Epic - Il mondo segreto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Epic - Il mondo segreto
Epic film.png
Il logo del film tratto dal trailer.
Titolo originaleEpic
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneStati Uniti
Anno2013
Durata102 min
Genereanimazione, avventura, commedia, drammatico, epico
RegiaChris Wedge
SoggettoWilliam Joyce (personaggi), William Joyce, James V. Hart, Chris Wedge (storia)
SceneggiaturaWilliam Joyce, James V. Hart, Daniel Shere, Tom J. Astle, Matt Ember
ProduttoreLori Forte, Jerry Davis
Casa di produzioneBlue Sky Studios
Distribuzione (Italia)20th Century Fox
MusicheDanny Elfman
Doppiatori originali
Doppiatori italiani

Epic - Il mondo segreto (Epic) è un film d'animazione in 3D del 2013 diretto da Chris Wedge, basato sul libro per bambini The Leaf Men and the Brave Good Bugs di William Joyce.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

In seguito alla morte della madre, MK (acronimo di Mary Katherine), una ragazza diciassettenne si trasferisce nella casa del suo eccentrico padre, il Professor Bomba, che le espone la sua teoria secondo la quale la natura altro non sarebbe che un micro-cosmo abitato da minuscoli esseri (che non possiamo vedere perché vivono in maniera accelerata), MK però accoglie con scetticismo questa teoria e desidera che il padre cessi le sue ricerche. Entrambi ignorano che vicino a loro vivono effettivamente minuscoli soldati chiamati Leafman, che proteggono la foresta in cui si trova la casa del Professor Bomba da creature malvagie chiamate Boggan, armate con frecce che possono uccidere ogni cosa vivente e il cui comandante, Mandrake, progetta di distruggere la foresta. Un giovane soldato indipendente, Nod, decide di andarsene, facendo adirare il concreto comandante dei Leafmen, Ronin, che vuole che Nod impari il lavoro di squadra.

La regina della foresta, Tara, consapevole dell'apparente attrazione di Ronin per lei decide di scegliere un erede al trono e si reca a un campo di boccioli di foglie sorvegliato da Mub e Grub, due lumache, la prima disinvolta e la seconda estremamente conscia di sé. La Regina Tara sceglie il baccello più piccolo come erede, ma subito dopo i Boggan attaccano. Tara scappa con il baccello e sebbene le sue guardie del corpo facciano del loro meglio per proteggerla sono sopraffatte dai numerosi Boggan. La Regina Tara usa la sua magia per rallentare gli inseguitori e viene salvata da una bambina fiore che l'adora e l'aiuta nella fuga. Infine sono raggiunti da Ronin che raccoglie la Regina Tara sul suo colibrì. La coppia viene attaccata da Mandrake e suo figlio Dagda, generale dei Boggan. Ronin uccide Dagda, ma Tara viene colpita da Mandrake e precipita nella foresta dalla cavalcatura di Ronin.

Nel frattempo MK stufa dell'eccentricità di suo padre decide di andarsene via lasciando una nota su un monitor di sorveglianza. Prima di poter attuare il suo proposito si vede costretta ad inseguire nel bosco Osie, l'anziano carlino di Bomba con solo tre gambe e un occhio. Mentre sta cercando Osie, MK vede Tara cadere. La Regina morente dà il bocciolo a MK e usa la sua magia per rimpicciolirla e prima di morire le dice di portare il baccello a un bruco chiamato Nim Galuu. Una confusa e terrorizzata MK si unisce a Ronin e i suoi Leafmen, incontrando anche Mub e Grub che hanno il compito di mantenere in vita il baccello. Ronin scopre che Nod gareggia con altre creature e insetti in groppa a degli uccelli. Nod tradisce la parola data al brutale rospo Bufo, tagliando il traguardo per primo, ma prima che questi e i suoi scagnozzi bombaci dispari e mosche scorpione possano ucciderlo Ronin interviene e lo salva. Dopo aver saputo della morte della Regina Tara, Nod si unisce con riluttanza al gruppo.

Il gruppo infine trova Nim Galuu, un teatrante e custode di pergamene magiche che raccontano il passato più o meno remoto, conservate all'interno di un grande albero. Dopo aver saputo della morte della Regina Tara, conduce il gruppo alle pergamene, dove MK scopre il breve messaggio lasciatole da Tara prima di rimpiccolirla con le istruzioni per essere riportata alle sue dimensioni normali. Durante un'assenza di Ronin, Nod porta MK a cavalcare un cerbiatto e tra i due nasce del tenero. Nel frattempo Bufo, che ha sentito una conversazione tra Nod e Ronin, rivela a Mandrake dove si trova il bocciolo e questi arriva e porta via il baccello, rapendo anche Mub e Grub per mantenerlo umido e in vita. Il suo malefico scopo è di farlo schiudere al buio in modo che la foresta sia distrutta per sempre. Per penetrare non visti nel territorio dei Boggan nel tentativo di recuperare il baccello, MK, Nod e Ronin si recano alla casa di Bomba per procurarsi dei travestimenti. Qui MK scopre che suo padre è quello che i Leafman chiamano "calpestatore" e che questi hanno ostacolato le ricerche di Bomba. Dopo che sono riusciti a ottenere i travestimenti, Osie (nel frattempo tornato alla casa di Bomba) vede MK e la insegue attirando l'attenzione di Bomba. Questi vede il gruppo e cattura MK, ma sviene dopo averla vista. Prima di andarsene MK segna la posizione del territorio dei Leafmen su una delle mappe di Bomba, con uno spillone rosso.

