Graziano Romani

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Graziano Romani
Nazionalità Italia Italia
Genere Rock
Soul
Folk
Periodo di attività musicale 1981 – in attività
Etichetta Freedom Rain
Album pubblicati 23
Studio 19
Live 2
Raccolte 2
Sito ufficiale

Graziano Romani (Casalgrande, 26 settembre 1959) è un cantautore italiano di musica rock, noto per aver fondato i Rocking Chairs e per la lunga carriera solista.

Nel corso della sua carriera artistica ha alternato produzioni in italiano e in inglese, passando per varie formazioni fino alla svolta solista.

La sua voce è stata definita dalla critica e dalla stampa specializzata come "la miglior voce rock italiana, degna di uno 'shouter' del profondo sud degli States con la pelle nera".[1]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Gli inizi assieme ai Rocking Chairs[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Rocking Chairs.

Nasce artisticamente nel 1981, fondando i Rocking Chairs, gruppo fortemente influenzato dal rock americano e con cui ha pubblicato quattro album.

La registrazione tra New York e Nashville degli ultimi due album del gruppo offre a Graziano la possibilità di duettare con artisti americani come Elliott Murphy, Willie Nile, Ashley Cleveland e Robert Gordon.

Nel 1991 si conclude il progetto Rocking Chairs e Graziano prepara nuovi brani con testi in italiano, che preludono ad un nuovo percorso artistico solista.

Prime esperienze soliste[modifica | modifica wikitesto]

Il 1992 inizia la collaborazione con il produttore Claudio Dentes (noto come Otar Bolivecic), produttore storico degli Elio e le Storie Tese), che nel 1993 conduce alla pubblicazione dell'album solista dal titolo Graziano Romani in cui canta per la prima volta in italiano, registrato in studio con Cesareo, Faso e Feiez di Elio e le Storie Tese e con la co-produzione di Massimo Riva, che collabora alla stesura dei brani Adios, Da che parte stai, C'è bisogno di un sogno, Polaroid e Mescalero.

Nel 1994 Graziano partecipa coi Mescalero, nome preso dall'omonima tribù Apache del gruppo linguistico athapasco che era solita fare uso a fini alimentari dell'agave utahensis (Mescal), alla diretta Rai del concerto del primo Maggio a Roma in Piazza San Giovanni, aprendo la manifestazione con le sue Adios e Da che parte stai. Inizia un lungo tour nazionale assieme ai Mescalero, in cui propone un repertorio di canzoni proprie in italiano assieme a cover dei brani che lo hanno maggiormente influenzato.

Lo stesso anno la WEA dà alle stampe Innocenti Evasioni 2, disco tributo alle canzoni di Lucio Battisti, dove partecipa interpretando il brano L'aquila. Nel 1995 interpreta la canzone Looking For Someone nel doppio album The River of Constant Change, disco-tributo ai Genesis.

Successivamente, nel mese di dicembre, assume le vesti del Cantante Misterioso e realizza, assieme a Elio e le Storie Tese (il Complesso Misterioso), il singolo natalizio Christmas with the Yours: un progetto a sfondo benefico, i proventi delle cui vendite vengono devoluti alle associazioni LILA e ANLAIDS.

Il 21 dicembre presso il Teatro Smeraldo di Milano, interpreta il ruolo di Simone nel musical Jesus Christ Superstar per la regia di Massimo Romeo Piparo, cantando come solista il brano Simon Zealotes.

Con i Megajam 5[modifica | modifica wikitesto]

La nascita della Dinamo Rock (nazionale italiana cantanti rock), alla quale Graziano presta la propria adesione, genera l'occasione per mettere in contatto Romani con musicisti come Max Cottafavi (chitarrista dei Clan Destino, la prima band di Ligabue), Briegel (bassista dei Ritmo Tribale) e Lor e Wilko dei Rats. Si formano così i Megajam 5.

Nel 1997 la band realizza l'album omonimo Megajam 5, in cui trovano spazio cover di storici pezzi rock assieme a Loose End, inedita canzone di Springsteen.

