30 giorni di buio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
30 giorni di buio
30daysofnightscena.png
Dettaglio del vampiro Marlow (Danny Huston)
Titolo originale 30 Days of Night
Paese di produzione USA, Nuova Zelanda
Anno 2007
Durata 113 min
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 2,35:1
Genere orrore
Regia David Slade
Soggetto Steve Niles, Ben Templesmith
Sceneggiatura Steve Niles, Stuart Beattie, Brian Nelson
Produttore Sam Raimi, Robert G. Tapert
Fotografia Jo Willems
Montaggio Art Jones
Effetti speciali Joe Dunkley
Musiche Brian Reitzell
Scenografia Paul D. Austerberry
Costumi Jane Holland
Trucco Anita Aggrey
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

30 giorni di buio (30 Days of Night) è un film del 2007 diretto da David Slade, con protagonisti Josh Hartnett e Melissa George, tratto dall'omonima serie a fumetti di Steve Niles e Ben Templesmith. Il film ha avuto un sequel intitolato 30 giorni di buio II.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Circolo Polare Artico. Barrow (Alaska), Stati Uniti. Uno straniero, giunto a bordo di una nave, si dirige verso l'insediamento umano più a nord. Dopo avere atteso la partenza di buona parte dei suoi abitanti dovuta ai "30 giorni di buio" (la notte polare a cui la cittadina è annualmente soggetta), lo straniero compie una sequela di sabotaggi, come bruciare molti telefoni satellitari, manomettere l'elicottero e rendendosi anche responsabile dell'abbattimento di ogni cane da slitta. Lo sceriffo Eben Oleson ed il suo vice Billy Kitka indagano su tali eventi.

Stella Oleson, l'ex moglie di Eben, è costretta a rimanere a Barrow per aver perso il suo aereo. Nonostante cerchino di evitarsi a vicenda, Stella aiuta Eben quando arresta lo straniero responsabile dei sabotaggi e dei cani uccisi alla tavola calda. Portato alla stazione di polizia locale, lo straniero minaccia i villageri affermando in continuazione che "stanno arrivando" e verrà onorato per ciò che ha fatto. Proprio allora le luci della cittadina si spengono, quindi Eben si reca alla centrale elettrica e centro di telecomunicazione cittadino per scoprire qual è il problema e far inviare all'operatore Gus Lambert una richiesta di aiuto, ma trova il posto smantellato e la testa di Gus infilzata su un palo.

Quando Eben e Stella cercano di mettere in guardia i villageri, l'insediamento viene invaso da un gruppo di vampiri ferini che si mettono a massacrare ferocemente la gente, inclusa la nonna affetta da cancro di Eben, mentre lui e Stella vengono attaccati dai vampiri, che ribaltano a mani nude la loro jeep, ma vengono salvati in tempo da Beau Brower, il guidatore dello spazzaneve cittadino, che poi li conduce al riparo. Intanto lo straniero, rimasto alla stazione, viene confrontato da Marlow, il leader dei vampiri. Lo straniero è convinto che i vampiri lo accoglieranno nel gruppo come ricompensa per aver fornito a loro un intero villaggio di prede, ma invece viene ucciso da Marlow, che gli torce il collo.

Nelle settimane che seguono, i sopravvissuti trovano rifugio in una soffitta, finché Kirsten Toomey non attira la loro attenzione. Eben presto si accorge che la ragazza, la quale sta camminando per strada invocando aiuto, viene usata come esca dai vampiri. Nonostante il rischio, Eben decide di avventurarsi all'esterno, per cercare di trarla in salvo. Una volta uscito, trova l'amico John Riis nascosto nell'intercapedine inferiore di una casa, divenuto un vampiro. Eben lo affronta e quando l'amico resta accidentalmente intrappolato nelle catene di un'altalena, lo uccide con un'accetta. Intanto, Kirsten, ritenuta non più utile, viene divorata dai vampiri. Alcune ore dopo, Wilson Bulosan, accortosi dell'assenza del vecchio padre, Isaac, corre fuori a cercarlo: il vecchio, in preda ad una crisi di demenza senile, è scappato. Entrambi vengono catturati e massacrati.

Giorni dopo, durante una tormenta di neve, Eben ed il suo gruppo, si recano ad un emporio allo scopo di fare provviste. Qui, una bambina-vampiro attacca Carter Davies, ma viene viene decapitata da Jake, il fratello minore di Eben. Poco dopo la tempesta di neve finisce rapidamente e, non ritenendo che quel luogo sia sicuro, Eben decide che il gruppo dovrà rifugiarsi alla stazione di polizia. Per fare questo, crea un diversivo: corre verso la casa della propria nonna; lì, vi sono nascoste alcune lampade utraviolette a lei indispensabili per coltivare la marijuana ad uso terapeutico. Una volta giunto a casa, Eben riattiva il generatore elettrico accendendo le luci ai vampiri. La compagna di Marlow, Iris, rimane sfigurata da essa e quindi lui si ritrova costretto a sopprimerla.

