Siringa (medicina)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Una siringa da 10 ml.

La siringa (dal greco σῦριγξ, canna e quindi galleria, canale, condotto) è un presidio medico monouso in plastica atossica e aporigena utilizzato per iniettare medicinali e per effettuare prelievi di vari liquidi organici e riproduttori.

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

Le attuali siringhe sono state sviluppate attorno al 1853 da Charles Pravaz e Alexander Wood.

Attualmente la gran parte delle siringhe sono realizzate in plastica, monouso, con l'ago preinnestato. In passato veniva usato il vetro e le siringhe venivano riutilizzate previa sterilizzazione in autoclave o semplice bollitura in ambito casalingo. Le prime siringhe erano realizzate in metallo.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

La siringa è un presidio trasparente formato da un corpo cilindrico cavo all'interno del quale scorre uno stantuffo a tenuta.

La siringa è formata da 3 parti :

- cilindro (detto anche corpo, camicia, parte esterna o camera) su cui sono indicate le tacche di misura. La capacità di una siringa standard è in millilitri e in diversi formati; quelli più usati sono da 2,5 ml, 5 ml, 10 ml e 60 ml. Caso particolare è la siringa di insulina, disponibile nei formati da 100 e 50 UI (Unità Internazionale) dove 100 unità corrispondono 3,47 mg;

- stantuffo (o pistone);

- raccordo (o punta) su cui viene innestato un ago, anch'esso cavo, tramite cui passa il liquido che viene iniettato o aspirato. La punta della siringa può essere di tipo Luer-lock o Luer-slip: la prima ha un sistema di avvitamento che blocca l'attacco dell'ago per evitarne la rimozione accidentale, la seconda non ha alcun blocco[1].

L'estremità interna dello stantuffo deve essere munita di un anello o di una capsula di gomma per garantire la scorrevolezza controllata e costante del pistone. Il pistone spinto a fondo non deve lasciare soluzione dii farmaco residua all'interno del cilindro.

Inoltre la siringa si trova confezionata in carta o plastica rigida al fine di mantenere la sterilità. Essa è generalmente sterilizzata ad ossido di etilene o a raggi gamma e il confezionamento sterile ha una validità di cinque anni

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Competenze ,abilità e reponsabilità dell'infermiere nella terapia farmacologica, EdiSES, p. 20.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Medicina