La cosa (film 1982)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La cosa
La cоsa (film 1982).png
Una scena del film
Titolo originale The Thing
Paese di produzione Stati Uniti d'America
Anno 1982
Durata 109 min
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 2.35:1
Genere orrore, fantascienza, thriller
Regia John Carpenter
Soggetto John W. Campbell (racconto)
Sceneggiatura Bill Lancaster
Produttore David Foster e Lawrence Turman
Produttore esecutivo Wilbur Stark
Casa di produzione Universal
Fotografia Dean Cundey
Montaggio Todd C. Ramsay
Effetti speciali Roy Arbogast e Albert Withlock
Musiche Ennio Morricone
Scenografia John L. Lloyd
Costumi Ronald I. Caplan
Trucco Rob Bottin (special make-up effects)
Interpreti e personaggi
Doppiatori originali
Doppiatori italiani

La cosa (The Thing) è un film del 1982 diretto da John Carpenter, liberamente tratto dal racconto horror-fantascientifico La cosa da un altro mondo (Who Goes There?, 1938) di John W. Campbell, già alla base del film La cosa da un altro mondo (1951) prodotto da Howard Hawks.

La sceneggiatura tratta di un gruppo di ricercatori di una base scientifica americana in Antartide, alla prese con una forma di vita extraterrestre parassita, precipitata sulla Terra, con la facoltà di assumere le sembianze degli esseri con i quali viene a contatto, mutando continuamente aspetto. Per gli uomini della base il problema è scoprire di quale corpo di volta in volta l'alieno si è impadronito, sviluppando nel gruppo un forte senso di paranoia.

Inizialmente il film ebbe un modesto successo di pubblico, complice il fatto di essere considerato dai più un banale remake del già citato film di Howard Hawks. Un altro motivo fu la contemporanea uscita del film E.T. l'extra-terrestre di Steven Spielberg, cioè di un modo di rappresentare gli alieni nettamente opposto alla natura elusiva e terrificante della creatura di Carpenter. Tuttavia, negli anni a venire la pellicola è stata rivalutata positivamente dalla critica, elevandosi al rango di intramontabile cult della fantascienza e del fantahorror, classificatosi diverse volte come uno dei film più paurosi in assoluto.[1]

Per stesso lo Carpenter, che lo considera come il primo episodio della Trilogia dell'Apocalisse[2], è il preferito tra i suoi film.[3]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

« Qui tra noi c'è qualcuno che non è quello che sembra »
(MacReady)

Antartide, 1982. La quiete della base scientifica statunitense U.S. Outpost #31 viene interrotta dall'arrivo di un elicottero partito da una stazione di ricerca norvegese, che sta inseguendo un husky. Gli occupanti della base assistono sgomenti alla scena che si conclude con l'esplosione dell'elicottero, colpito per sbaglio da un ordigno che il cacciatore intendeva lanciare contro la preda. Uno dei norvegesi si salva allontanandosi in tempo dal mezzo e cerca immediatamente di fucilare il quadrupede, colpendo per sbaglio uno dei componenti del team; ne nasce un conflitto a fuoco, e il norvegese viene ucciso. Il team statunitense, guidato da MacReady, non capisce cosa stia succedendo e decide di indagare sulla provenienza dell'elicottero.

Una volta arrivati alla base norvegese, MacReady e Copper trovano solo macerie, il cadavere di un suicida, il ripugnante corpo carbonizzato di una creatura non identificata con due teste fuse insieme e documentazioni varie sulle operazioni svolte dalla base; inoltre in una stanza viene rinvenuto un blocco di ghiaccio oggetto di analisi, che lascia presagire l'esistenza di una creatura rimasta ibernata per anni prima di venire estratta dai ricercatori norvegesi.