Nel 1997 Romani si riunisce virtualmente ai Rocking Chairs: è infatti l'unico artista italiano a figurare sul tributo internazionale a Springsteen One Step Up, Two Steps Back con il brano Restless Nights, già incluso a suo tempo nell'album d'esordio New Egypt.

Con i Souldrivers[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1998 Graziano fonda di Souldrivers, la formazione comprende Max Cottafavi (già chitarrista nei Megajam 5), Elisa Minari (ex bassista dei Nomadi) e Gigi Cavalli Cocchi (batterista di Ligabue, Clan Destino e del Consorzio Suonatori Indipendenti).

Prende così avvio una lunga attività di concerti, mentre il lavoro di studio viene temporaneamente limitato alla sola registrazione del brano Sweet Dreams dei Jethro Tull, per l'album-tributo Song for Jethro. Grazie a questa interpretazione, i Souldrivers hanno modo di duettare con Ian Anderson, leader-flautista dei Jethro Tull, in occasione di un concerto-tributo presso il Teatro Magnani di Fidenza.

I Souldrivers registrano anche un album, composto da cover e da quattro canzoni originali, scritte da Graziano ed arrangiate da tutta la band ("Made Of Gold", "Soul Is Calling", "Turning Another Page", "Come In From The Rain"). Quest'opera rimane tuttora inedita, sebbene alcune delle canzoni autografe di Romani siano state risuonate e pubblicate in altri dischi dell'autore. In particolare, il brano "Soul Is Calling", pur non essendo mai stato pubblicato su cd, è stato eseguito numerose volte dal vivo ed è stato utilizzato come pezzo di apertura, in versione rigorosamente acustica, del terzo "Free Spirits Meeting".

Dal 2000 e la Freedom Rain Records[modifica | modifica wikitesto]

2000/2001[modifica | modifica wikitesto]

Nel settembre 2000 viene inaugurato il sito internet ufficiale di Graziano Romani. L'anno successivo esce Soul Crusader, un album-tributo a Springsteen, che coincide la nascita dell'etichetta discografica indipendente, Freedom Rain Records. Il successo di questo cd, dà a Romani l'occasione di esibirsi in molti paesi europei per tutto il 2001. All'apertura del Sito Ufficiale[2] corrisponde l'avvio di un nuovo Fan-Club.[3]

Lo stesso anno vede la pubblicazione dell'album in italiano Storie dalla Via Emilia, una raccolta di brani inediti scritti tra il 1994 ed il 2001, oltre ad una personale versione del brano musicale Rimmel di Francesco De Gregori.

2002[modifica | modifica wikitesto]

Nel corso del 2002, alcuni brani scritti per i Rocking Chairs e sino ad allora rimasti inediti, trovano spazio nell'album Lost and Found: Songs for the Rocking Chairs. Il cd crea l'occasione per una sorta di "reunion" dei Rocking Chairs: tra i musicisti che vi suonano figurano, infatti, Mel Previte, Roberto Pellati e Antonio Righetti. Il disco comprende anche due cover: "Late for the Sky" di Jackson Browne e "Love, Reign o'er Me" dei The Who, recentemente reinterpretata anche dai Pearl Jam.

Nel mese di settembre esce il singolo C'è solo l'Inter, l'inno ufficiale della squadra omonima, registrato in collaborazione con Elio, presente nel disco in qualità di pianista, corista, chitarrista ritmico e coautore della title-track.

Il brano di Romani "I Will Be There Tonight" (originariamente pubblicato nell'album No Sad Goodbyes e poi ristampato all'interno della raccolta Sparks Of Passion) diventa la colonna sonora dello spot tv "Lines Petalo Blu" dell'agenzia pubblicitaria Armando Testa, trasmesso sulle principali emittenti televisive nazionali.

2003[modifica | modifica wikitesto]

Il 2003 vede l'uscita mondiale di un nuovo album-tributo a Springsteen: Light of Day, in cui Graziano interpreta la ballata "The Promise".

Sul finire del 2003 Romani giunge alla pubblicazione dell'album Up in Dreamland, con 11 canzoni autografe e due cover: "Frankie" di Bruce Springsteen e "Mother Of Violence" di Peter Gabriel.

