Zagor

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Zagor
Copertina di un albo Panini Comics pubblicato come allegato ai quotidiani
Copertina di un albo Panini Comics pubblicato come allegato ai quotidiani
Lingua orig. Italiano
Epiteto Za-gor-te-nay (Lo spirito con la scure)
Alter ego Patrick Wilding
Autore Gallieno Ferri Guido Nolitta
Disegni Gallieno Ferri
Editore Sergio Bonelli Editore
1ª app. 1961
Sesso Maschio
Abilità
  • Grandi capacità fisiche.
  • Infallibile con la sua scure.
Zagor
fumetto
Logo Zagor.png
Logo della serie
Autori Guido Nolitta, Gallieno Ferri
Testi Guido Nolitta
Disegni Gallieno Ferri
Editore Sergio Bonelli Editore
1ª edizione 1961
Periodicità mensile
Albi 606 (in corso)
Generi avventura, western

Zagor è un personaggio dei fumetti ideato nel 1961 da Gallieno Ferri e Guido Nolitta

Tuttora edito dopo oltre 50 anni, il personaggio costituisce uno dei più originali e celebri tarzanidi italiani.[1] Le sue storie si caratterizzano per la varietà degli spunti, dei temi, dei personaggi e delle situazioni, con una notevole commistione di generi, dal western al fantasy alla fantascienza. Creduto un essere soprannaturale dagli indiani, che lo chiamano «Spirito con la Scure», Zagor abita con l'amico Cico nell'immaginaria foresta di Darkwood nel nord est degli Stati Uniti ottocenteschi, in una capanna difesa da sabbie mobili e paludi. Strenuo difensore della foresta e dei nativi americani, le sue armi sono la pistola e una scure indiana fatta con una pietra arrotondata.

Il personaggio[modifica | modifica wikitesto]

« Aayaaaakk!!! »
(il grido di battaglia di Zagor)

Il vero nome di Zagor è Patrick Wilding[2]. Suo padre, Mike Wilding, è stato un ufficiale dell'esercito e Zagor lo ha visto morire, insieme alla madre Betty, per mano degli indiani Abenaki. È stato allora raccolto da uno strano vagabondo di nome Nathaniel Fitzgeraldson (detto Wandering Fitzy), che da quel momento gli ha fatto da padre. Ha giurato vendetta per la sorte dei suoi genitori ma, nel vendicarsi, ha scoperto che anche suo padre uccise molti indiani innocenti e per questo fu ucciso dagli Abenaki, guidati dal bianco Salomon Kinsky. Zagor prova un forte risentimento verso il padre, da lui ritenuto «un militarista e un massacratore di indiani». Un certo "chiarimento" tra i due si avrà nelle ultime pagine del numero 400, dal titolo Il ponte dell'arcobaleno e pubblicato a colori come ogni centesimo numero di casa Bonelli.

E questa scoperta gli ha fatto capire che il bene e il male non stanno mai da una parte sola. Per questo si è poi trasformato in Za-gor-te-nay, lo Spirito con la Scure, e da allora si schiera sempre con i deboli e gli innocenti, di qualunque colore sia la loro pelle. Per un errore di stampa, nella prima striscia di Zagor, La foresta degli agguati, Zagor dice a Cico che i pellerossa lo chiamano «ZA-GOR-TENAY».

Suo inseparabile compagno è il messicano Cico (il cui nome completo – anche se compaiono varianti infinite – è Don Cico Felipe Cayetano Lopez y Martinez y Gonzales y Rodriguez), grassoccio, basso, perennemente alla ricerca di qualcosa da mettere sotto i denti, un po' tonto, pauroso, ingenuo, e protagonista di siparietti comici, spesso causati dalla sua imperizia. Nonostante questo talvolta le qualità "nascoste" del personaggio sono in grado di stupire positivamente. A Cico, per alcuni anni, è stato dedicato un albo fuori serie, sempre disegnato da Francesco Gamba (tranne i primi cinque, dal 1979 al 1983, disegnati da Gallieno Ferri) nel quale era elevato al ruolo di protagonista.

Zagor indossa una maglia rossa di fattura indiana che raffigura, sul petto, l'Uccello del Tuono, all'interno di un cerchio giallo. Abita in una capanna nella foresta di Darkwood circondata dalle sabbie mobili e dalla palude. Le sue armi sono anch'esse simbolo della sua imparzialità tra le razze: la pistola, tipica dei bianchi, e una scure indiana che utilizza una pietra arrotondata.

