Grindhouse - Planet Terror

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Grindhouse - Planet Terror
Planet Terror.JPG
I titoli di testa del film
Titolo originale Planet Terror
Lingua originale inglese
Paese di produzione USA
Anno 2007
Durata 105 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere azione, orrore
Regia Robert Rodriguez
Soggetto Robert Rodriguez
Sceneggiatura Robert Rodriguez
Produttore Robert Rodriguez, Quentin Tarantino, Elizabeth Avellan
Produttore esecutivo Harvey Weinstein, Bob Weinstein, Shannon McIntosh
Casa di produzione Dimension Films, Rodriguez International Pictures, Troublemaker Studios
Distribuzione (Italia) Medusa Film
Fotografia Robert Rodriguez
Montaggio Robert Rodriguez, Ethan Maniquis
Effetti speciali John McLeod
Musiche Robert Rodriguez, Graeme Revell, Carl Thiel
Tema musicale Grindhouse (Main Titles)
Scenografia Steve Joyner
Costumi Nina Proctor
Trucco Greg Nicotero, Howard Berger
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Grindhouse - Planet Terror (Planet Terror) è un film splatter del 2007 scritto e diretto da Robert Rodriguez. Il film è uno dei due segmenti di Grindhouse, omaggio ai film d'exploitation degli anni settanta come Zombi 2 ed Incubo sulla città contaminata.[1][2]

Per i contenuti violenti, gli effetti speciali splatter e le diverse scene di sesso, il film è stato vietato ai minori in paesi come Finlandia, Regno Unito e Paesi Bassi,[3] mentre in Italia è stato vietato ai minori di 14 anni.[3]

Mentre per A prova di morte si era scelta una versione estesa rimontata da Tarantino in occasione del Festival di Cannes, Planet Terror è stato mostrato con il montaggio originale statunitense, includente la bobina mancante ed il fake trailer Machete. Soltanto qualche scena è stata modificata o estesa.[3]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Ambientato nel Texas rurale, il film si apre seguendo le vicende della danzatrice go-go Cherry Darling, che decide di dimettersi dal lavoro sottopagato per trovare una nuova occupazione. Va incontro al suo misterioso ex-fidanzato El Wray quando sosta alla tavola calda del rozzo J.T. Hague, il quale tiene in piedi il locale decadente grazie all'affitto pagato da suo fratello, che fa lo sceriffo.

Nel frattempo, un gruppo di funzionari dell'esercito degli Stati Uniti, guidati dal lunatico tenente Muldoon, stanno eseguendo una transazione commerciale con un ingegnere chimico di nome Abby per prendere possesso di una massiccia quantità di un agente biochimico mortale di sua creazione, conosciuto come DC-2 (nome in codice "Progetto Terrore"). Quando Muldoon apprende che Abby possiede un'altra supplica di DC-2 a portata di mano, ordina ai suoi uomini di catturarlo, ma Abby riesce a fuggire dopo aver sparato intenzionalmente alla supplica rilasciando così l'arma biologica nell'aria. Sotto forma di gas, il DC-2 raggiunge una cittadina e infetta diversi abitanti, i quali si ricoverano in ospedale per farsi curare dal dottor William Block e dalla sua infedele moglie bisessuale Dakota, che fa l'anestesista.

Ben presto però gli infetti si tramutano in mostruose creature cannibali che iniziano a spargersi per tutta la località. Cherry e Wray rimangono coinvolti in un incidente stradale causato dagli infetti, che assalgono Cherry. Wray riesce a salvarla uccidendo i mostri, ma la giovane perde la gamba destra e viene ricoverata in ospedale. Un'altra vittima ospedalizzata dell'invasione di infetti, rimasta col cranio privo di cervello, è Tammy, l'amante di Dakota, che era giunta in città per riunirsi a lei. Il Dottor Block la riconosce scoprendo i messaggini che si scambiavano lei e Dakota, e viene anche a sapere che lei stava appunto per lasciarlo per vivere con Tammy. Furioso, l'uomo perde la ragione e assale la moglie pungendola più volte con le sue stesse siringhe anestetiche, per poi rinchiuderla in uno sgabuzzino.

Quando anche i pazienti dell'ospedale si tramutano in mostri antropofaghi, Wray, che era stato arrestato dallo sceriffo Hague per via di crimini passati, torna in ospedale e recupera Cherry sistemandole una gamba di legno improvvisata, per poi rifugiarsi nel ristorante di J.T. e Hague. Anche Dakota fugge dall'ospedale incendiato dopo essersi liberata e, nonostante le mani intorpidite dagli anestetici infertogli da Block, riesce ad entrare in macchina e ad andarsene, mentre Block viene infetto dal virus. Dakota recupera suo figlio Tony e si reca dal padre, Earl McGraw. Tony però, che teneva una revolver datagli dalla madre per difendersi da eventuali assalitori, si spara accidentalmente in testa.

