Mudbound

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Mudbound
Mudbound.jpg
Carey Mulligan e Garrett Hedlund in una scena del film
Titolo originaleMudbound
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno2017
Durata134 min
Generedrammatico
RegiaDee Rees
SoggettoHillary Jordan (romanzo)
SceneggiaturaDee Rees, Virgil Williams
ProduttoreCassian Elwes, Sally Jo Effenson, Charles D. King, Kim Roth, Carl Effenson, Christopher Lemole, Tim Zajaros
Produttore esecutivoPoppy Hanks, Dee Rees, Jennifer Roth, Teddy Schwarzman, Daniel Steinman, Kyle Tekiela, Virgil Williams
Casa di produzioneArmory Films, Black Bear Pictures, Elevated Films, MACRO, MMC Joule Films, Zeal Media
Distribuzione (Italia)Netflix
FotografiaRachel Morrison
MontaggioMako Kamitsuna
MusicheTamar-kali
ScenografiaDavid J. Bomba
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Mudbound è un film del 2017 diretto da Dee Rees.

Il film è un adattamento cinematografico del romanzo Fiori nel fango (Mudbound) di Hillary Jordan. Fanno parte del cast principale Carey Mulligan, Jason Clarke, Jason Mitchell, Mary J. Blige, Rob Morgan, Jonathan Banks e Garrett Hedlund.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Henry McAllan compra una fattoria in Mississippi, nella quale si trasferisce con la moglie Laura, le due figlie e suo padre. La famiglia Jackson, guidata dai coniugi Hap e Florence, lavorano il terreno di McAllan, di cui sono gli affittuari. I Jackson sperano di comprare un loro pezzo di terra, in futuro, ma la situazione è difficile, dato che il forte razzismo presente li pone in una posizione subalterna di dipendenza economica e di obbedienza ai coniugi McAllan.

Quando, nel 1941, gli Stati Uniti entrano in guerra, entrambe le famiglie vedono partire per il fronte un loro caro: Jaime, il fratello minore di Henry, e Ronsel, il figlio maggiore dei Jackson. Sia i Jackson che i McAllan rischiano la fame quando Hap si rompe una gamba. Henry vorrebbe convincere i Jackson a prendere in affitto del suo mulo (quello di Hap e Florence era morto tempo prima) per finire in tempo il lavoro nei campi, facendo gravare su di loro una spesa considerevole. Laura, per impedire ciò, ruba dalla cassaforte dei soldi e paga un dottore per aiutare Hap. Florence va a lavorare a casa dei McAllan. Laura ha un aborto spontaneo. Intanto la seconda guerra mondiale giunge al termine, e Ronsel e Jaime tornano a casa. Sebbene fisicamente illesi, sia Ronsel che Jaime non sono in buone condizioni a livello psicologico ed emozionale: Ronsel torna in un ambiente ostile e razzista che cozza con il trattamento che i commilitoni e gli europei gli avevano riservato al fronte; Jaime soffre di Stress Post Traumatico (DPTS) e comincia a bere.

Tra Ronsel e Jaime a poco a poco si crea un rapporto di amicizia e rispetto. I due cominciano a trovarsi in segreto in un vecchio capanno per bere e parlare. Oltre a questi momenti di confidenza, tuttavia, la vita di Jaime va a rotoli. Dopo un litigio col fratello, in cui Jaime urla a Henry di come quest'ultimo non si accorga di quanto Laura sia infelice, Henry ordina a Jaime di andarsene. Henry lascia la fattoria per portare a termine delle commissioni, Jaime prepara le sue cose e Laura lo ferma. I due fanno l'amore. Jaime saluta Ronsel, e quest'ultimo gli confida di aver ricevuto una lettera dalla Germania, da parte della ragazza (bianca) che frequentava durante la guerra. Nella lettera, quest'ultima gli chiede di tornare in Europa e gli manda una foto che la ritrae insieme a un neonato, il figlio di Ronsel. Jaime lascia Ronsel davanti alla casa dei suoi genitori e torna alla fattoria.

Il padre di Henry e Jaime, che aveva visto precedentemente Ronsel Jackson seduto nel sedile davanti della macchina insieme a Jaime, scopre in automobile la foto. Insieme ad altri membri del Ku Klux Klan, rapisce Ronsel e lo malmena. Poi passa a prendere il figlio Jaime e lo costringe ad assistere al "giudizio" di Ronsel, reo di aver avuto un figlio di razza mista. Jaime prova a fermarli ma viene picchiato e sviene. Al suo risveglio, il padre lo obbliga a scegliere quale organo verrà tagliato a Ronsel per punizione: testicoli, occhi o lingua, minacciandolo che, se non sceglierà, allora il suo amico verrà ucciso. Jaime è costretto ad assistere la mutilazione di Ronsel, a cui viene tagliata la lingua. Il ragazzo viene lasciato sul posto, dove viene trovato successivamente dalla sua famiglia.

Jaime uccide il padre durante la notte, soffocandolo con un cuscino. Al mattino, Laura mente a Henry, informandolo del fatto che suo padre è morto per cause naturali. Jaime e Henry seppelliscono il padre, ma, per la procedura, Henry chiede aiuto a Hap, che stava passando sulla strada accanto insieme al resto della famiglia. Hap decide di obbedire ma rifiuta che anche i suoi figli scendano dal carro per dare una mano nella sepoltura. Jaime consegna a Florence la lettera e la foto di Ronsel. Jaime lascia la fattoria per una destinazione sconosciuta. I Jackson riescono a trasferirsi in una fattoria di loro proprietà. Ronsel torna in Germania dalla sua ragazza e da suo figlio.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film è stato presentato in anteprima il 21 gennaio al Sundance Film Festival 2017.[1] È stato distribuito il 17 novembre 2017 su Netflix, in tutti i territori in cui il servizio è disponibile. Negli Stati Uniti il film è stato distribuito anche in un numero limitato di cinema.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Mudbound, sundance.org. URL consultato il 21 gennaio 2017.
  2. ^ Golden Globe 2018, tutte le nomination, in Il Post. URL consultato l'11 dicembre 2017.
  3. ^ (EN) New York Film Critics 2017 Winners: ‘Lady Bird’ Named Best Picture, in thewrap.com. URL consultato il 1º dicembre 2017.
  4. ^ (EN) Critics’ Choice Awards Nominations: ‘The Shape Of Water’ Leads With 14; Netflix Tops TV Contenders, deadline.com. URL consultato l'8 dicembre 2017.
  5. ^ (EN) WGA Awards Film & Documentary Nominees Are Out, deadline.com. URL consultato il 4 gennaio 2018.
  6. ^ (EN) 'Dunkirk,' 'The Shape of Water' Lead Satellite Award Nominations, in TheWrap, 29 novembre 2017. URL consultato il 30 novembre 2017.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]