Una volta raggiunto il territorio dei Boggan, una devastazione di alberi morti e putrefazione, Ronin distrae i Boggan, mentre MK e Nod salvano Mub, Grub e il baccello. Vengono però scoperti da Mandrake che richiama i Boggan per fermarli. Ronin si sacrifica per permettere la fuga di MK, Nod, Mub e Grub che riescono a fuggire. Portano il baccello alla casa madre della Regina Tara, ma i pipistrelli di Mandrake bloccano con la loro presenza la luce della luna piena così che non possa sbocciare nella luce e salvare la Foresta dalla decomposizione. Mentre i Leafmen si radunano per attaccare i Boggan, MK parte alla ricerca di suo padre per chiedere il suo aiuto, ma questi dopo aver ripreso conoscenza ha rinunciato alle sue ricerche per cercare la figlia e ha spento tutte le sue telecamere, credendo di non aver visto realmente MK e che tutti i suoi anni di ricerche l'abbiano fatto impazzire. Cambia però idea quando vede lo spillo sulla mappa.

Dopo aver trovato MK, Bomba è sopraffatto dalla gioia allo scoprire di aver sempre avuto ragione e dopo esser stato persuaso a seguirla fino a Moonhaven usa il suo iPod per imitare il suono dei pipistrelli e farsi seguire da loro. A questo punto ricompare Ronin segnato dal combattimento nel territorio dei Boggan, ma vivo. Mandrake riesce a sopraffarlo, ma Ronin viene difeso da Nod, che finalmente capisce l'importanza del lavoro di squadra. Prima che Mandrake possa ottenere la sua vittoria la luce della luna illumina il baccello durante il suo sbocciare e Mandrake viene risucchiato nel tronco di un albero. Anche la foresta viene guarita della maggior parte del danno sofferto a causa dei Boggan. L'erede prescelto è la bambina fiore che aveva aiutato la Regina Tara nella fuga da Mandrake e che sognava di divenire una regina. Grub diventa un Leafman, Nod e Ronin si riconciliano.

Nod e MK si baciano prima che questi venga riportata alle sue dimensioni consuete dalla nuova regina. Dopo essersi riunita col padre e esserne diventata l'assistente, la nuova famiglia mantiene contatti regolari con i suoi piccoli amici, mentre continuano le ricerche sul mondo nascosto vicino alla loro casa.

Personaggi[modifica | modifica wikitesto]