Ambientazione[modifica | modifica wikitesto]

Benché l'ambientazione di Zagor sia prevalentemente western, si differenzia da Tex per l'aspetto assai più fantastico delle sue avventure. Si può dire che il suo è un "western fantastico" (fantawestern). La varietà degli spunti, delle tematiche, dei personaggi e delle situazioni è il fiore all'occhiello dell'intera serie.

Il periodo in cui sono ambientate le sue storie è imprecisato, ma da diverse sue avventure si può individuare tra la fine degli anni venti e l'inizio degli anni quaranta del XIX secolo in base a collegamenti con fatti storici (non sempre in corretta sequenza tra di loro). Nelle sue storie infatti Zagor partecipa a eventi ispirati alle seconde guerre Seminole (dal 1835 al 1842)[3]; combatte lo scienziato pazzo Hellingen che, nella storia del fumetto, ricatta gli Stati Uniti durante la presidenza di Andrew Jackson (in carica tra il marzo 1829 ed il marzo 1837)[4]; incontra Edgar Allan Poe[5] mentre questi sta trovando l'ispirazione per scrivere la Storia di Arthur Gordon Pym (nel mondo reale scritto tra il 1837 ed il 1838); incontra il pirata Jean Lafitte (la cui data di morte ipotizzata dagli storici varia tra il 1823 ed il 1827)[6]; si trova a Concepción, nel Cile, colpita da un tremendo terremoto (febbraio 1835) e qui vi incontra Charles Darwin (che effettivamente documentò la distruzione della città, durante il suo viaggio a bordo del HMS Beagle)[7]. Sono presenti tuttavia degli anacronismi, come la presenza di pistole a tamburo e cartucce metalliche, diffuse nella realtà solo a partire dalla metà del secolo.

Il sito dell'editore, descrivendo l'ambientazione[8], riporta che Darkwood (la foresta immaginaria contenente la palude in cui vivono lo Spirito con la Scure e Cico) «è situata nella Vecchia Frontiera americana dei primi decenni dell'Ottocento, vicino ai Grandi Laghi e al Canada», mentre in un'intervista pubblicata sul sito stesso[9] Sergio Bonelli afferma che:

« Darkwood è una regione immaginaria, ma molti riferimenti sono reali. [...] Per esempio, Forte Henry (uno degli avamposti militari in cui Zagor si imbatte più di frequente) esisteva davvero. Sorgeva sul fiume Wheeling e oggi al suo posto c'è una città che si chiama appunto Wheeling. Dov'è Darkwood, dunque? Grosso modo, nel Nord-Est degli Stati Uniti. Ci troviamo nella regione subito a sud dei Grandi Laghi, tra Ohio e Pennsylvania.

[...] Lo Spirito con la Scure agisce nella prima metà del secolo Diciannovesimo (pur tra anacronismi e licenze poetiche), mentre Tex e molti altri eroi del western vivono le loro avventure nella seconda metà, e questo è un altro importante motivo di differenziazione. All'epoca della creazione di Zagor, trionfavano ancora le tematiche del Vecchio West, che sentivo ormai strette per un personaggio che volevo invece risultasse il più fantasioso possibile. Ecco perché preferii anticipare la collocazione delle storie in un'epoca non ben definita, rispetto a quella così cronologicamente determinata del genere western.[...] Questa scelta mi permetteva di mostrare le tribù in un periodo lontano dalla corruzione e dallo sterminio portato dall'uomo bianco, quando gli indiani potevano ancora considerarsi padroni della loro terra e dei loro destini. »

Zagor condivide lo stesso universo narrativo con altri personaggi bonelliani: Mister No, Martin Mystère, Dylan Dog, Nathan Never e Legs Weaver, pur non incontrandoli mai per ovvi motivi di ambientazione temporale.