I due riportano alla base il cadavere della creatura carbonizzata non identificata, e il biologo Blair ne esegue un'autopsia, rivelando che possiede degli organi interni normali. Nel frattempo l'husky sopravvissuto viene lasciato libero di vagare nella base americana, finché, a seguito della scoperta misteriosa nella base distrutta, non si decide di rinchiuderlo per precauzione nel canile insieme ai suoi simili. Una volta nella gabbia il cane si trasforma in una creatura mostruosa e indefinita, assale i suoi simili e li uccide brutalmente. MacReady richiama l'attenzione di tutti attivando l'allarme antincendio e Childs prova a uccidere il mostro con un lanciafiamme, ma riesce solo a bruciarne metà, mentre l'altra parte della creatura sfonda il soffitto e sfugge via. I resti vengono esaminati da Blair, il quale avanza l'ipotesi che si tratti di un alieno che imita alla perfezione le altre forme di vita, grazie alle sue cellule che inglobano quelle delle creature terrestri.

Blair interroga inoltre un computer sui rischi di contagio e sopravvivenza dei membri della base, ricevendo delle risposte poco rassicuranti, e per tale ragione perde il controllo e distrugge tutti gli strumenti per comunicazioni radio a colpi di ascia, poco prima che i suoi colleghi lo immobilizzino e lo rinchiudano in un piccolo magazzino esterno. A questo punto il gruppo guarda un video rinvenuto nella base norvegese e scopre che gli scienziati stavano conducendo una ricerca su un'astronave aliena, precipitata lì diverse migliaia di anni prima. MacReady si dirige con un altro compagno al disco volante danneggiato; nelle vicinanze viene anche trovato un buco nel ghiaccio da cui è stato estratto con ogni probabilità il blocco analizzato nella base norvegese, evidentemente con all'interno l'alieno sfuggito all'esplosione della sua astronave.

I resti del cadavere mutato rinvenuto alla base norvegese vengono spostati immediatamente in un magazzino con l'obiettivo di tenerli a distanza dagli uomini, ma durante lo spostamento uno scienziato viene aggredito dalla creatura ancora viva, che ne assume le sembianze. Tale caratteristica genera diffidenza tra le persone della base, che non possono sapere con certezza chi sia stato contagiato dal mostro e chi no. Dopo una serie di omicidi, sospetti verso MacReady e manomissioni nella base, si intuisce che la creatura è costituita da più parti, le quali sono in relazione tra loro. MacReady decide di prelevare un campione di sangue dei superstiti e bruciarlo con un filo di rame arroventato, sicuro che il sangue di chi è stato contagiato avrebbe mostrato una reazione difensiva. Dal test risultano tutti sani tranne uno, Palmer, il cui campione di sangue una volta bruciato scorre via dal filo; una volta smascherato, egli si trasforma e attacca Windows, costringendo MacReady a bruciarli entrambi.

Lasciando Childs di guardia, gli altri membri vanno a testare l'ultimo possibile infetto, ovvero Blair, solo per scoprire tuttavia che il magazzino dove era stato rinchiuso è vuoto e che il biologo ha scavato un tunnel sotto l'edificio. Il gruppo realizza che Blair adesso è infetto, e che quando era sembrato che avesse distrutto l'apparecchiatura stava in realtà cercando del materiale per costruirsi una piccola astronave per la fuga. Scoprendo che sia Child che il generatore della stazione sono scomparsi, MacReady ipotizza che l'alieno stia tentando di ibernarsi fino all'arrivo della spedizione di salvataggio in primavera; inizia così la caccia all'uomo, nonostante la scarsa visibilità per via del generatore andato in fiamme.

Il gruppo tenta di far saltare in aria con la dinamite l'intero complesso nella speranza di distruggere la creatura, ma Garry rimane ucciso e Nauls sparisce. Il mostro riappare più grande delle versioni precedenti, poiché ha inglobato altri ricercatori, compreso Blair; nonostante ciò, MacReady lo fa saltare in aria con la dinamite insieme agli ultimi resti della base in fiamme e si mette in salvo. MacReady è raggiunto da Childs, che ricompare sostenendo di essersi perso nella tormenta, e i due rimangono isolati da tutto, correndo il rischio di morire assiderati, oltre a nutrire il reciproco sospetto che l'altro sia stato contagiato.