Intanto, Wray e Cherry si mettono a fare sesso nella camera da letto di J.T, ma proprio allora il film viene interrotto da un rullo di pellicola mancante. Quando il film riprende, il locale di J.T. è in fiamme e Hague è stato accidentalmente ferito dall'imbranato vicesceriffo Tolo, il quale viene divorato dagli infetti. Presto il gruppo viene raggiunto da Dakota, Earl e le gemelle baby sitter di Tony. Con Hague ferito gravemente, gli eroi optano di recarsi al confine Messicano, ma vengono bloccati da un'orda di infetti. A salvarli intervengono i mercenari di Muldoon, che uccidono i mostri per poi però catturarli e rinchiuderli in una base militare. Nella cella i protagonisti incontrano Abby, il quale spiega che i soldati sono sempre stati infetti, per questo inalano altro DC-2 per contenere il virus e impedire la mutazione. Apprendono anche che una piccola percentuale della popolazione è immune al virus e da queste persone può essere ricavato un antidoto, per questo Muldoon li tiene in quarantena.

Mentre Dakota e Cherry vengono prese in disparte da due soldati, gli altri riescono ad eliminare le guardie, ma J.T. rimane mortalmente ferito. Quando Muldoon viene messo alle strette da Wray e Abby, spiega di essere stato il vero responsabile della morte di Osama bin Laden prima che lui e i suoi mercenari fossero stati infetti dal DC-2 ed erano obbligati a proteggere la zona. Wray offre un riconoscimento rispettoso del servizio militare di Muldoon prima che lui e Abby gli sparino quando inizia a mutarsi. Intanto Cherry infilza nell'occhio un soldato che l'aveva costretta a ballare con la gamba di legno mentre Dakota uccide il suo collega quando riacquista la sensibilità delle sue mani. Abby e Wray le raggiungono e quest'ultimo rimpiazza la gamba di legno spezzata di Cherry con un fucile d'assalto M4, che lei usa per uccidere diversi infetti.

J.T, che sta seduto a fianco al moribondo Hague, sfrutta le sue ultime forze per far esplodere l'intera base militare e con essa tutti gli infetti che erano dentro. Nel climax Abby viene ucciso con un colpo alla testa, ma il gruppo riesce lo stesso a prendere possesso di un elicottero e durante il decollo triturano svariati infetti inclinando in avanti l'elica. A bordo Dakota viene assalita dal Dottor Block, ma questo viene prontamente eliminato da McGraw. Purtroppo Wray rimane ucciso mentre salvava Cherry da un soldato infetto. Nel finale, Cherry (che adesso ha un minigun come gamba destra) conduce sua figlia neonata concepita con Wray, il gruppo e molti altri sopravvissuti alla spiaggia caraibica a Tulum, dove cominciano una nuova società pacifica lontana dall'epidemia mondiale degli infetti.

In una scena dopo i titoli di coda, vediamo Tony seduto sulla spiaggia presso la fortezza dei sopravvissuti a giocare con una tartaruga, una tarantola e uno scorpione, i suoi animali domestici.[4]

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Regia[modifica | modifica wikitesto]

Secondo l'attrice Marley Shelton, Tarantino era sempre presente sul set: «Spesso dava consigli, o ci riscriveva alcune battute. Ha influito molto su Planet Terror, così come Robert Rodriguez ha influito su A prova di morte».[5]

Oltre a dirigere, scrivere e produrre il film, curarne la fotografia e il montaggio e comporne il tema musicale, Rodriguez ha aiutato l'attrice Rose McGowan a coreografare la go-go dance iniziale.[6]

Sceneggiatura[modifica | modifica wikitesto]

A Rodriguez venne in mente il soggetto di Planet Terror durante la post produzione di The Faculty: «Ricordo che dissi a Elijah Wood e Josh Hartnett, a tutti questi attori giovani, che i film di zombi erano morti e che non se ne vedevano da un pezzo, ma che io invece pensavo che sarebbero tornati in gran numero perché erano scomparsi da troppo tempo. Dissi loro "Noi dobbiamo essere i primi". Avevo un copione che avevo iniziato a scrivere. Era di circa 30 pagine, e così dissi loro "Questi sono personaggi che potete interpretare tutti". Eravamo tutti eccitati all'idea, ma in seguito non seppi cosa farci. [...] Decisi di applicarmi ad altri progetti, accantonai il film di zombi, anche se in faccia avevo quell'espressione del tipo "Ah! So che avrei realizzato il mio film di zombi». La storia venne recuperata quando Tarantino e Rodriguez svilupparono l'idea per Grindhouse.[7]

Nell'idea iniziale di Rodriguez c'erano gli zombi, ma dopo aver incontrato il regista Umberto Lenzi il regista decise di cambiare e optò per ambientare la trama in un mondo dove un'arma batteriologica era stata propagata su larga scala.[2][8]

Nel film sono infatti molteplici sequenze ispirate alla controparte di Lenzi:[2] la presenza del tenente Muldoon (Bruce Willis), che nell'originale era il generale Mulchinson, oltreché l'aspetto stesso degli infetti.

