Tonya (film)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Tonya
I, Tonya.jpg
Margot Robbie in una scena del film
Titolo originaleI, Tonya
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno2017
Durata121 min
Rapporto2.35 : 1
Generedrammatico, biografico, sportivo, commedia
RegiaCraig Gillespie
SceneggiaturaSteven Rogers
ProduttoreBryan Unkeless, Steven Rogers, Margot Robbie, Tom Ackerley
Produttore esecutivoLen Blavatnik, Aviv Giladi, Vince Holden, Toby Hill, Craig Gillespie, Zanne Devine, Rosanne Korenberg
Casa di produzioneLuckyChap Entertainment, Clubhouse Pictures
Distribuzione (Italia)Lucky Red
FotografiaNicolas Karakatsanis
MontaggioJohn Axelrad, Lee Haugen
MusicheTatiana S. Riegel
ScenografiaJade Healy
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Tonya (I, Tonya) è un film del 2017 diretto da Craig Gillespie.

Il film è incentrato sulla controversa vita della pattinatrice su ghiaccio Tonya Harding, interpretata da Margot Robbie, protagonista nel 1994 di uno dei più grossi scandali sportivi degli Stati Uniti d'America.[1]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Tonya Harding è un'eccellente pattinatrice: nel 1991 vince il titolo nazionale statunitense eseguendo il suo primo triplo axel. Ma dietro i successi sportivi si nasconde una vita personale difficile, dal rapporto con la madre opprimente al travagliato matrimonio con Jeff Gillooly. Nel 1994 il mondo del pattinaggio su ghiaccio viene sconvolto dalla brutale aggressione ai danni della promessa del pattinaggio Nancy Kerrigan. L'atleta viene aggredita da uno sconosciuto che la ferisce a un ginocchio costringendola a ritirarsi dai campionati nazionali validi per la selezione ai Giochi olimpici invernali. In seguito si scopre che la Harding, d'accordo con il marito, aveva pagato l'aggressore per mettere fuori gioco la rivale.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Il 14 giugno 2016 è stato riportato che Craig Gillespie avrebbe diretto il film, mentre Steven Rogers ha scritto la sceneggiatura.[2]

Casting[modifica | modifica wikitesto]

Il 21 marzo 2016 Margot Robbie entrò nel cast per interpretare Tonya Harding.[3] Il 12 dicembre 2016 Miramax Films ha acquistato i diritti per la distribuzione del film in America.[4] Il 13 dicembre 2016 Sebastian Stan entra nel cast nel ruolo di Jeff Gillooly, l'ex marito della Harding[5], mentre due giorni dopo si è unita al cast anche Allison Janney per interpretare LaVona Harding.[6]

Il 9 gennaio 2017 entra nel cast Paul Walter Hauser nel ruolo di Shawn Eckhardt.[7] Lo stesso mese si uniscono anche Julianne Nicholson, Caitlin Carver, Mckenna Grace e Bojana Novaković nei ruoli rispettivamente di Diane Rawlinson, Nancy Kerrigan, Tonya Harding da bambina e Dody Teachman.[8][9]

Riprese[modifica | modifica wikitesto]

Le riprese del film sono cominciate a fine gennaio del 2017 a Macon, Georgia.[10][11][12]

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film è stato presentato in anteprima mondiale al Toronto International Film Festival,[13] dove ha ottenuto il secondo posto nel premio del pubblico.[14] Poco dopo, Neon ha acquisito diritti per la distribuzione statunitense del film, battendo le offerte di Netflix e Lionsgate.[15][16][17] È stato distribuito nelle sale statunitensi l'8 dicembre 2017 e in quelle italiane dal 29 marzo 2018.[18][19]

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Il film è stato accolto molto positivamente dalla critica. Sull'aggregatore di recensioni Rotten Tomatoes ha un indice di gradimento dell'89% con un voto medio di 7,8 su 10, basato su 266 recensioni,[20] mentre su Metacritic ha un punteggio di 77 su 100, basato su 10 recensioni.[21]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) I, Tonya, tiff.net. URL consultato il 9 settembre 2017.
  2. ^ (EN) Justin Kroll, Craig Gillespie to Direct Tonya Harding Biopic Starring Margot Robbie (EXCLUSIVE), in Variety, 14 giugno 2016. URL consultato il 02 novembre 2017.
  3. ^ (EN) Mike Fleming Jr, Margot Robbie Attached To Play Disgraced Ice Skater Tonya Harding In ‘I,Tonya’, in Deadline, 22 marzo 2016. URL consultato il 02 novembre 2017.
  4. ^ (EN) Mike Fleming Jr, Miramax Lands Margot Robbie As Tonya Harding Drama ‘I, Tonya’, in Deadline, 12 dicembre 2016. URL consultato il 02 novembre 2017.
  5. ^ (EN) Patrick Hipes, Sebastian Stan To Play Jeff Gillooly In ‘I, Tonya’, in Deadline, 13 dicembre 2016. URL consultato il 02 novembre 2017.
  6. ^ (EN) Justin Kroll, Allison Janney to Play Tonya Harding’s Mother in ‘I, Tonya’ (EXCLUSIVE), in Variety, 15 dicembre 2016. URL consultato il 02 novembre 2017.
  7. ^ (EN) Amanda N'Duka, Paul Walter Hauser Joining Margot Robbie In ‘I, Tonya’, in Deadline, 10 gennaio 2017. URL consultato il 02 novembre 2017.
  8. ^ (EN) Amanda N'Duka, Margot Robbie’s ‘I, Tonya’ Adds Julianne Nicholson, in Deadline, 18 gennaio 2017. URL consultato il 02 novembre 2017.
  9. ^ (EN) Amanda N'Duka, ‘I, Tonya’ Finds Its Nancy Kerrigan In Caitlin Carver; Mckenna Grace & Bojana Novakovic Also Cast, in Deadline, 23 gennaio 2017. URL consultato il 02 novembre 2017.
  10. ^ (EN) DGA Member Login Service, su www.dga.org. URL consultato il 02 novembre 2017.
  11. ^ (EN) The Tonya Harding movie starring Margot Robbie is filming in Macon, GA next week - On Location Vacations, su www.onlocationvacations.com. URL consultato il 02 novembre 2017.
  12. ^ (EN) “I, Tonya” films in Macon, bringing ’90s vibe to Macon Coliseum, in macon. URL consultato il 02 novembre 2017.
  13. ^ (EN) Toronto Film Review: Margot Robbie in ‘I, Tonya’, variety.com. URL consultato il 9 settembre 2017.
  14. ^ Tre manifesti vince davanti a Gillespie e Guadagnino il premio del pubblico a Toronto 2017, comingsoon.it. URL consultato il 19 settembre 2017.
  15. ^ (EN) Toronto: Neon, 30WEST Land ‘I, Tonya’ With Margot Robbie, variety.com. URL consultato il 23 settembre 2017.
  16. ^ (EN) Mike Fleming Jr, Neon & 30WEST Land ‘I, Tonya’ For $5 Million – Toronto, in Deadline, 11 settembre 2017. URL consultato il 02 novembre 2017.
  17. ^ (EN) Eric Kohn, Why ‘I, Tonya’ Sold to Neon In TIFF’s Biggest Sale | IndieWire, su www.indiewire.com. URL consultato il 02 novembre 2017.
  18. ^ (EN) 'I, Tonya' Gets 2017 Awards-Qualifying Release Date (Exclusive), hollywoodreporter.com. URL consultato il 23 settembre 2017.
  19. ^ Tonya, in MYmovies.it, Mo-Net Srl.
  20. ^ (EN) I, Tonya. URL consultato il 26 febbraio 2017.
  21. ^ I, Tonya. URL consultato il 02 novembre 2017.
  22. ^ Golden Globe 2018, tutte le nomination, in Il Post. URL consultato l'11 dicembre 2017.
  23. ^ (EN) Alex Ritman, BAFTA Awards: 'Shape of Water,' 'Three Billboards,' 'Darkest Hour' Lead Pack of Nominations, The Hollywood Reporter, 8 gennaio 2018. URL consultato il 9 gennaio 2018.
  24. ^ Pierre Hombrebueno, Gotham Awards 2017: Get Out e Chiamami col tuo nome guidano le nomination, Best Movie, 19 ottobre 2017. URL consultato il 19 ottobre 2017.
  25. ^ (EN) Sam Rockwell and Allison Janney to be Honored at 2017 HFAs | Hollywood Film Awards, in Hollywood Film Awards, 12 ottobre 2017. URL consultato il 02 novembre 2017.
  26. ^ (EN) Mary J. Blige, Timothée Chalamet & "I, Tonya" to Be Honored | Hollywood Film Awards, in Hollywood Film Awards, 11 ottobre 2017. URL consultato il 02 novembre 2017.
  27. ^ (EN) Pete Hammond, ‘Three Billboards Outside Ebbing, Missouri’ Wins Audience Award; Complete List – Toronto, in Deadline, 17 settembre 2017. URL consultato il 02 novembre 2017.
  28. ^ (EN) Critics’ Choice Awards Nominations: ‘The Shape Of Water’ Leads With 14; Netflix Tops TV Contenders, deadline.com. URL consultato l'8 dicembre 2017.
  29. ^ (EN) Australian Academy Announces Nominees for AACTA International Awards, in The Hollywood Reporter, 12 dicembre 2017. URL consultato il 6 gennaio 2018.
  30. ^ (EN) WGA Awards Film & Documentary Nominees Are Out, deadline.com. URL consultato il 4 gennaio 2018.
  31. ^ (EN) deadline.com, http://deadline.com/2018/01/pga-awards-nominations-2018-1202236312/. URL consultato il 5 gennaio 2018.
  32. ^ Andrea Francesco Berni, Independent Spirit Awards 2018: 6 nomination a Chiamami col tuo Nome di Luca Guadagnino, badtaste.it, 22 novembre 2017. URL consultato il 22 novembre 2017.
  33. ^ (EN) 'Dunkirk,' 'The Shape of Water' Lead Satellite Award Nominations, in TheWrap, 29 novembre 2017. URL consultato il 30 novembre 2017.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]