Finale aperto[modifica | modifica wikitesto]

Nel finale del film viene inquadrato Childs, uno dei due sopravvissuti, mentre beve da una bottiglia di Scotch whisky. Siccome alcuni dei personaggi infetti avevano bevuto da quella bottiglia, si presuppone che venga infettato anche lui, lasciando nel dubbio lo spettatore. Sempre nella scena finale del film, il dubbio che Childs sia in realtà un alieno è alimentato anche dal fatto che, mentre parla con MacReady, dalla sua bocca non esca condensa al contrario di quanto succede a MacReady.

Fu girato inoltre un finale alternativo in cui MacReady veniva recuperato da una missione di salvataggio e, dopo il test del sangue, veniva provato che era ancora umano. Questo finale, girato più che altro per ragioni di sicurezza, non venne mai utilizzato neanche per il test screening, né era il finale che il regista avrebbe voluto come alternativo.

Analisi[modifica | modifica wikitesto]

La cosa è basato sul racconto breve Who goes there? (Chi va là?) di John W. Campbell, da cui già Howard Hawks nel 1951 aveva tratto il classico della fantascienza La cosa da un altro mondo. È proprio l'accostamento con questo film a offrire gli spunti di analisi più interessanti: nell'originale assistiamo alla reazione compatta del gruppo umano contro l'invasore alieno. Sconfitta la minaccia, il monito finale evoca le paure dell'epoca della guerra fredda Ditelo a tutti dovunque si trovino. Dovunque, scrutate il cielo.[4][5]

Nel film di Carpenter si ha il capovolgimento esatto del meccanismo del film originale, come l'ambientazione che passi dal Polo Nord al Polo Sud (in Antartide). Questa volta il gruppo alle prese con la creatura si frantuma: la “cosa” in una continua metamorfosi della realtà esaspera la paranoia causata dall'impossibilità di distinguere l'umano dall'alieno, il reale dalla finzione. In aggiunta, l'ossessione del contagio e l'isolamento riescono a far saltare ogni rapporto interpersonale ed a far crollare la fiducia negli altri. La regola diventa quella dell'uno contro l'altro.[6][7] Peraltro, il film di Carpenter è molto più aderente al soggetto letterario rispetto al film che Hawks ne aveva tratto, rispettando tempi e situazioni del racconto di Campbell.

Il tema del film, nelle intenzioni del regista, verte sulla disgregazione dell'umanità e sulla diffidenza verso il prossimo, ma in realtà si spinge oltre, spostando il conflitto dall'interno dei rapporti umani all'interno dei corpi: la creatura li avvolge e li invade, penetra al loro interno deformando e lacerando ossa e tessuti, trasformandoli alla fine in rappresentazioni corporee grottesche e surreali.[8]

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1981 l'Universal Pictures offrì a Carpenter la produzione di un remake del film di Howard Hawks del 1951 La cosa da un altro mondo[9], di cui Carpenter era da tempo un appassionato (difatti tre anni prima fece comparire una sua scena nel televisore di Tommy nel film Halloween - La notte delle streghe da lui diretto). Egli però decise invece di adattare più fedelmente il racconto su cui si era basato, La cosa da un altro mondo (Who Goes There?) di John W. Campbell, e di non ambientarlo al Polo Nord, come aveva fatto Hawks, bensì al Polo Sud.

Secondo il regista l'aspetto da evidenziare maggiormente nella storia era la paranoia dei personaggi, costretti a confrontarsi con una creatura aliena che può assumere l'aspetto di altri esseri viventi, da cui l'importanza della loro vera identità. Lo script per la nuova versione è stato scritto da Bill Lancaster. A differenza di altri suoi film, John Carpenter non compose la colonna sonora, ma affidò il compito al musicista Italiano Ennio Morricone[10], il quale seguì uno stile simile a quello del regista.

