Combustione umana spontanea

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La combustione umana spontanea (noto anche come SHC dall'inglese Spontaneous Human Combustion) è un presunto fenomeno naturale per cui, in determinate circostanze, un corpo umano potrebbe prendere fuoco e bruciare senza fonti esterne di innesco. L'argomento è oggetto di numerose teorie e studi, ma non sono stati raggiunti risultati condivisi in merito all'esistenza di una reazione chimica all'interno del corpo che possa produrre tali risultati.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Una serie di decessi negli ultimi tre secoli sono stati attribuiti proprio alla combustione spontanea. Uno dei primi casi documentati fu Nicole Millet nel 1725. La donna aveva problemi di alcolismo e nell'occasione il marito venne accusato del suo omicidio. Altro caso è relativo alla contessa Cornelia Bandi di Cesena che nel 1731 all'età di sessantadue anni fu ritrovata nella sua stanza ridotta quasi completamente in cenere.[1][2][3][4] Più recentemente altri casi sono stati classificati non ufficialmente come combustione spontanea: Phyllis Newcombe 27 agosto 1938, Mary Reeser 1 luglio 1951, il dottor Irving Bentley a Coudersport in Pennsylvania il 5 dicembre del 1966[5] e Henry Thomas, settantadue anni, nel 1980 a Gwent nel Galles.

Le caratteristiche che solitamente vengono attribuite al fenomeno sono quelle di produrre una temperatura molto alta limitatamente a una zona circoscritta. Il corpo della vittima viene rinvenuto quasi completamente incenerito, tuttavia gli ambienti non risulterebbero particolarmente danneggiati dalle fiamme nonostante il fatto che per bruciare un corpo siano necessarie temperature intorno ai 1.000 gradi come quelle dei moderni forni crematori.

Possibili spiegazioni[modifica | modifica wikitesto]

Alcuni hanno giustificato tali fenomeni con una sorta di effetto stoppino o effetto candela inverso. Solitamente infatti le vittime sono sovrappeso o obese e sono presenti fonti di calore esterne (pipe, sigarette, camini, stufe o simili). Quando i vestiti iniziano a bruciare il grasso presente nel corpo del soggetto inizierebbe a liquefarsi alimentando la fiamma. Alcuni ipotizzano che il metano prodotto a livello intestinale da parte di batteri metanogeni e legato alla digestione del cibo possa essere rilasciato attraverso pori della pelle.

Una volta nell'aria il metano può prendere fuoco a causa di una scintilla o di una qualsiasi fonte in grado di innescare una fiamma. Un'altra spiegazione popolare è quella che il corpo di soggetti dediti agli alcolici possa essere talmente intriso di alcol da poter prender fuoco. Questa spiegazione non sembra avere fondamento scientifico in quanto il corpo umano è composto in gran parte da acqua ed inoltre l'alcol ucciderebbe la persona prima di raggiungere concentrazioni necessarie per bruciare. Più verosimile è l'ipotesi per cui l'alcolismo, o una dieta ricca di grassi e povera di carboidrati, induca nel soggetto uno stato di chetosi con produzione di acetone, volatile ed altamente infiammabile a contatto con l'aria, per cui potrebbe portare all'innesco della combustione[6].

Il fenomeno nelle opere di fantasia[modifica | modifica wikitesto]

La combustione umana spontanea in quanto fenomeno misterioso e affascinante ritrova diverse citazioni all'interno di opere letterarie e di fantasia.

Narrativa[modifica | modifica wikitesto]

Charles Dickens nel suo nono romanzo Casa Desolata (Bleak House, 1852) si ispirò proprio alle vicende della contessa di Cesena Cornelia Bandi.[4] Jules Verne nel suo Un capitano di quindici anni (Un capitaine de quinze ans, 1878) riprese lo stesso argomento.

