Carey Mulligan

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Carey Mulligan alla prima australiana de Il grande Gatsby nel 2013

Carey Hannah Mulligan (Londra, 28 maggio 1985) è un'attrice britannica. Ha esordito sul grande schermo con il ruolo di Kitty Bennet nell'adattamento cinematografico del 2005 Orgoglio e pregiudizio. Nel 2008, ha fatto il suo esordio a Broadway nel revival de Il gabbiano di Anton Čechov. Per la sua interpretazione in An Education (2009) ha vinto il BAFTA alla migliore attrice protagonista e ha ricevuto la candidatura per l'Oscar alla miglior attrice, ai Golden Globe per la migliore attrice in un film drammatico e ai SAG Award come migliore attrice cinematografica.

Ha successivamente interpretato il ruolo della co-protagonista in film come Non lasciarmi (2010), Drive (2011), Shame (2011), A proposito di Davis (2013), Il grande Gatsby (2013), Via dalla pazza folla (2015), Suffragette (2015) e Mudbound (2017) .

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Carey Mulligan nasce a Westminster, borough di Londra, il 28 maggio del 1985, secondogenita dei due figli di Stephen Mulligan, un direttore d'albergo inglese, nativo di Liverpool e di origini irlandesi, e di Nano Booth, una docente aggregata gallese originaria di Llandeilo[1][2]. Cresciuta in Germania fino all'età di otto anni a causa del padre, chiamato a dirigere un'albergo in loco[3], effettua, una volta tornata con la famiglia in Gran Bretagna, gli studi presso la Woldingham School, dove nasce la sua passione per la recitazione. Mulligan esordisce nel ruolo di Kitty Bennet nell'adattamento cinematografico del 2005 di Orgoglio e pregiudizio di Jane Austen; in seguito lavora per produzioni televisive inglesi, come la serie televisiva Bleak House, basata sulla novella di Charles Dickens Casa desolata.

Nel corso del 2006 lavora in altre produzioni televisive, come la serie The Amazing Mrs Pritchard. È inoltre guest star dell'episodio Colpo d'occhio della serie TV Doctor Who. Nel 2007 lavora sia a teatro, portando in scena un revival de Il gabbiano di Anton Čechov alla Royal Court, sia in ambito cinematografico, dove partecipa al film And When Did You Last See Your Father?, basato sulle memorie di Blake Morrison. Nel 2008 lavora nuovamente nella produzione de Il gabbiano messa in scena a Broadway, ottenendo una candidatura al Drama Desk Award.

Dopo aver recitato al fianco di Susan Sarandon e Pierce Brosnan ne Gli ostacoli del cuore, diviene l'apprezzata protagonista di An Education di Lone Scherfig. Successivamente ottiene ruoli in pellicole importanti come Nemico pubblico - Public Enemies di Michael Mann e Brothers di Jim Sheridan. A fine 2009, la sua carriera in ascesa la porta a recitare nel film Wall Street - Il denaro non dorme mai, sequel di Wall Street del 1987, entrambi diretti da Oliver Stone. Sempre nel 2009 vince il Shooting Star Award alla Berlinale e, grazie alla sua interpretazione in An Education, ottiene la sua prima candidatura all'Oscar come miglior attrice.

Nel 2011 affianca Ryan Gosling in Drive, girato da Nicolas Winding Refn, e Michael Fassbender in Shame, diretto da Steve McQueen. Nel 2012 viene scelta per interpretare il ruolo di Daisy nel remake de Il grande Gatsby (2013), diretto da Baz Luhrmann e con Leonardo DiCaprio e Tobey Maguire come protagonisti. Nel 2013 lavora con fratelli Coen, interpretando Jean Berkey nel film A proposito di Davis.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Il 21 aprile 2012 sposa il cantante inglese Marcus Mumford, leader del gruppo musicale indie folk Mumford & Sons e nel settembre 2015 nasce la primogenita della coppia, Evelyn Mumford.[4]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Teatrografia[modifica | modifica wikitesto]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatrici italiane[modifica | modifica wikitesto]

Nelle versioni in italiano dei suoi film, Carey Mulligan è stata doppiata da:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Claire Rees, Mum keeps my feet on ground, says Oscar hopeful Carey Mulligan, Wales Online, 7 febbraio 2010. URL consultato il 18 febbraio 2010.
  2. ^ Anna Carey, Life lessons captured on film, in The Irish Times, Irish Times Trust, 28 ottobre 2009. URL consultato il 21 dicembre 2009.Template:Subscription
  3. ^ Abramowitz, Rachel "Carey Mulligan Gets An Education" Los Angeles Times
  4. ^ Carey Mulligan, bellissima neomamma

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN78527515 · ISNI: (EN0000 0001 2140 7406 · LCCN: (ENno2006022624 · GND: (DE137757581 · BNF: (FRcb162186720 (data)