2004[modifica | modifica wikitesto]

Il 7 agosto 2004 si tiene al Parco Secchia di Casalgrande la 1ª edizione del "Free Spirits Meeting - Raduno Ufficiale degli Spiriti Liberi", un raduno dedicato ai vari fan di Graziano Romani.

Nell'ottobre 2004 esce Painting Over Rust. Vi partecipano i musicisti Elliott Murphy (duetto vocale in "Get Together Soon"); Mel Previte (chitarrista in "King Of The Brokenhearted" e "In The Quest For A Good Time") ed il cantautore David Scholl (duetto vocale in "Faithless Times").

2006[modifica | modifica wikitesto]

È del gennaio 2006 la pubblicazione di Confessions Boulevard. Anche quest'opera di Romani vede la partecipazione di ospiti come l'americano Dirk Hamilton (duetto vocale nei brani "Come In From The Rain" e "Made Of Gold") ed il rocker Brando (leader dei Boppin' Kids - duetto vocale nel brano "Bittersweet Feeling").

In ottobre Graziano Romani registra la sua versione del brano di Bob Dylan "Don't Fall Apart On Me Tonight", per un disco-tributo attualmente in lavorazione. Lo stesso mese vede l'ingresso di Cristiano Maramotti (ex chitarrista di Piero Pelù e dei Gang) nella band che accompagna Romani durante i suoi concerti. Maramotti si esibisce durante la "tranche" finale del 'Confessions Boulevard Tour', conclusosi a Pavia il 3 febbraio 2007.

2007[modifica | modifica wikitesto]

Nel gennaio 2007 Graziano rivela ai suoi fans il titolo ufficiale del suo futuro CD in italiano, fino ad allora tenuto segreto: Tre colori. A distanza di pochi mesi dalla pubblicazione del disco, Graziano decide di escludere dalla tracklist definitiva il brano "Vicino al cuore", ritenendolo non in linea con il "concept" dell'album. Al suo posto viene inserito un pezzo composto poco tempo prima dal titolo "Solerosso".

Il 13 marzo 2007 segna la data di uscita ufficiale dell'album, che vede la presenza, al fianco di Romani, di "special guests" quali Elio (voce degli Elio e le Storie Tese), i Modena City Ramblers ed i Gang. L'album è stato registrato presso il Blu Velvet Studio di Alberto Solieri ed ha subito la fase di mastering presso i californiani The Plant Studios. Il titolo Tre colori si ispira al fatto che Reggio Emilia, città natale di Romani, identifica il luogo in cui nel 1797 venne adottata la prima bandiera italiana.

Il "Tre colori Tour 2007-2008" ha inizio il 31 marzo 2007.

Il 12 giugno 2007 viene inaugurato il Tour Diary, un blog curato direttamente da Graziano Romani e dai membri della sua band per raccontare in tempo reale tutto ciò che ruota attorno all'attività musicale dell'artista emiliano.

Verso la metà del mese di giugno 2007 Graziano Romani registra assieme alla sua attuale band la propria versione del brano "Confesso" del cantautore livornese Piero Ciampi, utilizzando, forse per la prima volta nella sua carriera, anche il theremin, il più antico strumento musicale elettronico a noi conosciuto.

Col sopraggiungere di settembre, il tastierista Chris Gianfranceschi lascia la band.

Il 5 settembre 2007 viene diffuso L'amore che dai, primo singolo estratto dall'album Tre colori, registrato in occasione del concerto tenutosi al Parco Secchia di Casalgrande il 4 agosto 2007.

Tra luglio e settembre 2007 Graziano Romani partecipa in qualità di ospite speciale ad alcune date dell'Emozioni fortissime tour degli Elio e le Storie Tese. In queste occasioni, Graziano apre i concerti con alcuni pezzi tratti dal suo repertorio ed eseguiti in versione acustica, per poi esibirsi assieme al gruppo nella canzone Christmas with the Yours. Gli interventi di Romani vengono pubblicati all'interno dei CD Brulé delle serate a cui prende parte.

Il 15 settembre 2007 Graziano Romani prende parte assieme agli Elio e le Storie Tese all'MTV DAY in Piazza Duomo a Milano. Durante la festa per i dieci anni di MTV, Graziano interpreta il brano Christmas with the Yours.

Il 19 settembre 2007 Graziano Romani viene proclamato vincitore del Premio Ciampi"[4] XIII edizione 2007 per la categoria "Miglior cover Piero Ciampi", grazie alla reinterpretazione del brano Confesso. Il pezzo era stato originariamente pubblicato da Piero Ciampi all'interno dell'album Piero Litaliano, su musiche composte da Gian Franco Reverberi.

2008[modifica | modifica wikitesto]

Nel mese di marzo 2008 Graziano Romani incide il brano dal titolo Darkwood, ispirato alle gesta del personaggio a fumetti Zagor, creato da Guido Nolitta (alias Sergio Bonelli) e Gallieno Ferri.

La canzone prende spunto da alcune strofe pubblicate, rispettivamente, nel numero 197 ("Zagor si scatena" - settembre 1977) e nello speciale nr. 7 ("La leggenda di Wandering Fitzy" - aprile 1995) di Zagor. Graziano Romani ha poi integrato il testo aggiungendo un'ulteriore strofa e l'inciso e musicando il tutto, creando così un pezzo dal tipico sapore folk-ballad irlandese.

Il brano è stato pubblicato su un CD-Single stampato in sole 75 copie numerate, distribuite esclusivamente ai partecipanti del primo raduno dei fan di Zagor, tenutosi a Roma il 17 maggio 2008. Per l'occasione Graziano ha eseguito il pezzo in versione acustica.

I partecipanti del Forum ZTN, tra i quali figurano molti autori della Sergio Bonelli Editore, hanno eletto la canzone Darkwood come colonna sonora di Zagor.

Il 2 agosto, in occasione del quinto Raduno Ufficiale degli Spiriti Liberi, viene distribuito il cd Graziano Romani Revisited, 16 tracce in cui vari artisti italiani ed internazionali reinterpretano alcuni dei più importanti brani di Romani. L'album, nato dietro iniziativa dello Staff del Fan Club di Graziano Romani, è stato offerto gratuitamente ai soli iscritti al Fan Club dell'artista emiliano.

Lo stesso giorno, in anticipo sui tempi previsti, vengono messe in vendita le prime copie di Between Trains, nuovo album di Graziano Romani in cui egli reinterpreta alla sua maniera alcune tra le canzoni che, come riportato nel booklet dell'album, "[..] mi hanno influenzato, eccitato, mi hanno aiutato a crescere, mi hanno stimolato e meravigliato, mi hanno commosso e divertito, ed assolutamente mi hanno fatto sentire bene". Tra gli artisti "reinterpretati" figurano Bob Dylan, Van Morrison, Jimmy Webb, Dennis Wilson ed altri ancora...

La pubblicazione di Between Trains è accompagnata da un 'videoclip' ispirato alla title-track, originariamente scritta da Robbie Robertson per il film di Martin Scorsese Re per una notte.

Il "Between Trains Tour" ha inizio il 23 settembre 2008.

Il 20 settembre Graziano partecipa al "Dusk Day 2008" presso il Teatro Mancinelli di Orvieto. Tra gli ospiti della manifestazione, il chitarrista dei Genesis Steve Hackett.

Il 29 settembre Ashley Hutchings (membro dei Fairport Convention, The Albion Band e Rainbow Chasers) pubblica l'album My Land Is Your Land, in cui Graziano interpreta il brano "You Are What You Eat".

Il 29 ottobre Graziano torna in sala d'incisione per avviare un nuovo progetto discografico.

L'8 dicembre inizia la distribuzione CD-Single Falling Snow, inciso assieme a vari artisti reggiani più e meno noti riuniti sotto un'unica sigla, "ARS IN RE". Graziano vi interpreta un paio di strofe nella title-track Falling Snow, oltre a duettare con Giacomo "Jack" Baldelli nella canzone di Bob Dylan dal titolo "Ring Them Bells". Il ricavato dell'iniziativa viene devoluto all'associazione "Augusto per la Vita", fondata in ricordo dello scomparso leader dei Nomadi.

