Antimilitarismo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
It Shoots Further Than He Dreams, vignetta satirica antimilitarista di John F. Knott del marzo 1918, in cui il Kaiser Guglielmo II di Germania, finisce per ritorcere su di sé le sue armi di distruzione.

L'antimilitarismo è l'ideologia che sostiene l'opposizione al militarismo, alle istituzioni militari (specialmente alle forze armate come l'esercito) e alla guerra tra gli stati. Rappresenta l'opposto del militarismo, ma, in parte, è diverso dal pacifismo, che, come la nonviolenza, è un'opposizione generale a tutte le forme di violenza. È legato, a vario titolo, con ideologie quali l'anarchismo (di varia matrice, ma raccolti intorno ad una precisa idea di anarchia come assenza di coercizione), il liberalismo sociale (area radicale), il libertarianismo, a volte anche l'individualismo e alcuni tipi di socialismo e di comunismo (socialismo rivoluzionario, socialismo libertario, socialismo cristiano, comunismo libertario, ecc).

Per l'ideologia antimilitarista l'esercito e le strutture militarizzate sono apportatori di guerra e di violenza, oltre che oppressori della libertà personale degli individui, specialmente dove è in vigore la leva obbligatoria (ma non solo), oltre a essere una lobby potente che ostacolerebbe comunque la pace al fine, particolarmente secondo i socialisti, di spezzare la solidarietà internazionale dei lavoratori. L'antimilitarismo ricorda spesso il ruolo avuto dall'esercito nei colpi di stato e nell'instaurazione di violente dittature militari.

L'antimilitarismo tradizionale ha spesso anche caratteri di internazionalismo, cosmopolitismo e anti-nazionalismo, ma anche di anti-imperialismo.

Cinema[modifica | modifica sorgente]

Musica[modifica | modifica sorgente]



Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]