Fanno riferimento all'argomento vari altri scrittori, tra cui Frederick Marryat nel suo romanzo Jacob Faithful (1834), Nikolaj Vasil'evič Gogol' nel romanzo Le anime morte del 1842, Herman Melville in Redburn: il suo primo viaggio (1849), Émile Zola nel romanzo Il dottor Pasquale del 1893,[7] Bob Shaw intitola un suo romanzo Autocombustione Umana. Ne tratta anche Carlos Castaneda (1935-1998), ne Il fuoco dal profondo: alla fine del romanzo Juan Matus, maestro di Carlos, aggira la morte comune bruciando col fuoco interno insieme ad altri dodici compagni.

Fumetti[modifica | modifica wikitesto]

Uno degli esempi più famosi è la Torcia Umana nei fumetti dei Fantastici Quattro, un supereroe che è in grado di incendiare il proprio corpo pur rimanendo illeso. Nel numero 75 della serie a fumetti Magico Vento, scritto da Tito Faraci e illustrato da Pasquale Frisenda, viene presentata una motivazione esoterica-vendicativa del fenomeno. In Psychic Detective Yakumo, romanzo di Manabu Kaminaga e omonimo manga illustrato da Suzuka Oda, si investiga su un presunto caso di combustione umana spontanea nel capitolo "Sentimenti da proteggere".

Nell'act. 15 di Pretty Guardian Sailor Moon l'autrice Naoko Takeuchi tratta il tema dell'autocombustione, ma in realtà i corpi prendono fuoco a causa della più giovane delle sorelle Ayakashi: Koan.

Nel numero 204 di Mister No la strana morte di un frate "posseduto" viene giustificata dai presenti come autocombustione umana.

Il mangaka giapponese Atsushi Ōkubo ha iniziato nel settembre 2015 una nuova serie a fumetti, intitolata En En no Shōbōtai (in inglese Fire Brigade of Flames), in cui la combustione umana spontanea si è trasformata nella peggiore piaga per la razza umana, che deve affidarsi a gruppi di pompieri dai poteri speciali per combatterne la diffusione.[8]

Anche nell'anime Black Butler, nel terzo episodio della seconda stagione, si parla di un caso di una ragazza morta in strane circostanze, e viene citata l'autocombustione umana.

Cinema e televisione[modifica | modifica wikitesto]

In tempi recenti gli esempi diventano innumerevoli, tra cui si segnalano gli episodi dedicati all'argomento del telefilm sul paranormale X-Files e della serie satirica South Park con la seconda puntata della terza stagione. Questo fenomeno viene citato anche in La Strega, terzo episodio della prima stagione della serie televisiva Buffy l'ammazzavampiri.

Questo fenomeno è stato usato per uno sketch de I Griffin, in cui Peter Griffin prende fuoco spontaneamente durante una conversazione tra fittizi intellettuali aristocratici. Lo stesso fenomeno viene citato anche nell'ottavo episodio della seconda stagione della serie di telefilm NCIS in cui viene rinvenuto il cadavere carbonizzato di un ufficiale di Marina, ma la spiegazione del caso risulta poi essere altra e nel diciannovesimo episodio della prima stagione della serie televisiva Fringe, in cui una donna prende spontaneamente fuoco.

Nell'episodio 12 della prima stagione di X-Files, Bruciati vivi alcune morti sembrano causate da combustione spontanea.

In The Mentalist (quinta stagione, episodio 15, Smalto rosso) viene rinvenuto carbonizzato apparentemente per un caso di autocombustione spontanea, è Patrick Jane ad indicare che si tratta invece di omicidio.

In South Park viene ironizzato il fenomeno della combustione spontanea nel secondo episodio della terza stagione "La Teoria del Peto Spontaneo".

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Nickell, J. "Specter of Spontaneous Human Combustion", in: Secrets of the Supernatural (Prometheus Books, 1991), pp. 149–158.
  • (EN) Nickell, J. "Surviving a Fiery Fate", in: Mysterious Realms (Prometheus Books, 1992), pp. 165–176.
  • Polidoro, M. "Acqua sul fuoco del miracolo", Tempo medico, 13 maggio 1998.
  • (EN) Levi-Faict, T.W. & Quatre-homme, G. 2011. “So-called Spontaneous Human Combustion”. Journal of Forensic Sciences, vol. 56, no. 5, pp. 1334–9, DOI: 10.1111/j.1556-4029.2011.01746.x

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]