Cast[modifica | modifica wikitesto]

Electra ed Elise Avellan alla première di Grindhouse

Molti degli attori di Planet Terror avevano precedentemente lavorato con Rodriguez: Marley Shelton aveva fatto un'audizione per Rodriguez sul set di The Faculty: il regista scelse di non prenderla, ma si ritrovò a lavorare con lei in Sin City, nel ruolo della donna in abito rosso che si scorge nella scena iniziale;[5] in Sin City aveva lavorato anche Bruce Willis, che qui ha il ruolo del perfido tenente Muldoon. Il truccatore Tom Savini, qui nel ruolo del vicesceriffo Tolo, era già apparso in Dal tramonto all'alba, nel ruolo di Sex Machine; dallo stesso film, Michael Parks riprende qui il ruolo dello sceriffo Earl McGraw.

Nel cast compaiono anche i nomi di Electra ed Elise Avellan, nipoti della produttrice Elizabeth, ex moglie del regista Robert Rodriguez, nel ruolo delle sorelle babysitter.[9]

La protagonista assoluta è l'attrice Rose McGowan, divenuta sul set la fidanzata del regista Rodriguez.[10] Rodriguez la incontrò al Festival di Cannes 2006 e poco dopo l'assunse per Planet Terror, asserendo che le avrebbe cambiato la vita.[10] Il nome stesso della sua protagonista, Cherry Darling, è nato dall'incontro a Cannes: «Gli dissi che se avessi avuto una figlia avrei voluto chiamarla Cherry Darling, ma non si può chiamare una bambina Cherry» - che è sinonimo di "stupro facile" e "ragazza facile" - «perché a scuola la farebbero morire, così il nome è toccato a me».[10]

Effetti speciali[modifica | modifica wikitesto]

Planet Terror fa un uso massiccio degli effetti speciali. Uno degli effetti più usati è la gamba mancante che Cherry mostra dopo l'incidente. Durante la post produzione, i team di effetti speciali hanno rimosso digitalmente la gamba della McGowan e l'hanno rimpiazzata con due protesi generate al computer: in un primo momento il piede di un tavolo, poi un M4. Durante le riprese di queste sequenze, la McGowan ha indossato una tuta speciale che le costringeva il movimento per darle la sensazione di "assenza della gamba" e avrebbe aiutato gli effettisti a rimuoverla digitalmente, in fase di post produzione.[11]

Colonna sonora[modifica | modifica wikitesto]

La colonna sonora di Planet Terror, pubblicata dalla Varèse Sarabande il 3 aprile 2007,[12] è stato composta da Robert Rodriguez in collaborazione con Graeme Revell (compositore delle colonne sonore di altri due film di Rodriguez, Dal tramonto all'alba e The Faculty). I ritmi ossessionanti e ripetuti ricordano per certi versi le colonne sonore dei film di John Carpenter, come ha asserito il regista stesso.[13] Non a caso, sino all'ultimo minuto, il compositore della colonna sonora doveva essere Carpenter stesso,[14] che alla fine si è invece limitato a cedere i diritti di una sua composizione, The Crazies Come Out dal film 1997: fuga da New York.