Personaggi[modifica | modifica wikitesto]

Nelle avventure dello Spirito con la scure compaiono ciclicamente una serie di personaggi, simpatici, divertenti, spesso autentici co-protagonisti della serie: gli amici di Zagor e Cico. Tra essi vi è ad esempio Digging Bill, un romantico cercatore di tesori, anche se molto sfortunato. Appare per la prima volta nella storia Caccia al ladro, pubblicata prima nell'edizione a strisce e successivamente sullo Zenith numero 76, La traccia, del luglio del 1967. Ancora, tra i moltissimi "compagni" incontrati in oltre quarant'anni di avventura, Bat Batterton, scalcinato detective privato, Satko, indiano Cherokee laureato in legge, Guitar Jim, ex fuorilegge che nasconde una pistola all'interno della sua inseparabile chitarra e Tonka, orgoglioso capo della tribù Mohawk. Un altro amico di Zagor è sicuramente lo scienziato Verybad, secondo forte solo ad Hellingen, anche lui con le sue pericolose e ingenue scoperte mette in pericolo la vita degli abitanti di Darkwood, a differenza di Hellingen cerca sempre il progresso della scienze e della società

Tra i suoi nemici più rappresentativi ricordiamo:

  • Il professor Hellingen, scienziato pazzo ossessionato dall'idea di uccidere Zagor e di conquistare il mondo. È il più grande genio scientifico della Terra. Prigioniero del demone Wendigo, da cui è stato reso un demoniaco servo del male, viene clonato dalle apparecchiature degli akkroniani che, portate alla base di Altrove, ricostruiscono il suo genoma memorizzato nella cabina dove venne smaterializzato (vedi albo Zenith n. 233, Magia senza tempo, e nn. 652-656).
  • Gli Akkroniani, ovvero extraterrestri umanoidi metà animali e metà vegetali, provenienti dal 6º pianeta della stella Betelgeuse, che Hellingen contatta e chiama sulla terra con un rudimentale computer da lui creato. Invulnerabili alle armi da fuoco e intelligentissimi, cercano cavie umane per i loro esperimenti, ma Zagor scopre casualmente che già diversi decenni prima erano giunti sulla Terra ed erano stati sconfitti da Rakum, stregone indiano col pallino della chimica, che aveva scoperto un minerale capace di avvelenarli, con cui aveva creato delle frecce. Con esse Zagor riesce a sconfiggerli.
  • Ben Stevens, il Re delle Aquile, bandito appassionato di questi rapaci, che in uno scontro con Zagor perde una gamba. Curato dallo scienziato Prometeus, personaggio non cattivo ma incapace di distinguere il bene dal male, crea un uomo - aquila, Ultor, che quasi sconfigge Zagor, ma lo stesso Prometeus lo elimina per espiare la sua colpa, mentre Stevens muore ucciso da Zagor. In seguito farà una breve riapparizione, resuscitato da Hellingen, ma morirà di nuovo. Come El Muerto di Tex, è un personaggio sì negativo, ma in parte giustificato dal suo dramma esistenziale (oltre alla gamba perduta, appare scalpato e sfigurato a causa di torture subite dagli indiani).
  • L'amico di alcune tribù di pellerossa Iron-Man (Sam Fletcher), che dotato di elmo e armatura leggera, come un moderno cavaliere medievale, imporrà il proprio comando sugli indiani e di seguito sconfiggerà Zagor in un duello alla scure, merito questo tanto della sua conoscenza delle tecniche ipnotiche, quanto del particolare narcotico, con cui era avvelenata la particolare scure (due bisturi ricurvi, attaccati ad un bastone) che usava come arma. Vittima della società e impregnato d'odio, Iron-Man sarà poi sconfitto dallo stesso fato. Riapparirà in un successivo episodio insieme ad un gruppo di evasi per essere definitivamente ucciso dal suo amico in preda al delirio, "Mozart" Kelly.
  • Runok, il "Signore del fuoco", di una particolare tribù algonkina, rimasta alla preistoria, che vive in una valle all'interno di un monte, popolata anche da dinosauri. L'ispirazione alla "Terra dimenticata dal tempo" di Conan Doyle è evidente.
  • Il barone Rakosi, sorta di conte Dracula zagoriano, non è poi così diverso dal suo modello originario da cui, tuttavia, si è differenziato graficamente negli ultimi anni. Memorabile la prima storia (Nolitta-Ferri), che si conclude con l'albo Zenith n. 138 intitolato Alba tragica. Si ritiene che sia morto bruciato nel crollo di una casa. Un'altra vampira è la contessa Ylenia Varga, donna di grande fascino. Dovrebbe trovarsi nel mar dei Caraibi.
  • Supermike, alias Mike Gordon, un giovanotto intelligente talentuoso e colto,con la smania di eccellere in tutto, tanto forzuto quanto ambizioso, che veste un costume simile a quello di Zagor ma di colore giallo ed ama sfidare lo spirito con la scure in prove di abilità e forza davanti a tutti, battendolo spesso. Al dito porta un anello con una 'M' in rilievo, in modo che ogni volta che colpisce Zagor al volto con un pugno, lascia il suo marchio in segno di beffa. Alla sua prima apparizione (Nolitta-Ferri), Supermike giunge quasi ad uccidere Zagor in un drammatico duello; successivamente, nella storia di Castelli e Ferri, è alleato dello spirito con la scure ma conserva un atteggiamento ambiguo e inquietante.