2009[modifica | modifica wikitesto]

Sul finire di maggio Graziano pubblica il suo primo libro dal titolo Gallieno Ferri: Una vita con Zagor. Un'opera biografica scritta assieme a Moreno Burattini sulla vita e le opere del creatore grafico di Zagor, Gallieno Ferri.

Nel mese di giugno Luca Venturelli diventa il chitarrista ufficiale della band, in sostituzione di Cristiano Maramotti.

Il 1º agosto, in occasione del sesto Raduno Ufficiale degli Spiriti Liberi, viene distribuito il secondo cd tributo a Romani dal titolo "Graziano Romani Revisited Again". L'album, nato dietro iniziativa dello Staff del Fan Club di Graziano Romani, viene offerto gratuitamente ai soli iscritti al Fan Club dell'artista emiliano.

Il 30 ottobre, in occasione della mostra del fumetto Lucca Comics, viene presentato il concept-album Zagor King of Darkwood, ispirato alle gesta dello Spirito con la Scure.

La copertina è opera del creatore grafico di Zagor, Gallieno Ferri. La pubblicazione viene celebrata con uno speciale show acustico offerto ai visitatori della kermesse lucchese, con la partecipazione della violinista fiorentina, Giulia Nuti.

Zagor King of Darkwood viene stampato in due versioni: CD con fascicolo allegato, distribuito nelle edicole, e doppio LP in tiratura limitata di sole 1000 copie, venduto nei negozi di dischi e tramite mail-order.

La canzone-benefit "'Falling Snow'" diventa un videoclip che vede, tra gli altri, la partecipazione di Graziano.

Il 13 dicembre viene diffuso il videoclip del brano "'Wilding's Dream'", tratto dall'album Zagor King of Darkwood

Il 15 dicembre Graziano Romani, nell'ambito del "Premio Musicale Città di Livorno", viene insignito della targa "Area Protetta" per il suo lavoro in ambito artistico.

2010[modifica | modifica wikitesto]

Il 31 ottobre, in occasione della mostra del fumetto Lucca Comics, viene presentato il volume Giovanni Ticci: Un americano per Tex, una biografia scritta da Graziano Romani, in coppia con Moreno Burattini, su uno dei "classici" disegnatori di Tex Willer.

Assieme a vari musicisti emiliani partecipa al progetto musicale denominato Lassociazione, incidendo due brani due brani nel dialetto della montagna emiliana ("Alla guerra" e "San Matè"), pubblicati nell'album Aforismi da Castagneto.

2011[modifica | modifica wikitesto]

La fine del mese di maggio vede la pubblicazione del libro Guido Nolitta: Sergio Bonelli sono io, scritto a quattro mani assieme a Moreno Burattini. Il testo è destinato a diventare una sorta di biografia definitiva di Sergio Bonelli/Guido Nolitta, a causa dell'improvvisa scomparsa dell'autore ed editore, avvenuta il 26 settembre 2011. Il 22 ottobre esce il libro Brucetellers, un volume realizzato per raccogliere fondi in favore dell'Ospedale pediatrico "Meyer" di Firenze, al quale Graziano partecipa assieme a tanti altri artisti. Il mese di novembre vede la pubblicazione dell'album My Name Is Tex, ispirato alle gesta di Tex Willer, lo storico fumetto creato da Gian Luigi Bonelli e Aurelio Galleppini (in arte Galep). Il disco viene presentato in anteprima a Lucca Comics per poi venire distribuito in edicola assieme ad uno speciale albo da collezione. La title-track diviene inoltre anche un videoclip, nel quale si alternano 28 immagini tratte da varie copertine illustrate da Galep.

Romani assume inoltre le vesti di soggettista e sceneggiatore con la storia dal titolo Quien Sabe, Hombre?, nella quale, grazie all'ausilio dei disegni di Giovanni Ticci, narra un ipotetico incontro tra il ranger Tex Willer e Guitar Jim, personaggio della testata Zagor.