  • Mary Katherine: è una diciassettenne brillante, arguta e testarda, ma anche gentile e altruista. Preferisce farsi chiamare "MK". Dopo la morte di sua madre torna nella casa della sua infanzia per riallacciare i contatti con il padre che conosce a malapena. Ma diventa presto insofferente per le infinite storie sul "popolo minuscolo" che vive nei boschi, che il padre le racconta di continuo, pensando che siano solo fantasie. Ma quando viene magicamente trasportata nel mondo dei Leafmen, vede tutto da una nuova prospettiva e capisce che suo padre non è un sognatore. In principio vuole solo ritrovare la strada di casa, ma alla fine contribuisce a salvare il mondo che ha appena scoperto. Tornata alle dimensioni normali diventa l'assistente di suo padre.
  • la Regina Tara: È la sovrana dei Leafmen e la forza vitale dell'intera foresta, di cui si prende amorevolmente cura. Ha un carattere allegro e spiritoso e spesso prende in giro Ronin per il atteggiamento rigido e serio. Quando la Regina Tara si trova in pericolo, il suo legame con la natura fa della foresta un suo alleato. Un attimo prima di morire trasferisce la sua forza vitale in un bocciolo che sceglierà la nuova regina.
  • Ronin: è il comandante dei Leafmen, il corpo speciale di guerrieri votati alla tutela di tutte le forme di vita nella foresta. È molto coraggioso, con un fortissimo senso del dovere. Il suo motto è: "molte foglie, un solo albero" e non esita a mettere in gioco la vita per qualcuno a cui tiene, nonostante si dimostri molto duro con le reclute. Quando la foresta e la Regina (di cui è segretamente innamorato) si trovano in pericolo combatte sempre in prima fila con i suoi sottoposti. Era molto amico del defunto padre di Nod, ed è in nome di questa amicizia che si prende cura del figlio. In principio non va d'accordo con Nod a causa dell' atteggiamento sfrontato e individualista del ragazzo, ma alla fine i due si riappacificano quando Nod capisce l'importanza del lavoro di squadra.
  • Nod: È un ragazzo ribelle che infrange le regole e non sopporta l'autorità, è figlio di un defunto Leafmen. Il suo individualismo non va d'accordo con gli ideali di unità e lavoro di squadra dei Leafmen. Per questo decide di lasciare il corpo dei guerrieri, tuttavia quando la foresta è in pericolo non esita a dare il suo contributo. All'inizio non va d'accordo con Ronin, che considera dispotico e oppressivo, ma alla fine capisce l'importanza dell'aiutarsi a vicenda, diventando così un Leafmen a tutti gli effetti. Quando conosce MK si innamora della ragazza, mantenendo i contatti con lei anche dopo che questa torna alle sue dimensioni normali.
  • Mub e Grub: Sono due lumache combina guai protagoniste di molte gag comiche. Grub è una chiocciola, mentre Mub è una lumaca senza guscio. I due i due vengono scelti dalla regina come custodi del bocciolo che diventerà il prossimo Re o Regina della foresta. Sebbene siano entrambi sbadati e poco svegli, dimostrano di avere molto coraggio quando si uniscono alla battaglia per salvare il loro mondo. Mub nonostante il suo aspetto innocuo è molto sicuro di sè ed è convinto di essere un rubacuori, mentre Grub è un aspirante Leafmen che alla fine riesce a realizzare il suo sogno.
  • Bomba: è il padre di Mk. È un eccentrico professore anticonformista e con la testa fra le nuvole che, negli anni, si è allontanato dalla civiltà e dalla sua famiglia per dimostrare le sue teorie. Bomba vive in una vecchia casa in mezzo alla foresta, circondato da oggetti bizzarri che si è fatto da sé. Ha dedicato la vita a studiare una civiltà di persone minuscole che nessuno ha mai visto, e di cui ha trovato solo minuscole tracce. È tanto ossessionato dalle sue ricerche da non rendersi conto di trascurare la figlia. Quando MK sparisce crede di aver buttato via la sua vita per inseguire un miraggio e afferma di voler lasciar perdere tutto, ma proprio grazie alla figlia scoprirà infine di aver sempre avuto ragione.
  • Nim Galuu: è un bruco custode della storia del popolo della foresta, che viene trascritta su pergamene all'interno di un grande albero. È molto teatrale e festaiolo, possiede una grande eloquenza e spesso intrattiene il pubblico con canti e balli. Grazie a lui i protagonisti scoprono come far sbocciare il bocciolo in modo da nominare una nuova regina. Non sembra molto coraggioso ma è pronto a dare il suo contributo per salvare la foresta e i suoi abitanti.
  • Bufo: È un rospo che controlla il business delle scommesse e altre losche attività nella foresta. È un individuo viscido, meschino e opportunista, pronto a far eliminare dai suoi scagnozzi chiunque intralci i suoi piani. Quando Nod si rifiuta di perdere ad una corsa truccata cerca di farlo fuori, ma viene fermato da Ronin. Tuttavia è in fondo un codardo, visto che quando viene rapito da Mandrake si comporta da ruffiano e gli riferisce subito tutto quello che vuole sapere.
  • Mandrake: È il principale antagonista della storia. È il signore del marciume e della distruzione, sovrano dei Boggan. Ha il potere di far morire qualunque cosa tocchi. Lui e il suo popolo sono gli arci-nemici dei Leafmen. Mandrake considera i Leafmen degli usurpatori ed è stufo di nascondersi nell'ombra pertanto, insieme al figlio, programma la vendetta finale, ovvero impossessarsi della foresta che, secondo lui, avrebbe dovuto da sempre essere sua. Guida l'attacco dei Boggan durante la cerimonia per la scelta del bocciolo, riuscendo ad uccidere la regina Tara. Ha un carattere sadico, arrogante, crudele, cinico e spietato. L'unico di cui sembra gli importi qualcosa è suo figlio Dagda.
  • Dagda: è il figlio di Mandrake e vice comandante dei Boggan. E' malvagio quanto suo padre ma, diversamente da Mandrake, è anche stupido e imbranato. Il suo unico scopo è fare contento il padre, verso cui prova una grande stima e ammirazione. Viene ucciso da Ronin durante l'invasione dei Boggan che interrompe la cerimonia per la scelta del bocciolo.

Promozione[modifica | modifica wikitesto]

Il primo trailer originale del film è stato distribuito il 25 giugno 2012,[1] per essere poi seguito da quello italiano il 28 gennaio 2013.[2]

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film è stato distribuito nelle sale cinematografiche statunitensi il 24 maggio 2013, mentre il quelle italiane il 23 maggio.

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Incassi[modifica | modifica wikitesto]

Il film ha soltanto incassato 268,426,634 di dollari, diventando il secondo minore incasso della Blue Sky Animation. Questo primato appartiene a Robots, inferiore di pochi milioni di dollari.

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Ottiene un voto di 5,9/10.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Il mondo segreto di Moonhaven - Epic: primo trailer dal nuovo cartoon Fox, cineblog.it, 26 giugno 2012. URL consultato il 3 giugno 2014.
  2. ^ Epic – Il nuovo trailer italiano del nuovo cartoon dei Blue Sky Studios, blog.screenweek.it, 28 gennaio 2013. URL consultato il 3 giugno 2014.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]