Mauro Boselli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il calciatore argentino, vedi Mauro Boselli (calciatore).
« Mauro Boselli attinge a piene mani dalla tradizione texiana, ma non strafà, e, a differenza di altri, riesce ad equilibrare bene azione e sentimento, senza ripetere pedissequamente abusati cliché. »
(Antonio Galassi e Franco Spiritelli da Fumo di China n.60/61)

Mauro Boselli (Milano, 30 agosto 1953) è un fumettista italiano.

È da alcuni anni uno degli sceneggiatori ufficiali di Tex.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Mauro Boselli inizia a collaborare con la casa editrice Bonelli nel 1984 (in precedenza si era occupato della serie TV semianimata Superfumetti dedicata ad alcuni personaggi della casa editrice), ma almeno inizialmente non si occupa direttamente della creazione di storie per i fumetti, svolgendo invece compiti di natura redazionale. In un secondo momento gli viene proposta questa nuova attività che, diventata centrale con gli anni, lo porta a scrivere storie per gli albi di Mister No[1], Zagor[2], di cui è stato curatore dal 1993 al 2006, Dampyr[3], creato con Maurizio Colombo nel 2000, Piccolo Ranger e soprattutto per Tex[4].

Nel 1990 inizia a scrivere storie per lo Spirito con la Scure, contribuendo, assieme al collega Moreno Burattini, a risollevarne le sorti, ricevendo per alcuni anni dall'editore l'incarico di curatore della testata.

Dal 1994 diventa stabilmente uno degli sceneggiatori di Tex, affiancando Claudio Nizzi e proponendo storie caratterizzate da uno stile originale, che lo distinguono sia da Gianluigi Bonelli, sia dagli altri professionisti che si sono alternati alla realizzazione di Aquila della Notte[5], ovvero Guido Nolitta e Claudio Nizzi. Aveva debuttato sulla testata con l'avventura presente sugli albi 309/310 (La minaccia invisibile e seguente) di cui era coautore lo stesso creatore di Tex e alla cui stesura parteciparono, seppur con ruoli marginali, anche Giorgio Bonelli e Tiziano Sclavi, il celebre padre di Dylan Dog. In questo racconto fa la sua prima apparizione uno dei nemici più letali di Aquila della Notte: il Maestro. Tipico di Boselli è mettere in risalto le figure dei comprimari, che sovente sono molto numerosi e assurgono al ruolo di protagonisti. Dei suoi lavori l'episodio intitolato Il passato di Carson, ormai entrato a far parte dei classici della saga, risulta essere tra i più apprezzati tanto da essere giudicato dai frequentatori di un sito specializzato come la migliore storia del ranger in assoluto[6].

Una sua storia (Sulla pista di Fort Apache) è legata anche ad un esposto-denuncia presentato all'autorità giudiziaria dal Codacons e poi ritirato, per alcune frasi pronunciate da Tex che invoglierebbero i giovani al consumo di tabacco[7].

Se il suo impegno sulla testata si incrementa gradualmente negli anni, tanto che gli vengono più spesso affidati anche i cosiddetti Texoni, albi di grande formato affidati a disegnatori di prestigio internazionale, dal 2010 sostituisce praticamente Nizzi nel ruolo di sceneggiatore principale. Questo ruolo primario è confermato dal fatto che a Boselli, l'anno seguente, viene assegnato l'incarico di scrivere i testi del primo albo di una nuova serie di speciali interamente a colori.

Il suo personaggio originale, Dampyr, creato come già detto in coppia con Maurizio Colombo, è il protagonista di una serie horror iniziata nell'aprile 2000.

Nell'aprile 2011 esce nelle librerie, pubblicato dalla Arnoldo Mondadori Editore, un suo romanzo intitolato Tex Willer - Il romanzo della mia vita, nel quale Boselli ripercorre le principali vicende avventurose di Tex già narrate negli albi. Nella finzione letteraria lo stesso personaggio, ormai ritiratosi a vita privata nella riserva dei suoi Navajos, racconta ad un giornalista, giunto presso di lui per intervistarlo, alcuni eventi che hanno segnato la sua vita di eroe della frontiera. Dal 2012 gli viene affidato un incarico prestigioso: è infatti nominato curatore della testata.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Zagor[modifica | modifica wikitesto]

Serie regolare[modifica | modifica wikitesto]

Fuori serie[modifica | modifica wikitesto]

Almanacco dell'avventura[modifica | modifica wikitesto]
Speciali[modifica | modifica wikitesto]
Volumetti allegati agli speciali di Zagor[modifica | modifica wikitesto]

Mister No[modifica | modifica wikitesto]

Fuori serie[modifica | modifica wikitesto]

Almanacco dell'avventura[modifica | modifica wikitesto]
Volumetti allegati agli speciali di Mister No[modifica | modifica wikitesto]

Tex[modifica | modifica wikitesto]

Serie regolare[modifica | modifica wikitesto]

Fuori serie[modifica | modifica wikitesto]

Almanacco del west[modifica | modifica wikitesto]
Maxi[modifica | modifica wikitesto]
Speciali[modifica | modifica wikitesto]
Color Tex[modifica | modifica wikitesto]
Tex romanzi a fumetti[modifica | modifica wikitesto]

Dampyr[modifica | modifica wikitesto]

Serie Regolare[modifica | modifica wikitesto]

Fuori serie[modifica | modifica wikitesto]

Speciali[modifica | modifica wikitesto]
Maxi[modifica | modifica wikitesto]

Dylan Dog[modifica | modifica wikitesto]

Serie regolare[modifica | modifica wikitesto]

Fuori serie[modifica | modifica wikitesto]

Color fest[modifica | modifica wikitesto]

Le storie[modifica | modifica wikitesto]

Serie regolare[modifica | modifica wikitesto]

Fuori serie[modifica | modifica wikitesto]

Speciali[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Scheda dedicata all'Almanacco dell'Avventura sceneggato da Boselli su sito della Sergio Bonelli Editore, sergiobonellieditore.it. URL consultato il 18 settembre 2013.
  2. ^ Scheda dedicata agli autori di Zagor su sito della Sergio Bonelli Editore, sergiobonellieditore.it. URL consultato il 18 settembre 2013.
  3. ^ Scheda dedicata agli autori di Dampyr su sito della Sergio Bonelli Editore, sergiobonellieditore.it. URL consultato il 18 settembre 2013.
  4. ^ Scheda dedicata agli autori di Tex su sito della Sergio Bonelli Editore, sergiobonellieditore.it. URL consultato il 18 settembre 2013.
  5. ^ Nazzereno Giorgini, Giampiero Berardinelli, Il Tex di Mauro Boselli, in Dime Press, 18, Febbraio 1998.
  6. ^ Migliore Storia di Tex, ubcfumetti.com. URL consultato il 21 aprile 2009.
  7. ^ Tex: Codacons chiede scusa per proteste iscritti, in Adnkronos, 4 gennaio 1999. URL consultato il 22 novembre 2011.
  8. ^ sergiobonelli.it, http://www.sergiobonelli.it/scheda/8985/Dylan-ColorFest-n-9.html .

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN51945732 · LCCN: (ENnb2007011429 · SBN: IT\ICCU\RAVV\091037 · BNF: (FRcb146312423 (data)