Nella colonna sonora sono incluse anche due canzoni non originali: You Belong to Me di Pee Wee King, Chilton Price e Redd Stewart cantata da Rose McGowan e Too Drunk to Fuck di Jello Biafra eseguita dai Nouvelle Vague.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. Grindhouse (Main Titles) - Robert Rodriguez
  2. Doc Block - Robert Rodriguez e Carl Thiel
  3. The Sickos - Robert Rodriguezz e Graeme Revell
  4. You Belong To Me - Rose McGowan (Pee Wee King, Chilton Price e Redd Stewart)
  5. Go Go Not Cry Cry - Robert Rodriguez e Rick Del Castillo
  6. Hospital Epidemic - Robert Rodriguez e Graeme Revell
  7. Usless Talent #32 - Robert Rodriguez
  8. His Perscription... Pain - Robert Rodriguez e Carl Thiel
  9. Cherry Darling - Robert Rodriguez
  10. The Grindhouse Blues - Robert Rodriguez
  11. El Wray - Robert Rodriguez
  12. Police Station Assault - Robert Rodriguez
  13. Dakota - Robert Rodriguez e Carl Thiel
  14. Zero to Fifty in Four - Robert Rodriguez
  15. Fury Road - Robert Rodriguez
  16. Helicopter Sicko Chopper - Robert Rodriguezz e Graeme Revell
  17. The Ring in the Jacket - Robert Rodriguez e George Oldziey
  18. Killer Legs - Robert Rodriguez e Rick Del Castillo
  19. Melting Member - Robert Rodriguezz e Graeme Revell
  20. Too Drunk to Fuck - Nouvelle Vague (Jello Biafra)
  21. Cherry's Dance of Death - Chingon (Robert Rodriguez)
  22. Two Against the World - Rose McGowan (Rebecca Rodriguez e Robert Rodriguez)

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film è stato presentato nell'edizione integrale al Festival del film Locarno 2007, con la partecipazione dello stesso Robert Rodriguez.[15] Il film è uscito negli Stati Uniti il 6 aprile 2007 e in Italia il 28 settembre dello stesso anno.[16]

Slogan promozionali[modifica | modifica wikitesto]

  • «Fully Loaded»
  • «You might feel a little prick»
  • «Humanity's last hope... Rests on a high power machine gun»

Citazioni ad altre pellicole[modifica | modifica wikitesto]

La scena dell'occhio è un omaggio a Zombi 2
L'aspetto dei sicko riprende quello degli infetti in Incubo sulla città contaminata
La scena dell'ospedale ricalca una sequenza simile in ...E tu vivrai nel terrore! L'aldilà

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Grindhouse - Planet Terror di Robert Rodriguez, Karasciò, ottobre 2007. URL consultato il 27 luglio 2011.
  2. ^ a b c d e f Cultura Avantpop, guide.superEva.it, 14 gennaio 2011. URL consultato il 27 luglio 2011.
  3. ^ a b c (EN) Grindhouse - Planet Terror in Internet Movie Database, IMDb.com Inc..
  4. ^ Robert Rodriguez ha spiegato che siccome Tony era stato interpretato dal figlio più giovane, gli ha montato un'altra versione del film appositamente per lui dove il suo personaggio non moriva
  5. ^ a b Ian Spelling, Doctor in the GRINDHOUSE. URL consultato il 13 gennaio 2008.
  6. ^ Foto di scena. URL consultato il 27 luglio 2011.
  7. ^ (EN) Mike Cotton, magazine/wizard/004090803.cfm Girls! Zombies! Serial killers! Step inside Quentin Tarantino and Robert Rodriguez's down 'n' dirty double feature, 'Grindhouse.', Wizard, 4 aprile 2007. URL consultato il 28 luglio 2011.
  8. ^ Grindhouse (2007), SplatterContainer.com. URL consultato il 28 luglio 2011.
  9. ^ (EN) Rodriguez's nieces come to the 'Grindhouse', TODAY Movies, 4 ottobre 2007. URL consultato il 28 luglio 2011.
  10. ^ a b c Christopher Goodwin, Non c'è Rose senza spine, Ciak, n. 9, settembre 2007, pp. 80-85.
  11. ^ (EN) Alain Bielik, Grindhouse: Pistol-Packing VFX, Animation World Network, 6 aprile 2007. URL consultato il 28 luglio 2011.
  12. ^ Grindhouse: Planet Terror, SoundtrackNet. URL consultato il 28 luglio 2011.
  13. ^ (EN) Updated! GRINDHOUSE news from Comic-Con! Snake Plissken to be Tarantino's villain!, Aintitcool.com. URL consultato il 28 luglio 2011.
  14. ^ (EN) Russell Replaces Rourke As Grindhouse Killer, Female Firts, 25 luglio 2011. URL consultato il 28 luglio 2011.
  15. ^ Planet Terror, pardo.ch, 12 agosto 2007. URL consultato il 19 ottobre 2014.
  16. ^ Date di uscita for Planet Terror (2007), IMDb.com. URL consultato il 27 luglio 2011.
  17. ^ a b c d e f g h i j k l (EN) Movie connections for Planet Terror (2007), IMDb.com. URL consultato il 27 luglio 2011.
  18. ^ La frase è udibile chiaramente al minuto 68.
  19. ^ a b c (EN) Trivia, IMDb.com. URL consultato il 27 luglio 2011.
  20. ^ (EN) Movie connections for Machete (2010), IMDb.com. URL consultato il 28 luglio 2011.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema