Uwe Boll

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Uwe Boll

Uwe Boll (Wermelskirchen, 22 giugno 1965) è un regista, sceneggiatore e produttore cinematografico tedesco. È il fondatore della società di produzione cinematografica Boll KG da cui riceve i finanziamenti per i propri film.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Boll, da giovane promettente pugile, ha studiato letteratura ed economia alle università di Colonia e Siegen. Nel 1992 fonda la casa di produzione e distribuzione cinematografica Boll KG, di cui a tutt'oggi è amministratore delegato e socio fondatore. Nel 1995 ottiene il dottorato di letteratura. Dal 1995 al 2000 è stato impegnato nella carriera di produttore cinematografico e regista presso la società Taunus Film-Produktions GmbH.

Il regista ha sempre avuto un rapporto conflittuale con i mass media e i fan che lo accusano di aver rovinato molti videogiochi trasponendoli per il grande schermo. Il personaggio però non si è mai tirato indietro, affrontando l'opinione pubblica con metodi non ortodossi, come quando nel 2006 sfidò apertamente i critici in un match di boxe (i quali accettarono e persero[1]).

Lo stesso capita con i suoi fan, ai quali nel 2008 ha dichiarato che interromperà la sua carriera di regista non appena verranno raccolte un milione di firme favorevoli[2], cui subito i fan hanno risposto mettendo una petizione on-line che ha raggiunto in pochi giorni le 150 000 firme, costringendo Boll ad una replica (pubblicata su YouTube), in cui, oltre ad attaccare pesantemente Eli Roth e Michael Bay, confida nel successo di una possibile petizione a suo favore[3]. In un'intervista successiva, dopo l'indifferenza mostrata da parte di Bay, Boll lo sfida pubblicamente in un match di boxe[4], rincarando poi la dose nonostante Bay non avesse ancora accettato. Nel 2009 ha vinto 2 Razzie Award come peggior regista e peggior carriera.

Fuori dalle pellicole sui videogiochi, Uwe Boll ha però dimostrato di essere un ottimo e versatile regista e di saper affrontare temi seri e sociali, tra cui film di denuncia sui massacri nelle scuole (Heart of America), o film che parlano del conflitto del Darfur (Darfur), o anche film crudi e brutali ambientati in carcere e basati su fatti veri (Stoic), o film di denuncia sul sistema della vendita delle armi in America e della politica americana e globale degli ultimi anni (Rampage e Rampage - Giustizia capitale), film sul Vietnam (Tunnel Rats), film sulla crisi economica degli ultimi anni (Assalto a Wall Street), film-documentari su Auschwitz (Auschwitz), film sulla teoria cospirativa della morte di un politico tedesco (Barschel - Mord in Genf), film sui serial killer (Amoklauf, Sanctimony, Seed, Rampage e Rampage - Giustizia capitale), ed anche biografie su pugili realmente esistiti (Max Schmeling).

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Regista[modifica | modifica wikitesto]

Sceneggiatore[modifica | modifica wikitesto]

Produttore[modifica | modifica wikitesto]

Attore[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Uwe Boll stende la critica, in HorroMagazine.it, 27 novembre 2006. URL consultato l'8 aprile 2008.
  2. ^ Un milione di firme per far ritirare Uwe Boll?, in BadTaste.it, 07 aprile 2008. URL consultato l'8 aprile 2008.
  3. ^ Michael Bay e Eli Roth contro Uwe Boll, in BadTaste.it, 10 aprile 2008. URL consultato il 10 aprile 2008.
  4. ^ Uwe Boll insulta Michael Bay e lo sfida a singolar tenzone, in GamesBlog.it, 28 aprile 2008. URL consultato il 4 maggio 2008.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN12451419 · LCCN: (ENn95093430 · ISNI: (EN0000 0000 3033 3915 · GND: (DE122313291 · BNF: (FRcb14080804z (data)