Tonya (film)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Tonya
I, Tonya.jpg
Margot Robbie in una scena del film
Titolo originaleI, Tonya
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno2017
Durata121 min
Rapporto2.35 : 1
Generedrammatico, biografico, sportivo, commedia
RegiaCraig Gillespie
SceneggiaturaSteven Rogers
ProduttoreBryan Unkeless, Steven Rogers, Margot Robbie, Tom Ackerley
Produttore esecutivoLen Blavatnik, Aviv Giladi, Vince Holden, Toby Hill, Craig Gillespie, Zanne Devine, Rosanne Korenberg
Casa di produzioneLuckyChap Entertainment, Clubhouse Pictures
Distribuzione (Italia)Lucky Red
FotografiaNicolas Karakatsanis
MontaggioJohn Axelrad, Lee Haugen
MusicheTatiana S. Riegel
ScenografiaJade Healy
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Tonya (I, Tonya) è un film del 2017 diretto da Craig Gillespie.

Il film è incentrato sulla controversa vita della pattinatrice su ghiaccio Tonya Harding, interpretata da Margot Robbie, protagonista nel 1994 di uno dei più grossi scandali sportivi degli Stati Uniti d'America.[1] La storia è narrata tramite segmenti di interviste ai protagonisti e ricostruzioni dei fatti.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Nata a Portland, nell'Oregon, a soli tre anni Tonya Harding viene instradata da sua madre LaVona a una carriera nel pattinaggio artistico: LaVona è una donna truce e violenta, che non le dimostra il minimo affetto né apprezzamento per il suo notevole talento. Nel corso di un'infanzia e un'adolescenza difficili, Tonya diventa un'eccellente pattinatrice, ma - essendo priva di grazia e gareggiando con discutibili costumi fatti in casa - non riesce a sfondare. A 15 anni conosce Jeff Gillooly e pochi anni dopo lo sposa per poter scappare dai frequenti e atroci abusi di LaVona. Tuttavia anche il matrimonio si rivelerà molto turbolento, e Jeff inizierà presto a picchiarla. Dopo l'ennesimo cattivo piazzamento in una gara, Tonya licenzia la sua storica coach Diane Rowlinson e assume al suo posto Dody Teachman.

Durante i campionati mondiali di pattinaggio di figura del 1991 esegue correttamente un triplo axel, divenendo la prima donna statunitense e la seconda in assoluto a riuscirci; tuttavia nelle successive gare, anche a causa della tensione causata dalle violenze di Jeff, sbaglia tutti gli atterraggi e alle Olimpiadi invernali del 1992 si qualifica solo al quarto posto, subito dietro a Nancy Kerrigan, sua principale rivale. Il matrimonio naufraga e Tonya, sconfitta e disillusa, lascia il pattinaggio e torna a Portland, dove lavora come cameriera. Diane la rintraccia e le propone di allenarla nuovamente per le Olimpiadi invernali del 1994. Intanto Tonya cerca di recuperare il rapporto con LaVona, ma questa rifiuta, rinfacciandole di essere stata lei, con i suoi abusi, a renderla una campionessa, e di non aver mai ricevuto gratitudine per questo.

Tempo dopo Tonya e Jeff tornano insieme. Durante un allenamento, Tonya riceve una lettera minatoria: vedendo come la ragazza ne rimane sconvolta, Jeff inizia a pensare di spaventare nello stesso modo Nancy Kerrigan, e si rivolge perciò al suo amico Shawn Eckhardt. Questi, alla ricerca di prestigio e notorietà, invece di attenersi al piano originario ingaggia due maldestri sicari perché aggrediscano la Kerrigan e le spezzino un ginocchio. L'aggressione avviene, ma i due inetti si fanno ben presto catturare; l'FBI arriva altrettanto presto a Shawn, che si era vantato di essere l'artefice del misfatto. Questi indica Jeff come mandante dell'aggressione. Mentre intorno a lei esplode lo scandalo, Tonya si qualifica nella squadra olimpica statunitense; realizzando che in breve la polizia la riterrà complice del marito, la ragazza si reca dall'FBI e lo accusa a sua volta di essere il responsabile per l'attacco alla Kerrigan; Jeff, una volta letta la deposizione di Tonya, la accusa a sua volta di aver sempre saputo dell'aggressione e di non aver fatto nulla per impedirla. Dopo un drammatico confronto, i due si lasciano per sempre

