Elizabeth Debicki

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Elizabeth Debicki nel 2012

Elizabeth Debicki (Parigi, 24 agosto 1990) è un'attrice australiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nata a Parigi, da genitori ballerini (madre australiana e padre polacco), Elizabeth giunge in Australia all'età di cinque anni, crescendo a Melbourne con la sorella e il fratello più piccoli. Sin da giovanissima si interessa al ballo, per poi passare al teatro.[1] Dopo il diploma in recitazione ottenuto al Victorian College of the Arts dell'Università di Melbourne, la Debicki si dedica a tempo pieno al teatro.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Il primo ruolo sul grande schermo è nel 2011 con il film australiano Tre uomini e una pecora. Nel maggio dello stesso anno il regista Baz Luhrmann annuncia di averla scelta per il film Il grande Gatsby, in cui avrebbe vestito i panni di Jordan Baker.[2][3] Grazie a quest'ultimo film vince il AACTA Award per la Miglior attrice non protagonista. Da giugno a luglio del 2013 interpreta Madame nello spettacolo teatrale Le serve di Jean Genet, assieme a Cate Blanchett e Isabelle Huppert, presso la Sydney Theatre Company. Nel 2014, lo spettacolo si sposta a Broadway al New York City Center.[4] Lo stesso anno prende parte come guest star nella terza stagione della serie australiana Rake.[5]

Nel 2015 interpreta il villain nel film Operazione U.N.C.L.E. di Guy Ritchie. Prende parte al film Macbeth adattamento diretto da Justin Kruzel [6]e compare nell'avventura biografica Everest diretta da Baltasar Kormákur.

Nel 2016 interpreta la dottoressa Anna Marcy nella serie televisiva australiana The Kettering Incident e Jed nella miniserie TV The Night Manager. Nello stesso anno prende parte al Marvel Cinematic Universe interpretando Ayesha nel film Guardiani della Galassia Vol. 2.

Nel 2018 ottiene il plauso dalla critica grazie alla sua performance al fianco di Viola Davis nel film Widows - Eredità criminale, diretta da Steve McQueen.[7]

Nel 2020 Christopher Nolan la sceglie per interpretare Kat nel film di spionaggio Tenet. Lo stesso anno viene annunciato che interpreterà Lady Diana nelle ultime due stagioni della serie Netflix, The Crown.[8]

Elizabeth Debicki nel 2016

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Attrice[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatrice[modifica | modifica wikitesto]

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Australian Film Critics Association Awards

Australian Film Institute Awards

  • 2014 - Miglior attrice non protagonista per Il grande Gatsby

Critics' Choice Television Award

  • 2016 - Candidatura alla Miglior attrice non protagonista in un film o miniserie tv per The Night Manager

Empire Awards

Festival di Cannes

  • 2018 - Trofeo Chopard per la Rivelazione femminile

Film Critics Circle of Australia

  • 2014 - Candidatura alla Miglior attrice non protagonista per Il grande Gatsby

Doppiatrici italiane[modifica | modifica wikitesto]

Nelle versioni in italiano dei suoi lavori, Elizabeth Debicki è stata doppiata da:

Da doppiatrice è sostituita da:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Elizabeth Debicki among Australian talent honoured at star-studded Hollywood gala, theage.com.au, 26 ottobre 2015. URL consultato il 31 dicembre 2015.
  2. ^ Faculty of VCA and MCM | News, su vcam.unimelb.edu.au. URL consultato il 18 maggio 2013 (archiviato dall'url originale il 30 maggio 2013).
  3. ^ Cookies must be enabled. | The Australian, su theaustralian.com.au. URL consultato il 18 maggio 2013 (archiviato dall'url originale l'11 giugno 2013).
  4. ^ (EN) The Maids, su timeout.com.
  5. ^ (EN) Cameras roll on Rake’s third season, su tvtonight.com.au.
  6. ^ (EN) Michael Fassbender, Marion Cotillard Roll on ‘Macbeth’, su variety.com.
  7. ^ (EN) In the crowded cast of ‘Widows,’ Elizabeth Debicki is a standout, su latimes.com.
  8. ^ (IT) Elizabeth Debicki interpreterà Lady Diana nelle ultime due stagioni di “The Crown”, su ilpost.it.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN305280245 · LCCN (ENno2013097845 · GND (DE1093849460 · BNF (FRcb17802200j (data) · BNE (ESXX5598245 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-no2013097845