  • Il druido Kandrax, mago celtico vecchio di migliaia di anni intenzionato a creare in America un impero celtico. Da non perdere la lunga storia che inizia con l'albo n. 180, Follia omicida. Attualmente è imprigionato nell'isola delle ombre assieme al suo signore, il dio della morte Donn the Dark.
  • Nat Murdo, giovane avventuriero scozzese che organizza un piano criminale per conquistare il cuore della cugina, Lady Fraser. Vistosi scoperto da Zagor, comincia una fuga che lo porta dal Canada, all'Alaska alla California sempre inseguito dallo Spirito con la Scure. Proprio in uno scontro con quest'ultimo, avvenuto in California, Murdo sembra perire in un incendio. Solo qualche tempo dopo Zagor, durante una involontaria trasferta scozzese, scoprirà che il suo vecchio nemico è scampato alle fiamme e, tornato in patria, ha assunto l'identità segreta di Capitan Midnight, sotto le cui spoglie conduce una lotta al fianco dei ribelli delle Highlands contro i nobili che tiranneggiano il popolo.
  • Mortimer (probabilmente non è il suo vero nome), astutissimo genio del crimine ispirato al professor Moriarty (e, in parte, anche a Diabolik) che agisce insieme alla bella Sybil. Nel corso dell'ultimo scontro con Zagor Sybil è stata uccisa da uno squalo. Mortimer, salvatosi su un'isola, giura vendetta. Riappare in seguito alla trasferta sud americana di Zagor dove compie un piano che porterá alla morte di alcune persone care allo spirito con la scure arrivando a un ultimo scontro mozzafiato che finisce con la caduta di Mortimer da una cascata, che ne causa la morte.
  • Il Professor Richter è un archeologo capace di usare le tecnologie di Atlantide. Sembrerebbe morto nel crollo di una caverna in Islanda ma non ci sono prove certe. Il malvagio archeologo è tornato recentemente per poter completare il suo folle piano di Comporre la "Chiave della Conoscenza", fuggito dall'Islanda grazie a una macchina che si trovava nel nascondiglio (riparata grazie alle conoscenze trasmessegli dall'elmo di Loki, che indossava durante la lotta nella caverna), l'uomo è però rimasto orrendamente sfigurato dal minerale con cui sono forgiate le gemme atlantidee, la richterite. Il folle ha quindi raggiunto l'Africa, assumendo l'identità di re dalla maschera d'oro e alleandosi con il negromante kuscita Yetizad . Assieme agli stregoni di Kush, da sempre nemici di Andrew Cain (il cacciatore di mostri, alleato di Zagor che in passato recuperò insieme a lui lo scettro di Tin-Hinan, ultima regina del continente scomparso e in cui è incastonata l'ultima gemma necessaria per la creazione dell'artefatto), prepara la sua vendetta. Prima rapendo la principessa Marada (sposa di Cain e custode dello scettro), poi sterminando una spedizione diretta verso le necropoli perdute del deserto, di cui fanno parte il giannizzero Goran e l'ex-schiavista Ismail e trasformandoli in due soldati non-morti, da aggregare alla loro legione di zombie, e partendo alla volta dell'America. Zagor e Cain, aiutati dai prodi guerrieri tuareg, riescono però prima a distruggere il "dio della polvere" di Xantley, essere sovrannaturale alleato dei due loschi malvagi, poi in mare a distruggere il loro vascello maledetto e il loro esercito di cadaveri. Richter proverà a fuggire con lo scrigno delle gemme verso la costa con una zattera atlantidea, ma Zagor ucciderà prima Yetizad e poi lo inseguirà, facendolo cadere con un colpo di scure da una roccia a strapiombo e presumibilmente uccidendolo, nell'albo Zenith n. 556, Alligator Bayou.
  • Basileo, all'anagrafe Professor Sharky, apparso nell'albo n. 236, La Montagna degli Dei, dic. '80, è un giovane laureato in archeologia che lavorando in Grecia perde la testa e si crede Zeus! Uccisi i suoi collaboratori, porta in America un immenso tesoro e si costruisce una dimora degna degli Dei greci, con tanto di ancelle e tempietti. Alcuni anni dopo, a Darkwood, scompaiono l'indiano Toro Possente, il trapper Zed Molewsky e Big Hopper, detto "l'uomo più forte del mondo". Tutti gli uomini scomparsi sono i più forti della zona. A Cico sembrano solo semplici coincidenze, ma Zagor non è dello stesso parere. Infatti, catturato Zagor, Sharky cerca di farne il nuovo Ercole, attraverso le classiche 12 fatiche, ma finisce ucciso dal mostruoso Cerbero (il cane a tre teste) che egli stesso aveva creato.
