Forza armata

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Forze armate)
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando la voce riguardante le forze armate, vedi Forze armate italiane.
Grafico rappresentativo della spesa, in miliardi di dollari, delle 14 forze armate principali del mondo (dati aggiornati al 2005)

La locuzione forza armata, in ambito militare, indica la struttura organizzativa e il complesso di reparti in armi di un esercito di uno Stato. In alcune stati vengono considerate parte delle forze armate anche organizzazioni paramilitari. La materia che studia l'utilizzo delle forze armate è detta arte militare.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Sono generalmente destinate ad uno specifico ambito e scenario operativo che hanno il compito di difendere militarmente il territorio di uno Stato o dei suoi alleati dalle aggressioni esterne di altri paesi, oppure di muovere guerra ad un altro stato invadendone il territorio, o ancora di recare supporto ad altro stato nella lotta sul suo territorio ad organizzazioni militari e paramilitari rivoluzionarie o criminali che possono costituire una minaccia agli equilibri internazionali.

Composizione[modifica | modifica wikitesto]

Le forze armate sono generalmente organizzate in forze ufficiali, dette regolari, costituite:

  • mediante l'istituzione di un servizio militare obbligatorio (la cosiddetta leva), con una componente di leva (truppa e graduati di truppa) e i quadri volontari, (ufficiali e sottufficiali formatisi presso le accademie e altre scuole d'arma benché comunque soggetti al servizio militare obbligatorio);
  • sulla base dell'arruolamento volontario, tanto per la truppa quanto per i quadri di ogni ordine e grado (ferma restando il tipo di formazione dei medesimi)

Nel primo caso si parla di esercito di leva, in cui , tramite l'istituto della coscrizione cioè leva obbligatoria si effettua la precettazione dei cittadini, solitamente di sesso maschile, anche se non mancano casi di leva obbligatoria per ambo i sessi (ad esempio in Israele), per uno o più periodi di servizio effettivo. Nel secondo caso possiamo parlare di esercito professionista, così detto per distinguerlo dall'esercito di popolo, come lo concepiva Mao Tse Tung.

Talvolta esistono sistemi misti, ove la chiamata alla leva si attua solo in caso di conflitto, preferibilmente per fornire supporto logistico in ambito territoriale, alla stregua di quanto avviene con la Guardia Nazionale degli USA (e di quanto potenzialmente può verificarsi in Italia dalla riforma del 1995, da quando la leva non è stata abolita, bensì solo sospesa, e con essa la formazione dei quadri di complemento.

Esistono modalità particolari di reclutamento, come nel caso delle milizie o della riserva militare. In questi casi la mobilitazione è generalmente circoscritta ai casi di necessità e/o di funzione complementare alle forze in servizio permanente.

Organizzazione[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Organica militare.

Le forze armate si designano come "organizzazione militare" e tra le persone fisiche ad esse appartenenti hanno preminenza coloro il cui rapporto di dipendenza organica è il cosiddetto servizio militare, e che genericamente si indicano con il nome di militari. La disciplina che si occupa dello studio dell'organizzazione delle forze armate è detta organica militare, o anche, a livello di singola forza armata, Ordinamento ed impiego, materia di studio dei corsi ufficiali e sottufficiali.

Le forze armate più strutturate sono suddivise spesso in tre componenti specializzate: un esercito, una marina militare (per lo più per gli Stati che dispongano di uno sbocco sul mare, ma talvolta anche per quelli con grandi superfici di acque interne o che hanno una flotta ospite in porti stranieri) e un'aeronautica militare. Esistono anche delle unità militari il cui impiego è riservato a particolari situazioni, detti corpi speciali, e possono essere interforze.

Esistono sistemi più articolati rispetto al modello ternario. Alcuni stati come Francia,e, più recentemente Italia, hanno quattro forze armate: Esercito, Marina, Aeronautica, Gendarmerie per la Francia o Arma dei Carabinieri per l'Italia (dal 2000). Le FF.AA. italiane avevano già conosciuto una sorta di struttura quaternaria solo nel periodo del Fascismo, con la costituzione dal 1923 della Milizia Volontaria Sicurezza Nazionale[1], nelle sue varie specialità, organizzata in Legioni CC NN, con funzioni di O.P. in tempo di pace e pure compiti ed attribuzioni di Polizia Giudiziaria nel caso delle Milizie Speciali, e con scenario d'impiego prevalentemente terrestre sia in pace sia in guerra in linea con la parziale dipendenza dallo Stato Maggiore del Regio Esercito.

Altre varianti d'organizzazione sono oggi attuate in Sudafrica (esercito, marina, aeronautica, sanità militare), Russia ed Egitto (esercito, marina, aeronautica e difesa aerea) o Stati Uniti con cinque forze armate: U. S. Army, U. S. Marine Corps, U. S. Navy, U. S. Air Force e U. S. Coast Guard. a cui si affianca la National Guard of the United States (Guardia Nazionale) costituita da volontari riservisti.

Lo stato di prontezza operativa dell'organizzazione militare prende il nome di stato di allerta (negli Stati Uniti è spesso abbreviato con defcon, contrazione di defence condition, condizione di difesa).

Nel mondo[modifica | modifica wikitesto]

Il Pentagono è la sede degli stati maggiori delle forze armate americane. Ha cinque lati, uno per ogni forza armata

Canada[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Canadian Armed Forces.

Nel Canada, le forze armate sono raggruppate in un'unica entità: le Canadian Armed Forces, che combinano esercito, marina, e aeronautica.

Italia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Forze armate italiane.

Le forze armate italiane sono composte da:

Sono inoltre parte integrante delle forze armate:

Il personale appartenente alle forze armate italiane assume la classificazione di "militare".

Stati Uniti d'America[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Esercito degli Stati Uniti d'America.

L'esercito degli Stati Uniti d'America è articolato in cinque forze armate:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Regio Esercito - MVSN - Storia della Milizia, su www.regioesercito.it. URL consultato il 09 agosto 2017.
  2. ^ Il decreto legislativo 5 ottobre 2000 n. 297 ha "elevato al rango di Forza Armata", rendendola autonoma nell'ambito del Ministero della Difesa. Prima del 2000 era collocata nella Forza armata Esercito quale prima arma del medesimo, per l'espletamento di compiti militari e di polizia civile e militare, con duplice dipendenza dai dicasteri della Difesa e dell'Interno.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]