Il budget, uno dei più alti messi a disposizione di John Carpenter, si stima essere stato di 15 milioni di dollari.[11][12]

Effetti speciali[modifica | modifica wikitesto]

Il tecnico degli effetti speciali Rob Bottin[13], con cui il regista aveva già collaborato per il film Fog, all'epoca del film aveva solamente ventitré anni, e con questo lavoro divenne uno dei tecnici più apprezzati di Hollywood, ricevendo anche una nomination al Saturn Award per migliori effetti speciali, che però fu vinto da Carlo Rambaldi e Dennis Muren per il film E.T. l'extra-terrestre. La meccanizzazione dei vari modelli fu di Roy Arbogast e Stan Winston.[14] La squadra di Rob Bottin lavorò ininterrottamente, giorno e notte, per tutta la durata della produzione, sperimentando ogni sorta di tecnica e di materiale per cercare di superare i limiti imposti dalla tecnologia dell'epoca. Realizzarono ogni effetto della creatura, sotto forma di statue modellate a mano (per i cadaveri visti nella base norvegese) e animatronics; alcune scene furono girate tramite l'animazione passo uno, nonostante Carpenter la reputasse poco realistica.

Tutti gli effetti speciali che si possono vedere nelle scene relative alla gabbia dei cani, sono da attribuire a Winston, dal momento che Bottin, in quei giorni, ebbe un esaurimento nervoso dovuto all'immenso carico di lavoro che aveva affrontato. Sempre in questa scena, i tentacoli che si intravvedono sono fruste manovrate direttamente da Bottin. Per ricreare il gore furono utilizzati chewing gum riscaldata, marmellata, crema di mais, gelatina, maionese e altro cibo addensante, insieme a materiali sintetici come metallo, uretano, vetroresina e schiuma di lattice;[15] inizialmente Bottin aveva previsto di utilizzare organi di animali veri presi da una macelleria, ma Carpenter rifiutò in quanto l'odore della carne putrida disturbava i lavoratori, e gli permise di utilizzarli unicamente nella scena dell'autopsia.

L'alieno sotto forma di husky è stato interpretato da Jed, un mezzo husky e mezzo lupo; tuttavia il cane che veniva inseguito dall'elicottero all'inizio del film non era Jed, ma un altro cane a cui era stato tinto il pelo affinché assomigliasse ad esso. Nella scena in cui al Dr. Copper vengono amputate le braccia, fu ingaggiato come controfigura un vero amputato a cui fu messa una maschera per farlo assomigliare all'attore Richard Dysart. Inoltre, per poco Kurt Russell non rimase ferito nella scena in cui faceva saltare in aria con della dinamite il corpo di Palmer: Russell non aveva previsto la forza dello scoppio e quindi la sua reazione nel film non è simulata.

Riprese[modifica | modifica wikitesto]

Le prime scene sono state girate su un ghiacciaio vicino a Juneau, in Alaska[16], mentre le scene interne sono state girate presso Universal Studios in Los Angeles, e per dare l'impressione delle condizioni climatiche antartiche i set negli studi di Los Angeles furono portati alla fredda temperatura di 5°. L'effetto sonoro che simula il vento antartico è stato registrato nel deserto presso Palm Springs, in California. Nelle ultime settimane, le scene furono girate nella Columbia Britannica[17] e le scene nel campo norvegese furono realizzate sfruttando i resti carbonizzati del campo americano.

Promozione[modifica | modifica wikitesto]

Le locandine e i manifesti utilizzati per la promozione del film all'epoca della sua diffusione nelle sale cinematografiche sono a cura dell'illustratore Drew Struzan.[18]

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film è stato distribuito nelle sale cinematografiche statunitensi a partire dal 25 giugno 1982,[19] mentre l'uscita nelle sale italiane è datata 26 novembre 1982.[20][21]

Edizioni home video[modifica | modifica wikitesto]

In Italia il film è uscito in DVD nel 1999 con una edizione da collezione; formato video Letterbox, traccia italiana a 2 canali, ricco di contenuti extra. Non è stata distribuita al momento la special edition del 2004 che offre una pellicola restaurata e un formato video anamorfico oltre agli abbondanti materiali extra. Nel 2008 è stata distribuita l'edizione in formato Blu-Ray Disc anche in Italia.

