Nato il quattro luglio (film)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nato il quattro luglio
Ni4l.png
Tom Cruise (Ron Kovic) in una scena di guerra
Titolo originale Born on the Fourth of July
Paese di produzione Stati Uniti d'America
Anno 1989
Durata 144 min
Genere biografico, guerra, drammatico
Regia Oliver Stone
Soggetto Ron Kovic
Sceneggiatura Oliver Stone, Ron Kovic
Produttore A. Kitman Ho, Oliver Stone
Casa di produzione Universal Pictures
Fotografia Robert Richardson
Montaggio David Brenner, Joe Hutshing
Musiche John Williams
Scenografia Bruno Rubeo
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Nato il quattro luglio (Born on the Fourth of July) è un film del 1989 diretto da Oliver Stone. Tratta le vicende vissute da Ron Kovic (ex marine e poi attivista e scrittore impegnato per la pace) in Vietnam e, al ritorno, negli Stati Uniti.

Il film è dedicato alla memoria dell'attivista politico Abbie Hoffman.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Ron Kovic è un giovane statunitense nato il 4 luglio 1946, giorno in cui si festeggia l'Indipendenza degli Stati Uniti d'America, proveniente da una famiglia di stampo cattolico e tradizionalista; i suoi interessi ed attività sono lo sport, la scuola ed una normale vita da ragazzo degli Stati Uniti d'America, ma con profonde convinzioni negli ideali nord-americani e nell'agonismo sportivo ed il suo motto ricorrente è «O ami l'America o te ne vai».

Nel 1964, all'età di 18 anni, decide di arruolarsi volontario nei Marines degli Stati Uniti e, diventato sergente, viene destinato a partire per la guerra del Vietnam nell'ottobre 1967, spinto da uno spirito di servizio alla patria come i suoi antenati nella guerra d'indipendenza degli Stati Uniti d'America e nelle guerre mondiali. Ma in Vietnam scopre la realtà crudele di una guerra che non risparmia donne e bambini, unita al rimorso dell'uccisione per errore del soldato Wilson, avvenuta a seguito di una feroce battaglia in un villaggio pieno di civili massacrati per sbaglio dai marines. Tornato alla base militare, nonostante Kovic ammetta con il maggiore di aver ucciso Wilson, quest'ultimo non lo punisce e lo lascia andare.

Il 20 gennaio del 1968 Kovic viene ferito gravemente alla spina dorsale, perdendo di conseguenza l'uso delle gambe e diventando impotente. Tornato negli Stati Uniti nel 1969 li scopre cambiati ed affronta il suo difficile reinserimento scoprendo la generale sensazione di inutilità della guerra. Si sente un eroe, ma così non è trattato, la guerra non è sentita dal Paese e si ritrova a fare i conti con il proprio handicap che non interessa a nessuno e l'unico conforto gli viene dall'amico Timmy, anche lui reduce ferito e con problemi di tossicodipendenza. Incontra di nuovo Donna, la compagna di liceo amata prima della partenza, divenuta attivista del movimento pacifista, la quale lo conduce ad una manifestazione di protesta che si svolge alla Syracuse University, dove, pur non condividendo quanto ode dai relatori, vive per la prima volta in prima persona la repressione violenta della polizia contro gli studenti.

Rientrato a casa inizia a bere, non ha più fede ed ha scontri sempre più aspri in famiglia fino a fare diventare la convivenza impossibile, al punto che decide di lasciare la propria casa nel 1970 per recarsi a Villa Dulce, un luogo oltre la frontiera con il Messico dove vive una comunità di reduci che si rivela essere un luogo dove i ragazzi vivono una misera esistenza. Lì fa conoscenza con Charlie, che sta naufragando lentamente tra droga e mescal. Un giorno, dopo un furibondo litigio con Charlie, decide di tornare negli Stati Uniti per impegnarsi affinché altri giovani come lui non soffrano a causa della guerra.

Il primo passo che compie Ron è il confrontarsi con il proprio passato e, recatosi a casa della famiglia di Wilson, confessa quanto è successo ed anche se non ne riceve il perdono, intuisce che loro hanno compreso il dramma che ha vissuto e che continua a vivere. Divenuto decisamente attivo nel movimento contro la guerra, nel 1972 a Miami, dopo una marcia di protesta, una delegazione di reduci con lui a capo fa ingresso nella sala dove Richard Nixon sta parlando durante la convention del Partito Repubblicano ma, nonostante siano accreditati, viene impedito loro di parlare e vengono scacciati; egli stesso sfugge all'arresto da parte di un poliziotto infiltrato grazie all'intervento dei compagni.

All'esterno della struttura avviene il caos ed i reduci vengono caricati e bastonati dalla polizia, ed anche Ron, nonostante sia paralizzato, subisce l'aggressione da parte degli agenti. Feriti e contusi i reduci cercano di riorganizzarsi e Ron, a dispetto delle ferite e della commozione cerebrale che ha subito, raggruppa i manifestanti per tentare di occupare la sala, ma solo dopo altri quattro anni di lotta e la pubblicazione della sua autobiografia riuscirà finalmente a parlare alla nazione, durante la convention del Partito Democratico, svoltasi a New York nel 1976.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Per la creazione del film, Oliver Stone si è liberamente ispirato alla vera storia di Ron Kovic, personaggio realmente esistito, partito volontario per la guerra del Vietnam e ferito in battaglia alla spina dorsale. Tornò a casa senza più l'uso delle gambe e decise di dedicarsi all'attivismo pacifista. Oggi è uno scrittore, nel proprio libro, Nato il quattro luglio (1976), narra la propria vita, descritta dal film omonimo di Stone. Ron Kovic, oltre che ad aver contribuito alla sceneggiatura del film, è anche apparso in un breve cameo durante la sfilata di apertura del film come uno dei soldati che sussulta all'esplosione dei petardi. Il film è stata inoltre la prima esperienza da direttore della fotografia per Robert Richardson. Nel film, seppur con ruoli secondari, parteciparono sia Tom Berenger che Willem Dafoe, attori coi quali Stone lavorò in Platoon.

Riprese[modifica | modifica wikitesto]

Stone voleva girare le scene della guerra realmente nel Vietnam, ma dal momento che il rapporto tra il Vietnam e gli Stati Uniti non era dei migliori, decise di girarlo nelle Filippine (dove il regista aveva già girato Platoon). Le scene che invece non includono la guerra sono state girate negli Stati Uniti, in particolare a Dallas, nel Texas. Le riprese si sono svolte tra l'ottobre 1988 e il gennaio 1989. Il film uscì negli Usa il 20 dicembre 1989.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità GND: (DE4531962-5