Üstmamò

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Üstmamò
Paese d'origine Italia Italia
Genere Pop
Alternative rock
Periodo di attività 1991-2003
2014-in attività
Album pubblicati 10
Studio 6
Live 2
Raccolte 2

Gli Üstmamò sono un gruppo musicale italiano, in attività dal 1991 al 2003. Si sono poi riformati nel 2014.

Il gruppo è originario della zona dell'Appennino reggiano tra Villa Minozzo e Castelnovo ne' Monti, e nel dialetto locale, "üstmamò" significa "proprio adesso".

Storia del gruppo[modifica | modifica wikitesto]

Inizi[modifica | modifica wikitesto]

Esordiscono nel 1991 con un album omonimo, cantato in italiano, inglese, francese e reggiano ed inframmezzato da ritornelli tradizionali dei maggerini dell'Appennino. Nel 1992, si esibiscono a Prato assieme ai CSI e ai Disciplinatha in un concerto che verrà registrato per dar vita all'album Maciste contro tutti.

Decennio 1993-2003[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1993, pur proseguendo nella singolare unione tra varie lingue e dialetti e sonorità bizzarre, il secondo album, Üstmamò (2), posizionò il gruppo in un ambito più rock, in linea con quanto accade all'estero. Del singolo Tannomai viene anche realizzato un video.

Nel 1995 partecipano a Materiale resistente, con una rivisitazione del canto partigiano Siamo i ribelli della montagna. Nel 1996, il terzo album, Üst, prodotto da Roberto Vernetti, segna marcatamente il passaggio dalle atmosfere post punk (alla CCCP) alle innovative sonorità trip hop, registra i migliori risultati di vendite e fa conoscere il gruppo al grande pubblico.

Il successivo Stard'Ust del 1998, trainato dai singoli Kemiospiritual e Cosa conta, conferma il precedente per gradimento a critica e pubblico e approfondisce i legami con l'elettronica grazie a richiami alla house nel brano Soap Opera ed alla drum'n'bass nella canzone Stardust. Nel 2001, l'uscita del controverso Tutto bene vede il parziale ritorno del gruppo alle sonorità che ne avevano caratterizzato le origini, pur non disdegnando inserti di musica elettronica.

Scioglimento[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2003, in concomitanza con la pubblicazione della raccolta ÜstBestMamò, il gruppo annuncia lo scioglimento ufficiale. In un'intervista rilasciata in seguito, la Redeghieri ha detto che lo scioglimento è dovuto alla mancanza di ispirazioni per i testi, alla difficoltà di rispettare tempi e modalità previsti dal contratto e ad alcune discrepanze nate all'interno del gruppo.[1]

Sviluppi artistici dopo lo scioglimento[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2003 esce anche il CD dei Fennec dal titolo Virtual Honeymoon. I Fennec altro non sono che un progetto iniziato nel 2000 da due Üstmamò, Luca Alfonso Rossi e Simone Filippi, insieme ad Ageo (nel 1998 Luca Alfonso Rossi aveva già prodotto il primo disco solista di Ageo). Il CD si discosta molto da tutto quello proposto precedentemente dagli Üstmamò e propone un insieme di lounge, soul, acid jazz, dub e psichedelia.

Nel 2005 Ezio Bonicelli accompagna Giovanni Ferretti (ex CCCP, C.S.I. e P.G.R.) nello spettacolo teatrale Pascolare parole, allevare pensieri. Nel 2009 Ezio Bonicelli e Luca A. Rossi partecipano al tour di Giovanni Ferretti.

La frontwoman del gruppo, Mara Redeghieri, da oltre un ventennio insegnante di lingua inglese in una scuola media del paesino dell'Appennino Emiliano dove risiede, ha intrapreso nel 2009 il progetto Dio Valzer, con l'intento di cercare e divulgare storie di partigiani e libertari antifascisti di montagna come Enrico Zambonini. Tale progetto ha visto la realizzazione di un album finanziato con il crowdfunding e l'esecuzione dal vivo di una serie di ballate anarchiche in un tour per l'Italia,[1] nonché la collaborazione dell'altro ex Üstmamò Bonicelli.[2]

Riunione[modifica | modifica wikitesto]

La notte del 24 dicembre 2014 viene annunciata la rifondazione del gruppo e nel 2015 viene pubblicato un nuovo album intitolato Duty Free Rockets, registrato da Luca Rossi e Simone Filippi. Al nuovo album, che propone sonorità sostanzialmente diverse da quelle degli album precedenti, non ha partecipato la Redeghieri, che ha declinato l'invito rivoltole da Luca Rossi.[1]

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

1991-2003[modifica | modifica wikitesto]

  • Mara Redeghieri - voce
  • Ezio Bonicelli - chitarra, violino, melodica e sintetizzatori
  • Luca Alfonso Rossi - basso, banjo, batteria elettronica, programmazione e cori
  • Simone Filippi - chitarra e cori

Turnisti:

Dal 2014[modifica | modifica wikitesto]

  • Luca Alfonso Rossi - voce, chitarra, basso, banjo, programmazione, songwriting
  • Simone Filippi - chitarra, batteria
  • Ezio Bonicelli - chitarra, violino, sintetizzatori (ospite in "Duty Free Rockets")

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Album di studio[modifica | modifica wikitesto]

Album live[modifica | modifica wikitesto]

Compilation[modifica | modifica wikitesto]

Fennec[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Musica, fuori tempo e in crowdfunding, lindro.it, 25 giugno 2015.
  2. ^ Mara Redeghieri in Dio Valzer, canzoni popolari anarcosindacali (PDF), anpimonzabrianza.it. URL consultato il 18 aprile 2016.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]