Divieti[modifica | modifica wikitesto]

Il film fu approvato dalla censura poco dopo la sua distribuzione all'estero. Le scene di genere thriller, nonché splatter, presenti nel film hanno contribuito al suo divieto nel mondo; in gran parte del mondo venne vietato ai minori dai 14 ai 18 anni ed è stato bandito in Finlandia. Negli Stati Uniti venne giudicato con la lettera R, che sta ad indicare che i minori di 17 anni devono essere accompagnati da adulti. Alla sua uscita in Italia nel 1982, il film ricevette il divieto ai minori di 18 anni più qualche tagliuzzamento (che limitano di fatto la visione dei vari aspetti dell'alieno ai telespettatori), mentre negli anni successivi venne vietato ai minori di 14 e senza censure.

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Incassi[modifica | modifica wikitesto]

Al suo esordio negli Stati Uniti ha raggiunto un incasso di 3,1 milioni di dollari; dopo essere rimasto all'ottavo posto il classifica per tre settimane, gli incassi statunitensi hanno raggiunto i 19,629,760 dollari classificando il film nell'anno della sua uscita ad un non proprio lusinghiero 42º posto.[22]

In Italia la pellicola ha avuto un incasso totale pari a 1,714,000,000 lire [23] e si è classificato al 45º posto tra i primi 100 film di maggior incasso della stagione cinematografica italiana 1982-1983.[24]

Va ricordato che il 1982 è stato l'anno dominato da E.T. l'extra-terrestre che con il suo incasso di 359 milioni di dollari (uno dei più alti della storia del cinema) ha imposto a livello planetario una nuova immagine degli alieni tenera e rassicurante in netto contrasto con la creatura carpenteriana: per queste ragioni la pellicola di Spielberg è stata ritenuta una della principali cause del botteghino un po' deludente del film.

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Nei primi anni, la critica statunitense non fu molto tenera con il film. Il critico Roger Ebert lo definì "deludente", considerando inoltre la trama illogica. Dal New York Times fu ritenuto "sciocco e deprimente", aggiungendo che "mescola horror con la fantascienza per trarne qualcosa di divertente".[25] Gli effetti speciali di Rob Bottin, seppur simultaneamente lodati e biasimati dal makeup, furono giudicati troppo grotteschi da diversi critici cinematografici. La pellicola fu molto criticata perché all'epoca il pubblico si aspettava una storia che ricalcasse il film di Hawks, e non una versione più cruenta e maggiormente fedele al romanzo di Campbell.

Nel corso degli anni, comunque, La cosa si è dimostrato un vero cult movie presso il pubblico del mercato home video, e anche i critici hanno saputo analizzarne con più attenzione i tratti distintivi, rivalutandolo positivamente. Nel sito web Rotten Tomatoes risulta che l'80% dei critici ha dato un giudizio positivo. La rivista Empire lo ha inserito al 289º posto nella lista dei 500 film migliori di sempre,[26] The Boston Globe lo ha posizionato al 1° posto nella lista dei 50 film più paurosi di sempre e la Chicago Film Critics Association lo ha inserito come il 17° miglior film horror mai realizzato.[27]

Opere derivate[modifica | modifica wikitesto]

Sequel e prequel[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2003 il canale Syfy aveva progettato la realizzazione di una miniserie sequel della durata di quattro ore. Carpenter era dell'idea che il progetto sarebbe andato avanti, ma improvvisamente il canale cambiò idea abbandonando il progetto. Nel febbraio 2009, una recensione positiva dello screenplay abbandonato venne pubblicato su Corona's Coming Attractions.[28]

Nel 2004 John Carpenter durante un'intervista alla rivista Empire [29] disse che egli aveva un'idea per la storia di The Thing II, incentrata sui due personaggi sopravvissuti, MacReady e Childs. Carpenter ha indicato che avrebbe garantito la partecipazione di Kurt Russell e Keith David nel sequel nei panni di Macready e Childs ancora alle prese con la creatura dopo il finale del film, senza rilevare altri dettagli. Tuttavia, Carpenter ha ritenuto che a causa degli alti costi del progetto, la Universal Studios non avrebbe mai approvato la sua trama.