Tonya diventa il bersaglio di un vero e proprio circo mediatico e i mass media la seguono a casa e durante gli allenamenti; LaVona si reca a casa sua e le offre conforto, dicendole per la prima volta quanto sia orgogliosa di lei; tuttavia, mentre la abbraccia, Tonya scopre un registratore nella sua tasca: la donna era stata mandata lì dai poliziotti per estorcerle una confessione. Jeff, Shawn e i due sicari vengono condannati al carcere, mentre il processo per Tonya viene rimandato a dopo le Olimpiadi. Durante la gara olimpica Tonya è emotivamente sconvolta e sbaglia tutte le figure, nonostante la giuria le conceda più tempo per sistemare un laccio dei pattini rotto. Si classifica ottava, mentre la Kerrigan ottiene il secondo posto. Si celebra il processo e Tonya, pur non incarcerata, viene condannata a una pena molto severa che prevede anche la squalifica a vita dal pattinaggio. Tonya implora il giudice di rivedere la sentenza, poiché proibirle di pattinare equivale a una condanna all'ergastolo, ma non ottiene alcuno sconto di pena.

Tonya non rivedrà mai più Jeff e LaVona; una volta libero, l'ex-marito cambierà nome e si rifarà una vita con una nuova famiglia, ma nell'intervista ammette di aver mandato in rovina la carriera di Tonya. Quest'ultima, suo malgrado famosa nella maniera sbagliata, tenterà una carriera nella boxe per poi diventare a sua volta una buona madre.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Il 14 giugno 2016 è stato riportato che Craig Gillespie avrebbe diretto il film, mentre Steven Rogers ha scritto la sceneggiatura.[2]

Casting[modifica | modifica wikitesto]

Il 21 marzo 2016 Margot Robbie entrò nel cast per interpretare Tonya Harding.[3] Il 12 dicembre 2016 Miramax Films ha acquistato i diritti per la distribuzione del film in America.[4] Il 13 dicembre 2016 Sebastian Stan entra nel cast nel ruolo di Jeff Gillooly, l'ex marito della Harding[5], mentre due giorni dopo si è unita al cast anche Allison Janney per interpretare LaVona Harding.[6]

Il 9 gennaio 2017 entra nel cast Paul Walter Hauser nel ruolo di Shawn Eckhardt.[7] Lo stesso mese si uniscono anche Julianne Nicholson, Caitlin Carver, Mckenna Grace e Bojana Novaković nei ruoli rispettivamente di Diane Rawlinson, Nancy Kerrigan, Tonya Harding da bambina e Dody Teachman.[8][9]

Riprese[modifica | modifica wikitesto]

Le riprese del film sono cominciate a fine gennaio del 2017 a Macon, Georgia.[10][11][12]

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film è stato presentato in anteprima mondiale al Toronto International Film Festival,[13] dove ha ottenuto il secondo posto nel premio del pubblico.[14] Poco dopo, Neon ha acquisito diritti per la distribuzione statunitense del film, battendo le offerte di Netflix e Lionsgate.[15][16][17] È stato distribuito nelle sale statunitensi l'8 dicembre 2017 e in quelle italiane dal 29 marzo 2018.[18][19]