  • Alan O'Keefe appare nell'albo n. 144, Vudu!, apr. '73. Trattasi di un ricco piantatore inglese ("Ogun Ingles", in creolo), che stabilitosi ad Haiti vuole estirpare i culti religiosi autoctoni. Non riuscendo a tirare Zagor e Cico dalla sua parte, Alan li cattura insieme al suo gruppo di complici, ma tutti, tranne Zagor, Cico e lo studioso Bosambo, loro amico, verranno sterminati da un gruppo di zombi con a capo i sacerdoti Tullius e Lorgina, resuscitati da un Bokor (stregone) proprio tra quelli che O'Keefe aveva eliminato in una delle sue sanguinarie imprese.
  • Hegel Von Axel è uno studioso tedesco, discendente dell'alchimista Hugbert, che va alla ricerca di un calice in uranio che a suo dire può fornire la vita eterna. Nel n. 242, L'uomo eterno, costringe Zagor, sotto la minaccia della morte per Cico, Rochas, Chapman e Doc, a seguirlo alla ricerca del calice. Lo troveranno e Hegel, tentando l'esperimento, salterà in aria nella grotta ove aveva allestito il suo laboratorio. Ma Hegel ha una caratteristica: un occhio di vetro, per cui gli indiani Pequot, suoi ignari complici, lo chiamano Occhio di Fuoco. Hegel Von Axel ritornerà in una seconda avventura in cui grazie al suo potere aumentato dalle radiazioni assorbite, riesce a controllare tramite speciali piastrine le menti di molti uomini tra cui alcuni soldati di Fort Benton e Fort Nash, che insieme a dei trappers controllati sempre dallo stregone mettono a soqquadro la regione di Darkwood. Viene ucciso da Zagor.
  • Barranco è un avventuriero che agisce in Sud-America, che si scontra con Zagor in un'antica città sulla cordigliera abitata da donne generate da un macchinario di origine atlantidea. Alla fine della storia Barranco viene erroneamente dato per morto; è tornato nel n. 618, Sulle rive del grande fiume. Nello stesso album si capisce quale sia il movente del malvagio criminale, vuole trovare le Amazzoni, le leggendarie donne guerriere (rivelatisi di origine atlantidea e sorelle delle Figlie di Virachoca, un'altra sorellanza, abitanti delle Ande), colpevoli dell'assassinio del padre e del fratello del suo datore Dorrival. Con ai propri ordini una banda di spietati tagliagole, lo spietato avventuriero ingaggia una battaglia senza esclusione di colpi nella foresta contro Zagor per potersi vendicare. Ma Zagor, grazie al prezioso aiuto di una sua vecchia conoscenza, Marie Laveau riesce a sconfiggere i suoi scagnozzi, facendoli finire in pasto ai Piranha. Barranco e Dorrival non si arrendono però e riescono a raggiungere la sede della sorellanza, dove il criminale ingaggia un ultimo scontro con i nostri eroi, andando a schiantarsi con una navicella atlantidea. Dato per morto, Barranco verrà imprigionato dalle amazzoni e si scoprirà infettato dello stesso male del socio (Dorrival il giorno dell'attacco, era stato ferito con un'arma delle donne, che gli ha lasciato una misteriosa cicatrice che invece di sparire, aumentava di giorno in giorno); finendo i suoi giorni con lui, ormai ridotto a un mostruoso abominio a causa degli effetti del raggio e condannato alla stessa inesorabile sorte.
  • È da ricordare tra i nemici zagoriani Paranormus, all'anagrafe Elmer Plummer, impiegato in uno studio chimico, che ne Il profeta, n. 273, si mette al servizio del latifondista Diamond, ma poi crede di essere diventato un mago vero e proprio. La fine di Diamond, giustiziato dagli indiani, e uno spavento terribile fattogli prendere da Zagor lo rinsavirà; la punizione sarà per lui rappresentata "solo" da un passaggio sotto le pesanti mani di una robusta squaw, che poi lo lascia andar via malconcio e pentito.
  • Né amico né nemico, ma da ricordare, è Wilfred Kellogg, fratello del prepotente Henry, tramutato in uomo-tigre mediante un rituale indù per aver offeso Kubal Singh, eroe dell'indipendenza indiana. Kellogg, nel tentativo di curare il fratello, si macchia di atroci crimini, che espia infine attraverso il suicidio. Henry Kellogh tuttavia sopravvivrà e ritornerà molti anni dopo nella storia Il passato di Ramath (n. 496), dove avrà la meritata vendetta nei confronti di Singh e della strega Dharma, responsabile della maledizione del fratello.
  • Vi è poi un uomo che Zagor stesso considera uno dei suoi nemici più pericolosi, dal nome ignoto ma chiamato dai più con lo pseudonimo: il Tessitore, un terrorista a capo di una estesa rete di assassini che mira a destabilizzare il mondo, creando una guerra mondiale. Dopo essere sfuggito già una volta a Zagor, il Tessitore è ricomparso anni dopo sotto le spoglie del candidato a governatore del Texas Marvin Sykes. Questo è l'ultimo episodio stampato sul Tessitore, poiché Sykes, dopo aver tentato invano di uccidere Zagor, cade da una finestra al secondo piano di un albergo e viene arrestato. Sarà la fine per questo criminale?