Nel settembre 2006 è stato annunciato sulla rivista Fangoria che la Strike Entertainment, la compagnia di produzione di Slither e Dawn of the Dead, era alla ricerca di uno o più scrittori per scrivere un prequel teatrale de La cosa.[30] Dopo aver accettato uno script di Eric Heisserer, la Strike Entertainment ha iniziato la produzione del prequel, anch'esso intitolato La cosa.[31] Il prequel è ambientato tre giorni prima degli eventi del film di Carpenter ed è incentrato sull'equipaggio norvegese che per primo scoprì l'alieno. Il film diretto da Matthijs van Heijningen Jr. è stato girato a Toronto e pubblicato il 14 ottobre 2011.[32]

Parchi a tema[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2007, nel Universal Studios Florida venne prodotta un'attrazione dal titolo The Thing - Assimilation.[33] Nell'attrazione, gli ospiti, camminando verso un corridoio sembiante la base scientifica del film, visitano varie riproduzioni del film, sia dei personaggi (tramite animatroni) che dell'ambiente.[34]

Libri e fumetti[modifica | modifica wikitesto]

Una trasposizione letteraria del film, il romanzo La cosa basato sulla sceneggiatura, venne pubblicato nel 1982 da Alan Dean Foster. Anche se il romanzo è la trasposizione del film, sono presenti in esso alcune piccole differenze: il personaggio di Windows è chiamato Sanders, è stata aggiunta una sequenza con MacReady, Bennings e Childs dopo che parecchi cani infetti sono fuggiti nella tundra antartica (questa sequenza era descritta nella seconda bozza della sceneggiatura di Lancaster). Nel romanzo è inoltre spiegata la scomparsa di Nauls; inseguito dall'alieno in un vicolo cieco, preferisce uccidersi piuttosto che permettergli di assimilarlo.

La Dark Horse Comics ha pubblicato quattro sequel a fumetti del film sotto forma di tre miniserie e un serial (The Thing from Another World, The Thing from Another World: Climate of Fear, The Thing from Another World: Eternal Vows nel quale fa il suo ritorno MacReady che insegue la Cosa nell'isola Stewart Island della Nuova Zelanda, e The Thing from Another World: Questionable Research, il quale è stato serializzato in Dark Horse Comics numero 13-16), con per protagonisti MacReady come il solo sopravvissuto dell'Outpost numero 31 e Childs come l'infetto (The Thing From Another World: Climate of Fear issue 3 of 4). Questionable Research esplora una realtà parallela dove MacReady non è in giro per fermare la Cosa ed uno scienziato deve impedire la sua diffusione, dopo quanto accaduto all'Outpost 31. La serie a fumetti è stata intitolata The Thing from Another World (La cosa da un altro mondo) dal film originale del 1951 di Howard Hawks, al fine di evitare confusione e possibili conflitti legali con la Cosa, il membro dei Fantastici Quattro della Marvel Comics. In seguito, la Dark Horse ha pubblicato un fumetto digitale intitolato The Thing: The Northman Nightmare come preludio al prequel del 2011.[35]

Nel gennaio 2010, Clarkesworld Magazine pubblico un racconto breve tratto dal film, intitolato The Things, scritto da Peter Watts. Questa trasportazione si differenzia dal film per la violenza e l'horror più leggeri, e fu nominato per un Premio Hugo come miglior racconto breve.

