Dalton Trumbo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Dalton Trumbo (Montrose, 9 dicembre 1905Los Angeles, 10 settembre 1976) è stato uno sceneggiatore, regista e scrittore statunitense.

Membro della Hollywood Ten, un gruppo di professionisti del cinema che si rifiutarono di testimoniare davanti alla Commissione per le attività antiamericane nel 1947 sulla sua adesione al comunismo, fu comunque condannato per resistenza all'operato del Congresso, venendo inserito nella lista nera. Nel 1950 fu condannato a 11 mesi di prigione.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Trumbo iniziò la sua carriera cinematografica nel 1937; già negli anni quaranta era uno degli sceneggiatori più pagati di Hollywood, grazie ad alcuni film fortunati e celebri come Kitty Foyle, ragazza innamorata (1940) di Sam Wood, per il quale ottenne una nomination al premio Oscar per la miglior sceneggiatura non originale, Missione segreta (1944) di Mervyn LeRoy e Il sole spunta domani (1945) di Roy Rowland.

Dopo la sua iscrizione nella lista nera di Hollywood si trasferì in Messico con Hugo Butler e sua moglie, Jean Rouverol, anch'essi iscritti nella lista. Qui Trumbo scrisse più di trenta sceneggiature sotto diversi pseudonimi, come Robert Cole e Jack Davis, tra i quali La sanguinaria, girato nel 1949 da Joseph H. Lewis, co-sceneggiato sotto il nome di Millard Kaufman.

Vinse due Oscar, per il miglior soggetto di Vacanze romane (1953) di William Wyler, attribuito al collega Ian McLellan Hunter e riconosciuto a Trumbo nel 2011, e per La più grande corrida (1956) di Irving Rapper, firmata come Robert Rich. Nel 1960 ottenne un grande successo e molti riconoscimenti con i due film epici Exodus di Otto Preminger e Spartacus di Stanley Kubrick; nello stesso anno venne reintrodotto "ufficialmente" nell'ambiente del cinema, senza più bisogno di firmarsi sotto falso nome, e venne anche re-iscritto alla Writers Guild of America.

Trumbo è apparso in un piccolo cameo nel film del 1973 Papillon, in cui presta il volto all'ufficiale arcigno che dà le ultime istruzioni ai condannati prima che essi si imbarchino per la Cayenna. Uno dei suoi ultimi film, Azione esecutiva (1973) di David Miller, si basa su diverse teorie del complotto sull'assassinio di John Fitzgerald Kennedy.

E Johnny prese il fucile[modifica | modifica wikitesto]

Il suo romanzo contro la guerra E Johnny prese il fucile vinse il National Book Award (allora noto come American Book Sellers Award) nel 1939. Il romanzo si adeguava alla linea del Partito Comunista degli Stati Uniti d'America, di stretta osservanza staliniana e a cui Trumbo era affiliato, volta a tenere fuori gli Stati Uniti dal conflitto. Quando, nel 1941, Hitler attaccò l'Unione Sovietica, il partito divenne un sostenitore dell'intervento americano a fianco dell'Unione Sovietica e Trumbo si attivò per sospendere la pubblicazione del suo libro fino a guerra finita.

Nel 1971 lo stesso Trumbo diresse l'adattamento cinematografico del romanzo, con Timothy Bottoms, Diane Varsi e Jason Robards. L'ispirazione per il romanzo venne a Trumbo quando lesse un articolo di un ufficiale britannico che era stato orribilmente sfigurato durante la Prima guerra mondiale.

Biopic[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2008 è stato prodotto un documentario sulla sua vita, intitolato Trumbo, che contiene interviste con vari attori e personaggi che hanno avuto modo di conoscerlo.

Nel 2015 è stato prodotto anche un film sulla vita di Dalton Trumbo, dal titolo L'ultima parola - La vera storia di Dalton Trumbo, regia di Jay Roach, dove il ruolo di Trumbo è stato affidato a Bryan Cranston e quello della moglie Cleo a Diane Lane.

Filmografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Sceneggiatore[modifica | modifica wikitesto]

Regista[modifica | modifica wikitesto]

Soggetto[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN73860874 · LCCN: (ENn79060578 · ISNI: (EN0000 0001 2281 8215 · GND: (DE118956000 · BNF: (FRcb119271812 (data) · NLA: (EN36425317