Úrsula Corberó

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Úrsula Corberó Delgado

Úrsula Corberó Delgado (Barcellona, 11 agosto 1989) è un'attrice spagnola.

Ha raggiunto la fama internazionale nel 2017 grazie all'interpretazione di "Tokyo" nella serie televisiva La casa di carta.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

A tredici anni, inizia a studiare dizione. La sua prima apparizione risale al 2002, nella serie Mirall trencat. Partecipa, tra il 2005 e il 2006 alla serie Ventdelplá. Deve la sua fama alla serie Fisica o chimica e al ruolo di Ruth, che interpreta dal 2008 al 2010. Nel 2011 è nel cast di La República, spin-off di La Señora, entrambe su La 1.

Nel 2015 è nel cast della fiction La dama velata in cui interpreta Anita.

Nel 2017, la sua carriera prende un punto di svolta con la serie La casa di carta in cui interpreta Tokyo. Grazie a questo ruolo, è nominata negli Premios Feroz e MIM Series come Migliore Attrice.

Al cinema, è apparsa nei film horror Paranormal Xperience 3D e Afterparty. Nel 2013, recita nella commedia Quien Mato a Bambi? con gli attori Quim Gutierrez e Clara Lago. Nel 2015 interpreta Nadia nella commedia romantica Perdiendo El Norte, il più grande successo dell'anno. I diritti del film sono stati acquisiti da Netflix. Nello stesso anno, l'attrice ottiene il suo primo ruolo da protagonista al cinema grazie a Manuela Moreno, nella commedia Como Sobrevivir a una Despedida?

Nel 2017, Úrsula è diretta da Isabel Coixet nel film Proyecto Tiempo: La Llave e dal regista Julio Medem nel thriller El Arbol de la Sangre, in cui interpreta Rebecca, una donna particolare che, con suo marito (interpretato da Alvaro Cervantes), parte alla ricerca dei segreti della sua famiglia. Nello stesso anno interpreta "Tokyo" nella serie televisiva La casa di carta.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Nomine[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatrici italiane[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN172359753 · ISNI (EN0000 0003 7203 7809