Crossover[modifica | modifica wikitesto]

Sergio Bonelli il "papà" di Zagor

In diverse storie Zagor si trova a collaborare con gli agenti di Altrove (tra cui Edgar Allan Poe), base segreta statunitense (una delle trame principali degli speciali di Martin Mystère, che ha dato vita anche allo spin-off annuale Storie di Altrove) creata nel 1776 da Benjamin Franklin e Thomas Jefferson per studiare e contenere i fenomeni paranormali che possano mettere in pericolo il neonato Stato. Altro punto di unione tra le sue storie e quelle di Martin Mystère è la presenza della guerra tra Atlantide e Mu; l'eroe di Darkwood visiterà diverse installazioni risalenti all'epoca dello scontro tra le due civiltà e in una storia rischierà la vita a causa di alcune armi chimiche di origine muviana (la cui origine e scopo verranno rivelati in una storia di Mystère). Lo stesso Mystere incontrerà nelle sue storie (albi 242/243) informazioni su un certo "Za-Te-Nay", dotato di una scure che colpisce sempre il bersaglio e che indossa un costume con raffigurato sul petto un volatile stilizzato. Tuttavia, come precisato sia da Alfredo Castelli che da Sergio Bonelli, lo "Za-Te-Nay" di cui si parla non è Zagor. A luglio 2015 per la prima volta l'universo di Dragonero e la foresta di Darkwood avranno uno crossover: Dragonero e Zagor si troveranno fianco a fianco per combattere una minaccia forse più forte di loro.

ZA-GOR-TE-NAY[modifica | modifica wikitesto]

ZA-GOR-TE-NAY è il nome indiano (in dialetto algonchino) di Zagor, che viene tradotto con Spirito con la scure. In realtà, nelle lingue dei nativi d'America, questo termine non significa proprio nulla.

Sergio Bonelli ideò questo nome durante un viaggio in macchina, sull'autostrada del sole. La sillaba "Za" è stata ripresa da Za-La-Mort e la sillaba "gor" deriva probabilmente da Flash Gordon. Il suo primo tentativo fu Aiax, ma poi si rese conto che non era utilizzabile, perché era già il nome di un detersivo. Pensò che ci voleva almeno una Z e da qui ideò Za-gor-te-nay. Il termine Aiax è comunque rimasto nel grido di battaglia di Zagor, "Aaayyyaaakkk!".[10][11]

Numerazione degli albi e storia editoriale[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Albi a striscia di Zagor, Albi di Zagor e Albi fuori serie di Zagor.

La prima edizione delle storie di Zagor apparve fra il 1961 e il 1970 nel formato striscia, nella Collana Lampo. La Collana Lampo consta di 4 serie con l'aggiunta di una serie di "raccoltine" (che sono le rese delle strisce). In totale, fra strisce e raccoltine, sono apparsi 274 albetti. Dal 1965 le storie di Zagor furono ripubblicate e continuano a essere pubblicate in quella che è una collana contenitore chiamata Zenith Gigante, a partire dal numero 52, per cui negli attuali albi della serie inedita esiste la doppia numerazione: quella relativa a Zenith Gigante presente sulla costina e quella relativa a Zagor presente all'interno e sfasata di 51 numeri.

Nelle strisce originali di Zagor appaiono, in appendice, oltre gli Aneddoti e le Frasi Celebri, anche storie a fumetti di altri personaggi della Bonelli, come Cobra, Vita dura per gli sceriffi, 5000 dollari di taglia, L'oro di Uncle Bill (Giubba Rossa), La foresta in fiamme (Giubba Rossa), L'ultimo Incas, La grande caccia. Appaiono anche racconti a puntate in forma narrativa scritti da Valerio Bortolazzi, in cui Zagor non è presente. I racconti di Bortolazzi sono: Fra due fuochi, Un mistero del mare, Attraverso l'Alaska, Una navigazione pericolosa, Come portare in salvo i miei uomini, Salvataggio, Una rara avventura di mare, Navigando lungo l'Oceano Indiano, Giubbe Rosse, Livingstone, Mark Twain, Mari proibiti e Marocco.

Zagor è protagonista di un racconto in forma narrativa, Le mura di Jericho, scritto da Moreno Burattini , illustrato da Mauro Laurenti e Massimo Pesce, e apparso a puntate all'interno della rivista "Darkwood Monitor" (1997-2000), edita dall'associazione culturale "Zagor Club" (fondata da Giuseppe Pollicelli, Daniele Bevilacqua e Sergio Climinti). Il racconto è stato ristampato in volume nel 2011, in una versione leggermente estesa, dalle edizioni Cartoon Club: nell'occasione sono state aggiunte altre illustrazioni inedite. Successivamente, Moreno Burattini ha pubblicato altri tre racconti in prosa di Zagor: "La capanna nella palude" nel 2014, "La casa" nel 2015 e "Cavalli bradi" nel 2016.

Una prima ristampa della collana Zenith Gigante dal n. 52 in poi, quindi limitata al solo Zagor (venne soprannominata dai collezionisti "scritta rossa" in quanto presentava sulla costina la scritta Zagor in rosso vicino alla numerazione), iniziò le pubblicazioni nel 1970 e terminò con il numero 161 Il tiranno del lago (corrispondente allo Zenith n. 212), nell'ottobre del 1983. Una seconda ristampa TuttoZagor si è conclusa nel febbraio 1998 con l'uscita del numero 235 Il marchio dell'infamia (corrispondente allo Zenith n. 286). Le ristampe Zagor e TuttoZagor ovviamente avevano solo la numerazione relativa a Zagor (numero reale).

Il 2 marzo 2007 è stato pubblicato lo Zenith 551, Magia indiana, corrispondente al numero reale 500.

Nel luglio 2015 è stato pubblicato il seicentesimo numero.

Sulla ristampa TuttoZagor, i numeri 121 e 122, Il giorno della giustizia e Addio, fratello rosso! si scambiano le copertine, in quanto l'una più attinente al titolo dell'altra.