I vampiri disattivano il generatore e Beau corre per aiutare Eben, abbattendo vampiri, sparando e travolgendoli con un trattore dotato di falciatrice. Quindi, schiantantosi contro un hotel tenta di farsi esplodere mediante alcuni candelotti di dinamite per non cadere in mano loro ed abbatterne quanti più possibile. Egli, malauguratamente, sopravvive alla deflagrazione e Marlow lo uccide calpestandogli il cranio. Il suo sacrificio dà tempo allo sceriffo di raggiungere il gruppo alla stazione di polizia. Lì, Carter rivela a tutti che sta iniziando a trasformarsi per via del morso che gli aveva dato la bambina-vampiro all'emporio. Eben accompagna Carter in una stanza accanto e dà seguito alle sue ultime volontà tagliandogli la testa con l'accetta.

Due settimane dopo, Stella e Eben si accorgono che qualcuno sta facendo loro dei segnali da un'abitazione vicina. Introdottisi lì, scoprono Billy, che ha ucciso la propria moglie e figlia per non farle soffrire durante l'attacco dei vampiri, ma dato che il suo fucile gli si era inceppato, non è riuscito a suicidarsi. Eben viene a sapere che il centro di controllo degli oleodotti è l'unico in città ad avere ancora energia elettrica e si decide di raggiungerlo. In marcia, il gruppo incontra Gail Robbins, una bambina che vaga per strada in stato di shock inseguita da uno dei vampiri. Stella raggiunge la piccola e la trae in salvo. Eben e Billy distraggono il vampiro separandosi da Stella e dal resto del gruppo. Eben e Billy raggiungono i sopravvissuti, i quali sono già arrivati al centro di controllo. Quando il vampiro li raggiunge, Billy si mette a combatterlo e al termine di una colluttazione prevale sul mostro facendolo maciullare in un tritarifiuti industriale. Purtroppo Billy perde un avambraccio e viene morso, quindi Eben lo sopprime per porre fine al suo dolore.

Verso la fine dei 30 giorni, i vampiri si mettono a bruciare l'intero villaggio per distruggere ogni prova del loro passaggio e impedire che i sopravvissuti rivelino al mondo la loro esistenza. Realizzando che non può sconfiggerli con le proprie forze, Eben decide di tramutarsi in un vampiro estraendo il sangue infetto di Billy e iniettandoselo con una siringa. Divenuto un vampiro, Eben esce allo scoperto per affrontare i mostri. Marlow identifica Eben come il "capobranco" degli umani e si mette a combatterlo. Al termine di un feroce scontro, Eben uccide Marlow traforandogli la testa con un pugno. Rimasti senza leader e con il Sole che sta arrivando, i vampiri rimasti sono costretti a ritirarsi.

Nel finale, quando giunge l'inevitabile ora dell'alba, Eben si reca ad osservarla per l'ultima volta in compagnia di Stella. Prima di essere incenerito dalla luce del Sole, Eben riesce a scambiare un ultimo bacio con Stella, che poi abbraccia la sua salma carbonizzata.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Il fumetto di Steve Niles è stato a lungo conteso da varie case di produzione per un adattamento; alla fine ad accaparrarsi i diritti è stata la Columbia Pictures che ha subito affidato la produzione a Sam Raimi e Robert G. Tapert. Nel settembre del 2005 come regista è stato scelto David Slade, che si era già fatto notare nel 2005 con Hard Candy, mentre la sceneggiatura è stata affidata a Brian Nelson, che aveva già lavorato con Slade, e a Stuart Beattie (Collateral e La maledizione della prima luna).

Dopo la scelta del cast, la produzione vera e propria è iniziata nel settembre del 2006 per concludersi nel febbraio 2007, dopo di che il film è andato in fase di montaggio. La pellicola è stata girata agli Henderson Valley Studios di Auckland. 30 giorni di buio ha debuttato nelle sale cinematografiche statunitensi il 19 ottobre 2007, poco prima di Halloween, periodo redditizio per i film di genere horror.

Prequel, sequel e parodia[modifica | modifica wikitesto]

Prima dell'uscita del film nelle sale statunitensi, è stato girato un prequel intitolato 30 Days of Night: Blood Trails della durata di 30 minuti diretto da Victor Garcia. Il film, realizzato dalla FEARnet, è stato distribuito esclusivamente su internet, è ambientato due giorni prima degli avvenimenti di 30 giorni di buio, e racconta le vicissitudini di George, informatore che lavora per la cacciatrice di vampiri Judith, iniziate a New Orleans e terminate nei pressi di Barrow. Successivamente è stata girata un'altra parte intitolata 30 Days of Night: Dust to Dust.

Nel 2010 è stato realizzato un sequel per la regia di Ben Ketai. Il film intitolato 30 giorni di buio II (30 Days of Night: Dark Days), distribuito in Italia da Sony Pictures, è interpretato da Kiele Sanchez, Mia Kirshner e Harold Perrineau.

Nel 2013 venne girata una parodia di 80 minuti del film, intitolata 30 Nights of Paranormal Activity with the Devil Inside the Girl with the Dragon Tattoo per la regia di Craig Moss.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema