Amanda Seyfried

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Amanda Seyfried nel 2019

Amanda Michelle Seyfried (Allentown, 3 dicembre 1985) è un'attrice, cantante e modella statunitense.

Seyfried è stata lanciata dal film cult Mean Girls (2004), per poi proseguire la carriera da attrice comparendo in numerosi altri film.

Nel 2020 con il ruolo dell'attrice Marion Davies nel film biografico Mank, ottiene il plauso della critica e si aggiudica la sua prima candidatura ai Golden Globe, ai Critics' Choice Awards e al Premio Oscar nella sezione migliore attrice non protagonista.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Amanda Seyfried nasce a Allentown, Lehigh County in Pennsylvania, figlia di Ann Sander, una terapista occupazionale, e Jack Seyfried, un farmacista. Sua sorella Jennifer è una musicista in un gruppo di Filadelfia, i Love City. Si è diplomata nel 2003 alla Allentown's William Allen High School e si è iscritta alla New York City's Fordham University. Da adolescente è apparsa sulla copertina di tre libri di Francine Pascal.

Amanda inizia la sua carriera come modella, ad undici anni. Nel 2000 debutta come attrice nel mondo delle soap opera, partecipando a Così gira il mondo e in seguito a La valle dei pini. Nel 2004 debutta nel cinema con la commedia adolescenziale Mean Girls, dove interpreta la svampita Karen. Dal 2004 al 2006 interpreta Lilly Kane nella serie televisiva Veronica Mars; inoltre, compare in serie televisive come Law & Order - Unità vittime speciali, Dr. House - Medical Division e CSI - Scena del crimine, Wildfire. Nel 2005 ottiene un ruolo nel film 9 vite da donna.

Nel 2006 interpreta Julie Beckley in Alpha Dog di Nick Cassavetes. Sempre nel 2006 entra nel cast della serie della HBO Big Love. Nel 2008 lavora nel suo primo horror Solstice, interpretando la migliore amica della protagonista. Raggiunge il successo in Mamma Mia!, trasposizione cinematografica dell'omonimo musical, dove dimostra le sue doti canore a fianco di Meryl Streep. Nel febbraio 2008 ha un ruolo da co-protagonista nel film commedia nera/horror Jennifer's Body. Nel 2009 viene annunciato che farà parte del cast di Albert Nobbs, ma alla fine la parte va a Mia Wasikowska. Nello stesso anno è co-protagonista nel dramma erotico Chloe - Tra seduzione e inganno nel ruolo di una prostituta a fianco di Julianne Moore e Liam Neeson. In seguito interpreta Paige nella commedia Tradire è un'arte - Boogie Woogie (non distribuita nei cinema italiani).

Poi si reca a Verona per girare Letters to Juliet,[1] uscito nel 2010; il cast include Vanessa Redgrave, Gael García Bernal, Franco Nero e Christopher Egan. Nel 2010 recita come co-protagonista insieme a Channing Tatum nel film Dear John, tratto dal libro Ricordati di guardare la luna di Nicholas Sparks. Nel 2011 viene presa in considerazione da Zack Snyder per il ruolo da protagonista in Sucker Punch, ma deve rinunciare a causa di altri impegni, e per la parte viene scelta Emily Browning. Poco tempo dopo recita nel film di Catherine Hardwicke Cappuccetto rosso sangue, basato sulla favola di Cappuccetto Rosso, nel ruolo da protagonista, a fianco di Gary Oldman. Sempre nel 2011 è co-protagonista nel film In Time. Un anno dopo esce Gone di Heitor Dhalia, dove Amanda è protagonista.

Nel 2012 interpreta Cosette da adulta nel film Les Misérables di Tom Hooper, a fianco di Hugh Jackman e Russell Crowe.[2] Nel film Seyfried dimostra di possedere una voce da soprano di coloratura. Nello stesso anno entra nel cast di Big Wedding con Robert De Niro, Diane Keaton, Susan Sarandon, Katherine Heigl, Robin Williams e tanti altri. Nel 2013 doppia la protagonista nel film d'animazione Epic - Il mondo segreto, per poi essere scelta come protagonista del controverso film Lovelace, biopic della pornodiva Linda Lovelace. Nel 2014 interpreta Louise nella commedia western Un milione di modi per morire nel West diretto da Seth MacFarlane, con Charlize Theron, Liam Neeson e lo stesso Seth MacFarlane.

Nel 2015 partecipa a Giovani si diventa, commedia drammatica con protagonisti Ben Stiller e Naomi Watts, per la regia di Noah Baumbach, e poi a Pan - Viaggio sull'isola che non c'è (regia di Joe Wright), film che narra la prima volta in cui Peter Pan arriva sull'isola che non c'è e in cui Amanda interpreta Mary, madre di Peter. In seguito è la protagonista femminile di Padri e figlie di Gabriele Muccino, in cui fa la figlia di Russell Crowe.[3] Il 18 settembre 2015 entra nel cast del revival de I segreti di Twin Peaks[4], andato in onda nel 2017.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Ha dichiarato di soffrire d'ansia, di disturbo ossessivo-compulsivo e di attacchi di panico.[5]

L'attrice ha frequentato Dominic Cooper, suo co-protagonista in Mamma mia! dal 2008 al 2010 e l'attore Justin Long dal 2013 al 2015.[6][7] Dal 2016 comincia a frequentare l'attore Thomas Sadoski, conosciuto sul set di Adorabile nemica.[8] La coppia ha confermato il fidanzamento il 12 settembre 2016,[9] e a marzo del 2017 si sono sposati con una cerimonia privata.[10] La coppia ha due figli: Nina, nata a marzo del 2017,[11] e Thomas, nato a settembre 2020.[12]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Attrice[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatrice[modifica | modifica wikitesto]

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Premio Oscar[13]

Golden Globe[14]

Critics' Choice Awards[15]

MTV Movie & TV Awards

Satellite Award

Screen Actors Guild Award

Doppiatrici italiane[modifica | modifica wikitesto]

Nelle versioni in italiano dei suoi film, Amanda Seyfried è stata doppiata da:

Da doppiatrice è sostituita da:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Lettere d'amore per Amanda Seyfried!, su film.it. URL consultato il 17 marzo 2015.
  2. ^ Amanda Seyfried nel cast di Les Miserables di tom Hooper, su cineblog.it, 5 gennaio 2012. URL consultato il 17 marzo 2015.
  3. ^ Pan Trailer Italiano Ufficiale con Hugh Jackman, Amanda Seyfried e Rooney Mara, su play4movie.com, 26 novembre 2014. URL consultato il 17 marzo 2015 (archiviato dall'url originale il 2 aprile 2015).
  4. ^ Amanda Seyfried nel cast di Twin Peaks: che sia la nuova Laura Palmer?, su serialclick.it. URL consultato il 21 settembre 2015 (archiviato dall'url originale il 24 settembre 2015).
  5. ^ (EN) Amanda Seyfried on Her Mental Health, Her Dog, and Those Eyes, su allure.com.
  6. ^ (EN) Dominic Cooper says it wasn’t awkward working with ex Amanda Seyfried, su pagesix.com.
  7. ^ (EN) Amanda Seyfried Talks Family, Ted 2, and Finding Love on Instagram, su vogue.com.
  8. ^ (EN) Amanda Seyfried and Her Last Word Costar Thomas Sadoski Are Dating!, su people.com.
  9. ^ (EN) Amanda Seyfried Engaged to Last Word Costar Thomas Sadoski, su people.com.
  10. ^ (EN) Surprise! Amanda Seyfried and Thomas Sadoski Secretly Got Married in 'Beautiful' Private Ceremony, su people.com.
  11. ^ (EN) Amanda Seyfried Gives Birth to First Child With Thomas Sadoski, su eonline.com.
  12. ^ (IT) Amanda Seyfried è diventata mamma (bis) di un maschietto. L’annuncio su Instagram, su iodonna.it.
  13. ^ (IT) Oscar 2021. Tutte le nomination., su rainews.it.
  14. ^ (IT) Golden Globes, pioggia di nomination per 'Nomadland', 'Una donna promettente' e 'Mank', su awardstoday.it.
  15. ^ (EN) Critics’ Choice Awards: ‘Mank’ Leads With 12 Nominations, Netflix Makes History With Four Best Picture Nominees, su variety.com.
  16. ^ (IT) Consegnati gli MTV Movie Awards 2005, su movieplayer.it.
  17. ^ (IT) Mtv Movie Awards 2009 – I candidati e i vincitori, su cinemonitor.it.
  18. ^ (IT) Mtv Movie Awards 2010: trionfa New Moon, su cineblog.it.
  19. ^ (IT) MTV Movie Awards 2010, tutte le nominations, su bestmovie.it.
  20. ^ (IT) Satellite Awards 2012, vincitori: Silver Linings Playbook batte tutti, su cineblog.it.
  21. ^ (IT) Golden Satellite Awards, 'Nomadland' e Frances McDormand i grandi vincitori, su awardstoday.it.
  22. ^ (EN) SAG Awards 2013: Complete List of Winners, su hollywoodreporter.com.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN120199428 · ISNI (EN0000 0001 1780 7079 · Europeana agent/base/151330 · LCCN (ENno2005006919 · GND (DE142534749 · BNF (FRcb161986327 (data) · BNE (ESXX4929894 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-no2005006919