Il 16 febbraio 2012 è cominciata la ristampa cronologica di tutti gli albi, Zagor - Collezione storica a colori, allegata a la Repubblica e a l'Espresso come Tex - Collezione storica a colori.[12]

Altri media[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1970 è stato realizzato un film turco intitolato Zagor[13], ma, a dispetto del nome, è un semplice western che narra le avventure di un comune pistolero che nulla ha a che vedere con Zagor. I due film turchi dedicati a Zagor sono Zagor - Kara Korsan'in hazìnelerì[14] (Zagor - Il tesoro del Corsaro Nero) e Zagor - Kara Bela[15] (Zagor - Il Flagello Nero), ambedue del 1971. Essi sono liberamente ispirati alla storia delle jene del mare e a quelle dell'Avvoltoio e di Satko.[16] In ambedue, Zagor è interpretato dall'attore turco Levent Çakir.[17]

Fra il 1977 e il 1978 la Daim Press di Sergio Bonelli e la Interpress Italia s.r.l. di Milano hanno realizzato i Trasferelli chiamati "Calcarelli", uno dei gadgets più ambiti dai collezionisti; la serie di Zagor è composta da quattro album, i cui soggetti sono conosciuti con i titoli Battaglia a Darkwood (1977), Zagor contro Titan (1978), Zagor contro il Vampiro (1978) e Zagor e Cico (1978).

A cavallo fra gli anni settanta e ottanta, nell'ambito della trasmissione televisiva "Tex & Company" (curata da Mauro Boselli e prodotta da Fono Roma e Coronado Productions), sono stati mandati in onda, in varie emittenti locali, i cartoni semianimati di vari personaggi dei fumetti Bonelli; per Zagor, furono realizzati e mandati in onda 5 episodi, tratti dalla serie regolare: Zagor racconta..., L'isola della paura, Indian Circus, Il mio amico "Guitar" Jim e I cacciatori di uomini.

Nel 1987 è stata realizzata un'avventura testuale per Commodore 64 ispirata a Zagor, distribuita dalla Systems Editoriale come allegato a Commodore Computer Club. Il gioco era ispirato alla storia La fortezza di Smirnoff (albi nn. 201-203, sceneggiatura di Alfredo Castelli e disegni di Franco Donatelli).[18]

Nel novembre 2009 il cantautore Graziano Romani ha pubblicato un intero album ispirato ai personaggi ed alle atmosfere del fumetto, dal titolo Zagor King of Darkwood.

Il documentario Noi, Zagor è uscito nelle sale cinematografiche il 22 e il 23 ottobre 2013, ed ha partecipato a "L'Aquila Film Festival" in data 20 novembre 2013.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ http://www.ubcfumetti.com/darkwood/dm2_1.htm
  2. ^ Zagor Special n. 7, La Leggenda di Wadering Fitzy
  3. ^ Storie pubblicate in Zagor 91 e 92; si veda anche Terremoti e tsunami , articolo del 2 ottobre 2013, dal blog dello sceneggiatore e curatore della serie Moreno Burattini
  4. ^ Storia pubblicata in Zagor 109
  5. ^ Storie pubblicate in Zagor 376-379
  6. ^ Storie pubblicate in Zagor 417-419
  7. ^ Storie pubblicate in Zagor 578-580; si veda anche Terremoti e tsunami, articolo del 2 ottobre 2013, dal blog dello sceneggiatore e curatore della serie Moreno Burattini
  8. ^ Zagor: il suo mondo, dal sito della Sergio Bonelli Editore
  9. ^ Zagor FAQ, dal sito della Sergio Bonelli Editore
  10. ^ Zagor: faq
  11. ^ Cosa significa "Zagor"? - uBC: Zagor FAQ
  12. ^ ZAGOR: ARRIVA LA COLLEZIONE STORICA A COLORI!, Sergio Bonelli Editore. URL consultato il 10 febbraio 1012.
  13. ^ (EN) Zagor (1970), in Internet Movie Database, IMDb.com.
  14. ^ (EN) Zagor - Kara Korsan'in hazineleri, in Internet Movie Database, IMDb.com.
  15. ^ (EN) Zagor - Kara Bela, in Internet Movie Database, IMDb.com.
  16. ^ Scoop! I film bonelliani: Zagor e Comandante Mark!
  17. ^ I due film possono vedersi ai seguenti indirizzi: https://www.youtube.com/watch?v=LeJ0z0Fbogg e https://www.youtube.com/watch?v=W9ntV3I-khc
  18. ^ Zagor e Dylan su Commodore 64, articolo di uBC fumetti

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Sergio Bonelli Editore Portale Sergio Bonelli Editore: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Sergio Bonelli Editore