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Il film è stato accolto molto positivamente dalla critica. Sull'aggregatore di recensioni Rotten Tomatoes ha un indice di gradimento dell'89% con un voto medio di 7,8 su 10, basato su 266 recensioni,[20] mentre su Metacritic ha un punteggio di 77 su 100, basato su 10 recensioni.[21]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) I, Tonya, tiff.net. URL consultato il 9 settembre 2017.
  2. ^ (EN) Justin Kroll, Craig Gillespie to Direct Tonya Harding Biopic Starring Margot Robbie (EXCLUSIVE), in Variety, 14 giugno 2016. URL consultato il 2 novembre 2017.
  3. ^ (EN) Mike Fleming Jr, Margot Robbie Attached To Play Disgraced Ice Skater Tonya Harding In ‘I,Tonya’, in Deadline, 22 marzo 2016. URL consultato il 2 novembre 2017.
  4. ^ (EN) Mike Fleming Jr, Miramax Lands Margot Robbie As Tonya Harding Drama ‘I, Tonya’, in Deadline, 12 dicembre 2016. URL consultato il 2 novembre 2017.
  5. ^ (EN) Patrick Hipes, Sebastian Stan To Play Jeff Gillooly In ‘I, Tonya’, in Deadline, 13 dicembre 2016. URL consultato il 2 novembre 2017.
  6. ^ (EN) Justin Kroll, Allison Janney to Play Tonya Harding’s Mother in ‘I, Tonya’ (EXCLUSIVE), in Variety, 15 dicembre 2016. URL consultato il 2 novembre 2017.
  7. ^ (EN) Amanda N'Duka, Paul Walter Hauser Joining Margot Robbie In ‘I, Tonya’, in Deadline, 10 gennaio 2017. URL consultato il 2 novembre 2017.
  8. ^ (EN) Amanda N'Duka, Margot Robbie’s ‘I, Tonya’ Adds Julianne Nicholson, in Deadline, 18 gennaio 2017. URL consultato il 2 novembre 2017.
  9. ^ (EN) Amanda N'Duka, ‘I, Tonya’ Finds Its Nancy Kerrigan In Caitlin Carver; Mckenna Grace & Bojana Novakovic Also Cast, in Deadline, 23 gennaio 2017. URL consultato il 2 novembre 2017.
  10. ^ (EN) DGA Member Login Service, su www.dga.org. URL consultato il 2 novembre 2017.
  11. ^ (EN) The Tonya Harding movie starring Margot Robbie is filming in Macon, GA next week - On Location Vacations, su www.onlocationvacations.com. URL consultato il 2 novembre 2017.
  12. ^ (EN) “I, Tonya” films in Macon, bringing ’90s vibe to Macon Coliseum, in macon. URL consultato il 2 novembre 2017.
  13. ^ (EN) Toronto Film Review: Margot Robbie in ‘I, Tonya’, variety.com. URL consultato il 9 settembre 2017.
  14. ^ Tre manifesti vince davanti a Gillespie e Guadagnino il premio del pubblico a Toronto 2017, comingsoon.it. URL consultato il 19 settembre 2017.
  15. ^ (EN) Toronto: Neon, 30WEST Land ‘I, Tonya’ With Margot Robbie, variety.com. URL consultato il 23 settembre 2017.
  16. ^ (EN) Mike Fleming Jr, Neon & 30WEST Land ‘I, Tonya’ For $5 Million – Toronto, in Deadline, 11 settembre 2017. URL consultato il 2 novembre 2017.
  17. ^ (EN) Eric Kohn, Why ‘I, Tonya’ Sold to Neon In TIFF’s Biggest Sale | IndieWire, su www.indiewire.com. URL consultato il 2 novembre 2017.
  18. ^ (EN) 'I, Tonya' Gets 2017 Awards-Qualifying Release Date (Exclusive), hollywoodreporter.com. URL consultato il 23 settembre 2017.
  19. ^ Tonya, in MYmovies.it, Mo-Net Srl.
  20. ^ (EN) I, Tonya. URL consultato il 26 febbraio 2017.
  21. ^ I, Tonya. URL consultato il 2 novembre 2017.
  22. ^ Golden Globe 2018, tutte le nomination, in Il Post. URL consultato l'11 dicembre 2017.
  23. ^ (EN) Alex Ritman, BAFTA Awards: 'Shape of Water,' 'Three Billboards,' 'Darkest Hour' Lead Pack of Nominations, The Hollywood Reporter, 8 gennaio 2018. URL consultato il 9 gennaio 2018.
  24. ^ Pierre Hombrebueno, Gotham Awards 2017: Get Out e Chiamami col tuo nome guidano le nomination, Best Movie, 19 ottobre 2017. URL consultato il 19 ottobre 2017.
  25. ^ (EN) Sam Rockwell and Allison Janney to be Honored at 2017 HFAs | Hollywood Film Awards, in Hollywood Film Awards, 12 ottobre 2017. URL consultato il 2 novembre 2017.
  26. ^ (EN) Mary J. Blige, Timothée Chalamet & "I, Tonya" to Be Honored | Hollywood Film Awards, in Hollywood Film Awards, 11 ottobre 2017. URL consultato il 2 novembre 2017.
  27. ^ (EN) Pete Hammond, ‘Three Billboards Outside Ebbing, Missouri’ Wins Audience Award; Complete List – Toronto, in Deadline, 17 settembre 2017. URL consultato il 2 novembre 2017.
  28. ^ (EN) Critics’ Choice Awards Nominations: ‘The Shape Of Water’ Leads With 14; Netflix Tops TV Contenders, deadline.com. URL consultato l'8 dicembre 2017.
  29. ^ (EN) Australian Academy Announces Nominees for AACTA International Awards, in The Hollywood Reporter, 12 dicembre 2017. URL consultato il 6 gennaio 2018.
  30. ^ (EN) WGA Awards Film & Documentary Nominees Are Out, deadline.com. URL consultato il 4 gennaio 2018.
  31. ^ (EN) deadline.com, http://deadline.com/2018/01/pga-awards-nominations-2018-1202236312/. URL consultato il 5 gennaio 2018.
  32. ^ Andrea Francesco Berni, Independent Spirit Awards 2018: 6 nomination a Chiamami col tuo Nome di Luca Guadagnino, badtaste.it, 22 novembre 2017. URL consultato il 22 novembre 2017.
  33. ^ (EN) 'Dunkirk,' 'The Shape of Water' Lead Satellite Award Nominations, in TheWrap, 29 novembre 2017. URL consultato il 30 novembre 2017.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]