L'autore approfitta dei dialoghi tra i suddetti personaggi per ironizzare sulla possibilità di dedicare una canzone a Tex Willer ed autocitando due brani di propria composizione (Adios e Quien Sabe, Hombre?).

Guitar Jim: «Sai, Tex, sono convinto che un giorno la scriveranno anche per te, una canzone...»

Tex: «Una canzone sul sottoscritto? Mmm... Quien sabe, hombre? Adios!»[5]

La storia viene pubblicata nel volumetto che accompagna l'album My Name Is Tex.

2012[modifica | modifica wikitesto]

Viene presentato il videoclip del brano Quien Sabe Hombre?, girato all'interno del Teatro De André di Casalgrande.

Per Panini Comics cura il volume L'arte di Galep, biografia dedicata al creatore grafico di Tex, Aurelio Galleppini; contemporaneamente la Panini ristampa l'album My Name Is Tex in versione "De-Luxe".

Per l'editore Renoir / Nona Arte traduce e cura l'edizione italiana della striscia degli anni cinquanta Sky Masters of the Space Force di Jack Kirby e Wally Wood.

In occasione della riedizione Panini Comics dell'album Zagor King of Darkwood, Romani torna ad assumere le vesti di soggettista e sceneggiatore con la storia dal titolo La strada per Darkwood, su disegni di Gallieno Ferri.

Il fumetto viene pubblicato all'interno del volumetto che accompagna il CD.

2013[modifica | modifica wikitesto]

Graziano incide la sua versione di Secret World, noto brano di Peter Gabriel, pubblicata all'interno della raccolta FAMILY SNAPSHOT - A Tribute to Genesis Solo Careers della Mellow Records.

Nel mese di giugno, per l'editore Renoir / Nona Arte esce il primo volume del Prince Valiant di Hal Foster, contenente le tavole domenicali del periodo 1937-1938, di cui Graziano cura le traduzioni.

Timothy Cavicchini, finalista di The Voice of Italy, pubblica sotto l'etichetta Universal Music l'EP A fuoco, contenente il brano Altrove, composto da Graziano Romani.

Approssimativamente nello stesso periodo iniziano le registrazioni dell'album Yes I'm Mister No, destinato, secondo le dichiarazioni dello stesso Graziano Romani, a chiudere la trilogia "fumettistica" ispirata da alcuni dei più celebri personaggi creati dalla penna di Sergio Bonelli / Guido Nolitta e Gian Luigi Bonelli.

Cura la colonna sonora ed è parte del cast del film-documentario Noi, Zagor del regista Riccardo Jacopino, distribuito da Microcinema nelle sale cinematografiche italiane nei giorni 22 e 23 ottobre 2013.

Per l'editore Renoir / Nona Arte esce il secondo volume del Prince Valiant di Hal Foster, contenente le tavole domenicali del periodo 1939-1940, di cui Graziano cura le traduzioni. Per Panini Comics cura il volume L'arte di Ferri, biografia dedicata al creatore grafico di Zagor, Gallieno Ferri: entrambe le opere vengono presentate durante la kermesse fumettistica Lucca Comics 2013.

2014[modifica | modifica wikitesto]

Nel mese di maggio viene pubblicato l'album Yes I'm Mister No con l'editore Panini Comics, disco ispirato al personaggio Mister No, creato nel 1975 da Sergio Bonelli / Guido Nolitta.

Il mese successivo esce il video del brano "Soul Traveler (To Sergio)", dedicato a Sergio Bonelli / Guido Nolitta e contenente varie fotografie dello scomparso autore, tratte dai suoi più avventurosi viaggi.

2015[modifica | modifica wikitesto]

Mentre porta avanti la propria carriera di curatore e traduttore della saga di Prince Valiant, si riunisce ai Rocking Chairs per una serie di dodici date tenutesi nel corso del 2015 e precedute da una "data zero" presso il Teatro De André di Casalgrande il 13 dicembre 2014.