Videogiochi[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2002 è stato realizzato un videogioco survival horror intitolato La Cosa per PC, PlayStation 2, e Xbox, che funge da sequel agli eventi del film. La storia del videogioco differisce da quella dei fumetti in quanto Childs è morto e i nastri audio sono presenti (nei fumetti erano stati rimossi dall'Outpost 31 all'inizio di The Thing from Another World: Questionable Research). Al termine del gioco, R.J. MacReady è ancora vivo e aiuta il protagonista (il capitano Blake) a completare l'ultima missione.

Per un periodo limitato, i GameStop davano in omaggio una copia del DVD del film a coloro che acquistavano il videogioco.[36][37][38]

La storia del videogioco comincia poco dopo la fine del film: Childs è trovato morto e congelato nello stesso luogo dove era stato visto alla fine del film, ma alla fine del gioco è rivelato che R.J. MacReady è sopravvissuto e aiuta il protagonista a fuggire in elicottero.
Era prevista l'uscita di un sequel che doveva avere come protagonista nuovamente il capitano Blake affiancato da MacReady, e tra i livelli del gioco figuravano piattaforme petrolifere, portaerei, tunnel d'accesso e diversi impianti di raffineria; venne tuttavia annullato in quanto la società che lo produsse, la Computer Atworks, chiuse definitivamente.

Merchandising[modifica | modifica wikitesto]

Nel settembre 2000, come parte della terza serie della linea di giocattoli "Movie Maniacs", la McFarlane Toys ha realizzato due action figures basate sul film. Una era l'alieno dopo aver preso la forma di Blair visto alla fine del film, e l'altro rappresentava sempre l'alieno sotto forma di Norris vista nella scena del defibrillatore. Di seguito venne prodotta una statua in resina rappresentante la Testa-Ragno, una delle invenzioni più complesse di Rob Bottin, e la riproduzione in scala della scena dell'attacco della "cosa" nel canile, oltre ad una serie di action figures rappresentanti i membri del Team.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

