X-Files - Il film

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il film del 2008, vedi X-Files - Voglio crederci.
X-Files - Il film
X-Files - Il film.jpg
Una scena del film
Titolo originale The X-Files
Paese di produzione Canada, USA
Anno 1998
Durata 121 min
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 2.40:1
Genere fantascienza, thriller, drammatico, orrore
Regia Rob S. Bowman
Soggetto Chris Carter, Frank Spotnitz
Sceneggiatura Chris Carter
Fotografia Ward Russell
Montaggio Stephen Mark
Musiche Mark Snow
Scenografia Christopher Nowak
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

X-Files - Il film (The-X Files) è un film del 1998 diretto da Rob S. Bowman, tratto dalla omonima serie televisiva. La pellicola segna il debutto sul grande schermo dei personaggi della serie e narrativamente si colloca tra la quinta e la sesta stagione.

In Italia è stato pubblicizzato sul manifesto cinematografico come X-Files - Il film, mentre su quello statunitense come The X-Files: Fight the Future.

Nel 2008 è uscito un altro film basato sulla serie, X-Files - Voglio crederci.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Nel 35.000 A.C. in una caverna, nel nord del Texas, un essere mostruoso aggredisce due uomini primitivi. Nel 1998 dei bambini scavano una buca e all'improvviso uno di essi cade in una grotta e trova un teschio umano. Un olio nero spunta e si impadronisce del bambino, che gli fa diventare gli occhi neri. I pompieri vengono a soccorrerlo.

Nel frattempo gli agenti dell'FBI Fox Mulder e Dana Scully investigano per trovare una bomba in un ufficio federale a Dallas. Mulder trova la bomba in una macchinetta di bibite e subito avverte Scully, che fa evacuare l'edificio. Darius Michaud, agente dell'FBI, prova inutilmente a disinnescare la bomba, che esplode, uccidendo un pompiere ed un bambino (mostrati all'inizio del film). Mulder e Scully sono sotto accusa e nello stesso pomeriggio Mulder incontra un dottore, Alvin Kurtzweil, che gli spiega che le vittime erano già morte e che la bomba serviva per insabbiare il tutto.

Mulder e Scully, dopo diverse indagini, si dirigono in Texas ed entrano in un struttura apparentemente vuota, circondata dal grano. All'improvviso però, spuntano numerose api da cui scappano. Usciti fuori, sono inseguiti da due elicotteri neri a cui sfuggono e tornano a Washington dove Murder scopre che Scully è stata punta da un ape e quindi chiama un'ambulanza. Quando essa arriva, il guidatore spara a Mulder e se ne va. Mulder si sveglia in ospedale, sopravvissuto al colpo di pistola e grazie all'aiuto di due colleghi riesce a scappare. L' Uomo dalle mani curate gli rivela che Skully si trova in Antartide e gli consegna anche un vaccino per combattere il virus iniettato dall'ape.

Mulder si dirige nell'Antartide e scopre un laboratorio sotterraneo segreto dove sono contenuti numerosi alieni e Skully. Mulder gli inietta il vaccino e la salva. Essi scappano dallo stabilimento, il laboratorio viene distrutto e spunta una grossa astronave aliena che vola in alto nel cielo. Scully durante il processo, racconta tutto quello che ha visto durante le indagini, ma non viene creduta e Mulder legge nel giornale che il governo ha insabbiato tutti gli avvenimenti.

In Tunisia, l'Uomo che fuma avverte Conrad Strughold che l'Unita X-Files è stata riaperta.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • In una scena del film, quando Mulder trova il bagno occupato ed esce nel vicolo per urinare, lo fa davanti alla locandina cinematografica di Independence Day di Roland Emmerich. È curioso notare come nello stesso film fosse stata citata in una battuta proprio la serie di X-Files.
  • L'articolo che Mulder legge alla fine del film (dal titolo "Fatal Hanta Virus Outbreak in Northern Texas Reported Contained") è stato scritto da Howard Dimsdale. Il vero Howard Dimsdale era stato l'insegnante di Frank Spotnitz e John Shiban all'American Film Institute, ed era nella "lista nera" durante l'era McCarthy.
  • Conrad Strughold porta il nome del vero Strughold, uno scienziato nazista che condusse esperimenti sui prigionieri durante la seconda guerra mondiale. Il governo degli USA portò Strughold negli Stati Uniti dopo la guerra per farlo lavorare sul programma spaziale. Nell'episodio #3X02 Il file da non aprire (3/3) - Paper Clip, Mulder e Scully trovano "tanti fascicoli" alla Strughold Mining Company.

Colonna sonora[modifica | modifica wikitesto]

Dalla produzione di questo film è stato creato un album, intitolato The X-Files: The Album.

  1. One - 4:40
  2. Flower Man - 2:56
  3. Walking After You - 4:07
  4. Beacon Light - 4:01
  5. Invisible Sun - 4:08
  6. Deuce - 3:32
  7. One More Murder - 4:38
  8. More Than This - 5:10
  9. Hunter - 3:30
  10. 16 Horses - 2:37
  11. Crystal Ship - 2:20
  12. Black - 4:30
  13. Teotihuacan - 7:06
  14. The X-Files Theme - 14:15

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Menarini Roy, Meneghelli Andrea, Fantascienza in cento film, Genova, Le Mani editore, 2000.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]