Moreno Burattini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Moreno Burattini nel maggio 2013.

Moreno Burattini (San Marcello Pistoiese, 7 settembre 1962) è un fumettista e blogger italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Sceneggiatore di fumetti ma anche scrittore, saggista, critico specializzato, curatore di mostre e autore teatrale, Moreno Burattini si è laureato in Lettere all'Università di Firenze con una tesi sulla sceneggiatura dei fumetti.

Dopo aver scritto numerose storie di Cattivik e Lupo Alberto, è divenuto uno dei principali sceneggiatori e soggettisti delle storie di Zagor per Sergio Bonelli Editore. Dal 1991, anno in cui fu pubblicata la sua prima storia, Burattini è diventato negli anni il primo autore per numero di storie del personaggio, superando il suo creatore, Sergio Bonelli (alias Guido Nolitta). Dal gennaio 2007 è il curatore (editor) della collana. A Burattini si devono anche alcuni racconti usciti sugli albi di un altro personaggio della casa editrice milanese, ovvero il Comandante Mark.

Per la sua attività al servizio dei fumetti, Burattini è stato insignito nel 1995 con due premi: l'ANAFI come miglior soggettista e il Fumo di China come miglior autore umoristico[1].

Un altro riconoscimento prestigioso gli è stato consegnato ex aequo col collega Mauro Boselli durante il Lucca Comics del 2003: il Gran Guinigi in qualità di miglior sceneggiatore.[2]. Tre anni dopo, sempre per le sceneggiature, gli viene assegnato il premio Cartoomics.

Oltre all'attività fumettistica, Burattini è noto per i suoi saggi dedicati al mondo dei comics e per aver scritto racconti e commedie.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Scheda di uBCFumetti dedicata a Burattini che da notizia dei premi, su ubcfumetti.com. URL consultato il 17 giugno 2010.
  2. ^ Intervista a Burattini su Comicus, sito web specializzato, nella quale si informa anche dell'assegnazione, ex aequo con Mauro Boselli, del Gran Guinigi, su comicus.it. URL consultato il 17 giugno 2010 (archiviato dall'url originale il 14 maggio 2012).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN58315093 · ISNI (EN0000 0000 3164 7326 · SBN IT\ICCU\BVEV\018995 · LCCN (ENn94100754