette, 'Fringe vs. The X-Files vs. Reality', in TV.com, CBS Interactive, 12 maggio 2009. URL consultato il 1 gennaio 2010.
  178. ^ (EN) Carina Adly MacKenzie, 'Supernatural's Very 'X-Files' Moment: The Truth is in There, in Zap2it, 17 novembre 2010. URL consultato il 4 aprile 2012.
  179. ^ (EN) Alex Zalben, Interview: Alex Hirsch Returns To His Weird, Monster-Filled Childhood In Disney's 'Gravity Falls', su MTV.com, Viacom, 15 giugno 2012. URL consultato il 27 marzo 2015.
  180. ^ (EN) Harold Goldberg, Is Eleventh Hour The New X-Files?, AMC TV, 19 settembre 2007. URL consultato il 3 dicembre 2012.
  181. ^ (EN) Steven Rosen, 'Bones,' From the Heap of Tired Ideas, in Media Life Magazine, 13 settembre 2005. URL consultato il 27 luglio 2009.
  182. ^ (EN) Ian Burrell, BBC to Screen 'Dr Who For Adults' as New Spin-Off Show, in The Independent, Independent Print Limited, 17 ottobre 2005. URL consultato il 1 agosto 2009 (archiviato dall'url originale il 5 giugno 2011).
  183. ^ (EN) Captain Jack to Get His Own Series in New Russell T Davies Drama for BBC Three, BBC, 17 novembre 2005. URL consultato il 1 agosto 2009.
  184. ^ (EN) Marshall, Rick, 7 Things We Should Thank The X-Files For, Mental Floss, 18 gennaio 2015. URL consultato il 5 marzo 2015.
  185. ^ (EN) Nathan Ditum, The 20 Best Simpsons Movie-Star Guest Spots, in Total Film, 29 marzo 2009. URL consultato il 6 agosto 2009.
  186. ^ a b (EN) Colin Gorenstein, The "X-Files" Echo Effect: Here's Proof That the Legendary Series Never Actually Left Us, in Salon, Salon Media Group, 25 marzo 2015. URL consultato il 27 marzo 2015.
  187. ^ (EN) Ben Rawson-Jones, Cult Nostalgia: 'The X-Files' (1993–2002), in Digital Spy, Hearst Magazines UK, 30 ottobre 2006. URL consultato il 18 agosto 2009.
  188. ^ (EN) Donna Freydkin, Sharp Owes Her Fame to a Secret Agent Man, in CNN Entertainment, Time Warner, 27 luglio 1999. URL consultato il 15 ottobre 2012.
  189. ^ (EN) Bree Sharp Taking 'David Duchovny' To Lilith Fair, in VH1 News, VH1. URL consultato il 15 ottobre 2012.
  190. ^ (EN) Smithsonian Wants to Believe! National Museum of American History Acquires X-Files Collection, National Museum of American History, 16 luglio 2008. URL consultato il 27 luglio 2009 (archiviato dall'url originale il 30 giugno 2011).
  191. ^ (EN) Brian Linder, Carter Talks X-Files Sequel, in IGN, News Corporation, 9 maggio 2002. URL consultato il 9 febbraio 2011.
  192. ^ (EN) Clark Collis, 'X-Files' Creator Chris Carter Wants to Believe in a Third Movie Featuring Mulder and Scully, in Entertainment Weekly, Time, Inc., 19 aprile 2008. URL consultato il 27 luglio 2007.
  193. ^ (EN) The X-Files: I Want to Believe, in Rotten Tomatoes, Flixster Inc.
  194. ^ (EN) Silas Lesnick, Annabeth Gish Returns to The X-Files, in ComingSoon.net, CraveOnline Media, 11 agosto 2015. URL consultato il 5 settembre 2015.
  195. ^ Hurwitz e Knowles, p .206
  196. ^ Paula Vitaris, The X-Files: Stefan Petrucha on His Struggle to Create a comic Book Worthy of the Show, in Cinefantastique, vol. 29, 4-5, ottobre 1997.
