Penelope (film)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Penelope
Penelope - Christina Ricci.jpg
Christina Ricci in una scena del film
Titolo originale Penelope
Lingua originale inglese
Paese di produzione Gran Bretagna, USA
Anno 2006
Durata 104 min
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 2.35:1
Genere commedia, sentimentale, fantastico
Regia Mark Palansky
Sceneggiatura Leslie Caveny
Produttore Dylan Russell, Jennifer Simpson, Scott Steindorff, Reese Witherspoon
Distribuzione (Italia) Dall'Angelo Pictures
Fotografia Michel Amathieu
Montaggio Jon Gregory
Musiche Joby Talbot
Scenografia Amanda McArthur
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Penelope è un film del 2006 diretto da Mark Palansky con protagonisti Christina Ricci, nel ruolo di Penelope, James McAvoy e Reese Witherspoon.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Penelope, la figlia venticinquenne di due ricchi aristocratici, a causa di una maledizione scagliata sulla sua famiglia anni prima, ha il naso e le orecchie da maiale.

La maledizione potrà essere spezzata solo quando qualcuno dello stesso genere della ragazza, quindi un nobile, riuscirà a vedere oltre l'apparenza del suo naso e ad amarla per ciò che lei è realmente.

I genitori, appena la bimba nasce, vedendo il suo naso decidono di inscenare la sua morte e nasconderla. Un giornalista nano, però, si intrufola nella dimora e riesce a vedere e fotografare di sfuggita la neonata prima di venire cacciato dalla madre, Jessica, che lo ferisce all'occhio destro. Penelope cresce chiusa in casa, senza mai uscire. Quando compie 18 anni la madre contatta un'agenzia di appuntamenti molto chic che possa far conoscere alla ragazza dei giovani aristocratici.

Passano gli anni. Ogni volta che un nuovo pretendente decide di farsi avanti gli incontri con Penelope si svolgono nello stesso modo: la ragazza, nascosta dietro un vetro a specchio, osserva i giovani e parla con loro, senza mai farsi vedere a causa della sua particolarità. Quando Penelope conosce bene il giovane che ha davanti può decidere se mostrarsi a lui, ma ogni volta che un giovane la vede fugge via e i genitori lo costringono a firmare un accordo di segretezza riguardo all'esistenza di Penelope e del suo naso.

Un giorno però un giovane aristocratico, Edward, scappa senza firmare l'accordo e va al commissariato, dove denuncia la presenza di un orribile mostro con il naso e le zanne da maiale. Ovviamente nessuno gli dà credito, tranne un uomo, Lemon, il giornalista che venticinque anni prima aveva visto il naso della bambina. I due decidono di dimostrare che hanno ragione, ma per farlo hanno bisogno di una foto. Gli unici estranei ammessi alla presenza di Penelope sono però i suoi pretendenti quindi i due decidono di assumere il giovane Max Campion, un nobile squattrinato, perché corteggi Penelope per poterle scattare una foto. Per un equivoco però, invece di Max, assumono un giocatore d'azzardo senza un quattrino, Johnny. Il ragazzo inizia a corteggiare Penelope e i due si innamorano, ma quando lei gli mostra il suo viso lui decide di rinunciare a lei perché crede che la ragazza voglia solo infrangere la maledizione e lui, non essendo nobile, non potrebbe accontentarla.

Penelope, ferita e delusa, decide di affermare la sua indipendenza, e scappa di casa nascondendosi con una sciarpa. Per ottenere un po' di soldi decide di vendere una sua foto a Lemon che si rende conto che Penelope non è un mostro come diceva Edward, e comunque fa pubblicare la foto su un giornale per dimostrare di non essere un bugiardo. Penelope continua a nascondersi, senza mai togliersi la sciarpa, neanche con la sua nuova amica Annie.

La finzione non può durare in eterno e Penelope viene scoperta. Nonostante tutto, Penelope riesce a integrarsi ugualmente nella società; il suo diventa persino un personaggio amato. Edward nel frattempo decide di chiedere alla ragazza di sposarlo, per cercare di salvare la sua reputazione. Penelope era indecisa se accettare o meno, ma sua madre le fa capire che, anche se è stata apparentemente accettata dalla società, la realtà dei fatti è che lei verrà sempre vista come un fenomeno da baraccone, e che se sposerà Edward la maledizione si spezzerà, e lei finalmente vivrà la vita normale che ha sempre desiderato. Penelope accetta la proposta ma poi abbandona Edward sull'altare, comprendendo che lei in fondo si ama così com'è. Infine la maledizione viene spezzata e il suo viso assume le fattezze di quello di una bella e normale ragazza: infatti è bastato il suo amor proprio per spezzare il maleficio. Penelope lascia quindi casa sua e si trova un lavoro come maestra in una scuola elementare.

Passa il tempo. La gente si dimentica di Penelope, ma la sua rimane comunque la maschera di Halloween più gettonata dalle ragazze di tutte le età. Un giorno Penelope scopre la vera identità di Max e capisce il motivo per cui lui non aveva voluto sposarla. Lo cerca e quando lo trova i due si confessano il loro amore.

Doppiaggio italiano[modifica | modifica wikitesto]

Il film in Italia non è uscito nelle sale cinematografiche, ma è stato doppiato per la televisione.

L'edizione italiana è curata da Alberto Porto per Mediaset. Il doppiaggio è stato eseguito da CDC Sefit Group sotto la direzione di Roberto Gammino.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema