Crossdressing

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Crossdressing del fotografo e fotogiornalista statunitense Frances Benjamin Johnston (a destra), in un ritratto con due amici.
Crossdresser contemporaneo.

Il termine crossdressing denota l'atto o l'abitudine di indossare alternativamente vestiti comunemente associati in un determinato ambito socio-culturale al ruolo di genere opposto al proprio, pubblicamente e/o in privato, per molteplici motivi, non esclusi quelli ludici.

La persona che fa uso di crossdressing è chiamata crossdresser. Il termine è corrispondente all'italiano travestitismo, e chi ne fa uso travestito, e non denota necessariamente l'identità di genere o l'orientamento sessuale, e quindi non è sinonimo di omosessuale, transessuale, transgender, né dà indicazioni di sorta sulle preferenze sessuali.

Il crossdressing è distinto dal feticismo di travestimento, classificato tra le parafilie.

Un famoso crossdresser è la top model Andrej Pejic, che sfila in abiti sia femminili sia maschili.

Nel mondo del travestitismo il termine "travestito" non viene usato, bensì l'abbreviativo "trav", rigorosamente al femminile.

Crossdressing in anime e manga[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Storia del crossdressing.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]