L'uomo con il fucile sceso dall'elicottero, grida, in norvegese: «Se til helvete å kom dere vekk. Det er ikke en bikkje. det er en slags ting den imiterer en bikkje den er ikke virkelig kom dere vekk idioter!» che significa «Toglietevi di mezzo! Non è un cane! È una cosa che imita un cane! Non è reale! Toglietevi di mezzo idioti!».[39]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) The top 50 scariest movies of all time, boston.com, 21 ottobre 2015. URL consultato il 7 febbraio 2016.
  2. ^ Intervista a John Carpenter dal dvd La cosa in Il grande cinema horror, Edizioni Master 2009.
  3. ^ La Cosa: 25 curiosità del film di John Carpenter, cineblog.it, 29 novembre 2011. URL consultato il 7 febbraio 2016.
  4. ^ A. Ferrari, 100 Capolavori, Mondadori, 2000
  5. ^ A. Moscariello, Fantascienza, Electa, 2006
  6. ^ J.K. Muir, The films of John Carpenter, McFarland, 2000
  7. ^ S. Prince, Dread, Taboo and The Thing: Toward a Social Theory of the Horror Film, Wide Angle, 1988
  8. ^ S.J. Schneider, 1001 Films, Atlante, 2006
  9. ^ (EN) Michael R. Pitts, RKO Radio Pictures Horror, Science Fiction and Fantasy Films, 1929-1956, McFarland, 2015, pp. 340, ISBN 9781476616834.
  10. ^ (EN) Laurence E. MacDonald, The Invisible Art of Film Music: A Comprehensive History, Scarecrow Press, 1998, pp. 311, ISBN 9781461673040.
  11. ^ (EN) Philip C. Dimare, Movies in American History: An Encyclopedia, ABC-CLIO, 2011, pp. 596, ISBN 9781598842975.
  12. ^ (EN) Jez Conolly, The Thing Devil's Advocates, Columbia University Press, 2014, pp. 76, ISBN 9781906733933.
  13. ^ (EN) John Landis, Monsters in the Movies, Dorling Kindersley Ltd, 2011, pp. 249, ISBN 9781409383888.
  14. ^ (EN) Howard Hughes, Outer Limits: The Filmgoers' Guide to the Great Science-fiction Films, I.B.Tauris, 2014, pp. 183, ISBN 9781780761664.
  15. ^ (EN) Special Effects, outpost31.com. URL consultato il 7 febbraio 2016.
  16. ^ (EN) Jan Goggans, Aaron DiFranco, The Pacific Region, Greenwood Publishing Group, 2004, pp. 196, ISBN 9780313330438.
  17. ^ (EN) Elizabeth Leane, Antarctica in Fiction: Imaginative Narratives of the Far South, Cambridge University Press, 2012, pp. 80, ISBN 9781107020825.
  18. ^ (EN) Drew Struzan - Illustrated Works - The Thing, drewstruzan.com. URL consultato il 7 febbraio 2016.
  19. ^ (EN) Entertainment from Universal an MCA company, in New York Magazine, vol. 15, nº 25, 1982, pp. 73.
  20. ^ Spettacolo,cultura e varietà - Prime Visioni Torino, in Stampa Sera, nº 305, 1982, pp. 29.
  21. ^ Prime visioni Roma, in L'Unita, nº 263, 1982, pp. 14.
  22. ^ (EN) 1982 Yearly Box Office Results, boxofficemojo.com. URL consultato il 7 febbraio 2016.
  23. ^ (EN) The Thing (1982) - Total Business, moviespictures.org. URL consultato il 27 dicembre 2015.
  24. ^ Stagione 1982-83: i 100 film di maggior incasso, hitparadeitalia.it. URL consultato il 27 dicembre 2015.
  25. ^ (EN) The Thing - Movie Review & Film Summary (1982), rogerebert.com, 1º gennaio 1982. URL consultato il 7 febbraio 2016.
  26. ^ (EN) The 500 Greatest Movies Of All Time, empireonline.com, 3 ottobre 2008. URL consultato il 7 febbraio 2016.
  27. ^ (EN) Scariest Movies Ever Made, altfg.com. URL consultato il 7 febbraio 2016.
  28. ^ (EN) Exclusive: A Look at the Return of the Thing screenplay, coronacomingattractions.com, 16 febbraio 2009. URL consultato il 7 febbraio 2016.
  29. ^ Empire Magazine, marzo 2004
  30. ^ (EN) September 6: The Thing prequel on the way, fangoria.com. URL consultato il 7 febbraio 2016 (archiviato dall'url originale il 20 ottobre 2006).
  31. ^ (EN) First Look at the Norwegian Research Camp from 'The Thing'!, bloody-disgusting.com, 7 aprile 2010. URL consultato il 7 febbraio 2016.
  32. ^ Fischer, Russ, The Thing Will Release on October 14, 2011, Filmcast, 23 novembre 2010
  33. ^ (EN) Halloween Horror Nights 2011 to feature ‘The Thing’ haunted house at Universal Studios in both Orlando and Hollywood, insidethemagic.com, 19 luglio 2011. URL consultato il 7 febbraio 2016.
  34. ^ (EN) ‘The Thing’ movie to become basis for haunted house at Halloween Horror Nights 21, attractionsmagazine.com, 19 luglio 2011. URL consultato il 7 febbraio 2016.
  35. ^ (EN) The Thing Complete Comic, digital.darkhorse.com. URL consultato il 7 febbraio 2016.
  36. ^ (EN) The Thing for Playstation 2, metacritic.com. URL consultato il 7 febbraio 2016.
  37. ^ (EN) The Thing for PC, metacritic.com. URL consultato il 7 febbraio 2016.
  38. ^ (EN) The Thing for Xbox, gamerankings.com. URL consultato il 7 febbraio 2016.
  39. ^ (EN) What did the Norwegian shout at the Americans?, outpost31.com. URL consultato il 7 febbraio 2016.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN194767064 · GND: (DE4642594-9 · BNF: (FRcb16748988p (data)