The Village Voice

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
The Village Voice
Stato Stati Uniti Stati Uniti
Lingua inglese
Periodicità settimanale
Formato tabloid
Fondazione 1955
Sede New York City
Editore Voice Media Group
Direttore Tom Finkel[1]
ISSN 0042-6180 (WC · ACNP)
Sito web
 
Gli uffici della sede centrale del giornale a New York.

The Village Voice è un settimanale statunitense in formato tabloid a distribuzione gratuita con sede a New York. Il giornale tratta varie tematiche di carattere generale quali cronaca, economia, arte, cultura e musica. A pagamento è disponibile anche nel resto degli Stati Uniti ed in Europa.

È noto per essere il più antico e diffuso tabloid di carattere generale ad uscita settimanale degli Stati Uniti.[2]

Il Voice (come viene chiamato colloquialmente) venne fondato da Ed Fancher, Dan Wolf, John Wilcock, e Norman Mailer[3] il 26 ottobre 1955 in un bilocale situato nel Greenwich Village, quartiere iniziale di diffusione del giornale, espandendo poi la distribuzione a tutta la città negli anni sessanta.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Tom Finkel Named as Editor of the Village Voice, The Village Voice, July 8, 2013
  2. ^ Association of Alternative Newsmedia directory; The Village Voice, Altweeklies.com. URL consultato il 24 novembre 2013.
  3. ^ Lawrence van Gelder, Dan Wolf, 80, a Village Voice Founder, Dies, The New York Times, 12 aprile, 1996. Accessed online 2 giugno 2008.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Editoria Portale Editoria: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di editoria