Il "Rocking Chairs Reunion Tour"[6] vede una formazione a sei, composta dai membri originali della band.

Nell'ottobre 2015 pubblica il doppio album dal vivo Vivo/Live, testimonianza integrale di uno show tenutosi il 3 agosto 2013 presso il Parco Secchia di Villalunga di Casalgrande. Nell'album sono presenti i brani inediti "L'attimo che fugge via" e "Vicino al cuore", registrati durante il soundcheck pomeridiano, e "Soul Is Calling", eseguito nel corso dello show.

Il disco segna l'inizio della collaborazione con l'etichetta Route 61 Music e viene accompagnato da un tour promozionale che alterna date acustiche ed elettriche.

2016[modifica | modifica wikitesto]

Per l'editore Renoir/Nona Arte cura la traduzione e l'adattamento italiano di Bravo for Adventure di Alex Toth.

Prosegue l'attività di curatore e traduttore dell'edizione italiana di Prince Valiant con la pubblicazione dei volumi 7 e 8 della serie.

Per Panini Comics pubblica l'album Diabolik, Genius of Crime ispirato al fumetto Diabolik, contenente, oltre ad una decina di brani autografi, la reinterpretazione di tre brani composti da Ennio Morricone per la colonna sonora del film Danger:Diabolik.

Sempre per Panini Comics partecipa alla realizzazione dell'album delle figurine di Zagor, in collaborazione con Moreno Burattini, che ne cura i testi, e Walter Venturi, che disegna la storia inedita contenuta all'interno.

Viene ristampato il volume Guido Nolitta: Sergio Bonelli sono io in un'edizione più lussuosa ed ampliata nei contenuti.

2017[modifica | modifica wikitesto]

Viene pubblicato il nono volume di Prince Valiant, in cui Romani riveste la sua consueta veste di traduttore e curatore

Il 2017 prosegue all'insegna di Bruce Springsteen. Nel mese di aprile, in occasione del Records Store Day, pubblica il 45 giri Lift Me Up / When the Lights Go Out e la raccolta in doppio vinile [[Graziano Romani Sings Bruce Springsteen 1987-2017], che riassume trent'anni di interpretazioni delle canzoni del "Boss".

Il 19 maggio, a distanza di sedici anni dal primo volume, pubblica l'album Soul Crusader Again the Songs of Bruce Springsteen, una raccolta di 12 reinterpretazioni appositamente registrate in studio.

Il tour che segue l'uscita del disco vede l'ingresso di una nuova formazione con la partecipazione del polistrumentista ed ex Rocking Chairs, Max Marmiroli.

Gruppi di supporto[modifica | modifica wikitesto]

Rocking Chairs (1981-1992)[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Rocking Chairs § Formazione.

Mescalero (1992-1997)[modifica | modifica wikitesto]

Megajam 5 (1997-1998)[modifica | modifica wikitesto]

Souldrivers (1998-2001)[modifica | modifica wikitesto]

2002-2010 (dal 2003, "Dreamland Band")[modifica | modifica wikitesto]

Formazione "Rocking Chairs Reunion Tour 2015"[modifica | modifica wikitesto]

Formazione attuale[modifica | modifica wikitesto]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Album registrati in studio[modifica | modifica wikitesto]

Rocking Chairs[modifica | modifica wikitesto]

Megajam 5[modifica | modifica wikitesto]

Album da solista[modifica | modifica wikitesto]

In inglese[modifica | modifica wikitesto]
In italiano[modifica | modifica wikitesto]

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

Raccolte[modifica | modifica wikitesto]

Partecipazioni[modifica | modifica wikitesto]

Album registrati dal vivo[modifica | modifica wikitesto]

Videografia[modifica | modifica wikitesto]

Videoclips[modifica | modifica wikitesto]

DVD[modifica | modifica wikitesto]

  • 2006 - Insieme... sognare si può - Gang, Graziano Romani e i Luf live al PalaCreberg di Bergamo il 21 gennaio 2006.

Il ricavato della vendita del DVD, pubblicato dall'associazione Soffia nel Vento,[7] viene devoluto in favore dell'associazione 'Spazio Autismo' di Bergamo.

  • 2009 - Welcome Steve! A Day in Orvieto: Dusk Day # 4 - Graziano Romani esegue i brani "Mother of Violence"; "White Shadow"; "The Bridges You Burn" e compare nel finale con la canzone "I Know What I Like", accreditata alla "Dusk Day Band".

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Scrittore[modifica | modifica wikitesto]

Come saggista/biografo[modifica | modifica wikitesto]

Come traduttore/curatore[modifica | modifica wikitesto]

  • 2012 - Sky Masters of the Space Force Vol. 01 - Serie a fumetti. Traduzione ed adattamento italiano a cura di Graziano Romani.
  • 2013 - Prince Valiant Vol. 01 (1937 - 1938) - Serie a fumetti. Traduzione ed adattamento italiano a cura di Graziano Romani.
  • 2013 - Prince Valiant Vol. 02 (1939 - 1940) - Serie a fumetti. Traduzione ed adattamento italiano a cura di Graziano Romani.
  • 2014 - Prince Valiant Vol. 03 (1941 - 1942) - Serie a fumetti. Traduzione ed adattamento italiano a cura di Graziano Romani.
  • 2014 - Prince Valiant Vol. 04 (1943 - 1944) - Serie a fumetti. Traduzione ed adattamento italiano a cura di Graziano Romani.
  • 2015 - Prince Valiant Vol. 05 (1945 - 1946) - Serie a fumetti. Traduzione ed adattamento italiano a cura di Graziano Romani.
  • 2015 - Prince Valiant Vol. 06 (1947 - 1948) - Serie a fumetti. Traduzione ed adattamento italiano a cura di Graziano Romani.
  • 2016 - Prince Valiant Vol. 07 (1949 - 1950) - Serie a fumetti. Traduzione ed adattamento italiano a cura di Graziano Romani.
  • 2016 - Prince Valiant Vol. 08 (1951 - 1952) - Serie a fumetti. Traduzione ed adattamento italiano a cura di Graziano Romani.
  • 2016 - Bravo for Adventure - Serie a fumetti. Traduzione ed adattamento italiano a cura di Graziano Romani.
  • 2016 - Album di figurine di Zagor. Graziano Romani cura la parte grafica del progetto.
  • 2017 - Prince Valiant Vol. 09 (1953 - 1954) - Serie a fumetti. Traduzione ed adattamento italiano a cura di Graziano Romani.

Come soggettista/sceneggiatore[modifica | modifica wikitesto]

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • "Spiriti Liberi" è il termine coniato da Graziano per indicare gli iscritti al suo Fan-Club, oltre ad essere il titolo del brano di apertura dell'album Tre colori.
  • In virtù dell'amicizia e stima che lo lega agli Elio e le Storie Tese, Graziano è stato spesso ospite negli album e nei concerti del gruppo.
  • Il rocker emiliano protagonista del brano Bis pubblicato dagli Elio e le Storie Tese nell'album Craccracriccrecr è Graziano Romani (fonte: il booklet dell'album).
  • Durante il periodo natalizio, è consuetudine di Graziano organizzare un particolare spettacolo, denominato "Christmas Show", con l'intervento di speciali ospiti e l'esecuzione di brani rari o non facenti parte della normale scaletta del tour.
  • L'8 marzo 2000 la "Professora", campionessa del programma Sarabanda, condotto da Enrico Papi su Italia 1, ha mancato una vittoria di 620 milioni di Lire per non aver indovinato il titolo del brano di Romani, "Cuore corpo ed anima".

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Paolo Vites, Jambalaya Interviews - Intervista a Graziano Romani, in Jam, nº 101, 2004.
  2. ^ Sito Ufficiale
  3. ^ Free Spirits Fan Club.
  4. ^ 'Premio Ciampi'
  5. ^ Albo ''My Name Is Tex'', Panini Comics, 2011, pag. 48.
  6. ^ I ROCKING CHAIRS tornano a suonare insieme per il Reunion Tour », allmusicitalia.it.
  7. ^ "Soffia Nel Vento"

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]