  197. ^ (EN) David Bianculli, X Hits Spot in Comics, Too, in The New York Daily News, Daily News, L.P., 6 marzo 1995. URL consultato il 27 luglio 2009.
  198. ^ (EN) Jeffrey Renaud, Spotnitz Wants to Believe in Wildstorm's "The X-Files Special", in Comic Book Resources, 12 giugno 2008. URL consultato il 27 luglio 2009.
  199. ^ Maureen O'Donnel. UFO Lore Alive in Chicago Area, Chicago Sun-Times, Sun-Times Media Group, 25 giugno 1997.
  200. ^ (EN) X-Files CCG, in BoardGameGeek. URL consultato il 5 marzo 2015.
  201. ^ (EN) Steve Baxter, Computer X-Files: The Game is Out There, in CNN, Turner Broadcasting System, Inc., 19 giugno 1998. URL consultato il 27 luglio 2009.
  202. ^ (EN) Mike Flaherty, The X-Files: Unrestricted Access, in Entertainment Weekly, Time, Inc., 10 aprile 1998. URL consultato il 27 luglio 2009.
  203. ^ (EN) John McNamara, X-Files: Resist or Serve, in TIME, Time, Inc., 26 giugno 2004. URL consultato il 27 luglio 2009.
  204. ^ (EN) The X Files, in The Internet Pinball Database. URL consultato il 20 gennaio 2014.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Lloyd Baugh, Giuseppe Mazza e Jacob Srampickal, Cross Connections, Pontifical Gregorian University, 2006, ISBN 9788878390614.
  • Jan Delsara, PopLit, PopCult and The X-Files: A Critical Exploration, McFarland & Company, 2000, ISBN 9780786407897.
  • Jody Duncan, The Making of The X-Files Movie, HarperPrism, 1998, ISBN 9780061073168.
  • Ted Edwards, X-Files Confidential, Little, Brown and Company, 1996, ISBN 9780316218085.
  • Louisa Gradnitzer e Todd Pittson, X Marks the Spot: On Location with The X-Files, Arsenal Pulp Press, 1999, ISBN 9781551520667.
  • Matt Hurwitz e Chris Knowles, The Complete X-Files, Insight Editions, 2008, ISBN 9781933784724.
  • Tom Kessenich, Examinations: An Unauthorized Look at Seasons 6–9 of "The X-Files", Trafford Publishing, 2002, ISBN 9781553698128.
  • Dean A. Kowalski, The Philosophy of The X-files, University Press of Kentucky, 2007, ISBN 9780813124544.
  • David Lavery, Deny All Knowledge: Reading the X-Files, Syracuse University Press, 1995, ISBN 9780815604075.
  • Frank Lovece, The X-Files Declassified, Citadel Press, 1996, ISBN 9780806517452.
  • Brian Lowry, The Truth is Out There: The Official Guide to the X-Files, Harper Prism, 1995, ISBN 9780061053306.
  • Brian Lowry, Trust No One: The Official Guide to the X-Files, Harper Prism, 1996, ISBN 9780061053535.
  • Eileen R. Meehan, Why TV Is Not Our Fault: Television Programming, Viewers and Who's Really in Control, Rowman & Littlefield, 2005, ISBN 9780742524866.
  • Andy Meisler, The End and the Beginning: The Official Guide to the X-Files Volume 5, HarperCollins, 2000, ISBN 9780061075957.
  • Andy Meisler, Resist or Serve: The Official Guide to The X-Files, Vol. 4, HarperCollins, 1999, ISBN 9780061073090.
  • Andy Meisler, I Want to Believe: The Official Guide to the X-Files, Vol. 3, Perennial Currents, 1998, ISBN 9780061053863.
  • Steve Niles e Adam Jones, The X-Files/30 Days of Night, IDW Publishing, 2010, ISBN 9781401231781.
  • Marc Shapiro, All Things: The Official Guide to the X-Files Volume 6, Harper Prism, 2001, ISBN 9780061076114.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN211737910 · GND: (DE4409466-8 · BNF: (FRcb125207506 (data)
televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione